Georges Géret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Georges Géret nel 1950

Georges Géret, all'anagrafe Geret Antoine Henri[1] (Lione, 18 ottobre 1924Parigi, 7 aprile 1996), è stato un attore francese.

Dopo gli studi, lavorò presso il Ministero delle Finanze, mentre perseguiva la carriera artistica recitando in gruppi teatrali amatoriali.

All'inizio degli anni cinquanta si trasferì a Parigi, dove venne notato dal regista e produttore Léo Joannon, che lo diresse nei suoi primi film. Dopo aver lavorato dal 1959 al 1963 per il Théâtre National Populaire di Jean Vilar[2], venne scritturato dal regista Luis Buñuel che gli affidò un ruolo di rilievo nel film Il diario di una cameriera (1964), accanto a Jeanne Moreau. Il suo personaggio di giardiniere e assassino lo portò alla definitiva consacrazione e gli consentì di partecipare ad altre pellicole di pregio, come Week-end a Zuydcoote (1964), nel ruolo del fuciliere mitragliatore Pinot, Sotto il tallone (1965), accanto a Lino Ventura, Matrimonio alla francese (1965), in cui interpretò il vicino di casa di Jean Gabin e innamorato della sua protetta, Parigi brucia? (1966), nella parte del fornaio che aiuta Pierre Vaneck nella fuga verso la zona libera, Z - L'orgia del potere (1969), in cui interpretò un fanatico del calcio e supertestimone di un attentato.

Lavorò in alcune occasioni per il cinema italiano, sotto la direzione di Luchino Visconti in Lo straniero (1967), al fianco di Marcello Mastroianni, di Elio Petri in Un tranquillo posto di campagna (1968), in cui recitò accanto a Franco Nero e Vanessa Redgrave, e di Tonino Valerii nel western Una ragione per vivere e una per morire (1972), accanto a James Coburn e Bud Spencer. Nel 1988 partecipò al film I ragazzi di via Panisperna di Gianni Amelio.

Georges Géret lavorò anche per la televisione, interpretando - fra gli altri - il ruolo di Jean Valjean nella miniserie I miserabili (1972), e quello di Vautrin in una riduzione per il piccolo schermo del romanzo Splendori e miserie delle cortigiane di Honoré de Balzac (1975).

Morì a Parigi il 7 aprile 1996[2], a seguito di un cancro. È sepolto nel cimitero di Saint-Paul-de-Vence.

Filmografia parziale

[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ (FR) Geret Antoine Henri, su deces.matchid.io. URL consultato il 18 ottobre 2021.
  2. ^ a b Copia archiviata, su next.liberation.fr. URL consultato il 14 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2018).

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN27257609 · ISNI (EN0000 0001 2125 3996 · LCCN (ENno2002003260 · GND (DE140261559 · BNE (ESXX1516559 (data) · BNF (FRcb13948660d (data) · J9U (ENHE987007358268805171 · CONOR.SI (SL272857443