Genoa-Rappresentanza Torino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Genoa-Rappresentanza Torino
Dettagli evento
Data 6 gennaio 1898
Città Genova
Impianto di gioco Campo sportivo di Ponte Carrega
Spettatori 208
Risultato
Bianco.png Genoa
0
Bianco e Nero (Strisce).png Rappresentanza Torino
1
Arbitro Inghilterra Richard L. Douglas

L'amichevole Genoa-Rappresentanza Torino è considerata da molti come la prima partita di calcio in Italia tra giocatori di squadre diverse. In realtà, tale definizione è erronea, in quanto non tiene conto di vari incontri non ufficiali svoltisi precedentemente nel Bel paese, promossi in maniera estemporanea dalle stesse società o gestiti dalla Federginnastica. La sfida, giocata a Genova il giorno dell'epifania del 1898,[1] vide il Genoa scontrarsi con una selezione formata da calciatori dell'Internazionale Torino e del Football Club Torinese, a cui si unì il genoano Fausto Ghigliotti. Venne designato come arbitro il reverendo Richard L. Douglas e l'esibizione si giocò al Campo sportivo di Ponte Carrega di Genova[2] alla presenza di 154 spettatori paganti[3] e di 208 totali.

I comunicati prima dell'incontro[modifica | modifica wikitesto]

« Football. Il Genoa Cricket e Athletic Club di Genova ha lanciato regolare sfida ai nostri giuocatori torinesi per una partita al football che avrà luogo a Genova il 6 gennaio. La squadra di Torino è composta dai signori: marchese Ferrero di Ventimiglia, Nasi, Montù, Bosio, Weber, Beaton, Stevens, Franz, Dobbie, Cavalchini, capitano: Savage, referee: Jourdan. Essa partirà giovedì alle 8,30 e sarà di ritorno alle 22,40. »
(La Stampa e La Gazzetta dello Sport, 4 gennaio 1898[4])
« Football a Ponte Carrega. È proprio il caso di dire che in tutto ciò che è sport, noi popoli latini, abbiamo tutto da apprendere e nulla da insegnare. E quindi dobbiamo adoperare un vocabolo inglese per indicare un giuoco, che sorto tra le brume dell'Inghilterra, ha ora dei campioni pure tra noi. Infatti giovedì 6 corrente, a Ponte Carrega, avrà luogo una gara fra giovani footbalisti di Genova e altri colleghi in giuoco a Torino. Saranno 14 contro 14 e la squadra del FootBall di Torino sarà capitanata dal suo presidente marchese Ferrero di Ventimiglia. Ci rallegriamo vivamente che questo splendido e coreografico giuoco sia stato introdotto nella nostra Genova e ci auguriamo che un numeroso concorso di spettatori assista a tale sfida cortese. Ciò solo servirà al reclame al football, ma riuscirà ancora di sollievo a qualche miseria, poiché gli incassi saranno devoluti alla beneficenza. Ne riparleremo. »
(Il Caffaro, 4-5 gennaio 1898[5])
« Foot Ball Match. Oggi alle 14 e mezzo, nella pista velocipedistica di ponte Carrega avrà luogo una gara di foot ball - italianamente giuoco del calcio - alla quale prenderanno parte i signori: Dottor J.R. (James Richardson) Spansley - Ernesto De Galleani - J. Marshall - F. Reed - G. (Giorgio) Venturini - A. Pasteur - R. Leaver - L. (Landasle) Mackintosh - J. Chalmers - J. Tweedy - J. Wilkie.

Referee: R.L. Douglas - Giudice: G. Blake - Tempista: G. Fawcus. I signori della C. Colombo, mediante la presentazione della tessera sociale hanno diritto al ribasso dell'entrata del 50 %. »

(Il Secolo XIX, 6 gennaio 1898[6])
« Giuochi sportivi. Foot-Ball. Da Torino. Il match Torino-Genova. Mina ci scrive da Torino in data 6. Come già vi annunziai in una mia precedente corrispondenza, in seguito a regolare sfida, lanciata dal Genoa Cricket e Athletic Club di Genova, ai nostri giocatori torinesi per una partita di foot-ball che avrà luogo oggi, dopo pranzo a Genova, si è formata una squadra - che partirà col diretto dell 8.50 - così composta: signori march. Ferrero di Ventimiglia, Nasi, Montù, Bosio, Weber, Beaton, Stevens, Franz, Dobbie, Cavalchini. - Capitano: Savage - Referee: Jourdan.

Li accompagnino i nostri sinceri auguri. »

(La Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 1898[7])

Cronaca dell'incontro[modifica | modifica wikitesto]

« Il Foot-Ball Match di Ponte Carrega. Come avevamo annunziato ebbe luogo ieri nella pista di Ponte Carrega, il Foot-ball Match fra i soci del Genoa Athletic Club e i soci del Foot-ball club di Torino. Il pubblico accorse abbastanza numeroso: vi primeggiava - come è naturale - la colonia inglese. Il giuoco piacque assai e gli spettatori presero vivissima parte a quel palleggiamento, in cui è tutta una ginnastica del corpo, e per cui è d'uopo possedere ottimi polmoni e gambe degne di un Bargossi. Furono vincitori i Torinesi: ma i nostri però tennero alto il nome del loro giovane Club, battendosi con molta bravura. Non si ebbero a lamentare disgrazie, come sogliono avvenire in simili gare nell'America del Nord ed in Inghilterra, ove le lussazioni, le ammaccature e talvolta, persino le rotture di costole sono le naturali conseguenze del football. Soltanto debbo notare che il bravo e forte footbalista Pasteur della società genovese nel calore del giuoco ruzzolò per terra, riportando leggerissime escoriazioni al viso e ad un ginocchio, che non gli impedirono però di continuare il giuoco. Come si vede, i torneanti si sono diportati con insolita cavalleria in un giuoco di per sé stesso pericoloso, poiché costituito, in gran parte, da una sapiente ginnastica dei piedi, i quali descrivono sorprendenti e meravigliose traiettorie. »
(Il Caffaro, 7-8 gennaio 1898[8])
« Foot-ball Match. Nella pista di Ponte Carrega ebbe luogo ieri una gara di Foot-ball fra i del "Genoa Athletic Club" e quelli del "Foot-ball di Torino". Per chi non lo sapesse il giuoco consiste nel gettarsi scambievolmente una grossa palla senza servirsi delle mani, ma unicamente coi piedi, col capo, col petto, ecc. La gara fu assai animata e la vittoria toccò ai torinesi. Malgrado il tempo non troppo buono molta folla assisteva al singolare esercizio; altra consimile gara si terrà prossimamente a Torino. »
(Corriere Mercantile, 7 gennaio 1898[9])
« SPORT - Foot-ball. Genova, 6 gennaio, ore 18,30 (nostro telefono privato). La squadra di Torino vinse il match del Foot-ball contro la squadra di Genova. La lotta fu accanita. »
(Gazzetta del Popolo, 7 gennaio 1898[10])
« Il match vinto dai torinesi. Ci telegrafano da Genova 6 ore 18: Oggi, l'abile squadra torinese, guidata da quel simpatico gentiluomo che è il marchese Alfonso Ferrero di Ventimiglia, ha battuto la squadra genovese, vincendo il match con punti uno contro zero. Tra le due squadre la lotta fu accanita, interessantissima e gli spettatori numerosi plaudirono vivamente i vincitori.

Componevano la squadra genovese che si dimostrò ben disciplinata i sig.: dottore J.R. Spensley, capitano - Ernesto De Galleani - J. Marshall - F. Read - G. Venturini - A. (E., sic) Pasteur - R. Leaver - Landasle Mackintosh - J. Chalmers - J. Tweedy - G. Wilkie.
Referee: L. Douglas - Giudice: G. Blake - Tempista: G.D. Fawcus »

(La Gazzetta dello Sport, 7 gennaio 1898 pag.3[11])

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Genova
6 gennaio 1898, ore 14:30 UTC+1
Genoa Bianco.png 0 – 1 Bianco e Nero (Strisce).png Rappresentanza Torino Campo sportivo di Ponte Carrega
Arbitro Inghilterra Richard L. Douglas

Il Genoa all'epoca in maglia bianca in una foto del 1898.

Spese per la partita[modifica | modifica wikitesto]

Spese per l'organizzazione dell'amichevole come sono riportate nel libro paga dell'epoca sono così suddivise[3]:

Voce Lire
154 biglietti a lire 1 154
84 sedie numerate a lire 1 84
23 ingressi soci a metà prezzo 11,50
6 ingressi al signor Fawcus 6
5 ingressi al signor Gianello 5
12 ingressi al signor Blake 12
4 ingressi ai sigg. Grenet e Bown 4
4 ingressi al signor Spensley 4
Totale entrate 280,50
Tram 2,90
Permesso in carta bollata 7,20
Lavori terreno 13
Lavori sul campo 3
Custode 1
Servizio polizia 5
Affitto sedie 40
Bigliettari 40
Taglio erba 25
Piccole spese 2,40
Timbro gomma 5
Al signor Perasso per orifiamme 18
Rinfreschi 1,45
Sig. Blake, trasporto 1,45
Fischietto 2,50
Biglietti 13
Al sig. Fawcus, segretario 3,40
Totale uscite 179,05

Il biglietto costava 1 lira e 50 centesimi i soci, 1 lira anche per l'affitto di una sedia e invece a carico degli atleti erano divise, albergo e trasferta con tram a cavalli a carico[15].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro fu visto da un giovanissimo Vittorio Pozzo, allora tifoso del FC Torinese e futuro allenatore della Nazionale con cui vinse due mondiali, per assistere all'incontro vendette alcuni libri di latino[16].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mondo Genoa » La Storia
  2. ^ John Foot, Calcio 1898-2010, BUR, 2007 rist. 2010, pag. 27
  3. ^ a b 25/08/2010 - Quanto costa la febbre a 90°?
  4. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 183
  5. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 183-184
  6. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  7. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  8. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  9. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  10. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  11. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008. pag. 184
  12. ^ Segnò nei primi minuti
  13. ^ Capitano del Pro Liguria, in prestito al Genoa.
  14. ^ Ghigliotti del Genoa giocò nella rappresentativa di Torino
  15. ^ Genoa - Scudetto 1898
  16. ^ Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008 pag. 186

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianluca Maiorca, Marco Montaruli e Paolo Pisano, Almanacco storico del Genoa, Fratelli Frilli Editori, 2011.
  • Football 1898-1908 - Il calcio dei pionieri, Fondazione Genoa 1893, Editrice Thesis, Genova, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]