Ferrotramviaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrotramviaria S.p.A.
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Fondazione 5 giugno 1936
Sede principale Roma
Persone chiave Gloria Pasquini Presidente
Settore Trasporto
Prodotti trasporti ferroviari
trasporti automobilistici
Fatturato €26.009.000 (2006)
Sito web

La Ferrotramviaria (FT) è una società per azioni pugliese attiva nel settore del trasporto pubblico, che svolge un insieme di servizi sulla rete sociale di cui risulta gestore dell'infrastruttura denominata Ferrovie del Nord Barese, alcune autolinee nella stessa area e alcune relazioni ferroviarie merci sulla rete RFI.

Settori di attività[modifica | modifica wikitesto]

Payoff[modifica | modifica wikitesto]

Peculiarità di Ferrotramviaria è quella di usare un payoff per connotare i servizi da essa svolti.

Negli anni ottanta era riportata, sulle fiancate dei rotabili e nei documenti officiali, la frase "Ferrovia Bari Nord / Bari-Barletta".

Successivamente, allorché si prospettò l'ampliamento della rete con costruzione di alcune diramazioni, tale allocuzione venne declinata al plurale come "Ferrovie del Nord Barese"[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società Ferrotramviaria, costituita a Roma nel 1936 su impulso del conte Ugo Pasquini[5], amministratore delegato delle Ferrovie del Sud Est (che parteciparono all'azionariato della società)[6], subentrò alla Sociètè Anonyme de Chemin de Fer Economiques de Bari-Barletta et extensiones, che gestiva la tranvia a scartamento ridotto Bari-Barletta dopo che questa, nel 1934, era stata posta in liquidazione, della quale riprese e continuò l'esercizio a vapore fino al 1959. Qualche tempo dopo iniziò i lavori di trasformazione del tracciato in ferrovia, con adeguamento a 1435 dello scartamento e con l'installazione della linea elettrica a corrente continua a 3000 volt[4].

La linea ferrovia Bari-Barletta, detta anche "Ferrovia Bari Nord", venne poi aperta al traffico nel 1965[7]. Nel 2008 venne attivata la ferrovia metropolitana di Bari[8].

Il 20 luglio 2013 la Ferrotramviaria S.p.A. ha aperto al pubblico il nuovo passante per l'Aeroporto di Bari Karol Wojtila, realizzato sulla linea storica Bari-Barletta. L'opera ha dato vita ad una nuova fase di intermodalità (treno-aereo) e di interoperabilità con Trenitalia e con le Ferrovie Appulo Lucane, grazie ad accordi commerciali tra le tre Aziende.

Nel 2009 fu costituito il Consorzio Acquario, una società paritetica tra Ferrotramviaria e Trenitalia che effettuava corse, non coperte dai contributi pubblici[9], lungo le linee Bari-Andria della prima società e Bari-Lecce di Rete Ferroviaria Italiana[10] con elettrotreni FLIRT della Ferrotramviaria in allestimento di sola prima classe[11]. I prezzi erano livellati rispetto alla seconda classe standard dei servizi Frecciabianca[12][13]. Penalizzati dallo scarso successo commerciale, tali servizi furono soppressi l'anno successivo ed il consorzio venne sciolto[14].

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per la costruzione della prima linea sociale da Bari a Barletta, in sostituzione della preesistente tranvia, la Ferrotramviaria si dotò di alcune locomotive a vapore, fra cui la 149, acquisita nel 1950 dalla Società delle Guidovie Centrali Venete, che eserciva per conto della Società Veneta le linee per Bagnoli di Sopra, Piove di Sacco, Fusina e Mestre[15] Altra locomotiva a vapore acquisita fu la 360, originariamente costruita nel 1903 per la Seetalbahn e poi passata alla Società Veneta e alla società La Ferroviaria Italiana, che la cedette nel 1958. Fu impiegata per i treni cantiere e merci; risultava esistente ancora nel 1966, ma di lì a poco fu ceduta alle Acciaierie e Ferriere Pugliesi di Giovinazzo per la demolizione[16].

Elettromotrici ed elettrotreni[modifica | modifica wikitesto]

Elettromotrice EL 01
Elettromotrice Firema E.126

Per l'esercizio regolare fu acquisito un parco a trazione elettrica costituito dalle 7 elettromotrici Stanga-TIBB EL.01÷07 consegnate nel 1963, seguite l'anno successivo dalle EL 08÷09. Un ulteriore fornitura risale al 1980: le EL 10÷12, assemblate a Bologna presso le officine Casaralta[17], si distinguevano per la presenza di respingenti di nuovo disegno e dei pantografi monobraccio Faiveley.

Nel 1993 la livrea grigia sociale mutò leggermente, arricchendosi di filetti gialli in analogia con lo schema adottato dalle FS per le carrozze tipo Z in consegna all'epoca[18]. Dal 2010, in conseguenza dell'arrivo di nuovi rotabili, diverse unità risultano fuori servizio o in corso di ristrutturazione. La nuova livrea rosso/azzurra che contraddistingue i servizi regionali della Puglia è stata adottata a partire dagli esemplari 04 e 06.

Elettrotreno Alstom Coradia ELT 200
Elettrotreno Stadler ETR 341

Risale al 1994 la fornitura di treni Firema E.126, del sottotipo "C"[19], con equipaggiamenti di trazione ABB costituiti ciascuno da un'unità motrice ed una rimorchiata, alla Ferrotramviaria per servizi sulla Ferrovia Bari Nord. I convogli, realizzati anch'essi presso le officine di Casaralta, vennero immatricolati presso tale azienda come EL 13÷15 + Rp 59÷61.

Tali unità, con massa a vuoto di 48,4 t e velocità massima di 130 km/h, possono operare in comando multiplo con le altre unità del parco, dal cui progetto i treni E 126 sono derivati[20].

Nel 2004 vennero consegnati i 6 elettrotreni Alstom Coradia a 3 casse ELT.201÷206[21], che si distinguevano dal precedente materiale per la nuova livrea bianco/rosso/celeste[22] e cui fecero seguito, nel 2008, altrettanti esemplari analoghi a 4 casse (ELT.207÷212)[23]. Al fine di uniformare la tale sub flotta e incrementare l'offerta di trasporto, nel 2010 vennero consegnate alla FT 6 rimorchiate intermedie destinate a completare i treni della prima fornitura[24].

Nel 2009 fu la volta dei 4 elettrotreni Stadler FLIRT[25][26] ETR 341 TR01÷TR02, ed ETR 342 TR01÷TR02, dei quali i primi due di sola prima classe[27] inizialmente destinati ai treni a prezzo di mercato svolti dal disciolto consorzio Acquario[28]. La classificazione unificata EVN (European Vehicle Number) di tali veicoli è rispettivamente 94 83 3 341 001+94 83 0 341 003+94 83 3 341 002 e 94 83 3 341 005+94 83 0 341 004+94 83 3 341 006 per gli ETR 341 e 94 83 4 342 001+94 83 0 342 003+94 83 0 342 004+94 83 4 342 002 e 94 83 4 342 005+94 83 0 342 007+94 83 0 342 008+94 83 4 342 006 per gli ETR 342[29].

Nel dicembre 2012 sono stati acquisiti elettrotreni Elettrotreno CAF Civity a 4 casse, con opzione per altri 2[30][31]; tali unità, consegnate nel 2014, sono classificate ETR 452 TR03÷TR04.[senza fonte]

Rimorchiate e carrozze[modifica | modifica wikitesto]

Alle forniture di elettromotrici si accompagnò la consegna di rimorchiate di foggia e caratteristiche del tutto analoghe, immatricolate Rp. 51÷54 quelle del 1963, seguite l'anno successivo dalle Rp. 55÷56 ed infine, nel 1980, dalle Rp. 57-58[32].

Nel 1973 vennero acquistate di seconda mano dalle ferrovie francesi SNCF due carrozze a carrelli cui nel 1976[33] si aggiunsero due convogli di 3 carrozze ciascuno realizzati con analoghe vetture provenienti dalla compagnia ferroviaria tedesca Westfälische Landes-Eisenbahn (WLE)[34] che consentirono di rendere superfluo il noleggio effettuato fra il 1974 e il 1979 di una composizione FS formata dalla locomotiva E.626.318 e 4 carrozze Bz 38.000[32].

Nel 1992 entrarono in servizio 4 carrozze per medie distanze del tipo analogo a quella allora in consegna alle FS, che vennero abbinate alla locomotiva 101 a formare un convoglio cromaticamente omogeneo da destinare ai servizi a maggior afflusso di passeggeri[35] in sostituzione del materiale rimorchiato precedentemente usato. La livrea grigio/gialla adottata riprendeva curiosamente quella delle carrozze tipo Z delle FS, allora in consegna, destinate ai servizi intercity; il medesimo schema di coloritura fu esteso alle elettromotrici Stanga-Tibb a partire dalla coppia EL 11+Rp 56[36].

Locomotive[modifica | modifica wikitesto]

Locomotiva De 01
Locomotiva FT Le 101
Locomotiva FT E.483.041

A tali unità si accompagna un eterogeneo parco di locomotive di vario tipo, alcune delle quali non più in servizio.

Della dotazione originaria della linea facevano parte due locomotive elettriche, anch'esse di costruzione Stanga/TIBB del 1963, classificate Le 101M÷102V che si distinguevano un il diverso rapporto di trasmissione il quale le rendeva adatte al servizio merci ("M") la prima e a quello viaggiatori ("V") la seconda. Ristrutturata la 101 nei primi anni novanta per il traino delle allora nuove carrozze MDVC[35], entrambe le unità vennero poi accantonate in seguito all'immissione in servizio di ulteriore materiale automotore.

Sempre per il traffico merci fu acquistata usata dalle DB negli anni settanta una locomotiva Diesel-elettrica del gruppo 280[37] costruita nel 1951 da Krauss-Maffei e rinumerata presso la FT come V 80-1[38]. Nel 2009 la stessa venne alienata dal parco e ceduta alla società tedesca Deutsche Privatbahn, tornando in Germania l'anno successivo per essere, come veicolo storico, preservata ad Altenbeken[39].

La locomotiva Diesel De 01 deriva invece dalla ricostruzione, effettuata nel 1952 a cura del TIBB, mediante l'installazione di un motore General Motors sul telaio completo di carrelli di un'elettromotrice Carminati & Toselli/TIBB del 1928[40] ereditata dalla precedente gestione della ferrovia Bitonto-Santo Spirito, la cui maggior parte del tracciato era stato integrato nella "nuova" Bari-Barletta. Utilizzata prevalentemente per servizi di soccorso in linea, nel 2013 tale unità era accantonata.

Anch'esso appartenente alla dotazione d'origine della Bari-Barletta, Ferrotramviaria dispone di un automotore da manovra classificato De 02 e consegnato nel 1963; di costruzione OMS-TIBB, tale veicolo ha una potenza installata di 90 kW.

Le quattro unità più moderne del parco sono le locomotive E.483 TRAXX F140 DC consegnate nel 2013 da Bombardier Transportation per il servizio merci sulla rete RFI e classificate E.483.040, 041[41], dal 2016 la 042[42] e dal 2017 la 043[43].

Prospetto riassuntivo[modifica | modifica wikitesto]

Tipo Classificazione Anno Costruttori Modello Note
Elettromotrici ed elettrotreni
Elettromotrici EL 01÷07 1963 Stanga / TIBB
-
Alcune unità accantonate
Elettromotrici EL 03 1963 Stanga / TIBB
-
Trasformata in unità diagnostica
Elettromotrici EL 08÷09 1964 Stanga / TIBB
-
Alcune unità accantonate
Elettromotrici EL 10÷12 1980 Casaralta / TIBB
-
Elettromotrici EL 13÷15 1994 Firema / ABB E.126 C
Elettrotreni ELT 201÷206 2004 Alstom Coradia
Elettrotreni ELT 207÷212 2008 Alstom Coradia Versione a 4 casse a partire dal 2010
Elettrotreni ETR 341 TR01÷TR02 2008 Stadler FLIRT Già impiegati per i servizi del consorzio Acquario sulla linea Bari-Lecce
Elettrotreni ETR 342 TR01÷TR02 2009 Stadler FLIRT Già impiegati per i servizi del consorzio Acquario sulla linea Bari-Barletta
Elettrotreni ETR 452 TR03÷TR04 2014 CAF Civity Ordinati nel 2013, consegnati a settembre 2014, in servizio da dicembre 2014
Elettrotreni ETR 452 TR05÷TR06 2015 CAF Civity Ordinati nel 2014 da opzione ordine 2014, in consegna nel 2015
Elettrotreni ETR 452 TR07 2015 CAF Civity Ordinato nel 2014, in consegna nel 2015
Rimorchiate e carrozze
Rimorchiate Rp. 51÷54 1963 Stanga
-
Accantonate
Rimorchiate Rp. 55÷56 1964 Stanga
-
Accantonate
Rimorchiate Rp. 57÷58 1980 Casaralta
-
Accantonate
Rimorchiate Rp. 59÷61 1994 Firema E.126 C
Carrozze 1992 MDVC Accantonate
Locomotive
Locomotive elettriche Le 101M÷102V 1963 Stanga / TIBB
-
Accantonate
Locomotive elettriche E.483.040÷043 2013 Bombardier TRAXX Impiegate per servizi merci su rete RFI
Locomotiva Diesel De 01 1952 TIBB
-
Ricostruzione con motori GM da un'elettromotrice CaTo/TIBB del 1928, ex SAF, accantonata
Locomotiva Diesel De 02 1963 Stanga / TIBB
-
Automotore da manovra
Locomotiva Diesel Di 01 2013 Zephir Lokom

11.300

Automotore da manovra
Locomotiva Diesel V 80-1 Krauss-Maffei Ex DB 280 007, ceduta nel 2009 alla Deutsche Privatbahn (D)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 266, settembre 2012, p. 7.
  2. ^ Daniela Ottilitri, Trenitalia & Company,, in Tutto Treno n. 185, aprile 2005, p. 25.
  3. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 178, settembre 2004, p. 5.
  4. ^ a b Tuttotreno tema n.24, p. 65
  5. ^ Ferrotramviaria Spa, il business della famiglia Pasquini, ilsole24ore.com. URL consultato il 12 luglio 2016.
  6. ^ Pietro Marra, Rotaie a Sud Est. Ferrovie da Bari al Capo di Leuca. Da Bastogi, ai Bombrini, ai nostri giorni., Bagnacavallo (RA), PGM, 2014. ISBN 978-88-909824-0-8, p. 73
  7. ^ Hans Jürgen Rosenberger, Gian Guido Turchi, Puglia: lavori da Nord a Sud-Est, in "I Treni" n. 294 (giugno 2007), p. 27
  8. ^ Suburbana a Bari, in "I Treni" n. 312 (febbraio 2009), p. 7
  9. ^ In Puglia, dal 13 dicembre, arrivano i treni Acquario - Notizie - FSNews
  10. ^ Il Domani Andriese | Giornale on line della città di Andria
  11. ^ http://www.stadlerrail.com/media/uploads/factsheets/FLIRT_Ferrotramviaria_i.pdf
  12. ^ In Puglia da Ferrotramviaria e Trenitalia nasce Acquario, per i servizi regionali a mercato | IlPendolare Magazine
  13. ^ FOL News - Bari - Lecce nel segno dell'Acquario
  14. ^ Notizia in Tutto treno . 248, Duegi, Padova, gennaio 2011, p. 7.
  15. ^ Giovanni Cornolò, La Società Veneta Ferrovie, Albignasego, Duegi Editrice, 2005.
  16. ^ Piero Muscolino, Le ferrovie secondarie di Arezzo, Rovigo, Modeltecnica Editrice, 1978, p. 140.
  17. ^ Notizia su I treni oggi, n. 2, ottobre 1980, p. 4.
  18. ^ Notizia su I treni, n. 143, dicembre 1993, p. 10.
  19. ^ Notizia su Mondo ferroviario n. 96 (giugno 1994), p. 64
  20. ^ Bolognesi per Bari, in I Treni n. 158, marzo 1995, p. 8
  21. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 180, novembre 2004, p. 7.
  22. ^ Lorenzo Pallotta, Nuovi Coradia alle Bari Nord, in Tutto Treno, n. 182, gennaio 2015, p. 16.
  23. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 221, luglio 2008, p. 7.
  24. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 242, giugno 2010, p.4.
  25. ^ Notizia su I Treni, n. 317, luglio 2009, p. 8.
  26. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 223, ottobre 2008, p. 7.
  27. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 229, aprile 2009, p. 7.
  28. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 237, gennaio 2010, p. 8.
  29. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 232, agosto 2009, p. 4.
  30. ^ Notizia su Todays Railways Europe, n. 209, maggio 2013, p. 52 (in lingua inglese).
  31. ^ Scheda ufficiale dal sito del costruttore, caf.net.
  32. ^ a b Vito Roca, La ferrovia Bari Nord, in I Treni, n. 22, settembre 1982, pp. 24-31.
  33. ^ (DE) Gibt es in Italien noch WLE-Personenwagen?
  34. ^ (DE) Bari Barletta 1974/81, etwas WLE in Apulien
  35. ^ a b Notizia su I Treni, n. 127, giugno 1992, p.7.
  36. ^ Notizia su I Treni, n. 143, dicembre 1993, p. 10.
  37. ^ Secondo Locomotive V 80 in Italia, pubblicato su I Treni, n. 83, giugno 1988, p. 16 si tratterebbe dell'esemplare 009, mentre per Today's Railways Europe, n. 215, novembre 2013, p. 59 l'esemplare era in realtà la 007, ex V 80 007.
  38. ^ Vito Roca, La ferrovia Bari Nord, op. cit.
  39. ^ Notizia su I Treni, n. 323, febbraio 2010, p. 8.
  40. ^ Le strade ferrate URL consultata nel marzo 2013.
  41. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 273, aprile 2013, p. 5
  42. ^ Gazzetta dei Trasporti|IlPendolare Magazine, In consegna la E483.042 per Ferrotramviaria | Gazzetta dei Trasporti, in Gazzetta dei Trasporti | IlPendolare Magazine, 29 aprile 2016. URL consultato il 26 maggio 2017.
  43. ^ Ferrovie.it - Ancora E 483 in arrivo per Ferrotramviaria, in Ferrovie.it. URL consultato il 12 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bloisi, Francesco Maria, Dalle concesse alle ferrovie regionali. Storia, tecnica ed evoluzione. Tuttotreno Tema n.24, Ponte San Nicolò, Duegi editrice, 2009. ISSN 1124-4232

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]