TRAXX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Famiglia TRAXX
Locomotiva elettrica
TRAXX 485
TRAXX 485
Anni di costruzione 1998–presente
Costruttore ADTranz poi Bombardier Transportation Italy e Bombardier Kassel
Lunghezza 18 900 mm
Scartamento 1 435 mm
Massa in servizio 80 t (145)
85 t (185)
Rodiggio Bo'Bo'
Potenza oraria 5 600 kW
4 200 kW (prodotte prima del 2002)
Velocità massima omologata varie
Alimentazione 15 kV/16,7 Hz
25 kV/50 Hz
1,5 kV cc
3 kV cc

Bombardier TRAXX è una piattaforma di prodotti modulari di locomotrici elettriche e diesel elettriche costruite da Bombardier Transportation, costruite in varianti di merci e passeggeri. La prima versione è stata una locomotiva AC a doppia tensione costruita a partire dal 2000 per le ferrovie tedesche; Le versioni successive includono le versioni DC e le quattro macchine a tensione, in grado di operare sulla maggior parte degli schemi europei di elettrificazione: 1,5 / 3,0 kV DC e 15/25 kV AC. La famiglia è stata ampliata per includere versioni a motore diesel nel 2006. Gli elementi comuni a tutte le varianti includono i corpi in acciaio, i due carrelli con due assi motorizzati ciascuno, Il motore a induzione trifase asincrono, gli scarichi di raffreddamento sui bordi del tetto e i freni a disco ruota.

Il nome del marchio TRAXX è stato introdotto nel 2003. L'acronimo sta per Transnational Railway Applications with eXtreme fleXibility. Le locomotive sono state realizzate principalmente per le ferrovie della Germania, con ordini provenienti da altri paesi, tra cui Francia, Israele, Svizzera, Svezia, Norvegia, Italia, Belgio, Lussemburgo, Polonia, Spagna, Ungheria, Sudafrica e Paesi Bassi.

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende i modelli:

I modelli Diesel-elettrici, realizzati in esemplare unico, sono entrambi utilizzati in Germania.[2]

Locomotiva E483 011 giunge alla stazione di Genova Brignole durante un servizio merci

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

AEG 12X piattaforma ABB Eco2000[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni Novanta, la Deutsche Bundesbahn (DB) della ferrovia federale tedesca occidentale ha cercato di sostituire la sua vecchia flotta di locomotori elettrici con un unico tipo. Nel decennio precedente DB ha introdotto le sue prime locomotive universali con motori asincroni trifase e due carrelli con due assi motorizzati ciascuno, classe DB 120, che aveva avuto successo. Nel 1991, DB ha chiesto le offerte per circa 1000 locomotive universali con un miglioramento della progettazione e un aumento della potenza, la DB 121. L'industria ferroviaria ha iniziato a sviluppare nuove locomotive, ma nell'ottobre 1992 DB ha annullato l'offerta. Il prezzo delle offerte e la situazione cambiata. Nel 1994, la Deutsche Bundesbahn si è fusa con l'ex Deutsche Reichsbahn della Germania orientale, creando la Deutsche Bahn, portando oltre 600 moderne DR 243 locomotori nella flotta di locomotiva comune. Inoltre, la fusione ha coinciso con una riforma ferroviaria, che divide il materiale rotabile della Deutsche Bahn tra le aree commerciali di passeggeri e di passeggeri a lunga percorrenza, rendendo la locomotiva universale obsoleta. A partire dalla fine del 1993, le aree di business di Deutsche Bahn ei loro predecessori hanno denominato nuove offerte per le locomotive elettriche adattate alle loro specifiche esigenze.

I concorrenti della classe DB 121 comprendevano due dei precursori del trasporto di Bombardier: il produttore di locomotiva tedesco AEG Schienenfahrzeuge, parte di AEG, controllata da Daimler-Benz all'epoca; E ABB Henschel, una filiale produttrice di locomotori tedeschi dell'impresa svedese-svizzera ABB. Componenti di entrambi i concetti AEG e ABB sono stati incorporati nei prototipi della DB 120 per prove a partire dalla fine del 1991. AEG ha seguito i suoi sforzi di sviluppo costruendo una locomotiva universale sperimentale, la 12X. Questa locomotiva può essere considerata il predecessore della famiglia TRAXX. Il 12X è stato consegnato nel giugno 1994 e, sebbene posseduto da AEG, è stato designato la DB 128 da DB. Il 12X presenta diverse innovazioni rispetto alla classe 120, compresi inverter a raffreddamento ad acqua basato su tiristori GTO, un nuovo concetto di azionamento finale con cuscinetti ad asse pivot su entrambi i lati e un nuovo concetto di carrello con un passo breve di 2.600 mm (102.4 in). La locomotiva ha anche avuto un design modulare che consente di derivare diverse versioni per diverse esigenze operative e quindi ha formato la base di AEG per competere per i nuovi ordini delle aree di business di Deutsche Bahn. Nel frattempo, ABB ha sviluppato il proprio progetto di una piattaforma modulare di locomotiva elettrica, il concetto Eco2000. Il concetto di ABB ha incluso una versione della sua famiglia rotore ad alta velocità Flexifloat con un passo di 2.650 mm (104.3 pollici); E inverter raffreddati esteri biodegradabili con tiristori GTO e un trasformatore principale esternamente raffreddato esteriore, che può essere considerato l'origine degli inverter e del trasformatore della prima generazione di locomotive TRAXX.

Il 12X è stato poi usato come testbed per le nuove tecnologie, diventando la prima locomotiva al mondo con i convertitori IGBT nel 1997 e testando l'elettronica di controllo della trazione MITRAC dal 1998. Entrambe queste tecnologie avrebbero poi trovato la loro applicazione commerciale nelle locomotive TRAXX.

Famiglia DB 145, piattaforma Adtranz Octeon[modifica | modifica wikitesto]

DB 145

Nel novembre del 1994, la DB ha scelto ABB e AEG per due ordini: ABB doveva consegnare 145 locomotive esplorate per la zona DB di Fernverkehr, classe DB 101, mentre AEG doveva fornire la DB Cargo di DB, 80 locomotive per treni merci a media portata: la DB 145.

Il disegno originario della DB 145 era un derivato più economico del 12X, lasciando via i componenti per velocità più elevate, tra cui gli azionamenti dell'albero cavo, che sono stati sostituiti da azionamenti più semplici dell'assale. Nel gennaio 1996 ABB e Daimler-Benz hanno fuso le loro aree ferroviarie in un'impresa comune ADTranz. Il progetto finale della locomotiva è stato adattato per più comuni con la classe DB 101. Gli inverter raffreddati con esteri biodegradabili con tiristori GTO e il trasformatore principale raffreddato esternamente della classe DB 145 sono stati derivati ​​da quelli della classe DB 101, ma con meno componenti per la potenza massima inferiore, fornendo un controllo individuale del carrello invece che Controllo degli assi individuali Anche il disegno del carrello è stato adattato e fuso nella famiglia Flexifloat, originata da ABB, con il passo in avanti a 2.650 mm a causa delle caratteristiche condivise, Le DB 145 è stata talvolta descritta come membro della famiglia Eco2000.

Adtranz ha lanciato la DB 145 nel luglio 1997. Inoltre, 17 locomotive identiche sono state costruite per il noleggio a ferrovie private. Altre sei locomotive sono state costruite per la ferrovia svizzera MittelThurgauBahn.

Nel marzo 1998 Adtranz ha annunciato l'intento di consolidare la propria gamma di prodotti in sette piattaforme modulari modulari. La piattaforma di locomotiva elettrica con il marchio "Octeon" doveva basarsi sui più recenti tipi di Adtranz per la Germania (DB 145 e DB 101). ADTranz originariamente intendeva introdurre tipi Octeon accanto ai prodotti esistenti e applicò il nome ai suoi nuovi prodotti fuori dalla Germania alla fine degli anni Novanta, come la E.464 o la locomotiva Iore. I convertitori a base di tiristori GTO di queste locomotive erano dalla famiglia Camilla raffreddata ad acqua, sviluppata da ABB come successore per i convertitori raffreddati ad olio nel FBF-CFF-FFS Re 460. Il marchio Octeon non ha preso e è stato abbandonato quando Bombardier ha acquistato ADTranz nel 2001.

Tra il 2000 e il 2002 è stata prodotta una versione della classe DB 145 per i treni passeggeri, con azionamento finale a albero cavo e una velocità massima superiore a 160 km/h, per il DB Regio, regione regionale DB. La parte superiore della parte anteriore dei carbodi è stata modificata per fornire spazio per un display a flip-disc. Queste locomotive hanno ricevuto la classe DB di designazione 146.0.

Sebbene la produzione della DB 145 finisse nel tempo in cui Bombardier acquistò Adtranz nel 2001 e anche la produzione delle locomotive di classe 146.0 finì nel momento in cui il marchio TRAXX è stato introdotto nel 2003, nelle pubblicazioni di Bombardier la classe 145 è stata inclusa Nel TRAXX F140 AC, la classe 146.0 nel tipo AC TRAXX P160 La E.464 ancora in produzione ha ottenuto la denominazione TRAXX P160 DCP, mentre TRAXX H80 AC è stato applicabile alla classe Iore tuttavia questi tipi ancora di produzione sono stati esclusi dalla famiglia TRAXX in pubblicazioni dopo il 2007.

Famiglia DB 185, piattaforma Adtranz Octeon[modifica | modifica wikitesto]

DB 185

Nel luglio 1998, Adtranz ha ricevuto un ordine successivo per ulteriori 400 locomotive per i treni di carico medio, la DB 185. La DB 185 a doppia tensione era destinata all'operazione internazionale, e anche stata denominata Europalok. Il concetto di base dell'attrezzo di marcia, dei motori sospesi dell'asse, degli inverter esterni raffreddati e del trasformatore è stato mantenuto dalla DB 145. Oltre all'elettronica per il funzionamento a doppia tensione, le modifiche includono la disposizione per l'installazione della varietà completa di protezione dei treni Sistemi in uso in Europa e l'abbassamento del tetto di 105 mm per adattarsi al veicolo nel manometro UIC 505-1 internazionale.

Nel 2001 Bombardier ha acquistato Adtranz, così la tecnologia di costruzione dei locomotori. Sotto Bombardier, la DB 185 è stata sviluppata in una famiglia come quella della DB 145, con versioni private per ferrovia e passeggeri. Nel maggio 2003, anche Bombardier ha ricevuto un ordine per una versione di sistema quadrupla dalle Ferrovie Federali Svizzere (SBB).

Nel settembre 2003, Bombardier ha dato alla famiglia DB 185 un marchio, TRAXX, destinato ad alludere ai termini «trazione», «traccia» e «attrazione». La prima lettera delle denominazioni di tipo TRAXX prevede la differenziazione in base all'area di applicazione, con F per il trasporto e P per il passeggero. Il sistema originale includeva anche H per i veicoli pesanti e S ad alta velocità, ma nessun veicolo effettivo è stato consegnato sotto questa denominazione. Il numero che segue la prima lettera indica la velocità massima della locomotiva in chilometri all'ora. Le due lettere successive indicano il sistema di alimentazione, con AC per alternare locomotive elettriche di corrente, DC per locomotive elettriche a corrente continua, MS per locomotori multi-sistema in grado di operare sia sotto cavi AC e DC, e DE è stato previsto sin dall'inizio per un Eventuale versione diesel-elettrica. Una lettera extra P alla fine era quella di designare le testate elettriche (teste di trazione), ovvero le locomotive con una cabina di guida per il funzionamento push-pull. Un numero facoltativo alla fine indica diverse versioni, successivamente utilizzate per la designazione di generazioni.

Nel nuovo sistema, la denominazione di fabbrica della DB 185 e delle sue suore con altre ferrovie è diventata TRAXX F140 AC, quella della DB 146.1 TRAXX P160 AC e quella della locomotiva TRAXX F140 MS della quadrupla tensione SBB.

Quando Bombardier ha introdotto i primi tipi TRAXX 2, la famiglia originale è stata anche designata TRAXX 1 e il numero 1 è stato aggiunto alla fine del tipo di locomotiva di prima generazione ancora in consegna.

Piattaforme TRAXX 2 e TRAXX 2E[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004, il design TRAXX di base è stato sottoposto ad un importante rinnovo, con il carrozzato e la parte anteriore ridisegnato per adattarsi alle attuali norme di crashworthiness e la sostituzione degli inverter a tiristori GTO con invertitore IGBT. È stata inoltre introdotta l'opzione del controllo dell'asse singolo al posto del controllo individuale del carrello. Anche il liquido di raffreddamento degli inverter e il trasformatore principale è stato cambiato da esteriore all'acqua. Il design della carrozzeria è stato completamente standardizzato, per impostazione predefinita che fornisce uno spazio per il montaggio di un display flip-disk sopra il parabrezza, coperto da un cappuccio non strutturale nelle versioni di trasporto. Il telaio del carrello è stato rafforzato, per consentire un aumento dei carichi assi a 22 tonnellate. Questa generazione della famiglia è anche indicata come la piattaforma TRAXX 2 e talvolta anche indicata con un numero 2 alla fine delle denominazioni di tipo.

Il disegno del carro armato TRAXX e la configurazione interna sono stati modificati nuovamente nel 2006 quando è stata costruita la prima versione diesel-elettrica, per fornire lo stesso layout per le versioni Diesel e elettriche. Nelle versioni elettriche, la posizione centrale del motore diesel è stata utilizzata per il trasformatore CA o per i soffiatori CC. Il peso del componente nella posizione centrale è supportato su una piastra di montaggio orizzontale che si inserisce sul telaio principale usando gli stessi apparecchi. Questa generazione della famiglia è anche definita come la piattaforma TRAXX 2E, le denominazioni di tipo stesse non sono cambiate. La generazione TRAXX 2E ha incluso anche le prime consegne effettive delle versioni DC della piattaforma TRAXX. La versione AC della TRAXX 2 è rimasta in produzione parallelamente alle versioni 2E di altri tipi.

TRAXX Africa[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2014 Transnet ha ordinato 240 locomotive TRAXX Africa a due lati da 1.067 mm (3 ft 6 in), da costruire in Sudafrica.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il rodiggio di tutto il gruppo è Bo'Bo', con due carrelli motori imperniati a scartamento standard (1 435 mm).

I motori installati sono asincroni trifase, con diversi tipi di convertitori statici che la rendono adatta a diverse tensioni a seconda delle caratteristiche del paese in cui è in uso: esistono versioni da 15 kV AC 16,7 Hz, 25 kV AC 50 Hz, 1,5 kV CC, 3 kV CC.

La potenza varia tra i 3 500 e i 4 200 kW, aumentati a 5 600 nelle unità di seconda serie, con forze di trazione che arrivano a 300 kN.

Gli impianti frenanti sono di tipo Knorr, e possono montare un impianto di recupero energetico. Dal punto di vista della sicurezza, si tratta di mezzi all'avanguardia, che possono montare i sistemi ETCS, Integra-Signum, ZUB o SCMT a seconda dell'appartenenza.

E.483 della Mercitalia Rail[modifica | modifica wikitesto]

Dal dicembre 2016 la Mercitalia Rail ha noleggiato 2 E.483 da Akiem in livrea Mercitalia Rail da Akiem a dicembre[3], e tra Maggio e Giugno Mercitalia Rail ha noleggiato altre 5 E.483[4][5][6], le unità in totale sono:

  • E.483.314
  • E.483.315
  • E.483.316
  • E.483.317
  • E.483.318
  • E.483.319
  • E.483.320

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Modern locomotive power, su railcolor.net.
  2. ^ Modelli TRAXX Diesel-elettrici, su bombardier.com.
  3. ^ Ferrovie.it - Mercitalia Rail noleggia da Akiem le E 483, in Ferrovie.it. URL consultato il 16 maggio 2017.
  4. ^ Ferrovie.it - E 483 per Mercitalia, proseguono le consegne, in Ferrovie.it. URL consultato il 25 giugno 2017.
  5. ^ Ferrovie.it - E 483 per Mercitalia Rail, conclusa la fornitura, in Ferrovie.it. URL consultato il 25 giugno 2017.
  6. ^ Ferrovie.it - E 483 Mercitalia Rail, volge a termine la fornitura, in Ferrovie.it. URL consultato il 25 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Franco Dell'Amico, TRAXX locomotive per l'Europa, in RF, nº 1, Acme Edizioni, p. 22.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti