Euphrasia salisburgensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eufrasia di Salisburgo
Euphrasia salisburgensis 02.jpg
Euphrasia salisburgensis
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Scrophulariales
Famiglia Scrophulariaceae
Genere Euphrasia
Specie E. salisburgensis
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi I
Ordine Lamiales
Famiglia Orobanchaceae
Tribù Rhinantheae
Nomenclatura binomiale
Euphrasia salisburgensis
Funck ex Hoppe, 1794

Eufrasia di Salisburgo (nome scientifico Euphrasia salisburgensis Funck ex Hoppe, 1794) è una piccola pianta erbacea montana, appartenente alla famiglia delle Orobanchaceae.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome generico (Euphrasia) venne introdotto nella classificazione scientifica delle piante da Linneo nel 1735 ed è derivato da una parola greca "εuφροσύνη" (= gioia, allegria, diletto, ilarità).[2] Qualche altro testo fa riferimento a una delle “tre Grazie” (celebrate nell'opera più conosciuta di Antonio Canova), chiamata appunto “Eufrosine”, figlia di Zeus.[3] Il nome specifico (salisburgensis) deriva dalla città austriaca Salisburgo.[4]

Il binomio scientifico attualmente accettato (Euphrasia salisburgensis) è stato proposto prima dal micologo, botanico e naturalista tedesco David Heinrich Hoppe (1760-1846) perfezionato successivamente dal farmacista e biologo germanico Heinrich Christian Funck (1771-1839) nella pubblicazione ""Botanisches Taschenbuch fur die Anfanger dieser Wissenschaft und der Apothekerkunst - 190. 1794" del 1794.[5]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono delle piante “emiparassita” : vivono sulle radici di altre piante per prelevare acqua e sali minerali, mentre sono capaci di svolgere la funzione clorofilliana (al contrario delle piante “parassite assolute”). Il portamento è eretto e comunque con minime altezze: 5 – 30 cm. La forma biologica è terofita scaposa (T scap), ossia sono piante erbacee che differiscono dalle altre forme biologiche poiché, essendo annuali, superano la stagione avversa sotto forma di seme, sono inoltre munite di asse fiorale eretto con poche foglie. La superficie di queste piante può essere pubescente oppure glabra.[3][6][7][8][9]

Radici[modifica | modifica wikitesto]

La radice è piccola e legnosa.

Fusto[modifica | modifica wikitesto]

Il fusto è eretto e variamente ramoso.

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Questa pianta è provvista sia di foglie che di brattee, entrambe molto simili. Le foglie sono sessili e sono disposte in modo alternato nella parte basale, e in modo opposto nei pressi dell'infiorescenza. Le foglie hanno delle forme da ovate a oblunghe con apici poco acuti. Le brattee hanno invece apici più acuti. I lati sono provvisti di 3 - 5 dentelli acuti, spesso mucronati e lunghi 1,5 - 2,5 mm. La pagina inferiore è percorsa da grossolane nervature. Entrambe le pagine sono verdi, quindi svolgono la normale funzione clorofilliana. Nelle brattee il rapporto lunghezza/larghezza è 2-3 (il più basso della sezione Angustifoliae). Dimensione delle brattee: larghezza 2 – 4 mm; lunghezza 6 – 10 mm.

Infiorescenza[modifica | modifica wikitesto]

Infiorescenza

L'infiorescenza è formata da fogliose spighe terminali di pochi fiori. Questi sono disposti in modo sessile all'ascella delle brattee.

Fiore[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono ermafroditi, zigomorfi e tetraciclici (con i quattro verticilli fondamentali delle Angiosperme: calicecorollaandroceogineceo).

  • Formula fiorale: per questa pianta viene indicata la seguente formula fiorale:
X, K (4), [C (2+3), A 2+2], G (2), (supero), capsula[7]
  • Calice: il calice, gamosepalo, ha quattro denti (tetramero); la forma è tubulosa-campanulata. Lunghezza del calice: 4 - 6,5 mm.
  • Corolla: la corolla, pentamera (a cinque lobi), simpetala, è bilabiata; il labbro superiore ha una forma che ricorda un elmo squadrato dal bordo smarginato o anche bilobo con un orlo rovesciato all'indietro; il labbro inferiore è a tre lobi anch'essi con i bordi smarginati e a loro volta divisi in due lobi. La corolla è priva di sperone, sacco o gozzo. I due labbri formano un angolo retto, e quello inferiore è più dilatato. Il colore dei labbri è lillacino-porporino con striature longitudinali violacee e una macchia chiara o gialla al centro della corolla. Lunghezza della corolla : 4 – 8 mm.
  • Androceo: gli stami sono quattro didinami (2 lunghi più 2 brevi); sono inseriti nel tubo corollino, in particolare ascendono sotto il labbro superiore della corolla. Le antere sono conniventi ed hanno una loggia portante un cornetto allungato. Le sacche polliniche hanno l'estremità inferiore a forma di freccia[9],
  • Gineceo: i carpelli sono due e formano un ovario supero biloculare (derivato dai due carpelli iniziali). Lo stilo è unico lievemente più lungo degli stami ed è inserito all'apice dell'ovario; lo stimma è capitato.
  • Fioritura: da giugno a ottobre.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto è del tipo a capsula deiscente. La forma è oblunga, cavato-compressa e contiene diversi piccoli semi striati. La capsula non è cigliata al margine e la lunghezza è come quella del calice o poco più lunga. Lunghezza della capsula : 4,5 – 7 mm.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Impollinazione: l'impollinazione avviene tramite insetti (impollinazione entomogama).
  • Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra).
  • Dispersione: i semi cadendo a terra sono successivamente dispersi soprattutto da insetti tipo formiche (disseminazione mirmecoria).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione della pianta
(Distribuzione regionale[10] – Distribuzione alpina[11])

Fitosociologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista fitosociologico la specie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale:[11]

Formazione : Comunità delle praterie rase dei piani subalpino e alpino con dominanza di emicriptofite
Classe : Elyno-Seslerietea variae.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di appartenenza della specie (Orobanchaceae) comprende soprattutto piante erbacee perenni e annuali semiparassite (ossia contengono ancora clorofilla a parte qualche genere completamente parassita) con uno o più austori connessi alle radici ospiti. È una famiglia abbastanza numerosa con circa 60 - 90 generi e oltre 1700 - 2000 specie (il numero dei generi e delle specie dipende dai vari metodi di classificazione[13][14]) distribuiti in tutti i continenti. Il genere Euphrasia è distribuito in Europa, Asia settentrionale e Nord America; le sue specie preferiscono climi freddi e temperati delle regioni extratropicali. Comprende circa 170 -350 specie di cui almeno 18 sono presenti nella flora spontanea italiana.[8]

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione tassonomica della euphrasia di Salisburgo è in via di definizione in quanto fino a poco tempo fa il suo genere apparteneva alla famiglia delle Scrophulariaceae (secondo la classificazione ormai classica di Cronquist), mentre ora con i nuovi sistemi di classificazione filogenetica (classificazione APG) è stata assegnata alla famiglia delle Orobanchaceae[15] (anche i livelli superiori sono cambiati - vedi box tassonomico a destra).

La famiglia Orobanchaceae in base agli ultimi studi di tipo filogenetico è monofiletica e viene divisa in 8 gruppi (tra tribù e generi isolati). Il genere Euphrasia appartiene alla tribù Rhinantheae Lamarck & de Candolle (con 18 generi totali e 540 specie) insieme ad altri due generi importanti: Bartsia e Rhinanthus.[15]

Sandro Pignatti nella sua “Flora d'Italia”[16] divide il genere in due “gruppi”: sezione CILIATAE con capsula cigliata al margine; e sezione ANGUSTIFOLIAE con capsula glabra. La specie di questa voce appartiene al secondo gruppo insieme alle altre seguenti specie spontanee del territorio italiano:

Quasi tutte queste specie sono distribuite nel Nord Italia, soprattutto sono riunite nella zona alpina e facilmente si creano degli ibridi; oltre a questo sono piante molto simili, per cui a volte risulta difficile la distinzione tra una specie e l'altra.

Il numero cromosomico di E. salisburgensis è: 2n = 44 - 48.[17]

Variabilità[modifica | modifica wikitesto]

E. salisburgensis è una specie molto variabile nelle dimensioni e nella forma delle ramificazioni (gli esemplari a quote più basse sono più ramificati di quelli a quote alpine più alte). È più costante invece nella forma delle brattee e nella dimensione della corolla.

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Questa entità ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco seguente indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:[12]

  • Euphrasia carpatica Zapalł.
  • Euphrasia lapponica T. C. E. Fr.
  • Euphrasia marilaunica A. Kern.
  • Euphrasia nivalis Beck
  • Euphrasia salisburgensis Funck subsp. salisburgensis
  • Euphrasia salisburgensis var. hibernica Pugsley
  • Euphrasia salisburgensis var. salisburgenis
  • Euphrasia salisburgensis var. schoenicola Yeo

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Foglie di alcune specie della sezione Angustifoliae

La forma della corolla (labiata) del fiore avvicina la pianta di questa voce ai generi della famiglia delle Lamiaceae che tuttavia si distinguono in quanto il calice delle Lamiaceae è a cinque denti (pentamero) e il frutto è un tetrachenio.
Nell'ambito dello stesso genere una specie molto vicina è l'Euphrasia illiryca Wettst. (Eufrasia d'Illiria). Quest'ultimo fiore si distingue comunque per la lunghezza maggiore dei dentelli delle foglie (2 - 4,5 mm) e per la capsula più piccola del calice che comunque è più lungo (6 - 8 mm). Le differenze tra la varie specie di Euphrasia sono estremamente deboli anche a causa della variabilità di questo genere. Anche le foglie, in genere, sono soggette a varietà morfologiche, tuttavia hanno dei caratteri abbastanza specifici per cui possono essere utili per distinguere una specie dall'altra. Il disegno, a lato (tratto da Pignatti), mostra la forma delle foglie di alcune specie della sezione Angustifoliae.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica wikitesto]

Le proprietà farmacologiche di queste piante (derivate soprattutto dalla medicina popolare antica) sono molto simili a quelle di altre specie dello stesso genere Euphrasia. Il nome di Euphrasia officinalis dato inizialmente da Linneo sembra sia in realtà un nome collettivo di varie specie affini e poco distinguibili (attualmente è considerata una denominazione ambigua). In effetti la variabilità delle specie del genere Euphrasia è molto marcata creando non poche difficoltà ai vari botanici intenti a dividere tassonomicamente le varie specie.
Per questa specie quindi sono indicate fin dai tempi antichi le seguenti proprietà curative[18]: tonica (rafforza l'organismo in generale), digestiva, astringente (limita la secrezione dei liquidi), diuretiche (facilita il rilascio dell'urina) e vulneraria (guarisce le ferite).

Altre notizie[modifica | modifica wikitesto]

L'eufrasia di Salisburgo in altre lingue è chiamata nei seguenti modi:

  • (DE) Salzburger Augentrost
  • (FR) Euphraise de Salzbourg
  • (EN) Irish Eyebright

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Plant List - Checklist Database, su theplantlist.org. URL consultato l'11 novembre 2014.
  2. ^ David Gledhill 2008, pag. 159.
  3. ^ a b Motta 1960, Vol. 2 - pag. 186.
  4. ^ David Gledhill 2008, pag. 338.
  5. ^ The International Plant Names Index, su ipni.org. URL consultato l'11 novembre 2014.
  6. ^ Pignatti 1982, Vol. 2 - pag. 584.
  7. ^ a b Tavole di Botanica sistematica, su dipbot.unict.it. URL consultato il 18 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  8. ^ a b Judd 2007, pag. 496.
  9. ^ a b Strasburger 2007, pag. 852.
  10. ^ Conti et al. 2005, pag. 94.
  11. ^ a b c Aeschimann et al. 2004, Vol. 2 - pag. 252.
  12. ^ a b EURO MED - PlantBase, su ww2.bgbm.org. URL consultato il 12 novembre 2014.
  13. ^ Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Vol.2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 850, ISBN 88-7287-344-4.
  14. ^ Angiosperm Phylogeny Website, su mobot.org. URL consultato il 20 ottobre 2014.
  15. ^ a b Angiosperm Phylogeny Website, su mobot.org. URL consultato il 21 agosto 2009.
  16. ^ Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 580, ISBN 88-506-2449-2.
  17. ^ Tropicos Database, su tropicos.org. URL consultato l'11 novembre 2014.
  18. ^ Plants For A Future, su pfaf.org. URL consultato il 22 agosto 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 186.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume secondo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 584, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, pag. 252.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, pag. 852, ISBN 88-7287-344-4.
  • David Gledhill, The name of plants (PDF), Cambridge, Cambridge University Press, 2008. URL consultato il 12 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  • Judd S.W. et al, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, ISBN 978-88-299-1824-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]