Episodi di Criminal Minds (sedicesima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1leftarrow blue.svg Voce principale: Criminal Minds.
Criminal-Minds.svg

La sedicesima stagione della serie televisiva Criminal Minds, sottotitolata Evolution e composta da 10 episodi, viene distribuita in prima visione assoluta negli Stati Uniti d'America sulla piattaforma streaming Paramount+ dal 24 novembre 2022[1][2] al 9 febbraio 2023.

In Italia la stagione è distribuita sul servizio di streaming on demand Disney+ dal 18 gennaio[3] al 22 marzo 2023.

Titolo originale[4] Titolo italiano Pubblicazione USA[4] Pubblicazione Italia
1 Just Getting Started È solo l'inizio 24 novembre 2022 18 gennaio 2023
2 Sicarius Il patto col diavolo 25 gennaio 2023
3 Moose 1º dicembre 2022 1º febbraio 2023
4 Pay-Per-View 8 dicembre 2022 8 febbraio 2023
5 Oedipus Wrecks 15 dicembre 2022 15 febbraio 2023
6 True Conviction 12 gennaio 2023 22 febbraio 2023
7 What Doesn't Kill Us 19 gennaio 2023 1º marzo 2023
8 Forget Me Knots 26 gennaio 2023 8 marzo 2023
9 Memento Mori 2 febbraio 2023 15 marzo 2023
10 9 febbraio 2023 22 marzo 2023

È solo l'inizio[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sono trascorsi quasi tre anni dal finale di stagione precedente (quello che originariamente doveva chiudere la serie, a febbraio 2020), e il mondo è stato "stravolto" dalla pandemia di COVID - 19, dai lockdown e dalle restrizioni. Anche la BAU ne ha risentito, subendo vari cambiamenti: Prentiss ha accettato una promozione a Capo Sezione dell'FBI e ora supervisiona diverse unità, dovendo anche "destreggiarsi" tra la politica, la burocrazia e le "pressioni" dall'alto; Rossi le è subentrato, controvoglia, come Capo Unità ma non si fa vedere spesso, alloggia in una stanza d'albergo e si è "gettato" a capofitto nel lavoro per cercare di superare una perdita personale. Reid e Simmons sono assenti per incarichi "riservati" (e non meglio specificati). Tara, che sfoggia un nuovo look, si sposta continuamente su e giù per il Paese (trascorrendo molte notti fuori) per verificare segnalazioni di crimini seriali, mangia nei diner e dorme in auto. Alvez, rimasto alla BAU, da Quantico risponde ad ogni chiamata di consulenza insieme a JJ, la quale è tornata in Virginia con la famiglia dopo un periodo alla guida della sede FBI di New Orleans ed è esausta per il tentativo di "bilanciare" i turni infiniti, la gestione dei figli (comprese le lezioni "da remoto" durante il confinamento - scoprendo tra l'altro che il maggiore Henry ha una ragazza) e il rapporto coniugale con il marito Will, con cui ha difficoltà a "ritagliarsi" del tempo solo per loro. Tara si trova nella contea di Yakima, stato di Washington, dove all'interno di un container sono stati rinvenuti sedici corpi di individui di entrambi i sessi, uccisi con differenti modalità (squartamento, strangolamento, ragni della specie "Sicario" infilati in gola, ecc...) e in un intervallo di tempo che va dal 2005 al 2020 (quindici anni, gli stessi di messa in onda della serie sulla CBS), perciò conferma a Luke che si tratta di un serial killer che è stato in grado di evitare l'identificazione e la cattura da parte delle forze dell'ordine per tutti questi anni. Prentiss vorrebbe che la BAU assumesse il caso e più uomini a disposizione, ma si scontra con la contrarietà del nuovo Vice Direttore Douglas Bailey, che invece pretende che l'Unità di Analisi Comportamentale si occupi di terrorismo interno (la "minaccia vera", secondo lui) e sostiene la strategia del "sparpagliare le risorse per massimizzare l'efficienza" (per questo gli agenti lavorano separatamente), oltre ad averli privati del jet a causa dei tagli al budget; Tara invia comunque il contenuto del container a Quantico.

L' "ossessione" di Rossi riguarda il rapimento di un'adolescente, Chrissy Delaney, dalla sua casa di Bethesda, Maryland, i cui genitori sono stati uccisi. Egli viene presto raggiunto da JJ e Luke, mentre Bailey ordina a Prentiss di dare al caso massima priorità. JJ e Luke visionano le immagini di una telecamera di sicurezza dei vicini delle vittime, individuano il sospettato allontanarsi con un' auto e inoltrano subito una segnalazione. L'auto viene avvistata e fermata, tuttavia alla guida non c'è il sospettato che stanno cercando, bensì un uomo che dice loro di averla acquistata poco prima. Quando si accorgono di un collegamento con lo sterminio di una famiglia di quattro persone (genitori, figlia adolescente e figlio più piccolo) avvenuto ad Alexandria, Virginia (le due ragazze infatti utilizzavano la stessa app di social network, "SOAR"), Luke è costretto a presentarsi alla porta di Penelope (la quale, dopo aver lasciato l'FBI nel finale della quindicesima stagione, ha inaugurato un "club di pasticceria" a domicilio, fa meditazione e tiene lezioni di programmazione/sicurezza informatica su Zoom) per chiedere assistenza, dato che è stata lei a creare "SOAR" affinché fosse un posto sicuro per i giovani dai pericoli di internet. Garcia inizialmente rifiuta perché non vuole più avere a che fare con la violenza (è il motivo per cui si era dimessa nel finale della quindicesima stagione), ma poi si convince, cominciando ad esaminare le chat delle ragazze sull'app. Spiega agli altri che il Soggetto Ignoto deve essere per forza giovane, sulla ventina, ma Rossi insiste che sia più adulto, sui quaranta, e le risponde in modo aggressivo (atteggiamento che ha avuto per tutto l'episodio, trattando male anche Luke e JJ) e che è dovuto al dolore per la morte della moglie Krystall - con cui si era sposato per la seconda volta nel finale della quattordicesima stagione - circa un anno prima). L'ipotesi di Penelope si rivela esatta appena identificano l'S.I. in Rory Gilcrest, nato nel 2003 (quindi diciannovenne) sulla costa orientale del Maryland; quattro anni dopo ha perso i genitori per overdose da ossicodone e da quel momento è passato da una famiglia affidataria all'altra, per poi finire in un carcere minorile fino ai diciotto anni. Un giorno si è imbattuto in "SOAR" e tramite due nickname ha iniziato a comunicare con le due ragazze. La squadra riesce a salvare Chrissy, ma Gilcrest si suicida. Tara, che sta guardando il salvataggio al notiziario, nota che un agente sta prelevando una valigia contenente oggetti e utensili utilizzati dal sospettato, una valigia uguale a quella da lei trovata nel container e ne invia le foto a Rossi che decide di "ricostituire" l'Unità.

  • Durata: 50 minuti
  • Guest star: Josh Stewart (detective William LaMontagne Jr.), Nicholas D'Agosto (vice direttore Doug Bailey), Hannah Bamberg (Chrissy Delaney), David Bianchi (Kevin Henson), Zach Gilford (Elias Voit), Eileen Barnett (Margie), Sebastian Schier (Rory Gilcrest), Tor Brown (Dylan McNamara), Manuel Rafael Lozano (capitano Bill Marmor), Max Havas (vittima)
  • Note: in questo episodio, come scritto, sono trascorsi quasi tre anni dal finale "originario" sulla CBS; oltre ai nuovi incarichi dei personaggi, si scopre anche che Krystall, la moglie di Rossi, è morta nel 2021 presumibilmente a causa del COVID-19, e che Luke e Penelope sono davvero usciti a cena insieme dopo la festa di addio di quest'ultima, ma che l' "appuntamento" non ha portato all'inizio di una relazione romantica tra i due. Inoltre, Garcia ha lasciato il proprio posto "vacante" di esperta informatica ad altri quattro candidati, nessuno nemmeno lontanamente capace quanto lei, soprannominati dagli altri i "Garcia da remoto". Daniel Henney (Matt Simmons) e Matthew Gray Gubler (Spencer Reid) non compaiono nel revival, il primo perché impegnato in altri progetti e il secondo perché aveva il desiderio di "distaccarsi" dal personaggio interpretato ininterrottamente per quindici stagioni. La showrunner Erica Messer a riguardo ha dichiarato: "Abbiamo avuto solo un breve periodo per girare [da luglio a dicembre 2022], e alcuni [degli attori] avevano altri progetti. Ma [Reid e Simmons] non sono dimenticati, le loro scrivanie sono ancora lì, con tutte le loro cose sopra... [...]", lasciando quindi "le porte aperte" ad un loro eventuale ritorno nella seconda stagione di "Evolution" (diciassettesima in totale), già confermata visto il riscontro positivo da parte del pubblico. Voci di un potenziale ritorno della serie avevano già iniziato a circolare nell'estate 2020, nel pieno del periodo pandemico, ed Erica Messer ha cominciato a domandarsi quali potessero essere gli effetti di una tale situazione sugli assassini seriali; ne ha discusso con gli altri sceneggiatori e poi hanno proposto l'idea di una rete di serial killer creata e gestita online ai vertici di Paramount+, ricevendo approvazione. I sei attori tornati regolarmente si sono subito detti entusiasti di ritrovarsi, anche perché questa è una versione della serie più "evoluta" (da cui il sottotitolo) e "matura", in cui si va maggiormente in profondità nel "privato" dei personaggi, e sono state concesse maggiori libertà espressive rispetto alla tv generalista, prime tra tutte la lunghezza degli episodi (mediamente 50 minuti contro i 42-44 precedenti per la presenza delle pubblicità) e un uso un po' più realistico del linguaggio. La showrunner ha chiarito che passare allo streaming non avrebbe significato "scene di violenza più crude", ma semplicemente appunto "evolvere" il format senza "tradirne l'essenza e la struttura". Inoltre, avere un unico caso "orizzontale" lungo tutti e dieci gli episodi (comunque connesso ai casi singoli a cui la squadra lavora in ciascun episodio, dato che l'S.I. principale, Elias Voit, è il creatore della rete online e colui che dà istruzioni ai "seguaci" rimanendo nell'ombra) consente di approfondire il passato e la storia familiare del Soggetto Ignoto, raccontando com'è diventato quello che è oggi, o cosa lo "spinge", ma anche il suo presente (la moglie e le due figlie), cosa che nel formato originario veniva soltanto accennata per via del poco tempo.

Soggetto Ignoto[modifica | modifica wikitesto]

  • Rory Gilcrest ed Elias Voit

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "La tragedia della vita non è la morte, ma quello che lasciamo morire dentro di noi mentre viviamo." Norman Cousins (David Rossi)
  • "L'ora delle ombre è quel momento speciale a metà della notte in cui tutti, grandi e piccoli, sono profondamente addormentati e tutti gli essere oscuri lasciano i loro nascondigli e prendono possesso del mondo." Roald Dahl (Elias Voit)

Il patto col diavolo[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Sicarius
  • Diretto da: Nelson McCormick
  • Scritto da: Breen Frazier

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritrovamento dei corpi di due uomini nell'area di Washington D.C. (uno a Silver Springs e l'altro a Rock Creek Park) con le colonne vertebrali recise, la squadra indaga nell'ambito delle parafilie, in particolare del "cuckolding" (anche se si utilizza meglio il termine "triolismo", una pratica sessuale "atipica" in cui l'uomo prova piacere nell'osservare la partner "impegnarsi" in attività sessuali con un altro uomo, detto "bull" = toro), poiché entrambi ne erano praticanti, capendo che il killer probabilmente è anch'egli un "toro" che si vendica su altri ad esempio per essere stato "respinto"/rifiutato dalle donne con cui doveva "intrattenersi". Una delle coppie rivela a JJ di aver ricevuto da lui un video del secondo omicidio, nel quale il Soggetto costringe la vittima a scegliere tra restare paralizzato (per la recisione del midollo) oppure morire direttamente; ciò ne aumenta il sadismo. Osservando più attentamente, gli agenti notano la presenza di un "kit da killer" uguale a quello scoperto nel container da Tara, e Rossi deduce che esso, questo caso e Rory Gilcrest (l'S.I. dell'episodio precedente, che si è suicidato) sono tutti collegati ad una "rete" gestita dal misterioso "Sicarius" (è così infatti che è stato soprannominato l'assassino del container, dato che ad una delle vittime lì sono stati infilati in gola ragni della specie omonima), che durante la pandemia ha raccolto "seguaci" istruendoli con "regole" anche su come liberarsi dei cadaveri e su come evitare la cattura (il suicidio). Garcia è tornata alla sua vita lontano dalla violenza, fatta di esercizio fisico, frullati mattutini e lezioni su "SOAR", la routine viene tuttavia interrotta da una mail criptata inviatele da un anonimo. Rossi tenta di convincerla a tornare alla BAU (sapendo ora che hanno a che fare con una "rete" estesa), lei inizialmente gli spiega che non può farlo perché le ci è voluto quasi un anno "per distaccarsi" dal loro lavoro (anche con l'aiuto della meditazione e della terapia) e non vuole "essere travolta" di nuovo (hanno un confronto in cui lei gli fa capire che deve lasciarsi aiutare da chi gli vuole bene per superare la morte di Krystall), ma poi cambia idea: una volta davanti al proprio computer nella "stanza dei monitor", sullo schermo compare la scritta "Non effettui l'accesso da 1009 giorni. Vuoi accedere?", lei clicca su "Sì" e tutti gli schermi si riattivano. E' ufficialmente tornata. Rossi telefona all'albergo dove stava alloggiando chiedendo di effettuare il check-out (presumibilmente per rientrare nella casa in cui viveva con la moglie). Decrittata la mail, essa contiene tredici differenti link collegati ad altrettanti "kit da killer" sotterrati in tutto il Paese (la cui presenza può essere "attivata" o "disattivata" tramite transponder); uno di essi si accende e JJ e Alvez si recano immediatamente sul luogo, dove si trova l'S.I., identificato in Robert Harris, insieme alla donna che ha rapito, Michelle Tucker (che se n'era servita come "toro"/"stallone" finché lui non si era infortunato in un incidente in moto, spingendola a "spostarsi" su altri; Harris aveva deciso di vendicarsi uccidendo "tori" sani perché non si sentiva più all'altezza, e la recisione della spina dorsale era il suo modo di sentirsi ancora "virile"). Anche costui, esattamente come Gilcrest, si suicida, anche se gli agenti riescono a salvare la donna. I segnali dei transponder iniziano improvvisamente a spegnersi, indicando che "Sicarius" ora sa che l'FBI è sulle sue tracce e sta avvertendo i propri "seguaci". Nel frattempo, Prentiss ha fatto trasferire il container a Quantico e si scontra con il Vice Direttore Bailey; viene esaminato da cima a fondo ma è stato completamente pulito con la candeggina, nessuna traccia di DNA e nessuna impronta ("Sicarius" deve essere estremamente disciplinato e controllato), mentre il numero dei cadaveri all'interno è salito a 24. La BAU viene informata da Rebecca Wilson del Dipartimento di Giustizia (che è anche la donna con cui Tara si sta frequentando da un paio di mesi) che i "piani alti" hanno intenzione di "riorganizzare" l'Unità (ecco spiegato il motivo dell'opposizione di Bailey a tutte le loro iniziative) per "inglobarla" nella divisione che si occupa di terrorismo interno, ritenendo quest'ultimo la minaccia più "urgente" al momento, e non la caccia ai serial killer; Prentiss decide che devono fermare la "rete" e "Sicarius" per fornire a Bailey un motivo valido per continuare a esistere così come sono (oltre che individuare gli altri "kit" prima degli S.I.). JJ e Will vorrebbero "riaccendere la scintilla" romantica e di passione nel loro matrimonio, ma non riescono a trovare il tempo per via del lavoro e dei figli, riflettendo su quanto veloce esso passi.

Si vede "Sicarius" (il cui vero nome in realtà è Elias Voit) entrare in una ferramenta del Tennessee, comprare utensili quali nastro adesivo, pinze ecc...e scambiare qualche parola con la giovane cassiera, Tawny, chiedendole del suo cane (la cui foto è appesa dietro il banco), per poi uscire dopo aver pagato in contanti. Successivamente torna a casa, a Seattle, dalla moglie Bridget e dalle due figlie, tutte totalmente all'oscuro della sua "doppia vita".

  • Durata: 53 minuti
  • Guest star: Josh Stewart (detective William LaMontagne Jr.), Zach Gilford (Elias Voit), Nicholas D'Agosto (vice direttore Doug Bailey), Kiele Sanchez (Bridget Voit), Nicole Pacent (Rebecca Wilson), Sara Anne (Tawny Smith), Cora Lu Tran (Riley), Ethan Corn (Steve Duncan), Alena Chinault (Julie Sullivan), Nick Bailey (Robert Harris), Johnny Cannizzaro (Ryan Tucker), Rueben Grundy (Jack Sullivan), Zach Sowers (allenatore), Ashley Lauren Nedd (Michelle Tucker)
  • Note: Zach Gilford (Elias Voit) e Kiele Sanchez, che interpreta sua moglie Bridget, sono marito e moglie anche nella vita reale. I 1009 giorni di disconnessione che vengono mostrati a Garcia appena accende il computer nel suo ufficio alla BAU sono gli stessi trascorsi dalla messa in onda del finale della quindicesima stagione sulla CBS. Poco dopo essersi "reinsediata", Garcia, in un attimo di sconforto, urta la scrivania facendo cadere il post-it rosa su cui lei stessa aveva scritto qualcosa (rimasto "segreto" per il pubblico) sempre nel finale della stagione precedente (e aveva poi infilato nella fessura tra i due tavoli); lo raccoglie, lo legge e torna subito serena e pronta a rimettersi al lavoro (perciò si può supporre che il breve messaggio fosse indirizzato a sé stessa, come una sorta di "incoraggiamento").

Soggetto Ignoto[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Harris ed Elias Voit

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "Dicono che Oscar Wilde abbia scritto "Tutto nel mondo è una questione di sesso, tranne il sesso. Il sesso è una questione di potere." Ma non lo ha fatto, nessuno sa chi l'abbia scritto." (Tara Lewis)

Moose[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Moose
  • Diretto da: Joe Mantegna
  • Scritto da: Matthew Lau

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pay-Per-View[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Pay-Per-View
  • Diretto da: Adam Rodríguez
  • Scritto da: Christopher Barbour

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Oedipus Wrecks[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Oedipus Wrecks
  • Diretto da: Sharat Raju
  • Scritto da: Jayne Archer

Trama[modifica | modifica wikitesto]

True Conviction[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: True Conviction
  • Diretto da: Bethany Rooney
  • Scritto da: Chikodili Agwuna

Trama[modifica | modifica wikitesto]

What Doesn't Kill Us[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: What Doesn't Kill Us
  • Diretto da: Aisha Tyler
  • Scritto da: Sullivan Fitzgerald

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Forget Me Knots[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Forget Me Knots
  • Diretto da: A. J. Cook
  • Scritto da: Carlton Gillespie

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rachel Labonte, Criminal Minds Season 16 Release Date & Full Release Schedule Revealed, su screenrant.com, 21 settembre 2022. URL consultato il 18 gennaio 2023.
  2. ^ (EN) Lynette Rice, ‘Criminal Minds: Evolution’ Announces Premiere Date On Paramount+, su deadline.com, 21 settembre 2022. URL consultato il 18 gennaio 2023.
  3. ^ Emanuele Manta, Il revival di Criminal Minds rinnovato a Paramount+, su comingsoon.it, 13 gennaio 2023. URL consultato il 18 gennaio 2023.
  4. ^ a b (EN) Criminal Minds (a Titles & Air Dates Guide), su epguides.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione