Due punti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
due punti
Segni di punteggiatura
apostrofo '
barra /
due punti :
lineetta ondulata
lineetta
parentesi ( ) [ ] { } 〈 〉 < >
punti di sospensione ...
punto e virgola ;
punto esclamativo ! ¡
punto fermo .
punto interrogativo ? ¿
punto mediano ·
spazio     
tratto d'unione
virgola ,
virgolette « » ‘ ’ “ ”
Segni tipografici
asterisco *
asterismo
barra inversa \
barra verticale | ¦
cancelletto #
chiocciola o a commerciale @
circonflesso ^
copyright ©
e commerciale (et) &
fleuron
grado °
indicatore ordinale º ª
ironia
losanga
manicula
marchio ®
meno
nota tipografica
numero
obelisco † ‡
obelo ÷
paragrafo §
per ×
per cento/mille/punto base %
piede di mosca
più +
primo
punto elenco
punto esclarrogativo
tilde ~
tombstone
trattino basso _
trattino-meno -
uguale =
Simboli monetari

¤฿¢$ƒ£ ¥

Ortografia · Segno diacritico · modifica

I due punti sono un comune carattere tipografico. Graficamente, essi consistono in una coppia di punti fermi posizionati verticalmente l'uno sull'altro. Nella lettura, la pausa corrispondente ai due punti è più breve di quella del punto fermo ma più lunga di quella della virgola, simile quindi all'intervallo associato al punto e virgola, al quale però aggiunge un significato deittico.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua italiana, la funzione principale dei due punti è esplicativa: una frase introdotta da essi (come quella che si sta leggendo in questo momento) serve difatti a chiarire il significato della proposizione che la precede. Altri usi dei due punti sono i seguenti:

  • come in questo stesso testo, precedono una lista numerata o dotata di punti elenco;
  • si possono sostituire a una congiunzione, trasformando una subordinata in una coordinata alla reggente, come nell'esempio seguente:
    Oggi non uscirò di casa, perché temo che si possa scatenare un temporale
    Oggi non uscirò di casa: temo che si possa scatenare un temporale
  • in copioni teatrali, romanzi, racconti e altri testi di narrativa, introducono il discorso diretto, mentre non sono utilizzati nel caso di discorsi indiretti; i successivi sono esempi dell'uno e dell'altro caso.
    Discorso indiretto: Mario disse che Lucia era davvero simpatica.
    Discorso diretto: Mario disse: «Lucia è davvero simpatica.».

In matematica e logica[modifica | modifica wikitesto]

In matematica i due punti vengono utilizzati per indicare un rapporto:

"uno a tre"
"a sta a b come c sta a d"

e, in alcune lingue tra cui l'italiano, come segno della divisione:

I due punti vengono inoltre utilizzati per definire il dominio e il codominio di una funzione; ad esempio:

indica che la funzione ha come dominio l'insieme e come codominio l'insieme .

Nelle espressioni logiche i due punti si leggono "tale che" (talvolta al loro posto si utilizza la barra verticale "|"); ad esempio:

si legge: "per ogni x esiste una y tale che x al quadrato è uguale a y".

Inoltre i due punti vengono utilizzati insieme al simbolo di uguale per indicare una definizione, ad esempio:

si legge "x è uguale per definizione a 3".

Chimica[modifica | modifica wikitesto]

I due punti possono essere usati per indicare il rapporto tra le quantità di una sostanza rispetto al preparato, espresse in parti. La seguente scrittura indica che 4 parti di preparato contengono 1 parte di sostanza:

Il che equivale a dire, supponendo che il preparato contenga solo sostanza e solvente, che per ogni parte di sostanza sono state aggiunte 3 parti di solvente (o in generale, altre componenti).

Informatica[modifica | modifica wikitesto]

I due punti vengono usati come separatore negli URI e in IPv6.[1][2] Vengono inoltre utilizzati per indicare un namespace.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) RFC 3986
  2. ^ (EN) RFC 4291

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]