Nota (editoria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'indicazione sull'editore o tipografo, luogo e data di stampa, che può trovarsi sul frontespizio di un libro, al suo verso o al termine del testo, vedi Nota tipografica.

Una nota è un breve testo, avente in genere funzione esplicativa. Quando è posizionata in fondo a una pagina di un libro o di un documento viene chiamata nota a piè di pagina o nota in calce[1]. Quando invece è collocata nel margine esterno della pagina, è detta nota a margine o marginale[2]. Le note possono anche essere raggruppate tutte in un'apposita sezione alla fine del capitolo o del libro.

Contenuto e utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La nota[3] può contenere:

  • una spiegazione o una precisazione dell'autore, tanto più se dettagliata o secondaria (che appesantirebbe l'esposizione se lasciata nel corso del testo);
  • un commento o un approfondimento del curatore; oppure
  • la citazione di una fonte a sostegno di ciò che è affermato nel testo vero e proprio, o il riferimento bibliografico di una fonte citata nel testo.[4]

La nota è dunque essenzialmente una "nota al testo" e non esiste un testo complesso che non sia arricchito di un ampio corredo di note. In particolare, esistono, in alternativa alle traduzioni e specialmente a fini scolastici, molte collane editoriali di classici latini, greci e stranieri con note italiane,[5] in cui le singole opere o selezioni antologiche dei vari autori sono pubblicate nel testo originale annotato in italiano da un curatore, con note esegetiche quasi sempre a piè di pagina.

Secondo convenzioni tipografiche invalse, una nota è stampata in carattere minore del testo ed è contrassegnata da un numero scritto come apice. Talvolta il numero viene inserito fra parentesi, tonde o quadre, come:(1)o[1]. In un libro le note sono numerate progressivamente, tutte insieme oppure capitolo per capitolo. Una singola nota a piè di pagina può essere richiamata da un asterisco *.

Nella letteratura occidentale storicamente sono stati utilizzati anche altri simboli: , , §, , [6], ormai caduti in disuso come indicatori di nota. È opportuno menzionare l'impiego della manicula (☞), soprattutto nelle opere scritte fra il XII e il XV secolo e in quelle stampate fra il XV e il XVIII secolo[7], ma ancor oggi non di rado adoperata come un nota bene per attirare l'attenzione del lettore su una parte importante di testo.

Nei testi arabi esiste un marcatore apposito: ؂ (codice Unicode U+0602).

In giapponese il simbolo corrispondente è (U+203B).

HTML[modifica | modifica wikitesto]

L'HTML, il linguaggio di markup predominante per la stesura delle pagine Web, non possiede meccanismi per gestire le note, malgrado le diverse proposte nel corso degli anni e le ripetute richieste da parte degli utenti. Ciò ha costretto MediaWiki, as esempio, ad introdurre dei propri tag <ref></ref> per aggiungere le note nel testo delle pagine wiki.[8]

Si potrebbe sostenere che i collegamenti ipertestuali eliminano parzialmente la necessità delle note, essendo i primi il modo principale in cui nel web ci si riferisce ad un altro documento. Tuttavia essi non permettono di citare fonti in modalità off-line; inoltre se la destinazione del link cambia, quest'ultimo può divenire rotto o fuorviante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'espressione "nota in calce" come equivalente di "nota a piè di pagina", cioè in calce alla pagina di un libro, non è molto comune; si usa invece a significare una nota posta in calce a un documento, a un atto giuridico, a un articolo di legge.
  2. ^ Molto più usate in passato fino al XVIII secolo, soprattutto nei libri religiosi, le note o postille marginali si usano ancora come titoletti di passi rilevanti o come rinvii a passi paralleli.
  3. ^ Sono delle note anche la "postilla" (marginale o finale) e, con significato più specifico, la "chiosa" (chiarimento a una parola o un passo del testo) e la "glossa" (che ha avuto una grande importanza storica in ambito di commento a testi biblici e soprattutto giuridici).
  4. ^ Le note contenenti dei riferimenti bibliografici non sono senz'altro identificabili con le "note bibliografiche", per le quali si rimanda alla specifica sezione della voce Bibliografia.
  5. ^ Ad es., «Traditio. Nuova collezione di classici greci e latini con note», edita dal 1955 dalla Società editrice Dante Alighieri.
  6. ^ Robert Bringhurst, Gli elementi dello stile tipografico, Edizione italiana a cura di Lucio Passerini, Milano, Sylvestre Bonnard, 2001.
  7. ^ William H. Sherman, Toward a History of the Manicule (PDF), su livesandletters.ac.uk. URL consultato il 28 giugno 2013.
  8. ^ (EN) Extension:Cite, MediaWiki. URL consultato il 22 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anthony Grafton, La nota a piè di pagina. Una storia curiosa, Traduzione di Gianna Lonza, Milano, Sylvestre Bonnard, 2000.
  • Chuck Zerby, The Devil's details. A history of footnotes, New York, Simon & Schuster, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4200645-4