Punto di ironia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Punto di ironia
Segni di punteggiatura
apostrofo '
barra /
due punti :
lineetta ondulata
lineetta
parentesi ( ) [ ] { } ⟨ ⟩ < >
punti di sospensione ...
punto e virgola ;
punto esclamativo ! ¡
punto fermo .
punto interrogativo ? ¿
punto mediano ·
spazio     
tratto d'unione
virgola ,
virgolette « » ‘ ’ “ ”
Segni tipografici
asterisco *
asterismo
barra rovesciata \
barra verticale | ¦
cancelletto #
chiocciola o a commerciale @
circonflesso ^
copyright ©
e commerciale (et) &
foglia aldina
grado °
indicatore ordinale º ª
interrobang
ironia
losanga
manina
marchio ®
meno
nota
numero
obelisco † ‡
obelo ÷
paragrafo §
per ×
per cento/mille/punto base %
piede di mosca
più +
primo
punto elenco
tilde ~
tombstone
trattino basso _
trattino-meno -
uguale =
Simboli monetari

¤฿¢$ƒ£ ¥

Ortografia · Segno diacritico

Il punto di ironia o segno di ironia viene utilizzato principalmente per indicare che una frase deve essere letta e compresa con sarcasmo. Un punto esclamativo tra parentesi o un punto interrogativo, nonché citazioni di spavento sono anche a volte utilizzati per esprimere ironia o sarcasmo.

Punto di percontazione[modifica | modifica wikitesto]

Il punto di percontazione (Irony mark full.svg), un punto interrogativo invertito in seguito denominato punto interrogativo retorico, è stato proposto da Henry Denham negli anni ottanta del Cinquecento ed è stato utilizzato alla fine di una domanda che non richiede una risposta: una domanda retorica. Il suo utilizzo si estinse nel XVII secolo[1]. Questo carattere può essere rappresentato utilizzando il punto interrogativo invertito (⸮) trovato in Unicode come U + 2E2E; un altro carattere che lo approssima è il punto interrogativo arabo (؟), U + 061F.

Il punto interrogativo moderno (? U + 003F) discende dal "punctus interrogativus" (descritto come "un lampo che colpisce da destra a sinistra")[2], ma a differenza del punto interrogativo moderno, il punctus interrogativus può essere contrastato con il punctus percontativus: il primo segna domande che richiedono una risposta mentre il secondo segna domande retoriche[3].

Marchio di ironia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1668, John Wilkins, in Un saggio verso un carattere reale e un linguaggio filosofico, propose di utilizzare un punto esclamativo capovolto per punteggiare affermazioni ironiche[4]. Nel 1841, Marcellin Jobard, un editore di giornali belga, introdusse un segno ironico a forma di punta di freccia sovradimensionata con un piccolo gambo (come un ideogramma di un albero di Natale). L'anno successivo amplia la sua idea, suggerendo che il simbolo possa essere utilizzato in vari orientamenti (di lato, capovolto, ecc.) Per segnare "un punto di irritazione, un punto di indignazione, un punto di esitazione"[5].

Il punto ironico (francese: point d'ironie) è stato proposto dal poeta francese Alcanter de Brahm (alias, Marcel Bernhardt) nel suo libro del 1899 L'ostensoir des ironies per indicare che una frase dovrebbe essere intesa a un secondo livello (ironia, sarcasmo, ecc.). È illustrato da un glifo simile, ma non identico, a un piccolo punto interrogativo in alto e rivolto all'indietro[6]. Lo stesso marchio è stato utilizzato in precedenza da Marcellin Jobard in un articolo datato 11 giugno 1841 e commentato in un rapporto del 1842[7].

Hervé Bazin, nel suo saggio "Plumons l'Oiseau" ("Cogliamo l'uccello", 1966), ha usato la lettera greca ψ con un punto sotto per lo stesso scopo (Point d'ironie (Hervé Bazin).svg)[8]. Nella stessa opera, l'autore ha proposto altri cinque segni di punteggiatura innovativi: il "punto di dubbio" (Point de doute (Hervé Bazin).svg), "punto di convinzione" (Point de conviction (Hervé Bazin).svg), "punto di acclamazione" (Point d'acclamation (Hervé Bazin).svg), "punto di autorità" (Point d'autorité (Hervé Bazin).svg) e "punto di amore" (Point d'amour (Hervé Bazin).svg)[9].

Nel marzo 2007, la fondazione olandese CPNB (Collectieve Propaganda van het Nederlandse Boek) ha presentato un altro disegno di un marchio ironico, l' ironieteken: (Ironieteken.svg).

Corsivo inverso[modifica | modifica wikitesto]

Tom Driberg ha raccomandato che le affermazioni ironiche dovrebbero essere stampate in corsivo che si oppongono al corsivo convenzionale[10].

Citazioni di scherno[modifica | modifica wikitesto]

Le citazioni di scherno (o "di paura") sono un uso particolare delle virgolette. Sono posti intorno a una parola o frase per indicare che non è usata nel modo in cui lo userebbe personalmente lo scrittore. Contrariamente allo scopo tipografico nominale delle virgolette, le parole allegate non sono necessariamente citate da un'altra fonte. Quando vengono letti ad alta voce, vengono utilizzate varie tecniche per trasmettere il senso, come anteporre l'aggiunta di "cosiddetto" o una parola o frase simile di disprezzo, usando un tono sarcastico o beffardo, o usando citazioni aeree, o altro.

Temherte slaqî[modifica | modifica wikitesto]

In alcune lingue etiopi, il sarcasmo e le frasi irreali sono indicati alla fine di una frase con un segno di sarcasmo chiamato temherte slaqî o temherte slaq, un carattere che assomiglia al punto esclamativo invertito (U + 00A1) (¡)[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Truss,  p. 142
  2. ^ Interrogativus.png (PNG), su TypoWiki (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  3. ^ Michael Everson, Peter Baker, Marcus Dohnicht, António Emiliano, Odd Einar Haugen, Susana Pedro, David J. Perry e Roozbeh Pournader, Proposal to add Medievalist and Iranianist punctuation characters to the UCS (PDF), 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2016).
  4. ^ Houston,  pp. 212–214
  5. ^ Houston,  pp. 215–217
  6. ^ Michael Everson, Peter Baker, Marcus Dohnicht, António Emiliano, Odd Einar Haugen, Susana Pedro, David J. Perry e Roozbeh Pournader, Proposal to add Medievalist and Iranianist punctuation characters to the UCS (PDF), 10 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2016).
  7. ^ Marcellin JOBARD, "Industrie française: rapport sur l'exposition de 1839 – Volume II, p. 350-351." French industry, report on the 1839 exhibition, Vol 2 pp. 350–351 (French text available on-line)
  8. ^ Hervé Bazin, Plumons l'oiseau, Paris (France), Éditions Bernard Grasset, 1966, p. 142.
  9. ^ Mykyta Yevstifeyev e Karl Pentzlin, Revised preliminary proposal to encode six punctuation characters introduced by Hervé Bazin in the UCS (PDF), 28 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2016).
  10. ^ Houston,  p. 227
  11. ^ Asteraye Tsigie, Berhanu Beyene, Daniel Aberra e Daniel Yacob, A Roadmap to the Extension of the Ethiopic Writing System Standard Under Unicode and ISO-10646 (PDF), in 15th International Unicode Conference, 1999, p. 6.