Barra obliqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il segno \, vedi Barra rovesciata.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando i segni | o ¦, vedi Barra verticale.
Barra obliqua
Segni di punteggiatura
apostrofo '
barra /
due punti :
lineetta ondulata
lineetta
parentesi ( ) [ ] { } 〈 〉 < >
punti di sospensione ...
punto e virgola ;
punto esclamativo ! ¡
punto fermo .
punto interrogativo ? ¿
punto mediano ·
spazio     
tratto d'unione
virgola ,
virgolette « » ‘ ’ “ ”
Segni tipografici
asterisco *
asterismo
barra rovesciata \
barra verticale | ¦
cancelletto #
chiocciola o a commerciale @
circonflesso ^
copyright ©
e commerciale (et) &
foglia aldina
grado °
indicatore ordinale º ª
interrobang
ironia
losanga
manina
marchio ®
meno
nota tipografica
numero
obelisco † ‡
obelo ÷
paragrafo §
per ×
per cento/mille/punto base %
piede di mosca
più +
primo
punto elenco
tilde ~
tombstone
trattino basso _
trattino-meno -
uguale =
Simboli monetari

¤฿¢$ƒ£ ¥

Ortografia · Segno diacritico · modifica

La barra obliqua (/), o sbarra (detta talvolta slash /slæʃ/, che è il suo nome inglese), è un carattere tipografico.

Graficamente consiste in un piccolo segmento, inclinato dal basso a sinistra verso l'alto a destra. Si differenzia dalla barra inversa proprio per il suo orientamento, che è speculare rispetto a quest'ultima.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Nel Tommaseo barra viene riportato come:

«Barra, S.f. Sbarra, Trincera, Steccato. Lat. Vara, Palo, Pertica; Varus o Varrus, Palo non rimondato»

mentre delle definizioni più moderne sono:

«Segno grafico costituito da una lineetta verticale o obliqua, indicante separazione, cancellazione o sim.: dividere due versi con una b.»

(De Mauro, dizionario della lingua italiana[1])

«Carattere grafico costituito da un trattino obliquo o verticale, usato in vari contesti (segno di separazione, di frazione ecc.)»

(Sabatini Coletti[2])

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

La barra obliqua ha diversi utilizzi in diversi campi.

In informatica[modifica | modifica wikitesto]

/usr/local/bin
/data/readme.txt
http://it.wikipedia.org/wiki/Punteggiatura
ftp://ftp.mozilla.org/pub/
/* Commento 1 */
// Commento 2
  • In HTML, SGML, XML e linguaggi derivati, lo slash serve a concludere un tag:
<title>Prima pagina</title>
<Database name="miodb"/>
  • In MS-DOS, la barra è usata per specificare opzioni di un comando:
dir /w
  • In quasi tutti i linguaggi di programmazione, la barra è l'operatore della divisione. Per esempio in C:
int x = 12/3;
x /= 2;
  • Nello schema di indirizzamento CIDR, la barra serve a definire il numero di bit per la parte di indirizzo della rete:
66.100.50.0/24

In fonologia[modifica | modifica wikitesto]

In fonologia una doppia sbarra obliqua (/.../) è usata, secondo una convenzione internazionale, per delimitare le trascrizioni fonematiche (sia che esse usino l'AFI o altri sistemi) o i singoli fonemi:

giro /ˈʤiro/
slash /slæʃ/
/a/

Tra parentesi quadre ([...]) si racchiudono invece le trascrizioni fonetiche (quelle cioè che contengono anche particolari non distintivi della pronuncia, e non sono perciò fonematiche):

giro [ˈʤi:ro]

In matematica[modifica | modifica wikitesto]

In matematica, due barre verticali || o due barre oblique // indicano due rette parallele (si veda Parallelo (simbolo)). Nella scrittura di espressioni matematiche mediante l'utilizzo di semplici caratteri ASCII non estesi, la barra indica l'operazione di divisione: 3 + (14/7) = 5. Inoltre, una barra obliqua (/) può significare, in linguaggio matematico "tale che" (es. x/x < 3, si legge "x tale che x sia minore di 3).

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

La barra separa in una poesia un verso dall'altro, quando non si va a capo alla fine di ciascun verso. Si utilizza anche come separazione fra diverse alternative (ad esempio, quando le due congiunzioni e e o vengono associate: "e/o") o nelle date. È usato per scrivere unità di misura espresse da frazioni. Nei tabelloni del gioco del bowling, la barra indica uno spare, ossia l'abbattimento dei dieci birilli in due colpi. In elettrotecnica, due barre oblique indicano una connessione in parallelo di due bipoli.

Seguono vari esempi dell'uso della barra:

  • "Ei fu. Siccome immobile / dato il mortal sospiro / stette la spoglia immemore / orba di tanto spiro / [...]" (Manzoni).
  • Oggi è il 13/12/2019
  • 100 km/h
  • Mangiare e/o dormire
  • Il/la sottoscritto/a ... nato/a a ...

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barra: significato, su Dizionario italiano De Mauro.
  2. ^ Barra, su il Sabatini Coletti dizionario della Lingua Italiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]