Obelo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Utilizzo del simbolo su un traghetto della Tirrenia

L'òbelo, indicato col segno ÷, è un simbolo costituito da una breve linea orizzontale con un punto sopra e sotto. È usato prevalentemente per rappresentare l'operazione di divisione e con questo significato è utilizzato nelle calcolatrici elettroniche. In Italia è talvolta impiegato per indicare un intervallo:[1] per esempio "3 ÷ 7" significa "da 3 a 7".[2]

Nel Medioevo il simbolo fu rappresentato con la sovrapposizione di un punto. Il nome "obelo" è talvolta utilizzato per indicare l'obelisco (†).[1]

Obelismo[modifica | modifica wikitesto]

Varianti degli obeli utilizzati nell'analisi critica di un testo spurio

Da un punto di vista paleografico, l'obelo è anche quel simbolo, in forma di lineetta orizzontale (ὀβελός: spiedo), che i grammatici alessandrini, nell'edizione critica di un testo, utilizzavano nei marginalia per indicare l'atetesi di quei passi che si consideravano spuri. Un esempio ne è l'uso di Aristarco nei confronti dei manoscritti di Omero ritenuti falsi o corrotti.

Tale pratica fa parte delle tecniche di obelismo,ossia la pratica di annotare manoscritti con segni indicati a margine. Infatti nella redazione di manoscritti, oltre agli obeli, gli editori greci utilizzavano altri simboli :

Nei computer[modifica | modifica wikitesto]

È il carattere ASCII numero 246, e si può scrivere con la combinazione da tastiera "Alt+246" (Alt sinistro e numeri del tastierino numerico).

In LaTeX, l'obelo si ottiene con \div.

Nella raccolta Unicode, l'obelo è definito come "segno di divisione" e corrisponde al simbolo U+00F7.[3]

In HTML, si può codificare come ÷ o ÷ in HTML 3.2, o come ÷.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b LXIX. Parvae Quaestiones, vol. 4: La scalata dell'obelisco, uroboria.blogspot.it. URL consultato l'11 ottobre 2016.
  2. ^ Come in: Pierangelo Andreini, Manuale dell'ingegnere meccanico, Milano, Hoepli, 2002. In questo testo l'autore utilizza sia l'òbelo che il trattino lungo per indicare delle gamme di valori.
  3. ^ Jukka Korpela, Unicode Explained: Internationalize documents, programs, and web sites, O'Reilly Media, Inc., 2006, p. 397, ISBN 978-0-596-10121-3.
Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica