Uniform Resource Identifier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In informatica, lo Uniform Resource Identifier (in acronimo URI) è una sequenza di caratteri che identifica univocamente una risorsa generica. Sono esempi di URI: un indirizzo web (URL), un documento, un'immagine, un file, un servizio, un indirizzo di posta elettronica, ecc.

Gli URI rendono disponibili le risorse secondo una varietà di protocolli quali HTTP, FTP, ecc.

Relazione fra URI, URL e URN[modifica | modifica wikitesto]

Un URI può essere classificato come URL o come URN

  • Un URL (Uniform Resource Locator) è un URI che, oltre a identificare una risorsa, fornisce mezzi per agire su di essa o per ottenere una rappresentazione della risorsa descrivendo il suo meccanismo di accesso primario o la sua "ubicazione" ("location") in una rete. Per esempio, l'URL http://www.wikipedia.org/ è un URI che identifica una risorsa (l'home page di Wikipedia) e lascia intendere che una rappresentazione di tale risorsa (il codice HTML della versione corrente di tale home page) è ottenibile via HTTP da un host di rete chiamato www.wikipedia.org.
  • Un URN (Uniform Resource Name) è un URI che identifica una risorsa mediante un "nome" in un particolare dominio di nomi ("namespace"). Un URN può essere usato per parlare di una risorsa senza lasciar intendere la sua ubicazione o come ottenerne una rappresentazione. Per esempio l'URN urn:isbn:0-395-36341-1 è un URI che consente di individuare univocamente un libro mediante il suo nome 0-395-36341-1 nel namespace dei codici ISBN, ma non suggerisce dove e come possiamo ottenere una copia di tale libro.

Sintassi[modifica | modifica wikitesto]

Il formato segue schemi prefissati. Il registro ufficiale viene mantenuto presso la Internet Assigned Numbers Authority.

La sintassi di un URI dipende dallo schema. In generale, URI assoluti si scrivono come segue

<scheme>:<scheme-specific-part>

Un URI assoluto contiene il nome dello schema usato (<scheme>) seguito dai due punti (":") e quindi da una stringa (<scheme-specific-part>) la cui interpretazione dipende dallo schema.

La sintassi non prescrive che la componente scheme-specific-part abbia una struttura generale o una semantica comune a tutti gli URI.

Tuttavia, un sottoinsieme di URI condivide una sintassi comune per rappresentare relazioni gerarchiche nel namespace. Questa sintassi di "URI generico" consiste di una sequenza di 4 componenti:

<scheme>://<authority><path>?<query>

ognuna delle quali, tranne <scheme>, può anche non comparire in un determinato URI. Ad esempio, alcuni schemi di URI non ammettono una componente <authority> mentre altri non utilizzano la componente <query>.

Esempi di URI[modifica | modifica wikitesto]

  • [URI.URL] ftp://ftp.is.co.za/rfc/rfc1808.txt -- schema per servizi FTP
  • [URI.URL] http://www.math.uio.no/faq/compression-faq/part1.html -- schema per servizi HTTP
  • [URI.URL] file://C:/Folder1/SubFolder2/file%20text.txt -- schema per un file nel file system locale
  • [URI.URL] mailto:mduerst@ifi.unizh.ch -- schema per indirizzi di posta elettronica
  • [URI.URL] news:comp.infosystems.www.servers.unix -- schema per newsgroup e articoli Usenet
  • [URI.URL] telnet://melvyl.ucop.edu/ -- schema per servizi interattivi telnet
  • [URI.URL] irc://irc.freenode.net/wikipedia-it -- schema per IRC
  • [URI.URL] usb://Samsung/SCX-4x21%20Series?serial=8P36BADL316673B.&interface=1 -- Esempio di stampante in ambiente Linux
  • [URI.URN] tel:+1-816-555-1212 -- Esempio di URN che identifica un recapito telefonico diretto
  • [URI.URN] isbn:0-395-36341-1 -- Esempio di URN che identifica un libro nel dominio dei codici ISBN (spazio dei nomi)
  • [URI.URN] uuid:6e8bc430-9c3a-11d9-9669-0800200c9a66 -- Esempio di URN che identifica un Identificativo Univoco Universale (Universally unique identifier)
  • [URI.URN] oasis:names:specification:docbook:dtd:xml:4.1.2 -- Esempio di URN che identifica la versione 4.1.2 del sottodominio xml. L'identificazione univoca avviene per sottodomini (nello spazio dei nomi) fino al nome non specifico della risorsa specifica finale. L'identificazione diviene specifica ed univoca grazie alla concatenazione esatta (sequenza ordinata) dei nomi dei sottodomini fino alla risorsa finale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh2002000192
Internet Portale Internet: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di internet