Doo-Wops & Hooligans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doo-Wops & Hooligans
Artista Bruno Mars
Tipo album Studio
Pubblicazione 4 ottobre 2010
Durata 35:27
Genere Pop
Contemporary R&B
Reggae fusion
Pop rock
Etichetta Atlantic, Elektra
Produttore The Smeezingtons (Bruno Mars, Philip Lawrence e Ari Levine), Needlz, Supa Dups
Registrazione 2010, presso i Larrabee Recording Studios ed i Levcon Studios di Los Angeles
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia[1]
(vendite: 30 000+)

Cile Cile[2]
(vendite: 5 000+)
Giappone Giappone[3]
(vendite: 100 000+)
Polonia Polonia[4]
(vendite: 10 000+)
Messico Messico[6]
(vendite: 30 000+)
Spagna Spagna[7]
(vendite: 20 000+)

Svezia Svezia[8]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platino Australia Australia (4)[9]
(vendite: 280 000+)

Austria Austria[10]
(vendite: 20 000+)
Argentina Argentina
(vendite: 80 000+)
Belgio Belgio[11]
(vendite: 30 000+)
Brasile Brasile (2)[12]
(vendite: 80 000+)
Canada Canada (3)[13]
(vendite: 240 000+)
Danimarca Danimarca (2)[14]
(vendite: 60 000+)
Europa Europa (3)[16]
(vendite: 3 000 000+)
Francia Francia (2)[17]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania (2)[18]
(vendite: 500 000+)
Irlanda Irlanda (4)[19]
(vendite: 60 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (6)[20]
(vendite: 90 000+)
Perù Perù[21]
(vendite: 6 000+)
Regno Unito Regno Unito (5)[22]
(vendite: 1 615 000+)

Stati Uniti Stati Uniti (2)[23]
(vendite: 2 310 000+)
Dischi di diamante Filippine Filippine (2)[24]
(vendite: 300 000+)
Bruno Mars - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2012)
Singoli
  1. Just the Way You Are
    Pubblicato: 20 luglio 2010
  2. Grenade
    Pubblicato: 28 settembre 2010
  3. The Lazy Song
    Pubblicato: 15 febbraio 2011
  4. Marry You
    Pubblicato: 22 agosto 2011
  5. Count on Me
    Pubblicato: 7 novembre 2011

Doo-Wops & Hooligans è l'album discografico di debutto del cantante e compositore statunitense Bruno Mars. Il disco è stato pubblicato dalla Atlantic/Elektra il 4 ottobre 2010. Gli Smeezingtons, il team produttivo di Mars è accreditato come produttore esecutivo dell'album, e autore di tutti i brani in esso presenti. La critica ha paragonato lo stile di Bruno Mars a quello di vari artisti da Michael Jackson,[25][26][27][28] a Little Richard,[29] e a Jason Mraz[27][30]. Doo-Wops & Hooligans ha debuttato alla terza posizione della classifica Billboard 200, dove tuttora sta passando la sua 255ª settimana consecutiva,[31] e nella top ten di Australia, Canada e Nuova Zelanda.

L'album fu, con oltre 6 milioni di vendite, il secondo album più venduto del 2011, dopo 21 di Adele.[32][33]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante ha dichiarato in un'intervista che "Doo-Wops", genere creato negli anni 50', gli è stato trasmesso dal padre, e "Hooligans" rappresenta il suo lato rock, infatti il titolo del suo album è Doo-Wops & Hooligans.

Contesto e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Ari Levine, uno dei colleghi di Mars nel trio di produzione The Smeezingtons, dichiarò che loro non avevano mai incontrato personalmente Needlz, che li aiutò per la produzione di Just the Way You Are, e nemmeno Supa Dups, che li li aiutò per la produzione di Our First Time e di Liquor Store Blues, e di aver collaborato grazie ad un invio reciproco di files attraverso il computer. Inoltre rivelò che la traccia The Other Side era inizialmente scritta per un altro artista, ma durante la produzione del brano pensarono che sarebbe stata coerente per l'album di Mars.

Mars spiegò che l'idea del brano per The Lazy Song venne in mente a Mars, Philip Lawrence e Ari Levine in un giorno dove si trovavano in studio insieme a K'naan, ed erano giorni che non producevano alcun brano, e così si sentivano pigri, e ciò li ha portati all'idea del testo del brano e successivamente tutti insieme produssero il brano.[34]

Il rilascio di Doo-Wops & Hooligans è stato annunciato in un comunicato stampa il 25 agosto 2010, a seguito del primo EP del cantante all'inizio dell'anno. La copertina dell'album è stata mostrata in anteprima esclusiva il 30 agosto 2010 e Mars con essa ha anche ufficializzato la data di pubblicazione sotto l'Atlantic Records il 9 settembre 2010.

Musica e stile[modifica | modifica wikitesto]

Bruno Mars si esbisce il 29 novembre 2010 ad Houston, in Texas

Doo-Wops & Hooligans è principalmente un album pop[35][36][37] ed è stato lodato e acclamato fortemente dai critici musicali per la ricca varietà di generi e influenze musicali contenute al suo interno. Alcune canzoni del disco contengono elementi di genere rock,[38] reggae,[39] R&B[40] e hip hop.[41]

  • Ken Capobianco della rivista The Boston Globe ha definito l'album come un disco "Ricco di melodie vivaci rese uniche da un pop liscio e grintoso".
  • John Caramanica del The New York Times ha lodato la voce di Mars, che secondo lui, È capace di rendere ogni canzone speciale e unica, con una voce illuminante in grado di trasmettere una vasta gamma di sfumature soul, raggae, hip hop e R&B.
  • Lisa Binkert di Billboard ha dichiarato che È impossibile definire con certezza quale stile musicale influenzi di più Bruno Mars: lui riesce a mischiare un sacco di stili e sfumature pop e rock in una sola canzone e la sua voce si sposa perfettamente con qualsiasi di questi generi.

Il timbro vocale e le melodie contenute all'interno dell'album sono state più volte paragonate a quelle di Michael Jackson, soprattutto per quanto riguarda per la traccia di apertura Grenade, il cui testo e melodie sono molto simili ad un singolo di Jackson, Dirty Diana del 1988. La stessa canzone e vari brani musicali del disco sono stati paragonati ad altri brani musicali ad altri artisti quali Kanye West, Shakira, U2, Coldplay e molti altri.[42]

Il brano d'apertura dell'album, Grenade è una ballad pop, con sfumature R&B, e uno stile che rimanda alla musica pop degli anni '80. La traccia successiva, Just the Way You Are, è una ballata melodica e romantica di genere pop e R&B,[43] la terza traccia, Our First Time, presenta sonorità reggae e R&B, che ricevette diversi paragoni a lavori dei Boyz II Men,[44] Runaway Baby è invece un vivace brano rock con approssimazioni al pop, ciò ha portato la traccia a diversi paragoni allo stile di Little Richard,[45] The Lazy Song mostra influenze di roots reggae e musica hawaiiana[46] con elementi di musica pop e R&B,[47] Marry You è un brano pop e doo-wop che incorpora influenze di musica reggae, Talking to the Moon è una power ballad, di genere soft rock e R&B, Liquor Store Blues con Damian Marley è un brano dalle pure sonorità reggae, Count on Me è un brano pop e soul con approssimazioni reggae e forti influenze di musica hawaiana, ciò ha portato il brano a diversi paragoni a diversi lavori di Jason Mraz,[48] ed infine The Other Side è un brano indie rock e soul con la parte alternative rap di B.o.B.

Temi lirici[modifica | modifica wikitesto]

I brani musicali inclusi nell'album si dividono in due categorie differenti secondo il punto di vista del cantante e delle melodie adottate: alcuni sono ottimisti, ballate allegre e spensierati, tra cui le canzoni Just the Way You Are, la quale è una canzone d'amore dedicata ad una ragazza, dicendole che a lui piace così com'è e che non è necessario che lei cambi per piacergli ancora di più; Count on Me, che come tema affronta l'amicizia e la forza della solidarietà; Marry You, che descrive un'assurda situazione in cui due persone decidono improvvisamente di sposarsi; Runaway Baby e The Lazy Song, le quali sono un'inno alla pigrizia e alla libertà spirituale.

Altre canzoni trattano invece di temi tristi e drammatici, spesso legati alle delusioni d'amore e che utilizzano melodie e cori che richiamano uno stato d'animo di tristezza e malinconia: tra i brani vi sono Grenade, Talking to the Moon e Liquor Store Blues.[49]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Il primo singolo da esso estratto Just the Way You Are ha raggiunto la vetta della Billboard Hot 100 per quattro settimane consecutive, diventando la numero uno anche nella UK Singles Chart, vendendo oltre 12 milioni di copie nel 2011 diventando il singolo più venduto nel 2011 in tutto il mondo. Per promuovere l'album sono stati inoltre distribuiti altri due singoli digitali: Liquor Store Blues, featuring Damian Marley e Grenade. Quest'ultimo, estratto come secondo singolo ufficiale ha riscosso molto successo in tutto il mondo arrivando, anch'esso, alla #1 di Billboard Hot 100, e della UK Singles Chart, come avvenuto per il precedente singolo, vendendo nel 2011 oltre 11 milioni di copie diventando il secondo singolo più venduto nel 2011 in tutto il mondo. Il terzo singolo ufficiale, pubblicato il 15 febbraio 2011 è The Lazy Song, ha raggiunto anch'esso la vetta della UK Singles Chart, il singolo è stato il decimo più venduto del 2011 con 6,5 milioni di copie. Il quarto singolo estratto è Marry You, non estratto per il mercato americano, ma nonostante questo ha raggiunto un buon successo internazionale, sebbene minore ai precedenti singoli.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Grenade - 3:42
  2. Just the Way You Are - 3:40
  3. Our First Time - 4:03
  4. Runaway Baby - 2:27
  5. The Lazy Song - 3:15 *
  6. Marry You - 3:50
  7. Talking to the Moon - 3:37
  8. Liquor Store Blues (feat. Damian Marley)- 3:49
  9. Count on Me - 3:17
  10. The Other Side (feat. Cee Lo Green & B.o.B.) - 3:47
Tracce bonus dell'edizione Deluxe
  1. Just the Way You Are (Remix feat. Lupe Fiasco) - 3:58
  2. Somewhere in Brooklyn (EP version) - 3:01

* Nell'edizione digitale del disco è presente l'edizione singolo di The Lazy Song, ovvero quella della durata di tre minuti e otto secondi in cui sono presenti dei fischi e in cui viene eliminato l'intro con la batteria.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Doo-Wops & Hooligans ha avuto un grande successo a livello mondiale. Nel 2011 ha venduto 4 milioni di copie[50] mentre nel 2012 ne vendette altri 1,2 milioni[51]. Il totale complessivo ad oggi è oltre 6 milioni di vendite.[52] Negli Stati Uniti l'album debuttò con 55.000 copie e ad oggi ne ha vendute 2,3 mln. [53]

Classifica (2010) Posizione
raggiunta
Svizzera[54] 1
Paesi Bassi[54] 1
Belgio (Fiandre)[54] 1
Germania[55] 1
Irlanda[55] 1
Regno Unito[55] 1
Austria[54] 2
Australia[54] 2
Nuova Zelanda[54] 2
Danimarca[54] 3
Stati Uniti[55] 3
Italia[56] 11
Norvegia[54] 10
Belgio (Vallonia)[54] 20

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica di fine anno (2011) Posizione
Stati Uniti[57] 12
Classifica di fine anno (2012) Posizione
Australia[58] 25
Austria[59] 71
Belgio (Fiandre)[60] 80
Nuova Zelanda[61] 9
Regno Unito[62] 26
Stati Uniti[63] 60
Svizzera[64] 50
Classifica di fine anno (2013) Posizione
Nuova Zelanda[65] 45
Stati Uniti[66] 73

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Certificazioni
  2. ^ http://diario.latercera.com/2012/03/23/01/contenido/cultura-entretencion/30-104430-9-one-direction-el-nuevo-fenomeno-del-pop-adolescente-ya-es-disco-de-oro-en-chile.shtml One Direction: el nuevo fenómeno del pop adolescente ya es disco de oro en Chile
  3. ^ http://www.riaj.or.jp/data/others/gold/201202.html 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計
  4. ^ http://www.zpav.pl/rankingi/wyroznienia/zlote/index.php Listy bestsellerów, wyróżnienia :: Związek Producentów Audio-Video
  5. ^ http://www.amprofon.com.mx/certificaciones-amprofon.php?key=Bruno+Mars&action=Buscar&anio=&disquera=&tipoAlbum=&tipoCertificacion=
  6. ^ [5]
  7. ^ http://promusicae.es/files/listassemanales/albumes/historial/TOP%20100%20ALBUMES%201774.pdf
  8. ^ http://www.ifpi.se/wp-content/uploads/
  9. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupagesALBUMaccreds2012.htm http://www.aria.com.au/pages/ALBUMaccreds2012.htm
  10. ^ http://www.ifpi.at/?section=goldplatin IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft
  11. ^ http://www.ultratop.be/nl/certifications.asp?year=2012 ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  12. ^ ABPD - Associaусo Brasileira de Produtores de Disco
  13. ^ http://www.musiccanada.com/GPSearchResult.aspx?st=Doo-Wops+%26+Hooligans&sa=Bruno+Mars&smt=0 Gold and Platinum Search
  14. ^ http://ifpi.dk/?q=certificeringer&page=6 Certificeringer
  15. ^ Platinum Awards — IFPI — Representing the recording industry worldwide
  16. ^ [15]
  17. ^ http://www.disqueenfrance.com/fr/pag-259165-CERTIFICATIONS.html?year=2011&type=12 Disque en France
  18. ^ http://www.musikindustrie.de/gold_platin_datenbank/?action=suche&strTitel=Doo-Wops+%26+Hooligans&strInterpret=Bruno+Mars&strTtArt=alben&strAwards=checked Bundesverband Musikindustrie: Gold-/Platin-Datenbank
  19. ^ http://www.irishcharts.ie/awards/multi_platinum11.htm The Irish Charts - All there is to know
  20. ^ http://nztop40.co.nz/chart/albums?chart=2464
  21. ^ http://brunomarsperu.blogspot.it/2011/10/bruno-mars-recibe-disco-platino-por-doo.html
  22. ^ http://www.bpi.co.uk/certified-awards.aspx Certified Awards
  23. ^ http://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/6221677/billboard-200-weird-al-mandatory-fun
  24. ^ http://myxph.com/features/9891/bruno-marss-treasure-for-kids-affected-by-typhoon-yolanda/
  25. ^ Scott Mervis, For the Record: Bruno Mars, in Pittsburgh Post-Gazette, Block Communications, 7 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  26. ^ Jim Farber, Bruno Mars follows his summer of hits with a big debut album 'Doo-Wops & Hooligans', in Daily News, Mortimer Zuckerman, 3 ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  27. ^ a b Sean Fennessey, 'Doo-Wops & Hooligans' indicates that Bruno Mars is primed for a durable career, in The Washington Post, The Washington Post Company, 5 ottobre 2010. URL consultato il 7 ottobre 2010.
  28. ^ Brad Wheeler, The week’s hottest songs, in The Globe and Mail, CTVglobemedia, 1º ottobre 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  29. ^ http://www.nytimes.com/2010/10/06/arts/music/06mars.html?_r=1
  30. ^ Jon Caramanica, Bruno Mars in Ascension, in The New York Times, The New York Times Company, 5 ottobre 2010. URL consultato il 5 ottobre 2010.
  31. ^ Top 200 Albums | Billboard
  32. ^ Bruno Mars: The Billboard Cover Story | Billboard
  33. ^ IFPI 2012 Report: Global Music Revenue Down 3%; Sync, PRO, Digital Income Up | Billboard
  34. ^ http://www.soundonsound.com/sos/jun11/articles/smeezingtons.htm
  35. ^ http://www.metacritic.com/music/doo-wops-and-hooligans/critic-reviews
  36. ^ http://www.ew.com/ew/article/0,,20430431,00.html
  37. ^ http://www.rollingstone.com/music/reviews/album/45342/215561
  38. ^ http://www.google.com/hostednews/canadianpress/article/ALeqM5gjr8ohYp6-JRjy3cqL46EgEmA_dA
  39. ^ http://www.google.com/hostednews/canadianpress/article/ALeqM5gjr8ohYp6-JRjy3cqL46EgEmA_dA
  40. ^ http://www.post-gazette.com/music/2010/10/07/For-the-Record-Bruno-Mars/stories/201010070346
  41. ^ http://www.nytimes.com/2010/10/06/arts/music/06mars.html
  42. ^ Bruno Mars: Doo-Wops & Hooligans, CD review - Telegraph
  43. ^ http://www.djbooth.net/index/tracks/review/bruno-mars-way-you-are/
  44. ^ http://consequenceofsound.net/2010/12/03/album-review-bruno-mars-doo-wops-hooligans/
  45. ^ http://www.nytimes.com/2010/10/06/arts/music/06mars.html?_r=0
  46. ^ Jon Caramanica, Critic's Notebook - Bruno Mars in Ascension, in The New York Times, The New York Times Company, 6 ottobre 2010. URL consultato il 17 febbraio 2011.
  47. ^ Bruno Mars The Lazy Song – Digital Sheet Music, in Music Notes, EMI Music Publishing. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  48. ^ http://www.rnbjunk.com/bruno-mars-doo-wops-and-hooligans-recensione-cd-128/
  49. ^ Doo-Wops & Hooligans | EW.com
  50. ^ Index, su www.mediatraffic.de. URL consultato il 05 settembre 2015.
  51. ^ Index, su www.mediatraffic.de. URL consultato il 05 settembre 2015.
  52. ^ Bruno Mars: The Billboard Cover Story, billboard.com. URL consultato il 05 settembre 2015.
  53. ^ RIAA - Recording Industry Association of America - September 05, 2015, su http://www.riaa.com. URL consultato il 05 settembre 2015.
  54. ^ a b c d e f g h i Doo-Wops & Hooligans su italiancharts.com, italiancharts.com. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  55. ^ a b c d Doo-Wops & Hooligans su acharts.us, acharts.us. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  56. ^ Classifica Fimi del 24 gennaio 2011, fimi.it. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  57. ^ Best of 2011 Billboard 200, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  58. ^ (EN) ARIA Australian End of Year Chart - ARIA Top 100 Albums Chart - 2012, Australian Recording Industry Association, 7 gennaio 2013. URL consultato il 9 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2013).
  59. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40 - Longplay Charts 2012, Orf.at, 3 gennaio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2013).
  60. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN 2012, ultratop.be. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  61. ^ (EN) End Of Year Charts 2012, Rianz. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  62. ^ (EN) The Official Top 40 Biggest Selling Albums Of 2012 revealed!, officialcharts.com. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  63. ^ Best of 2012 Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  64. ^ (DE) SWISS YEAR-END CHARTS 2012, swisscharts.com. URL consultato il 30 dicembre 2012.
  65. ^ (EN) End Of Year Charts 2013 - Chart Archive, Rianz. URL consultato il 1º gennaio 2014.
  66. ^ (EN) Best of 2013 - Billboard 200, Billboard. URL consultato il 1º gennaio 2014.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica