Dancin' Days

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dancin' Days
Dancin' Days.JPG
Titolo originale Dancin' Days
Paese Brasile
Anno 1978
Formato serial TV
Genere telenovela
Stagioni 1 Modifica su Wikidata
Puntate 174 Modifica su Wikidata
Durata 50 minuti
Lingua originale portoghese
Rapporto 4:3
Crediti
Regia Daniel Filho
Soggetto Gilberto Braga
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Montaggio João Paulo Carvalho
Luiz C. Mascarenhas
Musiche Som Livre
Scenografia Mário Monteiro
Costumi Marilia Carneiro
Casa di produzione Rede Globo
Prima visione
Prima TV originale
Dal 10 luglio 1978
Al 27 gennaio 1979
Rete televisiva Rede Globo
Prima TV in italiano
Dal 22 marzo 1982
Al 20 novembre 1982
Rete televisiva Rete 4

Dancin' Days è una telenovela brasiliana del 1978 in 174 puntate.

Scritta da Gilberto Braga (prolifico autore di novelas assai famoso in patria) per la regia di Daniel Filho è interpretata da Sônia Braga all'apice della sua carriera brasiliana prima del successo internazionale che questa telenovela contribuì a formare. Fu replicata su Mediaset Extra dal 2 novembre 2015 nello spazio mattutino Novela con due episodi al giorno.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia racconta le difficoltà che deve affrontare dopo 11 anni di carcere Julia Matos (Sônia Braga) per ritrovare il suo posto nella società e riconquistare l'affetto della figlia Marisa (Glória Pires), cresciuta a sua insaputa come propria dalla sorella Yolanda (Joana Fomm). La vicenda si svolge interamente a Rio de Janeiro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Considerata a oggi il più grande successo della televisione brasiliana, Dancin' Days divenne un vero e proprio fenomeno di costume, sia in Brasile che in Italia, grazie anche al legame col periodo d'oro della discomusic già celebrato dal film La febbre del sabato sera (il titolo Dancin' Days è infatti quello della discoteca attorno alla quale si svolge gran parte della storia).

Prodotta dall'emittente Rede Globo, come tutti i serial brasiliani si distacca notevolmente sia dalle soap-opera nord-americane che dalle telenovelas messicane, argentine e venezuelane che di lì a poco invasero i teleschermi europei, per la qualità della recitazione (non è un caso che attrici come Sônia Braga e Fernanda Montenegro siano riconosciute a livello internazionale ed abbiano fatto carriera anche nel cinema), per lo sviluppo dell'intreccio, delle riprese (che per buona parte sono girate in esterna, fatto insolito per una telenovela), della fotografia e dei paesaggi, che lo rendono un prodotto paragonabile ad un'opera cinematografica.

Un successo simile si è ripetuto nel 1999 solo con un'altra produzione brasiliana, Terra nostra, trasmessa in Italia sempre da Rete 4.

Passaggi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

La telenovela fu trasmessa per la prima volta in Italia a partire dal 22 marzo 1982 su Rete 4, in séguito al grande successo de La schiava Isaura.

Nella stagione televisiva 2009-2010 è stata riproposta sul canale tematico Lady Channel del bouquet satellitare di Sky Italia.

Partecipazioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La sigla originale della novela si intitolava Dancin' Days ed era cantata dalla band As Frenéticas.

La riedizione italiana è di Rete 4 con alcuni pezzi tradotti, variati e/o riarrangiati, tra cui la sigla Occhio di serpente cantata da Marisa Interligi.

  • OST Dancin' Days - Italia (Rete4 / RCA italiana):
  1. Occhio di serpente 3'.03" - Marisa Interligi
  2. Le tre campane 4'.25" - Schola Cantorum
  3. Tenerezza e Semplicità 3'.41" - Marisa Interligi
  4. Amante Amado 4'.21" - Jorge Ben
  5. Descaminhos 3'.12" - Joanna
  6. Ma ci pensi, io e te 3'.26" - Il Guardiano del Faro
  7. Once Again (Outra Vez) 3'.31" - Samba Soul
  8. Let It In 4'.35" - Charme
  9. Mania de Você 3'.44" - Rita Lee
  10. Amanhâ 3'.52" - Guilherme Arantes
  11. Love's Whistle 2'.43" - Free Sound Orchestra

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione