Damallsvenskan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Damallsvenskan
Logo della competizione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Squadre di club
Federazione UEFA
Paese Svezia Svezia
Organizzatore SvFF
Titolo Campione di Svezia
Cadenza Annuale
Apertura aprile
Chiusura ottobre
Partecipanti 12
Formula Girone all'italiana A/R
Retrocessione in Elitettan
Sito Internet http://svenskfotboll.se/damallsvenskan
Storia
Fondazione 1973
1988 (Damallsvenskan)
Detentore Rosengård Rosengård
Record vittorie Rosengård Rosengård (10)
Edizione in corso Damallsvenskan 2016

La Damallsvenskan è una competizione calcistica svedese, massimo livello del campionato nazionale riservato al calcio femminile ed equivalente all'Allsvenskan riservato alle formazioni maschili e dal quale la denominazione prende spunto. Per la stagione 2015-2016 la Damallsvenskan è il terzo campionato di calcio femminile in Europa secondo il ranking stilato dalla UEFA[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1973, viste le crescenti richieste di fondare un regolare campionato di calcio riservato alle sole formazioni femminili, la Federazione calcistica svedese (Svenska Fotbollförbundet - SvFF) decise di istituire il primo torneo nazionale di categoria.[2] L'originaria formula prevedeva un torneo a eliminazione diretta[3], tuttavia nel 1988 la federazione svedese decise di rivoluzionare il campionato, adottando la formula del girone all'italiana, allargando a dodici le squadre partecipanti e cambiandone la denominazione ufficiale in Damallsvenskan.

Dal 2013 è stato introdotto la formula delle retrocessioni che prevede le due ultime squadre classificate nel torneo scendere al livello inferiore, l'Elitettan, con altrettante formazioni provenienti dal secondo livello classificatesi prima e seconda.

Negli anni la Damallsvenskan crebbe la propria importanza e visibilità a livello internazionale assumendo una posizione di rilievo tra i vari tornei nazionali e richiamando investimenti e atlete significative nelle loro formazioni nazionali, tra le altre le brasiliane Marta e Daniela, la tedesca Nadine Angerer, l'australiana Lisa De Vanna e la statunitense Hope Solo.

Formato[modifica | modifica wikitesto]

La formula del campionato è un girone all'italiana di 12 squadre con 11 gare di andata e 11 di ritorno per un totale di 22 giornate, con apertura ad aprile e conclusione ad ottobre. Il sistema di assegnazione del punteggio prevede 3 punti per la squadra vincitrice dell'incontro, 1 punto a testa in caso di pareggio e nessun punto per la squadra sconfitta. Le prime due classificate accedono alla UEFA Women's Champions League della stagione successiva. Le ultime due squadre classificate retrocedono in Elitettan.

Le squadre[modifica | modifica wikitesto]

Sono 44 le squadre ad aver partecipato alle 29 stagioni di Damallsvenskan disputate dal 1988 al 2016 (in grassetto le squadre militanti nella stagione 2016)[4]:

Organico odierno[modifica | modifica wikitesto]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: Sito ufficiale[5]

Nota: Il Malmö FF mutò il nome in Lait de Beauté Football Club Malmö (LdB FC Malmö) nel 2007, quindi in FC Rosengård nel dicembre 2013.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Vittorie Anni
FC Rosengård Malmö 10 1986, 1990, 1991, 1993, 1994, 2010, 2011, 2013, 2014, 2015
Umeå IK Umeå 7 2000, 2001, 2002, 2005, 2006, 2007, 2008
Jitex BK Mölndal 6 1974, 1976, 1979, 1981, 1984, 1989
Öxabäck IF Mark 6 1973, 1975, 1978, 1983, 1987, 1988
Älvsjö AIK Stoccolma 5 1995, 1996, 1997, 1998, 1999
Djurgården/Älvsjö Stoccolma 2 2003, 2004
Sunnanå SK Skellefteå 2 1980, 1982
Gideonsbergs IF Västerås 1 1992
Hammarby Stoccolma 1 1985
Jakobsbergs GoIF Jakobsberg 1 1977
Linköpings Linköping 1 2009
Tyresö Tyresö 1 2012

Capocannonieri[modifica | modifica wikitesto]

Fonte: Sito ufficiale[6]

Anno Giocatrice Squadra Reti
1982 Svezia Pia Sundhage Östers IF 30
1983 Svezia Pia Sundhage Östers IF 35
1984 Svezia Lena Videkull Trollhättans IF 19
1985 Svezia Anette Nilsson Hammarby 22
1986 Svezia Gunilla Axén Gideonsbergs IF 22
1987 Svezia Eva-Lotta Carlsson Dalhems IF 28
1988 Svezia Lena Videkull Öxabäck/Mark IF 24
1989 Svezia Eleonor Hultin Jitex BK 25
1990 Svezia Lena Videkull Malmö FF 21
1991 Svezia Lena Videkull Malmö FF 28
1992 Svezia Anneli Andelén Öxabäck/Mark IF 26
1993 Svezia Anneli Andelén Öxabäck/Mark IF 29
1994 Svezia Anneli Andelén Öxabäck/Mark IF 33
1995 Svezia Annelie Wahlgren Bälinge IF 27
1996 Svezia Lena Videkull Malmö FF 23
1997 Svezia Annelie Wahlgren
Svezia Lena Videkull
Bälinge IF
Malmö FF
22
1998 Svezia Victoria Svensson Älvsjö AIK 32
1999 Polonia Luiza Pendyk Malmö FF 29
2000 Polonia Luiza Pendyk Malmö FF 25
2001 Svezia Victoria Svensson Älvsjö AIK 34
2002 Svezia Hanna Ljungberg Umeå IK 39
2003 Svezia Victoria Svensson Djurgården/Älvsjö 23
2004 Finlandia Laura Kalmari
Brasile Marta
Umeå IK 22
2005 Svezia Therese Lundin
Brasile Marta
Malmö FF
Umeå IK
21
2006 Svezia Lotta Schelin Kopparbergs/Göteborg 21
2007 Svezia Lotta Schelin Kopparbergs/Göteborg 26
2008 Brasile Marta
Paesi Bassi Manon Melis
Umeå IK
LdB FC Malmö
23
2009 Svezia Linnea Liljegärd Kopparbergs/Göteborg 22
2010 Paesi Bassi Manon Melis LdB FC Malmö 25
2011 Islanda Margrét Lára Viðarsdóttir
Paesi Bassi Manon Melis
Kristianstads DFF
LdB FC Malmö
16
2012 Germania Anja Mittag LdB FC Malmö 21
2013 Stati Uniti Christen Press Tyresö 23
2014 Germania Anja Mittag FC Rosengård 21
2015 Camerun Gaëlle Enganamouit Eskilstuna United 18

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ranking UEFA per la stagione 2015-2016 (PDF), UEFA.
  2. ^ History, su Svenska Fotbollförbundet. URL consultato il 10 gennaio 2015.
  3. ^ (SV) Damallsvenskan år för år, in http://www.svenskdamfotboll.se/. URL consultato il 10 gennaio 2015.
  4. ^ (SV) Maratontabell Damallsvenskan 1988-2015, su www.svenskfotboll.se.
  5. ^ (SV) Svenska mästarinnor & publiksnitt 1973-, Svenskfotboll.se. URL consultato il 27 luglio 2013.
  6. ^ (SV) Allsvenska skyttedrottningar 1982-, Svenskfotboll.se. URL consultato il 27 luglio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]