Pernille Harder (calciatrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pernille Harder
20170706 OEFB AUT-DEN Pernille Harder DSC 8228.jpg
Pernille Harder nel 2017
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 168 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Chelsea
Carriera
Giovanili
1997-2005non conosciuta Tulstrup-Faurholt IK
2005-2007non conosciuta FC Ikast
Squadre di club1
2007-2010Viborg? (?)
2010-2012Skovbakken? (?)
2012-2016Linköping87 (70)
2017-2020Wolfsburg75 (68)
2020-Chelsea3 (1)
Nazionale
2007Danimarca Danimarca U-163 (0)
2007-2009Danimarca Danimarca U-1723 (9)
2009-2011Danimarca Danimarca U-1915 (13)
2009-Danimarca Danimarca120 (62)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio femminile
Argento Paesi Bassi 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2020

Pernille Harder (Ikast, 15 novembre 1992) è una calciatrice danese, attaccante del Chelsea e della nazionale danese. Ha vinto per due volte lo UEFA Women's Player of the Year Award nel 2018 e nel 2020.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È fidanzata con la calciatrice svedese Magdalena Eriksson[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Pernille Harder iniziò a giocare a calcio sin da giovanissima, passando ancora quindicenne a giocare per il Team Viborg nel 2007, per poi trasferirsi allo Skovbakken nel 2010. Allo Skovbakken giocò due stagioni in Elitedivisionen, la massima serie del campionato danese, prima di trasferirsi in Svezia tra le fila del Linköping[2].

Pernille Harder con la maglia numero 16 del Linköping in un'azione di gioco nella Champions League 2014-2015 contro lo Zvezda 2005 Perm'.

Al Linköping Harder giocò per cinque stagioni consecutive dal 2012 al 2016, vincendo il campionato svedese nell'ultima stagione e la coppa di Svezia in due edizioni consecutive. Coi suoi gol si mise in mostra sin da subito, realizzando tutte e quattro le reti della vittoria per 4-1 sul Sunnanå nel settembre 2013[3], e concludendo la stagione 2013 con 18 reti in campionato, seconda solo alla statunitense Christen Press del Tyresö nella classifica delle migliori marcatrici. Nel 2014 fece il suo esordio nella UEFA Women's Champions League, giocando tutte e sei le partite disputate dal Linköping fino all'eliminazione nei quarti di finale, e realizzando anche una rete nella netta vittoria per 5-0 nell'andata degli ottavi di finale contro le russe dello Zvezda 2005 Perm'. Nella Damallsvenskan 2015 realizzò 17 reti, concludendo nuovamente al secondo posto nella classifica delle migliori marcatrici, ma venendo nominata migliore attaccante dell'anno nel campionato svedese[4]. Sempre nel 2015 venne eletta anche migliore calciatrice danese dell'anno[5]. Nel 2016 riuscì a vincere il titolo di capocannoniere della Damallsvenskan con 23 reti realizzate nelle 22 giornate di campionato[6].

Nel mese di dicembre 2016 venne annunciato il trasferimento di Pernille Harder in Germania al Wolfsburg a partire dal 1º gennaio 2017[7]. Al Wolfsburg Harder giocò per tre stagioni e mezza, vincendo il campionato tedesco e la coppa di Germania in tutte e quattro le occasioni. Anche nella Frauen-Bundesliga si mise in mostra per il numero di reti realizzate, vincendo la classifica delle migliori marcatrici del torneo in due occasioni: nella stagione 2017-2018 con 17 reti realizzate[8] e nella stagione 2019-2020 con 27 reti realizzate[9]. Col Wolfsburg ha giocato in altre quattro edizioni della Champions League, arrivando due volte in finale, ma perdendo sempre dalle francesi dell'Olympique Lione, ma realizzando 25 reti nelle 23 presenze cumulate nel quadriennio. Grazie anche a queste prestazioni col Wolfsburg, Pernille Harder ha vinto l'UEFA Women's Player of the Year Award in due occasioni: per la stagione 2017-2018 con ampio margine sulla norvegese Ada Hegerberg[10] e per la stagione 2019-2020 con pochi voti di vantaggio sulla francese Wendie Renard[11]. Nel 2018 era arrivata al secondo posto nella prima edizione del pallone d'oro assegnato alle calciatrici, finendo alle spalle di Ada Hegerberg[12]. Sempre nel 2020 Pernille Harder è stata eletta anche migliore attaccante della UEFA Women's Champions League[13] e migliore giocatrice del campionato tedesco[14].

Il 1º settembre 2020 il Chelsea ha annunciato l'ingaggio di Pernille Harder, il cui trasferimento a Londra è stato pagato il prezzo record per il calcio femminile di circa 350 000 euro per poter interrompere il contratto che la danese aveva col Wolfsburg per un altro anno ancora[15].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Pernille Harder nella sfida contro l'Austria al campionato europeo 2017.

Pernille Harder venne convocata dalla federazione danese per far parte delle rappresentative nazionali giovanili, partendo dalla Under-16, dove accumulò 3 presenze nel 2007, per passare lo stesso anno alla selezione Under-17 dove giocò fino a raggiunti limiti di età. In questo periodo venne utilizzata prima durante le qualificazioni all'edizione 2008 del campionato europeo di categoria, e poi nella fase finale, conclusa al terzo posto. Grazie a questo risultato, la nazionale danese guadagnò l'accesso al campionato mondiale di Nuova Zelanda 2008, raggiungendo i quarti di finale, dove venne eliminata dalla Corea del Nord, successiva vincitrice del campionato. Harder venne poi impiegata anche durante la prima fase delle qualificazioni al successivo campionato europeo 2009, ma senza poter accedere alla seconda fase per raggiunti limiti di età[16].

Nel 2009 venne convocata per vestire la maglia della nazionale Under-19, facendo il suo esordio il 27 marzo nella partita valida per le qualificazioni al campionato europeo di Bielorussia 2009, e segnando la rete del momentaneo vantaggio sulla Scozia, incontro poi perso 2-1. Fece parte anche della squadra che partecipò all'edizione 2010 del Torneo di La Manga e, successivamente, alle qualificazioni al campionato europeo 2010, senza riuscire ad accedere alla fase finale[16].

Grazie alle sue prestazioni nelle giovanili, sempre nel 2009, Pernille Harder venne convocata nella nazionale maggiore, facendo il suo esordio nella sfida valida per le qualificazioni al campionato mondiale 2011 contro la Georgia; la partita si concluse con la Danimarca vincitrice per 15-0 e con Pernille Harder autrice di tre reti[16].

Da allora venne regolarmente convocata, diventando un elemento fisso dell'attacco della nazionale danese. Nel corso della fase di qualificazione al campionato europeo 2013 realizzò 9 reti nelle otto partite disputate, comprese due triplette, una delle quali nella vittoria 3-0 sull'Austria, risultando così la migliore marcatrice della nazionale[17]. Nella fase finale, disputata in Svezia, giocò tutte le partite fino alle semifinali, dove la nazionale venne eliminata dalla Norvegia dopo i tiri di rigore. Il successivo 26 ottobre 2013 Pernille Harder raggiunse la cinquantesima presenza in nazionale nella partita pareggiata con la Serbia e valida per le qualificazioni al campionato mondiale 2015, realizzando anche la rete del momentaneo vantaggio[18].

Nel mese di marzo 2016 a Pernille Harder venne assegnato il ruolo di capitano della nazionale danese[19]. Anche nella fase di qualificazione al campionato europeo 2017 risultò essere la migliore marcatrice della sua nazionale con sette reti, questa volta assieme alla compagna di squadra Nadia Nadim. Al campionato europeo 2017, disputato nei Paesi Bassi, Harder capitanò la nazionale danese verso il raggiungimento della finale del torneo. In finale la Danimarca affrontò le padrone di casa dei Paesi Bassi, Harder realizzò la rete del temporaneo pareggio sul 2-2 nel primo tempo, ma le orange segnarono altre due reti vincendo il campionato per la prima volta nella loro storia[20]. Al termine del torneo venne inserita come attaccante nella squadra delle migliori giocatrici del torneo[21]. Nel 2018 fu di nuovo la nazionale dei Paesi Bassi a fermare la Danimarca e Pernille Harder dall'accedere al campionato mondiale, eliminandola nella semifinale dei play-off.

Sempre con la nazionale danese Pernille Harder ha preso parte anche a diverse edizioni dell'Algarve Cup, risultando essere la migliore marcatrice dell'edizione 2017 con quattro reti assieme alla giapponese Kumi Yokoyama, edizioni nella quale la Danimarca chiuse al terzo posto.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 4 ottobre 2020.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe internazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010-2011 Danimarca Skovbakken ED ? ? CD ? ? - - - - - - ? ?
2011-2012 ED ? ? CD ? ? - - - - - - ? ?
Totale Skovbakken ? ? ? ? - - - - ? ?
2012 Svezia Linköping DS 10 3 CS 0 0 - - - - - - 10 3
2013 DS 21 18 CS 3 1 - - - - - - 24 19
2014 DS 13 9 CS 5 9 UWCL 6 1 - - - 24 19
2015 DS 21 17 CS 5 3 - - - SS 1 0 27 20
2016 DS 22 23 CS 0 0 - - - SS 1 0 23 23
Totale Linkoping 87 70 13 13 6 1 2 0 108 84
gen.-giu. 2017 Germania Wolfsburg BL 12 6 CG 3 2 UWCL 2 0 - - - 17 8
2017-2018 BL 21 17 CG 3 2 UWCL 8 8 - - - 32 27
2018-2019 BL 21 18 CG 5 5 UWCL 6 8 - - - 32 31
2019-2020 BL 21 27 CG 5 2 UWCL 7 9 - - - 33 38
Totale Wolfsburg 75 68 16 11 23 25 - - 114 104
2020-2021 Inghilterra Chelsea WSL 3 1 CI 0 0 UWCL 0 0 CL 0 0 3 1
Totale carriera 165 140 29 24 29 26 2 0 225 190

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Titoli nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Linköping: 2016
Linköping: 2013-2014, 2014-2015
Wolfsburg: 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020
Wolfsburg: 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2016 (24 reti)
2017 (4 reti ex aequo con Kumi Yokoyama)
2017-2018 (17 reti), 2019-2020 (27 reti)
2018-2019 (8 reti)
2017-2018[10], 2019-2020[11]
Miglior attaccante: 2019-2020[13]
  • Calciatrice danese dell'anno: 6[22]
2012, 2015[5], 2016, 2017, 2018, 2019[23]
  • Miglior calciatrice del campionato svedese: 2
2015, 2016
  • Migliore attaccante del campionato svedese: 2
2015, 2016
  • Miglior calciatrice del campionato tedesco: 1
2020[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Nava, Molto più di un bacio: Eriksson-Harder, fidanzate divise dal Mondiale, su gazzetta.it. URL consultato il 27 giugno 2019.
  2. ^ (DA) Harder og Nadia forlader Skovbakken, su skovbakkenfodbold.dk. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2017).
  3. ^ (EN) Rainer Fussganger, Pernille Harder – Player of the Week, su ourgamemagazine.com, 14 settembre 2013. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2014).
  4. ^ (SV) Daniel Kristoffersson e Mats Bråstedt, Alla vinnare på Fotbollsgalan 2015, su expressen.se, 9 novembre 2015. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  5. ^ a b (DA) Pernille Harder kåret til årets spiller, su tv3sport.dk, 4 dicembre 2015. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  6. ^ (SV) Pernille Harder – Player of the Week, su svenskfotboll.se. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2017).
  7. ^ (DA) Dan Hirsch Sørensen, Wolfsburg skal gøre Harder til verdens bedste, su spillerforeningen.dk, 19 dicembre 2016. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  8. ^ (DE) Pernille Harder mit Torjägerkanone geehrt, su dfb.de, 16 settembre 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  9. ^ (DE) Pernille Harder erhält Torjägerinnen-Kanone, su dfb.de, 28 giugno 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  10. ^ a b (EN) Pernille Harder wins UEFA Women's Player of the Year award, su uefa.com, 30 agosto 2018. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  11. ^ a b (EN) Pernille Harder named 2019/20 UEFA Women's Player of the Year, su uefa.com, 1º ottobre 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  12. ^ (EN) Jacob Steinberg e Niall McVeigh, Ballon d'Or 2018: Luka Modric and Ada Hegerberg win awards – as it happened, su theguardian.com, 4 dicembre 2018. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  13. ^ a b (EN) Pernille Harder named Women's Champions League Forward of the Season, su uefa.com, 1º ottobre 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  14. ^ a b (DE) Fußballer des Jahres: Ehrungen für Lewandowski, Flick und Harder, su dfb.de, 30 agosto 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  15. ^ Martina Pozzoli, Il Chelsea Women annuncia Pernille Harder, su lfootball.it, 1º settembre 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  16. ^ a b c DBU.
  17. ^ (EN) Denmark, su uefa.com, 1º ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  18. ^ (DA) Dansk uafgjort i Serbien, su dbu.dk, 26 ottobre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2014).
  19. ^ (DA) Kvindelandsholdet skifter anfører, su dr.dk, 1º marzo 2016. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  20. ^ (EN) Netherlands 4-2 Denmark (Enschede), su uefa.com, 6 agosto 2017. URL consultato l'8 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2017).
  21. ^ (EN) UEFA Women's EURO 2017 roll of honour, su uefa.com, 6 agosto 2017. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  22. ^ (DA) Årets Kvindelige Fodboldspiller, su spillerforeningen.dk. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  23. ^ Giuseppe Berardi, Pernille Harder premiata come miglior giocatrice danese, su lfootball.it, 5 gennaio 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]