Daewoo Nubira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daewoo-Chevrolet Nubira
Descrizione generale
Costruttore Corea del Sud  GM Daewoo
Tipo principale Berlina
Altre versioni Station Wagon
Produzione dal 1997 al 2009
Sostituisce la Daewoo Nexia
Serie Prima (1997-2003)
Seconda (2003-2009)
Sostituita da Chevrolet Cruze

La Nubira è una autovettura prodotta in Corea del Sud dal gruppo General Motors e commercializzata dal 1997 al 2004 dal marchio Daewoo mentre dal gennaio 2005 al 2009 con il marchio Chevrolet. Prodotta in due distinte generazioni è stata sostituita dalla Chevrolet Cruze.

Prima generazione (1997-2003)[modifica | modifica wikitesto]

Daewoo Nubira J100 (1997)

La prima serie di Nubira debutta in Corea nel 1997 come erede della Daewoo Nexia. Nota come progetto J100 il design è curato dall'italiana I.De.A Institute. La carrozzeria berlina verrà affiancata pochi mesi dopo il debutto dalla variante station wagon.

Accolte tiepidamente sul mercato italiano saranno ristilizzate nel 2000 nella zona frontale grazie ad una nuova fanaleria di forma ovale ed una nuova mascherina (Nubira J150). Oggetto di critiche sono stati gli interni ritenuti di qualità fin troppo bassa mentre è stata apprezzata la versatilità dell'abitacolo in particolare del bagagliaio della versione wagon (la più venduta in Europa).

La gamma motori si basa su due propulsori benzina 1.6 e 2.0 da 106 e 129 cavalli offerti con una trasmissione manuale a 5 rapporti. Per il mercato asiatico in opzione era disponibile un cambio automatico a 4 rapporti mentre in Italia era possibile installare un impianto a GPL oppure a Metano della BRC (queste versioni erano denominate Nubira Dual Power Flying Injection)[1].

Seconda generazione (2003-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Daewoo-Chevrolet Nubira J200
Daewoo Nubira Sedan front.jpg
Descrizione generale
Versioni Berlina - Station Wagon
Anni di produzione dal 2003 al 2009
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4501 (berlina) mm
4564 (wagon) mm
Larghezza 1725 mm
Altezza 1445 (berlina)mm
1501 (wagon) mm
Passo 2601 mm
Altro
Stile Pininfarina
Giorgetto Giugiaro (wagon)
Stessa famiglia Daewoo Lacetti
Daewoo Nubira Stufenheck front.JPG

La seconda serie debutta al Salone dell'automobile di Ginevra nel 2003 (Nubira J200) in versione berlina 4 porte. Segni evidenti del rinnovamento sono la linea completamente inedita curata da Pininfarina. Il telaio che funge da base è stato sviluppato dalla General Motors per le vetture prodotte in Corea e sarà condiviso in seguito dalla Daewoo Lacetti che debutterà nel 2004.

Chevrolet Nubira SW J200 (2007)

La versione station wagon è stata esposta al Salone dell'automobile di Parigi nel 2004. Le principali modifiche (oltre la carrozzeria due volumi) sono concentrate nel frontale con il gruppo fari-mascherina totalmente differente dalla berlina. Il design curato da Giugiaro è stato sviluppato per andare incontro alle esigenze del pubblico europeo. Gli interni differenti dalla J200 berlina sono condivisi con la Lacetti per ridurre i costi di produzione, infatti la versione wagon, sul mercato europeo, possiede un listino inferiore rispetto alla berlina. Numerosi organi meccanici derivano dalla seconda serie dell'Opel Astra. In Italia la versione wagon sarà la più apprezzata infatti la Nubira berlina sarà ritirata dal mercato nel 2006 a causa delle richiesta inferiori alle attese. Su alcuni mercati era proposta una versione berlina 4 porte derivata dalla station wagon.

Il passaggio al marchio Chevrolet[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2005 la General Motors ritirò il marchio Daewoo dall'Europa sostituendolo con Chevrolet. Di conseguenza tutte le vetture vendute fino a quel periodo dotate del logo coreano vennero ristilizzate per essere equipaggiate con la croce americana (simbolo della Chevrolet). La Nubira J200 per l'occasione rinnovò la mascherina frontale.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

In Europa la seconda serie di Nubira venne equipaggiata con due propulsori benzina da 1,6 e 1,8 litri capaci di 106 e 122 cavalli mentre dal 2007 grazie ad un accordo effettuato con l'italiana VM Motori alla gamma si aggiunse anche un turbodiesel 2 litri common-rail da 121 cavalli siglato TCDI. Nei mercati asiatici e americani la vettura adottava anche un 2 litri benzina (137 cavalli la versione berlina, 133 la station wagon) e un piccolo 1.4 benzina da 93 cavalli. In Italia la Nubira poteva esser equipaggiata anche con un impianto GPL montato dalla BRC (Nubira Eco Logic).

La Nubira nei mercati esteri[modifica | modifica wikitesto]

La Nubira è stata commercializzata in tutto il mondo da numerosi brand del gruppo GM; in particolare in Asia la vettura non ha assunto il logo Chevrolet ma è stata venduta fino alla fine del suo ciclo vitale dal marchio Daewoo. In America la vettura è stata venduta dalla Suzuki come Forenza (Stati Uniti d'America) e in Canada come Chevrolet Optra. In Cina continua ad essere conosciuta come Buick Excelle mentre in Australia è stata venduta fino al 2008 come Holden Viva.

Uscita di produzione nel 2009 sostituita dalla Chevrolet Cruze la Nubira è stata assemblata presso gli stabilimenti di Bupyeong (Corea del Sud, da cui venivano importati gli esemplari destinati al mercato europeo), Bogotà (Colombia) e Rayong (Thailandia).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda della prima serie su Quattroruote, su quattroruote.it. URL consultato il 9 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili