Daewoo Nubira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daewoo-Chevrolet Nubira
Descrizione generale
Costruttore Corea del Sud  GM Daewoo
Tipo principale Berlina
Altre versioni Station Wagon
Produzione dal 1997 al 2009
Sostituisce la Daewoo Nexia
Serie Prima (1997-2002)
Seconda (2003-2009)
Sostituita da Chevrolet Cruze
Altre caratteristiche
Altre eredi Daewoo Lacetti (versione 2 volumi prima serie)

La Daewoo Nubira è una autovettura prodotta dalla casa automobilistica sud coreana Daewoo Motors e commercializzata in tutto il mondo con numerosi marchi. In seguito all'acquisizione da parte di General Motors della Daewoo la Nubira è stata venduta in Europa dal gennaio 2005 al 2009 con il marchio Chevrolet.

Prodotta in due distinte generazioni è stata sostituita dalla Chevrolet Cruze.

Prima generazione (1997-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nubira prima serie
Daewoo Nubira front 20081007.jpg
Descrizione generale
Versioni Berlina 4 porte - 5 porte - Station Wagon
Anni di produzione 1997-2002
NHTSA (2002[1]) 4 stelle
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4247 (5 porte) mm
4468-4495 (4 porte) mm
4514-4547 (wagon) mm
Larghezza 1699-1720 mm
Altezza 1425-1471 mm
Passo 2570 mm
Massa 1264-1313 kg
Altro
Stile I.De.A Institute
Stessa famiglia Daewoo Tacuma

Lo sviluppo della prima generazione di Nubira venne avviato nel 1994 con il codice progettuale J100: la casa coreana aveva avviato una profonda ristrutturazione che prevedeva il lancio di una nuova gamma di prodotti più moderni e attraenti da vendere in tutto il mondo e la Nubira doveva andare ad inserirsi nel segmento delle berline compatte dominato dai costruttori europei e giapponesi e allo stesso tempo sostituire l'ormai anziana Daewoo Nexia che derivata dal vecchio pianale dell'Opel Kadett. A guidare il progetto J100 vi era Ulrich Bez che coordinava i centri di ricerca e sviluppo della Daewoo sia europei che coreani, mentre la direzione stilistica venne affidata alla I.De.A Institute. Venne sviluppata una nuova piattaforma di base a trazione anteriore insieme alla Ricardo e alla Holden (la divisione australiana della General Motors) mentre per la gamma di motori vennero adottati i propulsori GM che la Daewoo già fabbricava nei propri stabilimenti sud coreani e che equipaggiavano il resto della gamma. Complessivamente lo sviluppo ebbe una durata di 30 mesi.[2]

Nubira restyling (J150) in versione wagon

La vettura debutta ufficialmente il 18 febbraio 1997 al salone dell'automobile di Seoul nella versione con carrozzeria berlina tre volumi e immediatamente parte la produzione nel nuovo stabilimento di Gunsan[3], completamente robotizzato e realizzato appositamente per tale modello.[4] Successivamente, nel maggio dello stesso anno, la casa presenta la Nubira nella gamma completa composta dalle varianti berlina cinque porte, berlina sedan quattro porte e station wagon in un evento organizzato nella città di Barcellona annunciandone l'esportazione nei mercati europei.[5] In Corea del Sud venne offerta al lancio con il motore 1.5 quattro cilindri (E-TEC A15DMS) di origine Opel con distribuzione 16 valvole erogante 110 cavalli accoppiato ad un cambio manuale D20 a 5 rapporti sviluppata da Daewoo e ad un cambio automatico ZF 4HP16 a 4 rapporti. Accanto al 1.5 era disponibile il motore top di gamma 1.8 quattro cilindri (D-TEC C18SED) 16 valvole erogante 136 cavalli con le stesse trasmissioni manuali ed automatiche del 1.5.

In Europa la vettura venne proposta dal giugno del 1997 nelle tre varianti di carrozzeria con il motore 1.6 quattro cilindri E-TEC sedici valvole (A16DMS) erogante 106 cavalli e 145 Nm di coppia a 3400 giri/min abbinato al cambio manuale D20 a 5 rapporti e con il 2.0 quattro cilindri D-TEC (U20SED) erogante 133 cavalli e 184 Nm a 4400 giri/min con cambio manuale 5 rapporti o automatico a 4 rapporti ZF. In Italia era possibile installare un impianto a GPL oppure a Metano della BRC Gas Equipment (queste versioni erano denominate Nubira Dual Power Flying Injection).[6]

Accolte tiepidamente sul mercato italiano ed europeo, la vettura è stata oggetto di critiche per via degli interni ritenuti di qualità fin troppo bassa mentre è stata apprezzata la versatilità dell'abitacolo in particolare del bagagliaio della versione wagon (la Nubira che ha trovato più apprezzamento in termini di vendite in Europa). La casa quindi corse ai ripari e nel marzo del 1999 venne rilasciata al salone di Seoul la versione restyling (codice J150) che sarà venduta in Europa dalla fine dello stesso anno come Model Year 2000[7]; la serie J150 ricevette oltre 90 miglioramenti progettati dal Daewoo Worthing Technical Center nel Regno Unito[8], tra cui un design rivisto opera di Laurent Boulay e Ginger Ostle[9] con un nuovo frontale caratterizzato da nuovi fanali ovali e nuova mascherina, al posteriori debuttano nuovi paraurti e inediti fanali, viene migliorata l'insonorizzazione e ridotte le vibrazioni meccaniche, viene rivisto l'assetto e migliorate sospensioni e ammortizzatori con nuove boccole. Internamente debuttano nuovi sedili e rivestimenti per la plancia e le portiere e vengono migliorati gli assemblaggi.

Nel 2000 la Nubira J150 venne importata anche negli Stati Uniti nelle versioni sedan quattro porte e station wagon con il solo motore 2.0 16V E-TEC erogante 131 cavalli e 184 N⋅m di coppia massima, abbinato alla trasmissione automatica GM 4T40E a quattro rapporti. Nel mercato statunitense però non ebbe successo e venne ritirata dal mercato dopo soli due anni.

Nel 2001 è stato presentato l'ultimo aggiornamento del modello (Nubira J190) in cui sono state apportate solo leggere modifiche: viene cambiata la colorazione degli indicatori di direzioni (da arancio diventano bianchi), internamente debutta un nuovo autoradio, nuova strumentazione e nuovi copricerchi. La produzione termina nel novembre del 2002.

Seconda generazione (2003-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Nubira seconda serie
Daewoo Nubira Sedan front.jpg
Descrizione generale
Versioni Berlina - Station Wagon
Anni di produzione dal 2003 al 2009
NHTSA (2004[10]) 4 stelle
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4501 (berlina) mm
4564 (wagon) mm
Larghezza 1725 mm
Altezza 1445 (berlina)mm
1501 (wagon) mm
Passo 2601 mm
Altro
Stile Lorenzo Ramaciotti
Pininfarina
Stessa famiglia Daewoo Lacetti
Daewoo Nubira Stufenheck front.JPG

La seconda serie debutta in anteprima al salone dell’auto di Seoul nel novembre del 2002 nella versione con carrozzeria berlina denominata Daewoo Lacetti[11] Il modello globale debutta invece al Salone dell'automobile di Ginevra nel 2003 (codice Nubira J200) in versione berlina quattro porte ed è stata disegnata Lorenzo Ramaciotti a capo del centro stile Pininfarina.[12]

Chevrolet Nubira SW J200 (2007)

La versione station wagon è stata esposta al Salone dell'automobile di Parigi nell’autunno del 2004. Le principali modifiche (oltre la carrozzeria due volumi) sono concentrate nel frontale con il gruppo fari-mascherina totalmente differente dalla berlina. Il design è stato sviluppato per andare incontro alle esigenze del pubblico europeo. Gli interni differenti dalla J200 berlina sono condivisi con la Daewoo Lacetti per ridurre i costi di produzione, infatti la versione wagon, sul mercato europeo, possiede un listino inferiore rispetto alla berlina. Il telaio di base è una evoluzione della precedente piattaforma a trazione anteriore della Nubira J100 e numerosi organi meccanici derivano dalla terza serie dell'Opel Astra; la struttura utilizza un avantreno con sospensioni a ruote indipendenti di tipo MacPherson mentre al retrotreno viene adottata una struttura a ruote indipendenti con doppio braccio oscillante.

In Italia la versione wagon sarà la più apprezzata infatti la Nubira berlina sarà ritirata dal mercato nel 2006 a causa delle richiesta inferiori alle attese. Su alcuni mercati era proposta una versione berlina 4 porte derivata dalla station wagon.

Il passaggio al marchio Chevrolet[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2005 la General Motors ritirò il marchio Daewoo dall'Europa sostituendolo con Chevrolet. Di conseguenza tutte le vetture vendute fino a quel periodo dotate del logo coreano vennero ristilizzate per essere equipaggiate con la croce americana (simbolo della Chevrolet). La Nubira J200 per l'occasione rinnovò la mascherina frontale.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

In Europa la seconda serie di Nubira venne equipaggiata con due propulsori benzina da 1.6 e 1.8 litri capaci di 106 e 122 cavalli mentre dal 2007 grazie ad un accordo effettuato con l'italiana VM Motori alla gamma si aggiunse anche un turbodiesel 2 litri common-rail da 121 cavalli siglato TCDI. Nei mercati asiatici e americani la vettura adottava anche un 2 litri benzina (137 cavalli la versione berlina, 133 la station wagon) e un piccolo 1.4 benzina da 93 cavalli. In Italia la Nubira poteva esser equipaggiata anche con un impianto GPL montato dalla BRC (Nubira Eco Logic).

La Nubira nei mercati esteri[modifica | modifica wikitesto]

La Nubira è stata commercializzata in tutto il mondo da numerosi brand del gruppo GM; in particolare in Asia la vettura non ha assunto il logo Chevrolet ma è stata venduta fino alla fine del suo ciclo vitale dal marchio Daewoo. In America la vettura è stata venduta dalla Suzuki come Forenza (Stati Uniti d'America) e in Canada, Colombia, USA, Giappone e sudest asiatico come Chevrolet Optra dal 2004 al 2013. In Cina continua ad essere conosciuta come Buick Excelle mentre in Australia è stata venduta fino al 2008 come Holden Viva.

Uscita di produzione nel 2009 sostituita dalla Chevrolet Cruze la Nubira è stata assemblata presso gli stabilimenti di Bupyeong (Corea del Sud, da cui venivano importati gli esemplari destinati al mercato europeo), Bogotà (Colombia) e Rayong (Thailandia).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Crash test NHTSA: Daewoo Nubira 2002, su nhtsa.gov. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) News Release: The new Daewoo Nubira (JPG), su darewnoo.pl, ottobre 1997. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Kunsan plant reveals Daewoo ambitions, su europe.autonews.com, 9 giugno 1997. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  4. ^ Lanos e Nubira: ecco le vere Daewoo, su ricerca.repubblica.it, 16 giugno 1997. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Daewoo Shows its three new models, su europe.autonews.com, 26 maggio 1997. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  6. ^ Scheda della prima serie su Quattroruote, su quattroruote.it. URL consultato il 9 settembre 2016.
  7. ^ Seul, chiuso lo Show rimangono le novità, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  8. ^ (EN) UK will do half Daewoo'S design work, su europe.autonews.com, 1º settembre 1997.
  9. ^ (EN) World: Asia-Pacific. Queen explores Korea old and new, su news.bbc.co.uk, 20 aprile 1999. URL consultato il 14 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) Ceash Test NHTSA: Suzuki Forenza 2004, su nhtsa.gov. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) GM DAEWOO at the 2002 Seoul Motor Show: World Premiere for the New Lacetti, su theautochannel.com, 17 novembre 2002. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  12. ^ Daewoo Nubira: Coreana made in Italy, su quattroruote.it, 13 febbraio 2003. URL consultato il 14 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili