SsangYong Korando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SsangYong Korando
SsangYong Korando D20T.JPG
Descrizione generale
Costruttore Corea del Sud  SsangYong Motor Company
Tipo principale Sport Utility Vehicle
Produzione dal 2010
Altre caratteristiche
Altro
Assemblaggio Pyeongtaek
Stile Italdesign Giugiaro
Auto simili Dodge Caliber
Hyundai ix35
Nissan Qashqai
Peugeot 3008
Note dati e immagini della terza serie
SsangYong Korando e-XDi 200 4WD Sapphire (V) – Heckansicht, 31. Dezember 2012, Düsseldorf.jpg

Il SsangYong Korando è una vettura di tipo fuoristrada di medie dimensioni prodotto in più serie dalla casa automobilistica coreana SsangYong Motor Company entrata a far parte nel 2010 del gruppo indiano Mahindra.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

La parola Korando è l'unione e flessione della frase inglese "Korea Can Do", ovvero tradotto in italiano "Corea può fare".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima serie consisteva in una copia della Jeep CJ7, presentata nel 1983 e prodotta inizialmente dalla Geohwa, acquisita nel 1985 dalla Dong-A Motor, che ha dato poi vita alla SsangYong nel 1986. La produzione è terminata nel 1996, anno in cui è stata presentata la seconda serie del Korando.

La Korando del 1996

La seconda serie, disegnata da Ken Greenly'ego, introdotta nel 1996 e prodotta fino al 2006, era un fuoristrada dalla linea moderna ed innovativa, dotata di motori di derivazione Mercedes-Benz a benzina da 2.3 e 3.2 litri e diesel da 2.9 litri, prodotti in licenza. Venne sostituita dalla Actyon.

La terza serie, debutta nell'inverno 2010 e deriva dal prototipo SsangYong Italdesign C200 presentato al Salone di Seul del 2009. Lo stile è quello di un moderno Sport Utility Vehicle di dimensioni compatte. Nonostante si tratti di un crossover di taglia medio-piccola, la Korando debutta con un potente motore 2.0 XDI diesel da 175 cavalli di derivazione Mahindra disponibile sia a trazione anteriore che integrale. Le versioni AWD dispongono del differenziale centrale bloccabile e sono quindi caratterizzate da una buona mobilità sui fondi difficili.

Nel 2013 è stata introdotta anche la motorizzazione diesel da 149 cavalli e la motorizzazione a doppia alimentazione benzina-gpl da 147, entrambe sia in versione a 2 che 4 ruote motrici.

Nel gennaio 2014 il Korando subisce un lieve restyling che riguarda solo alcuni dettagli estetici come la mascherina e presa d'aria inferiore, i fari anteriori e posteriori con luci diurne a led, fendinebbia circolari e nuovo disegno dei cerchi in lega e agli interni con nuova plancia rivestita da inserti in wengé opaco e realizzata con materiali morbidi al tatto, ma non nelle parti meccaniche e nella dotazione; inoltre vengono rimodulati i prezzi di listino e gli allestimenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ame, Ssangyong Korando, la storia della SUV coreana - Auto Story, in Panorama auto. URL consultato il 06 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili