Città di Malta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Questo è un elenco delle Città di Malta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Le città non sono considerate nella suddivisione amministrativa maltese date le loro ridotte dimensioni rispetto allo standard europeo.

Le città di Malta sono considerate tali, perché hanno ricevuto la designazione di "città" ad un certo punto durante la loro storia. Nel diritto maltese, non si fa distinzione tra città, paesi e villaggi; e lo status di città è puramente onorifico.

Malta è divisa in 68 località, ciascuna gestita da un consiglio locale. I consigli locali di Malta che hanno lo status di città dispongono di una corona murale sulla cresta del loro stemma.[1]

Elenco[modifica | modifica wikitesto]

Nome della città Titolo onorifico Anno di concessione Regione Immagine Popolazione

(2014)[2]

Note
Flag of Birgu.svg Birgu Città Vittoriosa 1530 Southeastern Region Birgu-Vittoriosa - Malta.jpg 2.629 Capitale 1530-1571. Lo status di città confermato anche dopo il Grande Assedio di Malta nel 1565.[3]
Bormla Città Cospicua 1722 Southeastern Region Malta - Cospicua - Triq Santa Tereza+Dockyard Creek (MSTHC) 01 ies.jpg 5.395 Lo status di città concesso nel 1722 dal Gran Maestro Marc'Antonio Zondadari.[4]
Flag of Mdina municipality, Malta.svg Mdina Città Notabile

Città Vecchia

Northern Region Aerial view Mdina, Malta.jpg 292 Capitale dall'antichità al 1530.
Flag of Qormi.svg Qormi Città Pinto 1743 Southern Region Qormi night from Marsa.JPG 16.779 Status di città concesso il 25 maggio 1743 dalla Gran Maestro Manuel Pinto da Fonseca, a seguito di una richiesta fatta da don Giuseppe Vella.[5]
Flag of Victoria, Gozo.svg Rabat Città Victoria 1887 Gozo Malta Gozo Victoria BW 2011-10-08 15-32-18.jpg 6.901 Capitale di Gozo. Il titolo di città è concesso il 10 giugno 1887 dalla regina Vittoria, a seguito di una petizione fatta dal vescovo Pietro Pace e dal Presidente della Corte Suprema maltese Adrian Dingli in occasione del giubileo d'oro.[6]
Flag of Isla.svg Senglea Città Invicta 1565 Southeastern Region Malta - Senglea + The Spur (Herbert Ganado Gardens) 01 ies.jpg 2.784 Città dopo il Grande Assedio di Malta nel 1565

.[7]

Flag of Siġġiewi.svg Siġġiewi Città Ferdinand 1797 Southern Region Siġġiewi ,Church of St Nicholas of Bari, Malta Feb 2011 - Flickr - sludgegulper.jpg 8.367 Lo status di città concesso il 30 dicembre 1797 da Gran Maestro Ferdinand von Hompesch zu Bolheim, a seguito di una petizione fatta da Don Salvatore Corso e dagli abitanti.[8]
Flag of Valletta, Malta.svg La Valletta Città Umilissima 1571 Southeastern Region Malta - Valletta (Sliema-Triq Ix-Xatt) 01 ies.jpg 6.444 Città capitale dal 18 marzo 1571.[9]
Flag of Zabbar.svg Żabbar Città Hompesch 1797 Southeastern Region Zabbar-sanctuary.jpg 15.404 Titolo di città concesso il 14 settembre 1797 dal Gran Maestro Ferdinand von Hompesch zu Bolheim, a seguito di una richiesta fatta da Don Carlo Caruana.

Nel 1801, la Porta di Hompesch è stato costruita per commemorare questo evento.[8]

Flag of Zebbug, Malta.svg Flag of Zebbug, Malta.svg Żebbuġ Città Rohan 1777 Southern Region Malte, Zebbug 2011 04 22.jpg 11.903 Diventata città il 21 giugno 1777, su concessione del Gran Maestro Emmanuel de Rohan-Polduc, following a petition made by the inhabita In 1798, the De Rohan Arch was built to commemorate this event.[10]
Zejtun flag.svg Żejtun Città Beland 1797 Southeastern Region ZTN city center.jpg 11.508 City status granted on 30 December 1797 by Grand Master Ferdinand von Hompesch zu Bolheim, following a petition made by Don Giacomo Michele Tortella and the inhabitants.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Flags, Symbols and their uses, su gov.mt, Government of Malta (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2015).
  2. ^ Estimated Population by Locality 31st March, 2014, Government of Malta, 16 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2015).
  3. ^ (MT) Alfie Guillaumier, Bliet u Rħula Maltin, La Valletta, Valletta Publishing & Promotion Co. Ltd., 1987, p. 41.
  4. ^ Bormla (Città Cospicua), su lc.gov.mt (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2015).
  5. ^ (MT) Vincent Zammit, Il-Gran Mastri - Ġabra ta' Tagħrif dwar l-Istorja ta' Malta fi Żmienhom - It-Tieni Volum 1680–1798, La Valletta, Valletta Publishing & Promotion Co. Ltd., 1992, pp. 427–428.
  6. ^ The Conferment of The Title of City, su Victoria Local Council (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2015).
  7. ^ Guillaumier (1987), p. 324
  8. ^ a b c Zammit (1992), pp. 513–516
  9. ^ Simon Gaul, Malta, Gozo & Comino, New Holland Publishers, 2007, p. 100, ISBN 978-1-86011-365-9.
  10. ^ The De Rohan Arch, su Haz-Zebbug.com (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]