Cospicua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cospicua
consiglio locale
(MT) Bormla
Cospicua – Veduta
Cospicua
Localizzazione
StatoMalta Malta
RegioneMalta Scirocco
Amministrazione
SindacoJoseph Scerri (MLP)
Data di istituzione30 giugno 1993
Territorio
Coordinate35°53′15.57″N 14°31′45.91″E / 35.887658°N 14.529419°E35.887658; 14.529419 (Cospicua)Coordinate: 35°53′15.57″N 14°31′45.91″E / 35.887658°N 14.529419°E35.887658; 14.529419 (Cospicua)
Altitudine20 m s.l.m.
Superficie0,9 km²
Abitanti5 589 (2009)
Densità6 210 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleBML
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2MT-06
Nome abitantibormliż (m), bormliża (f), bormliżi (pl.)
PatronoImmacolata Concezione
Cartografia
Cospicua – Localizzazione

Cospicua[1][2] (in maltese Bormla, in italiano storico anche Burmola[3]) è una città di Malta, la più grande delle tre città conosciute come Cottonera. La patrona di Cospicua è l'Immacolata Concezione.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situata tra le città di Vittoriosa e Senglea, con le quali forma Cottonera, un'area che fa parte del grande porto situato ad est della capitale La Valletta.

Cospicua fu l'ultima delle tre città ad esser costruita.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome maltese di Cospicua, Bormla, deriva da Bir-Mula, che significa "il pozzo del Signore".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1722 il grande maestro Marc'Antonio Zondadari la elesse a città col nome di Cospicua.

Nel 1776 i Cavalieri Ospitalieri iniziarono a costruire il porto, che divenne il punto focale dello sviluppo della città, per motivi sia commerciali che storici, durante il dominio inglese nella Prima e Seconda guerra mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Martino, Una città, anzi tre, in "Meridiani - Malta", anno XXI, n. 166, marzo 2008, pp. 70-81.
  2. ^ Cfr. "Cospicua" in Touring Club Italiano, Guida d'Europa e paesi del Mediterraneo. Turchia, Cipro, Malta, Touring editore, Milano, 2008, p. 576.
  3. ^ Achille Ferris, Descrizione storica delle chiese di Malta e Gozo, 1866. URL consultato l'11 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN126851843
Malta Portale Malta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Malta