Carlos Hernández Bailo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlos Hernández Bailo
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1993
Carriera
Squadre di club
1981-1986Reynolds
1987-1989Teka
1990-1992Lotus
1993Diamond Back Racing
Nazionale
1983-1989 Spagna Spagna
 

Carlos Hernández Bailo (Barcellona, 27 dicembre 1958) è un ex ciclista su strada spagnolo. Professionista dal 1981 al 1993, prese parte a sei Tour de France e nove Vuelta a España concludendoli tutti. Nella Vuelta conseguì anche tre successi di tappa e la classifica degli scalatori nel 1992.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista con la squadra spagnola Reynolds nel 1981, riuscì subito a mettersi in luce vincendo un paio di corse, essenzialmente tappe in piccole corse spagnole, e cogliendo buoni piazzamenti: fu infatti terzo al Gran Premio Caboalles de Abajo e ottavo nella classifica generale della Vuelta a la Rioja. Partecipò anche alla Vuelta a España riuscendo a sfiorare il successo nella tredicesima tappa, ove chiuse secondo. Riuscì ad ottenere risultati analoghi anche l'anno successivo, arrivando quarto alla Vuelta a la Rioja e vincendo la classifica generale della Vuelta a Aragón.

Nel 1983 raggiunse ottimi risultati, vinse infatti il campionato nazionale in linea e conquistò la prima delle sue tre tappe alla Vuelta, partecipò anche al Tour de France dove però non colse piazzamenti rilevanti, né nelle tappe né in classifica. Nelle corse spagnole fu inoltre sesto alla Clásica San Sebastián e quinto sia alla Vuelta a Cantabria che nella Vuelta a Aragón. Non riuscì a vincere nel 1984 ma colse comunque un secondo posto nella Subida a Urkiola e si riscattò l'anno successivo vincendo la Vuelta a Aragón.

Nel 1986 ottenne un solo successo, in un criterium in Spagna, e si piazzò terzo al Gran Premio de Llodio, alla Subida al Naranco, ottavo alla Clásica San Sebastián e nono al Trofeo Masferrer, per quanto riguarda le corse a in linea, e ottavo al Volta a Catalunya per quanto concerne le prove a tappe. Nel 1987 passò alla Teka, ma questo periodo di militanza coincise con la fase finale dello squadrone spagnolo. Riuscì comunque a vincere, con questa formazione, un tappa alla Vuelta a España nel 1987 e il suo secondo campionato nazionale, nel 1989.

Nel 1990 passò alla Lotus-Festina, ritagliandosi il ruolo di gregario di campioni come Sean Kelly, Acácio da Silva e di un giovane Abraham Olano. Questo non gli impedì comunque di continuare a vincere: sempre nel 1990 vinse infatti la sua terza tappa alla Vuelta a España e nel 1992 conquistò la classifica degli scalatori.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

3ª tappa Vuelta a Cantabria
4ª tappa Vuelta a Cantabria
4ª tappa Vuelta a Castilla
Classifica generale Vuelta a Aragón
Campionati spagnoli, Prova in linea
Circuito de Getxo
17ª tappa Vuelta a España
1ª tappa Vuelta a los Tres Cantones
Classifica generale Vuelta a los Tres Cantones
4ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Aragón
12ª tappa Vuelta a España
4ª tappa Vuelta a Asturias
1ª tappa Vuelta a Murcia
Gran Premio de Llodio
5ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Murcia
Classifica generale Vuelta a Murcia
Campionati spagnoli, Prova in linea
1ª tappa Vuelta a Castilla y León
11ª tappa Vuelta a España

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Criterium di Aranzazu
Criterium di Terrassa
Criterium di Ahorro
Criterium di Sabiñánigo
Classifica scalatori Vuelta a España

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1983: 55º
1984: 53º
1985: 76º
1986: 53º
1987: 128º
1992: 85º
1982: 73º
1983: 28º
1985: 36º
1986: 51º
1987: 23º
1988: 27º
1990: 31º
1991: 110º
1992: 22º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Altenrhein 1983 - In linea: ritirato
Chambéry 1989 - In linea: ritirato

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]