Vuelta a Asturias

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vuelta a Asturias
Sport Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
Tipo Gara individuale
Categoria Uomini Elite + Under-23
Classe 2.1
Federazione Unione Ciclistica Internazionale
Paese Spagna Spagna
Organizzatore Club Ciclista Aramo
Cadenza Annuale
Apertura aprile/maggio
Partecipanti Variabile
Formula Corsa a tappe
Storia
Fondazione 1925
Numero edizioni 60 (al 2017)
Detentore Ecuador Richard Carapaz
Record vittorie Spagna Ricardo Montero (2)
Spagna Federico Bahamontes (2)
Spagna Jesús Manzaneque (2)
Spagna Faustino Rupérez (2)
Spagna Juan Carlos Domínguez (2)

La Vuelta a Asturias (it. "Giro delle Asturie") è una corsa a tappe maschile di ciclismo su strada che si disputa ogni anno nel Principato delle Asturie, in Spagna. Dal 2005 fa parte del calendario dell'UCI Europe Tour come prova di classe 2.1.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La corsa ha avuto luogo per la prima volta nel 1925 come Pequeña Vuelta a Asturias, con la vittoria di Segundo Barruetabeña; a quella del 1925 seguirono altre tre edizioni, due delle quali vinte da Ricardo Montero, dopo le quali si verificò una sospensione fino al 1947. Dal 1947 al 1957 la corsa tornò nel calendario professionistico, pur con alcune interruzioni, venendo vinta per due volte da Federico Bahamontes.

Dal 1957 al 1967 si svolse un'omologa prova per dilettanti, non inclusa nell'albo d'oro ufficiale[1]; soltanto a partire dal 1968, anno in cui venne riservata ai non professionisti (limitazione utilizzata fino al 1970), la gara ha assunto di nuovo cadenza annuale.

Nonostante sia stata regolarmente disputata, l'edizione del 1979 non ha un vincitore, in quanto la classifica finale è stata annullata in seguito alla positività all'antidoping dei primi tre classificati (nell'ordine Alberto Fernández Blanco, Faustino Fernández Ovies e Ángel Arroyo)[2][1]. Anche la vittoria dell'edizione 2010 non fu assegnata a causa della positività all'efedrina del vincitore Constantino Zaballa[2][3].

Dal 2012 la gara si svolge nell'arco di soli tre giorni (erano di solito cinque o sei negli anni precedenti). L'edizione del 2014 non si è svolta a causa di problemi economici degli organizzatori[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato all'edizione 2018.[1][2]

Anno Vincitore Secondo Terzo
1925 Spagna Segundo Barruetabeña Spagna Vicente Rojo Spagna Ángel Castro
1926 Spagna Ricardo Montero Spagna Miquel Mucio Spagna Ángel Castro
1927 Spagna Miguel Muncio Spagna Ricardo Montero Spagna Mariano Cañardo
1928 Spagna Ricardo Montero Spagna Mariano Cañardo Spagna Juan Mateu
1929-46 Non disputata
1947 Spagna Emilio Rodríguez Spagna Senen Blanco Spagna Senen Mesa
1948-49 Non disputata
1950 Spagna Miguel Gual Spagna Senen Mesa Spagna Andrés Trobat
1951-52 Non disputata
1953 Spagna Antonio Gelabert Spagna Pedro Sant Spagna Vicente Iturat
1954 Spagna Bernardo Ruiz Spagna Dalmacio Langarica Spagna Manolo Rodriguez Barros
1955 Spagna Federico Bahamontes Spagna Francisco Alomar Spagna Gabriel Company
1956 Spagna Emilio Hernán Spagna Antonio Suárez Spagna Andrés Trobat
1957 Spagna Federico Bahamontes Spagna René Marigil Spagna Antonio Suárez
1958-67 Non disputata
1968 Spagna Jesús Manzaneque Spagna Luis Balague Spagna Enrique Sanchidrian
1969 Spagna Andrés Oliva Spagna Enrique Sahagún Spagna José Manuel Fuente
1970 Spagna Antonio Martos Spagna Francisco Javier Galdeano Spagna Antonio Menéndez
1971 Spagna Eduardo Castello Spagna José Gomez del Moral Spagna Juan Zurano
1972 Spagna Agustín Tamames Spagna Luis Pedro Santamarina Spagna José Grande
1973 Spagna Jesús Manzaneque Spagna José Pesarrodona Spagna Pedro Torres
1974 Spagna Juan Manuel Santisteban Spagna Agustín Tamames Portogallo Joaquín Freitas
1975 Spagna Miguel María Lasa Spagna José Antonio González Spagna Luis Ocaña
1976 Spagna Santiago Lazcano Spagna José Luis Viejo Spagna Domingo Perurena
1977 Spagna Vicente López Carril Spagna José Nazábal Germania Ovest Klaus-Peter Thaler
1978 Spagna Enrique Martínez Heredia Spagna Bernardo Alfonsel Spagna Enrique Cima
1979[5] non assegnato non assegnato non assegnato
1980 Spagna Faustino Rupérez Spagna Ángel Arroyo Spagna Juan Puyol
1981 Spagna Ángel Arroyo Spagna Eduardo Chozas Spagna Pedro Muñoz
1982 Spagna Jerónimo Ibáñez Spagna Faustino Rupérez Spagna Álvaro Pino
1983 Spagna Pedro Muñoz Spagna Álvaro Pino Spagna Faustino Rupérez
1984 Spagna Faustino Rupérez Spagna Alberto Fernández Spagna Jesús Ignacio Ibáñez
1985 Spagna Jesús Blanco Villar Germania Reimund Dietzen Spagna Angel Camarillo
1986 Spagna Jesús Rodríguez Magro Spagna Vincente Belda Spagna Guillermo Arenas
1987 Spagna Iñaki Gastón Spagna Julián Gorospe Spagna Anselmo Fuerte
1988 Germania Rolf Gölz Spagna Federico Echave Norvegia Janusz Kuum
1989 Paesi Bassi Gert-Jan Theunisse Norvegia Janusz Kuum Spagna Álvaro Pino
1990 Messico Raúl Alcalá Spagna Miguel Indurain Spagna Javier Murguialday
1991 URSS Pëtr Ugrjumov Spagna José Rodríguez Magro Paesi Bassi Erik Breukink
1992 Svizzera Alex Zülle Svizzera Tony Rominger Spagna Jesús Montoya
1993 Paesi Bassi Erik Breukink Danimarca Peter Meinert Spagna Pedro Delgado
1994 Spagna Abraham Olano Spagna Pedro Delgado Spagna Félix García Casas
1995 Svizzera Beat Zberg Spagna Íñigo Cuesta Spagna Miguel Indurain
1996 Spagna Miguel Indurain Spagna Fernando Escartín Spagna Marcelino García Alonso
1997 Spagna Manuel Fernández Ginés Spagna Abraham Olano Spagna Fernando Escartín
1998 Francia Laurent Jalabert Spagna José María Jiménez Spagna Santiago Blanco
1999 Spagna Juan Carlos Domínguez Spagna Roberto Laiseka Spagna Fernando Escartín
2000 Spagna Joseba Beloki Spagna Alberto López de Munain Spagna Igor González de Galdeano
2001 Spagna Juan Carlos Domínguez Spagna Joan Horrach Svizzera Alex Zülle
2002 Italia Leonardo Piepoli Spagna David Bernabeu Spagna Joseba Beloki
2003 Svizzera Fabian Jeker Spagna Juan Miguel Mercado Colombia Hernán Buenahora
2004 Spagna Iban Mayo Colombia Félix Cárdenas Spagna Haimar Zubeldia
2005 Spagna Adolfo García Quesada Spagna Samuel Sánchez Italia Giampaolo Cheula
2006 Spagna Óscar Sevilla Spagna Eladio Jiménez Italia Luca Mazzanti
2007 Spagna Koldo Gil Spagna Alberto Fernández Sudafrica John-Lee Augustyn
2008 Spagna Ángel Vicioso Spagna Xavier Tondó Francia Bruno Pires
2009 Spagna Francisco Mancebo Portogallo Tiago Machado Spagna Javier Moreno
2010 non assegnato[3] Colombia Fabio Duarte Spagna Beñat Intxausti
2011 Spagna Javier Moreno Spagna Constantino Zaballa Portogallo Sergio Ferreira
2012 Spagna Beñat Intxausti Spagna David de la Cruz Francia Rémy Di Grégorio
2013 Spagna Amets Txurruka Spagna Mikel Landa Spagna Javier Moreno
2014 Non disputata
2015 Spagna Igor Antón Spagna Amets Txurruka Spagna Jesús Herrada
2016 Regno Unito Hugh Carthy Spagna Sergio Pardilla Spagna Daniel Moreno
2017 Spagna Raúl Alarcón Colombia Nairo Quintana Spagna Óscar Sevilla
2017 Ecuador Richard Carapaz Ecuador Jonathan Caicedo Portogallo Ricardo Mestre

Vittorie per nazione[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato all'edizione 2018.

Pos. Paese Vittorie
1 Spagna Spagna 47
2 Svizzera Svizzera 3
3 Paesi Bassi Paesi Bassi 2
4 Ecuador Ecuador 1
Francia Francia 1
bandiera Germania Ovest 1
Gran Bretagna Gran Bretagna 1
Italia Italia 1
Messico Messico 1
URSS URSS 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (ES) Palmarés de La Vuelta Asturias, su mas.lne.es. URL consultato l'8 aprile 2018.
  2. ^ a b c (FR) Vuelta a Asturias (Esp) - Cat 2.1, su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato l'8 aprile 2018.
  3. ^ a b Lo spagnolo Constantino Zaballa, inizialmente vincitore, fu successivamente squalificato per doping e gli furono annullati i risultati conseguiti nella corsa. Si veda (ES) Zaballa, suspendido nueve meses, in Biciciclismo.it. URL consultato l'8 aprile 2018.
  4. ^ (ES) Se suspende la Vuelta a Asturias, su marca.com. URL consultato l'8 aprile 2018.
  5. ^ La prova si svolse regolarmente, ma la classifica finale venne annullata per la positività all'antidoping dei primi tre classificati, gli spagnoli Alberto Fernández Blanco, Faustino Fernández Ovies e Ángel Arroyo. Si veda (FR) Vuelta a Asturias (Esp) - Cat 2.1, su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato l'8 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]