Enrique Aja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrique Aja
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1992
Carriera
Squadre di club
1983-1985Reynolds
1985-1990Teka
1991-1992Paternina
 

Enrique Alberto Aja Cagigas (Solares, 23 marzo 1960) è un ex ciclista su strada spagnolo. Professionista dal 1983 al 1992 ottenne undici successi, fra cui una tappa alla Vuelta a España 1987. Gregario di ciclisti quali Pedro Delgado e Reimund Dietzen, corse sei edizioni del Tour de France e altrettante della Vuelta a España portandole tutte a conclusione, oltre a due edizioni dei Campionati mondiali.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1983con la casacca della Reynolds, riuscì subito a centrare due successi in frazioni di piccole corse a tappe spagnole, la Vuelta a la Rioja e la Vuelta a Cantabria, corse concluse anche sul podio finale, rispettivamente al terzo e secondo posto. In quella stessa stagione di esordio fu anche settimo nei Campionati spagnoli e partecipò al Tour de France.

Anche il 1984, fu un anno proficuo di risultati, due vittorie sempre in corse spagnole e alcuni piazzamenti come il secondo posto al Prueba Villafranca de Ordizia, il sesto alla Klasika Primavera ed il quarto al Tour de l'Aude. Corse anche il Tour de France e la Vuelta a España in appoggio dei suoi capitani. L'anno successivo vinse il Trofeo Luis Puig e fu secondo nella Vuelta a la Rioja.

Nel 1986 con il passaggio di Pedro Delgado alla olandese PDM-Concorde, si trasferì alla Teka, una delle più forti squadre di quel periodo, che aveva come capitano il tedesco Reimund Dietzen. Con i colori della Teka vinse subito nel 1986 una tappa alla Vuelta a Cantabria; l'anno successivo riuscì a conquistare il suo successo più importante, la decima tappa della Vuelta a Vuelta a España. In quello stesso 1987 fu anche quinto alla Vuelta a Cantabria e alla Bicicletta Basca.

Il 1988 fu la stagione più ricca per quanto riguarda i risultati personali, vinse una sola corsa, il Gran Premio Santander, ma ottenne numerosi piazzamenti: secondo alla Clásica San Sebastián, alla Vuelta Burgos e alla Vuelta a Venezuela, sesto alla Vuelta a Galicia, settimo alla Clásica a los Puertos de Guadarrama, alla Vuelta a Cantabria e alla Volta Ciclista a Catalunya. La sua buona condizione gli permise di essere selezionato anche per i campionati mondiali di Ronse in Belgio.

Il 1989 fu il suo ultimo anno alla Teka, vinse la Vuelta a la Rioja e venne nuovamente selezionato per i mondiali a Chambéry, dove fu trentunesimo. Nel 1990 passò alla Paternina, ottenendo numerosi risultati nelle corse spagnole: vinse il Trofeo Masferrer, finì secondo sia la Clásica a los Puertos de Guadarrama che la Subida al Naranco, terzo alla Vuelta a la Rioja, quarto alla Prueba Villafranca de Ordizia, sesto alla Volta Ciclista a Catalunya, settimo alla Clásica San Sebastián, ottavo alla Vuelta a Galicia, decimo nella Escalada a Montjuich.

Nel 1991 ottenne, invece, gli ultimi risultati vincendo un criterium a Oviedo e chiudendo al terzo posto il Memorial Manuel Galera. Concluse la carriera professionistica nel 1992.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale Cinturón Ciclista Internacional a Mallorca
Classifica generale Vuelta a Vizcaya
2ª tappa Vuelta a la Rioja
3ª tappa Vuelta a Cantabria
Clasica de Zizurkil
4ª tappa Vuelta a los Valles Mineros
Trofeo Luis Puig

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Criterium di Oviedo

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1983: 75º
1984: 51º
1985: 62º
1986: 60º
1987: 58º
1988: 64º
1984: 23º
1986: 20º
1987: 19º
1989: 21º
1990: 40º
1991: 61º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1985: 109º
1988: 89º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]