Caproni Ca.153

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caproni Ca.153
Caproni Ca.153 modellino in scala.jpg
Modellino in legno in scala del Ca.153
Descrizione
TipoCaccia pesante
ProgettistaGiovanni Pegna
CostruttoreItalia Caproni
Utilizzatore principaleItalia Regia Aeronautica
Altre variantiCaproni Ca.155
Dimensioni e pesi
Lunghezza8,60 m
Apertura alare12,50 m
Altezza2,20 m
Superficie alare19,05
Carico alare223 kg/m²
Peso carico4 250 kg
Passeggeri2
Capacità2 500 kg
Propulsione
Motore2 Isotta Fraschini Asso 120 I.R.C.C. 35
Potenza650 CV (478 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max523 km/h
Armamento
Mitragliatrici(2-4) + 1 calibro 12,7 mm
Notedati progettuali

i dati sono estratti da Aerofan[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Caproni Ca.153 è stato un progetto, del 1938, di un mai costruito bimotore da caccia multiruolo ad ala bassa progettato dall'Ing. Giovanni Pegna per l'azienda Caproni; da questo progetto scaturì il successivo Caproni Ca.155 che entrò invece in produzione.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Di questo progetto venne realizzato, nel 1938, solamente un modellino in scala 1:12,5 per le prove in galleria del vento. Successivamente a questo prototipo in scala, venne sviluppata un'altra versione con diversa motorizzazione, chiamata Ca.155.[2]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Verosimilmente sarebbe stato costruito interamente in metallo. Possedeva una fusoliera molto allungata che terminava con una coda a punta e portava il piano orizzontale di coda con due piani di deriva ellittici, posti a mezza altezza del piano stabilizzatore.[2]

I motori erano due Isotta Fraschini Delta o Asso 120 I.R.C.C. 35 motore aeronautico 12 cilindri a V rovesciata raffreddati ad aria da 650 CV, previsti su gondole che sporgevano parecchio sul piano dell'ala ed avevano forma trapezoidale. Le eliche previste erano, presumibilmente, tripala metalliche a passo variabile in volo. Il carrello avrebbe dovuto essere retrattile e rientrante nelle gondole motori.[2]

L'armamento prevedeva 2 o 4 mitragliatrici in caccia anteriori e una supero-posteriore, tutte del tipo Scotti/Isotta Fraschini calibro 12,7 mm.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aerofan, Anno II, Gen./Mar. 1979 pp. 35-37.
  2. ^ a b c d (RU) Итальянские бумажные проекты. Истребитель Caproni Ca.153, su alternathistory.org.ua. URL consultato il 3 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Aerofan, Anno II, Gen./Mar. 1979.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Paesi Bassi Paesi Bassi
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]