Caproni Ca.161

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caproni Ca.161
1132PezziM4-302x227.gif
Descrizione
Tipoaereo da primato
Equipaggio1
ProgettistaRodolfo Verduzio
CostruttoreItalia Caproni
Data primo volo1936
Esemplari3
Dimensioni e pesi
Lunghezza8,25 m
Apertura alare14,25 m
Altezza3,50 m
Superficie alare35,5
Peso a vuoto1 205 kg
Peso carico1 650 kg
Propulsione
Motore1 radiale Piaggio P.XI RC.100/2v
Potenza750 CV (560 kW)
Record e primati
17 083 m di quota
Notedati riferiti alla versione Ca.161bis

biciclo e non triciclo

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia
Mario Pezzi con indosso la tuta pressurizzata utilizzata sui Caproni Ca.161

Il Caproni Ca.161 era un monomotore biplano sperimentale realizzato dall'azienda italiana Aeronautica Caproni nella metà degli anni trenta per battere il precedente primato mondiale di quota massima.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Per poter affermare la superiorità tecnica dei propri velivoli e per spirito di competizione, l'ingegner Gianni Caproni decise di realizzare un velivolo appositamente studiato per riuscire a battere il primato mondiale di quota massima. Per il progetto si affidò a Rodolfo Verduzio il quale si basò sul Caproni Ca.113, un biplano monomotore da addestramento avanzato con capacità acrobatiche, prodotto negli stabilimenti di Taliedo dall'inizio degli anni trenta.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Ca.161 presentava un'impostazione convenzionale, come il Ca.113 dal quale derivava, ovvero un biplano monomotore in configurazione traente e carrello fisso.

La fusoliera aveva una struttura in tubi saldati ed era dotata di un singolo abitacolo aperto modificato per contenere l'attrezzatura necessaria per raggiungere l'alta quota. La parte posteriore terminava in un impennaggio classico monoderiva dotato di piani orizzontali controventati.

La configurazione alare era biplana a scalamento positivo, con l'ala superiore ed inferiore di ugual misura, con l'inferiore disassata verso la parte posteriore, collegate tra loro e la fusoliera da una serie di montanti in tubi metallici.

Il carrello d'atterraggio era un triciclo classico molto semplice, fisso, integrato posteriormente da un ruotino d'appoggio.

La propulsione era affidata ad un motore Piaggio P.XI RC.72, un radiale 14 cilindri a doppia stella raffreddato ad aria dotato di riduttore e compressore con quota di ristabilimento di 7 200 m, collegato ad un'elica quadripala, soluzione già adottata dalla versione Ca.113AQ (Alta Quota) e studiata per diminuire gli effetti della rarefazione dell'aria.

Primati[modifica | modifica wikitesto]

L'8 maggio 1937, ai comandi di Mario Pezzi, comandante dal 1934 del Reparto Alta Quota di Guidonia, il Ca.161 venne portato in volo per stabilire il nuovo record. Sull'esperienza fatta con il Ca.113AQ, anch'esso pilotato dal comandante Pezzi, per evitare i problemi di respirazione e contrastare il freddo intenso, venne munito di una speciale tuta riscaldata munita di scafandro, una soluzione che lo faceva assomigliare alle tute introdotte vent'anni più tardi per i primi tentativi della conquista dello spazio. in questa configurazione riuscì a raggiungere i 15 635 m di quota, stabilendo il nuovo record.

Questo però rimase imbattuto per poco tempo. Il 30 giugno di quello stesso anno il britannico M.J. Adam ai comandi di un Bristol Type 138 lo superava a sua volta raggiungendo i 53 940 ft, corrispondenti a 16 440 metri.

Pezzi e Caproni decisero allora di riprendersi il primato realizzando una versione ancora più estrema del modello, denominata Ca.161bis. Le modifiche più evidenti riguardavano l'installazione nella fusoliera di una camera pressurizzata in cui il Pezzi si sarebbe calato chiusa superiormente da uno scafandro a tenuta stagna. Inoltre venne costruita una versione del motore P.XI ancora più ottimizzata per l'alta quota, dotata di un compressore a due stadi con quota di ristabilimento portata a 10 000 m, e denominato Piaggio P.XI RC.100/2v.

In questa configurazione Pezzi riuscì a raggiungere la quota di 17 083 m, primato rimasto a lungo imbattuto per biplani con motore a pistoni e con propulsione ad elica. Fu battuto solo il 4 agosto 1995 dal monoplano sperimentale Grob G 850 Strato 2C della Grob Aerospace che raggiunse i 18 552 m nel suo ultimo volo.[1][2]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Ca.161
versione originale motorizzata con un radiale Piaggio P.XI RC.72 dotata di compressore con quota di ristabilimento di 7 200 m.
Ca.161bis
versione modificata dotata di motorizzazione Piaggio P.XI RC.100/2v con compressore a due velocità e quota di ristabilimento a 10 000 m
Ca.161Idro
versione idrovolante a scarponi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Abate, Alegi, Apostolo, pp. 132-133.
  2. ^ Stemp, p. 520.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosario Abate, Gregory Alegi, Giorgio Apostolo, Aeroplani Caproni – Gianni Caproni ideatore e costruttore di ali italiane, Museo Caproni, 1992, ISBN non esistente.
  • Gianni Caproni, Gli Aeroplani Caproni: i progetti dell'Ing. Gianni Caproni - caratteristiche, immagini, storia, Milano, Edizioni d'arte E. Bestetti, 1937, ISBN non esistente.
  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, London, Studio Editions Ltd., 1989, p. 236, ISBN 0-517-10316-8.
  • (EN) P.D. Stemp, Kites, Birds & Stuff - Aircraft of Germany - E to H, lulu.com, 2014, p. 332, ISBN 978-1-291-29268-8.
  • (EN) Jonathan W. Thompson, Italian Civil and Military Aircraft 1930-1945, London, Aero Publisher, Inc., 1963, ISBN 0-8168-6500-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione