Caproni Ca.7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caproni Ca.7
Caproni Ca.7 side view.svg
Schizzo del progetto del Caproni Ca.7, da un disegno di Gianni Caproni riprodotto in Gli aeroplani Caproni[1]
Descrizione
TipoBiplano pionieristico
Equipaggio1[1]
ProgettistaItalia Gianni Caproni
Esemplari
Sviluppato dalCaproni Ca.6
Dimensioni e pesi
StrutturaLegno
Lunghezza9,65 m
Apertura alare12,00 m
RivestimentoTela
Altezza3,00 m[1]
Superficie alare36,00
Peso a vuoto475 kg
Peso carico675 kg
Passeggeri2[1]
Propulsione
Motore2 × Rebus in linea
Potenza50 CV (36,8 kW)

I dati sono tratti da Aeroplani Caproni[2]
salvo diversa indicazione

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia

Il Caproni Ca.7 fu il settimo modello di aeroplano progettato dal pioniere dell'aviazione trentino Gianni Caproni.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Gianni Caproni iniziò a occuparsi della progettazione del Ca.7 nei primi anni 1910;[3] si trattava del primo aereo Caproni concepito come plurimotore, dopo le esperienze svolte da Caproni a partire dal 1910 con i monomotori dal Ca.1 al Ca.6.[2]

Il fatto che si tratti del primo velivolo plurimotore Caproni fa sì che esso sia considerato il precursore dei grandi bombardieri realizzati dall'ingegnere trentino durante la prima guerra mondiale.[3]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del Caproni Ca.7 concerneva un biplano dotato di un doppio sistema di impennaggi orizzontali, montati rispettivamente all'estremità anteriore e posteriore della fusoliera. Il progetto prevedeva l'installazione di due motori "in tandem" all'interno della fusoliera, la quale avrebbe dovuto ospitare anche, oltre al pilota (alloggiato all'estremità anteriore, subito dietro l'impennaggio di prua), due passeggeri (seduti dietro i motori).[1]

Pianta del progetto del Caproni Ca.7, da un disegno di Gianni Caproni riprodotto in Gli aeroplani Caproni[1]

L'aereo avrebbe dovuto presentare due eliche spingenti, azionate tramite organi di trasmissione a catena dai motori alloggiati in fusoliera;[1] i due motori erano collegati da innesti a frizione, in modo tale da poter funzionare insieme o separatamente.[3] Proprio per le difficoltà progettuali insite nell'impiego di due propulsori, entrambi alloggiati in fusoliera, di cui uno alla volta avrebbe dovuto poter essere spento, anche in volo, per esigenze di raffreddamento, impedì però la realizzazione dell'aeroplano, che rimase dunque allo stadio di progetto.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Gli aeroplani Caproni – Studi – Progetti – Realizzazioni 1908-1935, Museo Caproni, 1937, pp. 34-36, ISBN non esistente.
  2. ^ a b Rosario Abate, Gregory Alegi, Giorgio Apostolo, Aeroplani Caproni – Gianni Caproni ideatore e costruttore di ali italiane, Museo Caproni, 1992, p. 241, ISBN non esistente.
  3. ^ a b c T.L. Barbero, I cento aeroplani Caproni 1909-1930, in Aeronautica – Rivista mensile internazionale, pp. 12-13, ISBN non esistente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosario Abate, Gregory Alegi, Giorgio Apostolo, Aeroplani Caproni – Gianni Caproni ideatore e costruttore di ali italiane, Museo Caproni, 1992, ISBN non esistente.
  • Gli aeroplani Caproni – Studi – Progetti – Realizzazioni 1908-1935, Edizione del Museo Caproni, 1937, ISBN non esistente.
  • T.L. Barbero, I cento aeroplani Caproni 1909-1930, in Aeronautica – Rivista mensile internazionale, ISBN non esistente.
  • Giovanni Celoria, Tre anni di aviazione nella brughiera di Somma Lombardo (5 aprile 1910 – 5 aprile 1913), Milano, Stab. Tip. Unione Cooperativa, 1913, ISBN non esistente. (Ristampato in edizione anastatica a cura di Romano Turrini, Trento, Il Sommolago – Museo dell'Aeronautica G. Caproni – Comune di Arco, 2004).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aviazione