Canale 21

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canale 21
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Versioni Canale 21 576i 16:9 (SDTV)
(data di lancio: 15 agosto 1976)
Nomi precedenti Napoli Canale 21 (1976-2013)
Editore Paolo Torino
Sito canale21.it
Diffusione
Terrestre
Digitale
Canale 21
Canale 21 (Campania)
DVB-T - FTA
Canale 12 SD

Canale 21
Canale 21 HD (Campania)
DVB-T - FTA
Canale 512 SD

TVI Molise
Canale 21 (Molise)
DVB-T - FTA
Canale 72 SD

Gold TV
Canale 21 (Lazio)
DVB-T - FTA
Canale 10 SD

Telepuglia Italia
Canale 21 (Puglia)
DVB-T - FTA
Canale 117 SD

Canale 21 (Napoli Canale 21 fino al 2013) è un'emittente televisiva italiana creata da Pietrangelo Gregorio nel 1976, con sede a Napoli e a Roma.

La sede dell'emittente era inizialmente situata ad Ercolano, successivamente spostata a Napoli in Via Posillipo 222, e giungere infine negli anni ottanta alla sede attuale di Pozzuoli, all'inizio di Via Antiniana. La sede di Roma si trova in Via Sommacampagna, n. 29.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

venne fondata da Gregorio dopo il fallimento di Telediffusione Italiana Telenapoli, nelle intenzioni di creare una struttura alternativa a quella statale, e dedicata integralmente a Napoli e alla Campania, avvalendosi della trasmissione via etere. Il nome dell'emittente deriva dal primo canale UHF (il 21, appunto) impiegato per le sue trasmissioni, oltre che a riferirsi all'articolo della Costituzione sulla libertà d'espressione. Dopo un primo periodo di assestamento, Canale 21 divenne un punto di riferimento nel variegato e sempre più affollato panorama delle emittenti libere partenopee, proponendo trasmissioni sempre all'avanguardia, sia nel campo dell'intrattenimento, si ricordano ad esempio C'era una volta il festival, ideato e condotto da Egisto Sarnelli, Stasera Napoli..., programma di Mario Trevi, C21 CLUB ideato e condotto dal Gruppo del Parlone, che in quello dell'informazione. Fu anche la prima tv privata napoletana a trasmettere, nelle ore notturne, anche alcuni "strip-tease", il più delle volte con modelle non professioniste, cosa molto apprezzata dal pubblico dell'epoca. Altre trasmissioni note dei primi anni erano "Linea diretta", condotta dal fondatore Pietrangelo Gregorio con telefonate da parte dei telespettatori, ed "il Tormentone" d'Angelo Manna.

Inoltre negli anni '80 la rete trasmetteva nella fascia mattutina molte serie animate di successo tra cui Daitarn III, Vultus 5, L'invincibile robot Trider G7, Danguard, Gordian, Hurricane Polymar, Carletto il principe dei mostri, Daltanious, Fantaman, Grand Prix e il campionissimo, Tom Story, Judo Boy, Superkid eroe bambino e molti altri.

Il telegiornale VG21 News va in onda tutti i giorni con quattro edizioni (14:00, 19:30, 20:30 e 23:00). Dal 2005 al 2010 Canale 21 aggiunse alle redazioni esterne di Salerno e Roma, anche la redazione giornalistica di Ischia-Procida dalla quale venivano frequentemente realizzati servizi giornalistici e collegamenti in diretta per il telegiornale della sede di Napoli (VG21 News) e la domenica con la trasmissione sportiva Campania Sport. La redazione isolana inoltre forniva le proprie immagini anche ad altri network (come Rai e Mediaset) nel caso di avvenimenti di rilevanza nazionale che avvenivano su Ischia e Procida. Nel 2012 c'è la prima edizione de "Il Bello del Calcio", condotto da Claudia Mercurio, programma di punta della rete.

Dal 2013 ha cambiato nome eliminando il nome della città dalla denominazione, e stabilendo una sede a Roma.

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

Spazi informativi[modifica | modifica wikitesto]

Telenovelas[modifica | modifica wikitesto]

Programmi Sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Bello del Calcio
  • Giochiamo d'anticipo
  • Il Diario di Dimaro
  • Campania Sport
  • Supersport21
  • Champions 21

Frequenze[modifica | modifica wikitesto]

Frequenza Postazione Area
UHF 35 Monte Faito Napoli Napoli
Napoli Camaldolilli
Quarto
Marano
Monte S. Gennaro
Caserta Vecchia Caserta Caserta
Rocca Romana
Sessa Aurunca
Montevergine Avellino Avellino
Camposauro Benevento Benevento
Colle Bellara Salerno Salerno
Iaconti di Dragonea
Monte S. Angelo
Monte Stella
Postiglione - Piano delle Vacche
Cologni Frosinone Frosinone
Monte Cifalco
San Sebastiano
Selvelle
Settefrati
Vallemaio

Composizione mux[modifica | modifica wikitesto]

LCN Nome Canale
12 Canale 21[1]
75 TELECAMPIONE
94 TV7
180 Radio Norba Tv
196 Iride
512 Canale 21 HD[2]
611 Gran BAZAR
652 Gran BAZAR
653 Eduardo
696 696 TV
735 Radio Fontel by R.C.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel mux sono presenti 9 copie di questo canale.
  2. ^ Copia del canale in SD

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]