Cama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cama (disambigua).
Cama
comune
Cama – Stemma
Cama – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Graubünden matt.svg Grigioni
RegioneMoesa
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Territorio
Coordinate46°16′12″N 9°10′12″E / 46.27°N 9.17°E46.27; 9.17 (Cama)Coordinate: 46°16′12″N 9°10′12″E / 46.27°N 9.17°E46.27; 9.17 (Cama)
Altitudine366 m s.l.m.
Superficie15,00 km²
Abitanti571 (2015)
Densità38,07 ab./km²
FrazioniAl Punt, Norantola
Comuni confinantiDosso del Liro (IT-CO), Gordona (IT-SO), Grono, Livo (IT-CO), Lostallo
Altre informazioni
Cod. postale6557
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS3831
TargaGR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Cama
Cama
Cama – Mappa
Sito istituzionale

Cama (toponimo italiano) è un comune svizzero di 571 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Moesa. È conosciuto per il suo nucleo di grotti[1].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio è situato in Val Mesolcina, vicino al fiume Moesa; dista 17 km da Bellinzona e 100 km da Coira. Il punto più elevato del comune è la cima del Pizzo Paglia (2 593 m s.l.m.), che segna il confine con Grono.

Il territorio comunale comprende i laghetti alpini di Cama, sito in Val Cama, e di Sambrog[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal XIII secolo il villaggio di Cama fu dominato dalla Fortezza di Norantola, i cui ruderi sorgono ancora oggi sulla collina rocciosa a nord dell’abitato.

La prima attestazione del castello è del 1248, quando era di proprietà di Locarnus de Norantola, probabilmente un rappresentante della nobiltà locale. Successivamente la rocca appartenne alla famiglia dei baroni De Sacco, signori di Mesocco. In particolare, nel 1324 era sede di Ugolino De Sacco.

Nel 1480 la fortezza era ormai in rovina e cambiò ancora di mano. Il nuovo signore del Moesano, Gian Giacomo Trivulzio, ricostruì il castello, ma del 1483 il castello fu distrutto definitivamente dal conte Giovanni Pietro de Sacco.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Sullo stemma di Cama è rappresentata una croce di San Maurizio rossa affiancata da due stelle rosse inserite in uno sfondo giallo intenso.

Monumenti e oggetti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Cama è un punto di partenza per gli amanti del trekking, con diversi sentieri e rifugi situati nelle sue vicinanze[senza fonte].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cama di Cama e con una motrice elettrica

Le uscite autostradali più vicina sono Roveredo (5 km), verso sud, e Lostallo (6,5 km), verso nord, entrambe sulla A13/E43. Cama è serviata dalla stazione ferroviaria omonima, in disuso tranne che per viaggi turistici, della ferrovia Bellinzona-Mesocco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cesare Santi, Cama, in Dizionario storico della Svizzera, 14 marzo 2005. URL consultato il 23 maggio 2017.
  2. ^ Cama e Sambrog, in Sito istituzionale del Canton Ticino. URL consultato il 23 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980
  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000
  • AA. VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN265901476 · GND (DE4674777-1
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera