Castaneda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Castaneda (disambigua).
Castaneda
comune
Castaneda – Stemma
Castaneda – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Graubünden matt.svg Grigioni
RegioneMoesa
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Territorio
Coordinate46°15′29″N 9°08′24″E / 46.258056°N 9.14°E46.258056; 9.14 (Castaneda)Coordinate: 46°15′29″N 9°08′24″E / 46.258056°N 9.14°E46.258056; 9.14 (Castaneda)
Altitudine750 m s.l.m.
Superficie3,96 km²
Abitanti266 (2015)
Densità67,17 ab./km²
Comuni confinantiBuseno, Grono, Roveredo, Santa Maria in Calanca, San Vittore
Altre informazioni
Cod. postale6540
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS3805
TargaGR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Castaneda
Castaneda
Castaneda – Mappa
Sito istituzionale

Castaneda (toponimo italiano) è un comune svizzero di 266 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Moesa.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Castaneda è situato in Val Calanca, sulla sponda sinistra del torrente Calancasca; dista 19 km da Bellinzona e 111 km da Coira. Il punto più elevato del comune è la cima del Mottan (1 794 m s.l.m.), che segna il confine con Buseno e Santa Maria in Calanca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona della chiesa del paese sono stati svolti scavi archeologici che hanno riportato alla luce prove dell'esistenza di un insediamento abitato e della relativa necropoli, risalente all'età del ferro e databile fra il VI e il III secolo a.C.[1][2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'uscita autostradale più vicina è Roveredo, sulla A13/E43 (6,5 km), mentre la stazione ferroviaria di Grono, in disuso, dista 6 km.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, p. 515.
  2. ^ a b Patrick Nagy, Cesare Santi, Castaneda, in Dizionario storico della Svizzera, 5 settembre 2006. URL consultato il 23 maggio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980
  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Edizioni Casagrande, Bellinzona 2000
  • AA. VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN281209778
Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera