Busto di Nefertiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busto di Nefertiti
Busto di Nefertiti
Busto di Nefertiti
Autore sconosciuto
Data circa 1345 a.C.
Materiale pietra calcare e stucco
Altezza 48 cm
Ubicazione Neues Museum, Berlino

Il busto di Nefertiti è un busto dipinto di circa 3300 anni raffigurante la regina egizia Nefertiti come una donna di una straordinaria bellezza.

Venne scoperto da un gruppo di archeologi guidati dal tedesco Ludwig Borchardt nel 1912 all'interno della bottega dello scultore Thutmose nel sito archeologico egiziano di Amarna;[1] dal 2009 è esposto al Neues Museum di Berlino dove è stata spostata la mostra Ägyptisches Museum und Papyrussammlung.

Nel 2009 uno studioso svizzero, Henri Stierlin, ha sostenuto l'ipotesi che la celebre raffigurazione della regina sia un falso realizzato nel 1912 da Gerhard Marcks, un artista chiamato da Ludwig Borchardt per realizzare una riproduzione di Nefertiti utilizzando anche pigmenti ritrovati nella tomba. Per giustificare tale tesi Stierlin parla di "resoconti assai lacunosi attorno a quella scoperta e a circostanze quantomeno controverse", "descrizioni imprecise dove l'unica cosa sicura è il perfetto stato di conservazione del busto" e fa notare anche come le spalle siano tagliate in verticale mentre nell'antico Egitto sarebbero state più orizzontali e quanto il profilo del busto sia troppo moderno. Altri studiosi, a favore della non autenticità del busto hanno pensato che, negli anni della Seconda Guerra Mondiale una copia sia stata fatta sul volere dello stesso Adolf Hitler, proprio per salvare il busto dal bombardamento alleato di Berlino del 1945.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Tarquini, Quella statua è nostra. Egitto e Germania in guerra per Nefertiti, la Repubblica, 15 giugno 2009
  2. ^ Stefano Bucci, Nefertiti? Un falso art déco. Giallo sul busto di Berlino, il Corriere della Sera, 6 maggio 2009

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]