Abusir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il sito archeologico egiziano situato sul lago Maryut, vedi Abusir (lago Maryut).
Abusir
Abu Sir
Abusir map.png
Pianta del sito di Abusir e Abu Gurab
CiviltàAntico Egitto
UtilizzoNecropoli
EpocaV dinastia egizia
Localizzazione
StatoEgitto Egitto
LocalitàIl Cairo
Altitudine34 m s.l.m.
Mappa di localizzazione

Coordinate: 29°53′46″N 31°12′13″E / 29.896111°N 31.203611°E29.896111; 31.203611

Abusir (o Abu Sir) è sede di un'importante necropoli egizia situata nel Governatorato di Giza, sud-ovest del Cairo.

Il nome è quello del villaggio nella valle del Nilo presso cui si trova il sito archeologico.

Situata alcuni chilometri a nord di Saqqara, la necropoli ebbe particolare importanza per le sepolture reali durante la V dinastia, ma risulta di notevole interesse anche la necropoli dei nobili con tombe a mastaba, tra cui la più notevole è la Mastaba di Ptahshepses; il sito continua a donarci i propri tesori, come la recente scoperta della tomba intatta di Neferinpu.

Ad Abusir in passato si trovavano 14 piramidi, ma oggi rimangono solo i resti delle piramidi di Nebkhau, Setibtawy, Userkhau ed un'altra non identificata, rimasta incompiuta ma che risulterebbe appartenere a Neferkhau[1].

Dal sito proviene anche la maggior parte dei papiri amministrativi attribuibili al regno Antico come i papiri di Userkhau ed i papiri di Neferkhau.

A circa un chilometro da Abusir si trova anche il sito di Abu Gurab che ospita i resti di alcuni tempio solari anch'essi risalenti alla V dinastia.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delia Pemberton, Ancient Egypt, 1992, Gardenhouse Editions, (trad. italiana di Antonia Lena, Garzanti, Milano, 1992).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guy Rachet - Dizionario Larousse della civiltà egizia - Gremese Editore - ISBN 88-8440-144-5
  • Delia Pemberton, Ancient Egypt, Gardenhouse Editions, 1992, trad.it di Antonia Lena, Antico Egitto, Garzanti, 1992

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6144648142380947457 · LCCN (ENsh85000265 · BNF (FRcb144053086 (data)