Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lago Maryut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maryut
Salt refining-Lake Mariout.JPG
Zona del lago di Maryut usata per l'industria di raffinazione del sale
Stato Egitto Egitto
Governatorato Beheira,
Alessandria
Coordinate 31°09′11″N 29°53′55″E / 31.153056°N 29.898611°E31.153056; 29.898611Coordinate: 31°09′11″N 29°53′55″E / 31.153056°N 29.898611°E31.153056; 29.898611
Dimensioni
Superficie 250 km²
Mappa di localizzazione: Egitto
Maryut
Maryut

Il lago Mareotide, detto anche Maryut, Mariout o Mariut (in greco antico Μαρεῶτις, Mareõtis; in arabo: بحيرة مريوط‎) è un lago salmastro che si trova in Egitto nella parte occidentale del delta del Nilo. È separato dal mar Mediterraneo da un cordone litoraneo su cui sorge Alessandria, nel tempo alcune delle aree paludose intorno al lago sono state bonificate per fare posto all'espansione della città.

Nel 1801, al tempo della invasione napoleonica, la zona fu inondata dagli inglesi per mettere in difficoltà le truppe francesi. Dopo il ritiro dei francesi l'area fu parzialmente bonificata grazie all'opera di Mehmet Ali che diventerà poi viceré d'Egitto.

L'economia della zona è basata sull'estrazione del sale marino dal lago e sulla pesca. Nel lago è presente il persico del Nilo (Lates niloticus) nonostante l'acqua del lago sia parzialmente salata.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Al lago Mareotide fa riferimento Giuseppe Ungaretti nella poesia Nasce Forse, una delle prime dell'Allegria. Egli annota che "La nebbia aveva mutato in quell'ora Milano in un lago che come un miraggio mi richiamava alla mente il lago Mareotis, nel deserto vicino ad Alessandria"[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Ungaretti, Vita d'un Uomo (Tutte le poesie), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1969, p. DXVIII.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Ungaretti, Vita d'un uomo - Tutte le poesie, Arnoldo Mondadori Editore, Segrate 1969.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]