Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Tutankhamon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tutankhamon (precedentemente Tutankhaton)
Tutanchamun Maske.jpg
Maschera funeraria in oro massiccio di Tutankhamon
Faraone d'Egitto
In carica ~ 1333-1323 a.C.
Predecessore Smenkhkhara
Successore Ay
Nome completo Neb-kheperu-ra Tutankhaton (poi Tutankhamon)
Nascita forse Akhetaton, ~ 1341 a.C.
Morte ~ Gennaio/febbraio 1323 a.C.
Sepoltura KV62, Tomba di Tutankhamon, Valle dei Re
Luogo di sepoltura Valle dei Re
Dinastia XVIII
Padre Akhenaton[1]
Madre Mummia detta The Younger Lady rinvenuta nella tomba KV35 (Kiya?[2])
Consorte Ankhesenamon, (precedentemente Ankhesepaaton)
Figli 2 feti nati morti

Tutankhamon (precedentemente Tutankhaton) (~ 1341 a.C. – gennaio/febbraio ~ 1323 a.C.) è stato un sovrano egizio appartenente alla XVIII dinastia[3]. 


Nomi[modifica | modifica wikitesto]

cartiglio del prenome di Tutankhamon (Neb-Kheperu-Ra[N 1])

Dodicesimo re della XVIII dinastia]][N 2][4], facente parte del cosiddetto Nuovo Regno, è anche noto come “il faraone fanciullo” essendo assurto al trono in giovanissima età, tra i nove e i dieci anni. La non trascrizione delle vocali nell'antica lingua egizia comporta oggi che il suo nome venga spesso riportato, anche a seconda della lingua, come Tutanchamun, Tutankhamun, Tutankhamen,Tutenkhamen, Tutenkhamon[5].

Tutankhamon, ovvero "Immagine vivente di Amon" è, nella titolatura regale, il nome del re preceduto dall'epiteto Sa-Ra, ovvero “figlio di Ra”. Il suo prenome, quello con cui, di fatto, era maggiormente conosciuto tra i suo contemporanei, era Neb-Kheperu-Ra[N 3][6]

Precedentemente all'assunzione del trono, durante il periodo dell’Eresia Amarniana, ed antecedentemente alla restaurazione degli dei e del culto di Amon, dovuti allo stesso Tutankhamon, la parte teofora del nome faceva riferimento al dio Aton ed era, pertanto, Tutankhaton.

Sempre in relazione all'individuazione onomastica di questo re, a lui sarebbe correlato il nome Bibkhururyaash, desumibile dalle Gesta di Shuppiluliumash narrate da suo figlio Mursilis II, scritte in cuneiforme, a proposito della richiesta da parte della regina egizia Dahamunzu[N 4][7] di un figlio del re Hittita da sposare e porre sul trono d’Egitto[N 5]. E' bene precisare che nessuna lettera in tal senso è stata mai rinvenuta nell'Archivio delle Lettere di Amarna [8]

Lo scrittore romano, di origine ebraica, Flavio Giuseppe, in una epitome greca della sua opera, che compendia le Antichità, riporta i nominativi di alcuni re egiziani tratti dall'Aigyptiaká di Manetone [9]. Tra questi è possibile ipotizzare che Tutankhamon sia individuabile in Rahotis che regnò 9 anni. Lo stesso re può essere individuato nel Rathos dell’elenco, sempre derivante da Manetone, di Sesto Giulio Africano.

Da frammenti parietali provenienti dal Palazzo Nord di Amarna (l’antica Akhetaton), rinvenuti nel 1930 dalla Egypt Exploration Society, sembrerebbe infatti evincersi che all'atto dell'assunzione del trono da parte del giovane re, Nefertiti fosse ancora viva giacché i due figurano a bordo di un carro guidato dalla regina con accanto il piccolo Tutankhamon che, tuttavia, già indossa la corona pshent. Pur non essendo iscritti i nominativi dei due personaggi[10], la regina è riconoscibile per il particolare copricapo a lei solito e rappresentato nel suo busto più famoso, oggi al Pergamonmuseum di Berlino. In altre iscrizioni dallo stesso Palazzo, però, il giovane re viene indicato ancora con il nome teoforo Tutankhaton, anche se contestualmente compare il nome Tutankhamon; quest’ultimo, tuttavia, appartiene ad una titolatura incompleta giacché mancano il Nome di Horus e il titolo Le Due Signore[11], né è ipotizzabile (per posizione o ampiezza del testo) un’abrasione o cancellatura; se ne desume che per i primi anni di regno, Tutankhamon abbia avuto una titolatura monca, completata poi solo successivamente a seguito del trasferimento della Corte da Akhetaton a Tebe. Ritengono alcuni studiosi, da testimonianze indirette, che il re abbia perciò partecipato a due (se non tre) distinte cerimonie di incoronazione[12]:

  • la prima ad Akhetaton, nell'immediatezza della successione al predecessore, con il nome di Tutankhaton e la titolatura ancora incompleta (il che giustificherebbe la presenza di Nefertiti nel rilievo sopra menzionato quale garante della titolarietà alla successione);
  • una seconda (forse) a Menfi, ove la Corte si trasferì intorno all'anno 4° di regno, nel corso della quale venne confermato il nome legato al dio Aton, ovvero Tutankhaton[N 6];
  • una terza a Tebe (questa con valore eminentemente religioso), ovvero nel tempio di Karnak dedicato ad Amon[N 7], lontano dalla città eretica di Akhetaton e questa volta con l’assegnazione della titolatura completa ed il nome di Tutankhamon.

Le tre cerimonie distinte troverebbero ragion d'essere nella volontà, posta in essere dal Consiglio di reggenza cui Tutankhamon era sottoposto a causa della giovanissima età, di preparare gradatamente il ritorno alle antiche consuetudini politico-religiose, mutate con l'Eresia Amarniana, senza drastici cambi che sarebbero potute essere causa anche di una guerra civile[13].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Akhenaton sale al trono Smenkhara, re di cui si hanno labili e scarse tracce, il cui regno autonomo dura, molto verosimilmente, meno di un anno. Una ipotesi vuole tuttavia[N 8], che sia da individuarsi una possibile coreggenza tra Akhenaton e Smenkhara [14], ma non tra il secondo e Tutankhamon; prova ne sarebbe l’esistenza attestata ad Akhetaton, stando a rilievi parietali, di una Casa di Smenkhara, mentre non viene citata alcuna Casa di Tutankhamon[15].

trono rivestito in oro. Museo egizio del Cairo.

Alla scomparsa di Smenkhara, essendo ancora vigente il culto atoniano, salì al trono il giovanissimo Tut-ankh-aton di 9 o 10 anni. Annosa la questione della genealogia del giovane re: si ipotizzò che fosse figlio di Amenhotep IV e della regina Tye, e quindi fratello di Akhenaton[N 9][16], ma anche che potesse essere figlio di Akhenaton e Nefertiti o di quest’ultimo re e di una regina minore, Kiya[N 10][17], o ancora di Akhenaton e della propria figlia Maketaton. In tal senso sarebbe interpretabile una scena di compianto funebre in una delle sepolture predisposte ad Akhetaton (oggi purtroppo quasi “illeggibile”) per la famiglia reale e forse destinata a Maketaton (ma altri ipotizzano possa trattarsi della tomba di Kiya)[18]. In tale scena infatti, dinanzi al catafalco funebre su cui giace un corpo femminile, sono riconoscibili le figure di Akhenaton e Nefertiti (quest'ultima identificabile per l'alto cappello a cono rovesciato); Akhenaton, in palese costernazione, stringe il polso di Nefertiti quasi cercandone conforto. Accanto ai due personaggi un terzo, evidentemente una balia, regge tra le braccia un bambino ed è affiancata da un portatore di flabello, quasi a voler simboleggiare il livello regale del neonato. Si ipotizza, pertanto, che il fanciullo possa essere Tutankhamon e che la defunta possa esserne la madre, morta per parto, individuabile in Maketaton o Kiya[19].

Nell'anno 1° o 2° di regno, Tutankhaton, di anni 8-9, sposò Ankhesepaaton, ovvero Che lei possa vivere per Aton, figlia di Akhenaton, che di anni doveva averne 12-13 essendo nata intorno all'anno 5° o 6° del regno paterno [20]. Nell'imminenza del trasferimento della Corte a Menfi, o immediatamente dopo, i due modificano i propri nomi rispettivamente in Tutankhamon e Ankhesenamon; il re, inoltre, aggiunse alle titolature classiche anche l'epiteto Sovrano di On del sud, con riferimento a Tebe, pur non nominandola espressamente. Si ritiene che tale fu una concessione politica alla casta sacerdotale di Amon a Karnak giacché veniva riconosciuta, sia pur in maniera non esplicita, la preminenza di Tebe e il rinnovo del suo riconoscimento quale capitale del Paese[21].

Consiglio di reggenza[modifica | modifica wikitesto]

Al momento dell'assunzione del trono, data la giovane età e la necessità di procedere, contestualmente, non solo alla "normale" amministrazione dello stato, ma anche alle funzioni religiose e di capo dell'esercito, al giovanissimo re venne affiancato un Consiglio di Reggenza costituito dal Padre Divino Ay[N 11], da Maya, sovrintendente reale e poi sovrintendente della necropoli reale tebana, la Valle dei Re, e da Horemheb, comandante dell'esercito[N 12].

Il Paese, inoltre, era ormai debilitato dall'esperienza atoniana vuoi sotto il profilo interno che nei rapporti internazionali; grave si presentava anche la situazione economica[N 13][22], era inoltre politicamente necessario rompere con il passato regime voluto da Akhenaton e, poco dopo la salita al trono del nuovo sovrano, l'intera corte abbandonò la capitale Akhetaton per spostarsi prima a Menfi e poi a Tebe[N 14]. Fu così che la cerimonia di incoronazione, già svoltasi ad Akhetaton sotto il patrocinio del dio Aton, venne ripetuta a Karnak, questa volta sotto l'egida di Amon.

In tale quadro di incertezza politico-religiosa, si inquadra, perciò, la produzione, nell'anno 6° di regno, della Stele della restaurazione da intendersi, oltre che come dichiarazione di ritorno agli antichi culti, anche, e specialmente, come azione pubblica, in qualche modo risarcitoria, proprio per il clero di Amon[23]. L'idea di fondo di limitare, tuttavia, il potere di Amon, e del suo clero, restò al punto che può essere interessante notare che in tutte le iscrizioni di tale periodo in cui compare il nome dei dio Amon, questo non viene mai indicato come Amon-Ra-sonter, ovvero Amon-Ra re di tutti gli dei, ma semplicemente come Amon-Ra[24]; analoga idea, ovvero il tentativo di tenere a bada il potere del clero di Karnak, è interpretabile nella presenza quasi costante di una triade di divinità composta da Amon, Ptah e Ra, questi ultimi dei molto più antichi ed importanti, in origine, di Amon che faceva invece parte di una ogdoade locale[25].

Genealogia di Tutankhamon[26][modifica | modifica wikitesto]

Negli anni tra il 2007 ed il 2009, di pari passo con l'evoluzione scientifica, si è sviluppato il King Tutankhamun Family Project che nel 2010 ha reso noti risultati che hanno rivoluzionato le ipotesi fino ad allora avanzate vuoi sulla genealogia del re, vuoi sulle possibili cause di morte. Il progetto aveva preso in esame undici mummie (di cui solo tre con attribuzione certa[N 15])[N 16] dalle quali erano stati prelevati campioni ossei per l'estrazione del DNA. Tutte le mummie interessate al progetto, inoltre, furono sottoposte in loco a TAC grazie ad un'apparecchiatura mobile[27].

Un primo accertamento, incentrato sullo stabilire i legami di parentela tra le mummie analizzate, consentì di appurare che[28][N 17]:

  • Yuya e Thuya erano i bisnonni di Tutankhamon;
  • Amenhotep III e KV35EL erano i nonni;
  • il corpo della KV55 (Smenkhara?) e KV35YL[29] erano i genitori di Tutankhamon;
  • i feti rinvenuti nella KV62 erano figli di Tutankhamon e di KV21A (ma su tale legame non vi fu certezza).

Patologie [30][modifica | modifica wikitesto]

Altri accertamenti riguardarono le patologie sofferte e le possibili cause di morte[31]. Per appurare se il corpo di KV55 fosse identificabile per quello di Akhenaton, piuttosto che di Smenkhara, si fece riferimento alla statuaria nota di tale re ed a quella di Tutankhamon considerando che i due personaggi presentano entrambi, più apprezzabile in Akhenaton, ma presente sia pur in misura inferiore in Tutankhamon, caratteri di ginecomastia compatibili con apparenza effeminata interpretabile come Sindrome di Marfan. L'esame delle mummie di Tutankhamon e di KV55, in tal senso, vennero rese difficoltose dall'assenza, in entrambi, di un torace verificabile così come scarsamente verificabili si presentarono le ossa del bacino, quasi assenti in Tutankhamon e notevolmente frammentate in KV55. Una ricostruzione di queste ultime eseguita grazie alla TAC, tuttavia, non fornì dati compatibili con tratti femminei. Altro fattore investigato, pure sintomatico della Sindrome di Marfan, fu la presenza di dolicocefalia[N 18], ma per entrambe le mummie l'esito fu negativo ed anzi, al contrario, furono rilevati caratteri di brachicefalia[N 19]. La mancanza di altri segni tipici della Sindrome, in assenza di altre prove desumibili dai resti, escluse con quasi certezza che i due corpi presi in esame ne fossero stati affetti[32].

Particolare interesse venne posto nell'esame della mummia di Tutankhamon per appurarne eventuali patologie e le possibili cause di morte[33]. Il corpo venne sottoposto anche a radiografie appurando che non esistevano malformazioni o danni traumatici a carico del capo e del tronco mentre esisteva una frattura, non completamente rinsaldata, a carico della gamba sinistra; un esame dei piedi consentì inoltre di appurare che il piede destro presentava caratteristiche compatibili con una possibile deformità attribuibile ad equinismo[N 20], nonché necrosi di alcuni tessuti che erano mancanti; il piede sinistro, a sua volta, presentava il secondo e terzo dito in abduzione; il secondo dito era, inoltre, più corto poiché mancante della falange media (oligodattilia/ipofalangismo). La diagnosi che ne derivò fu di "necrosi ossea asettica e precoce al secondo e terzo metatarso del piede sinistro" (Malattia di Kohler) di certo ancora in corso all'atto della morte; una tal condizione protrattasi nel tempo, unitamente al piede equino a destra, causava di certo una non corretta distribuzione del peso corporeo, e conseguente difficoltà alla deambulazione, che poteva solo in parte essere corretta dall'uso di un bastone. Tale diagnosi ben si concilierebbe, peraltro, con l'alto numero di bastoni da passeggio (in numero di circa 130) rinvenuti all'interno della KV62[34][35], tutti recanti evidenti tracce di usura. La disabilità, inoltre, potrebbe essere confermata anche da alcuni reperti della tomba di Tutankhamon là ove, per l'espletamento di particolari attività da svolgersi tipicamente in piedi, come la caccia, il re viene invece rappresentato seduto.

Ulteriore scoperta derivò dall'esame del DNA plasmodiale[36] che consentì di rilevare che almeno quattro dei personaggi sottoposti agli accertamenti[N 21] erano stati colpiti da Plasmodium falciparum, responsabile della malaria tropica, una delle forme più gravi della malattia[N 22][37]. Non fu tuttavia possibile stabilire l'epoca dell'infezione o se essa fosse causa della morte di qualcuno dei soggetti analizzati anche se, nel caso di Tutankhamon e di Yuya, si presentavano infezioni multiple, da più ceppi virali[N 23].

Causa di morte[modifica | modifica wikitesto]

Il resoconto finale[38], sulle attività cliniche attinenti il re Tutankhamon, traccia un quadro complessivo decisamente critico: il re soffriva di piede equino, aveva malformazioni anche al piede sinistro, soffriva di Malattia di Kohler e benché di giovanissima età, era tuttavia alquanto fragile e necessitava di bastoni per camminare a causa anche delle ossa necrotiche e della frattura alla gamba sinistra; alcuni di tali disturbi, tra loro sommati, potrebbero essere stati responsabili di infiammazioni cumulative e immuno-soppressive in un soggetto, perciò, debilitato ed in cui una infezione malarica potrebbe essere stata fatale. Non è stato perciò possibile una diagnosi univoca della causa di morte, ma solo ipotesi di concause.

Opere pubbliche e monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Luxor: Tutankhamon ed Ankhesenamon (statua usurpata da Ramses II)

Il regno di Tutankhamon durò relativamente poco e non gli fu possibile perciò sviluppare un programma edilizio complesso. Tutte le rilevanze che possediamo in tal senso provengono dei templi di Karnak e Luxor. La "restaurazione" del potere di Amon, e del suo clero, venne, infatti, celebrata dalla Stele della Restaurazione mentre i complessi templari di Karnak (l'antica Iput-Waset) vennero abbelliti e resi ancor più ricchi come risulta anche dal testo della stele citata. A Tutankhamon si deve il viale, fiancheggiato da sfingi criocefale, ovvero con il capo d'ariete, che congiunge il recinto templare di Amon (di cui l'ariete è una rappresentazione) con quello della sua sposa divina, Mut. Il desiderio di rendere omaggio al dio spodestato dal suo predecessore, portò alla restaurazione dell'antica Festa di Opet, forse la massima festa popolare dell'antico Egitto, interrotta durante il periodo dell'eresia amarniana, nel corso della quale, onde ricreare la necessaria trinità alla base della religione egizia in genere, il dio Amon e la dea Mut concepivano annualmente il divino figlio Montu il cui recinto templare si trova poco discosto da quello dei genitori.

Un monumento, rappresentante Tutankhamon e la grande sposa reale Ankhesenamon assisi, si trova nel complesso templare di Luxor e venne però usurpato da Ramses II (XIX Dinastia), che fece sostituire i cartigli dei due sposi con quello suo e della regina Nefertari.

Tomba KV62[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tomba di Tutankhamon.
« Riuscite a vedere qualcosa?

Sì, cose meravigliose! »

(Dialogo tra Howard Carter e Lord Carnarvon che segnò la prima visione della Camera Funeraria della KV62. Da Howard Carter (ed. 1973), Tutankhamon, Garzanti, Milano, p. 59)
Assonometria della tomba KV62 di Tutankhamon
La sovrapposizione delle tombe KV9 e KV62

La tomba di Tutankhamon reca la catalogazione KV62[N 24] ad indicare che fu la sessantaduesima scoperta nella Valle dei Re[N 25]. La scoperta del primo gradino dei sedici della scala che avrebbe portato alla tomba vera e propria risale al 4 novembre 1922[39] ad opera di una missione finanziata da George Herbert, V conte di Carnarvon, capeggiata da Howard Carter. Trattandosi di una tomba pressoché intatta, le operazioni di scavo e svuotamento dei locali si svolsero scientificamente e lentamente tanto che terminarono il 10 novembre 1930[N 26][40].


La tomba si dimostrò essere la più piccola della Valle dei Re, ma anche la più ricca di corredo funebre[N 27], e la sua salvaguardia, nel corso dei millenni, si deve al fatto che si trovava ad un livello inferiore rispetto alla tomba KV9 di Ramses VI che aveva regnato oltre 200 anni dopo Tutankhamon; gli operai che, in antichità, avevano proceduto alla realizzazione della tomba successiva avevano infatti costruito le proprie capanne di ricovero sopra l'ingresso della KV62 il che, evidentemente, dimostrava che, già all'epoca, della tomba preesistente si erano perse le tracce.

Camera funeraria di Tutankhamon. Museo Egizio del Cairo

La mummia del re[N 28] venne catalogata da Carter con il numero 256 e tutti gli oggetti su tale corpo rinvenuti, in numero di circa 150, vennero catalogati di conseguenza con lettere dell'alfabeto[41].

Alle mummie dei feti[42], verosimilmente le figlie di Tutankhamon e della regina Ankhesenamon[N 29], pure rinvenute nella medesima tomba, Carter assegnò i numeri di catalogazione 317a(2) e 317b(2).

Nel 2015 l'egittologo inglese Nicholas Reeves [43], nel corso di operazioni di fotografia ad altissima risoluzione dei locali della tomba di Tutankhamon[N 30], ipotizzò che potessero esistere altri locali celati dietro i dipinti della Camera Funeraria e che questi potessero essere, di fatto, la sepoltura di Nefertiti; il 17 marzo 2016 il ministro delle antichità al Cairo, Mamdouh al Damati, ha annunciato che, da esami eseguiti con apposite apparecchiature geo radar, in grado di rilevare spazi vuoti oltre una parete, con il 90% di probabilità, potrebbero effettivamente esistere altre due camere non ancora scoperte[44].

Superstizione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Maledizione di Tutankhamon.

Con la scoperta della tomba, Lord Carnarvon stipulò un contratto di esclusiva, di tutte le notizie ad essa attinenti, con il quotidiano The Times di Londra[N 31][45]. Se da un punto di vista economico questo fu un ottimo affare per rientrare, almeno in parte, delle ingenti spese già sostenute e da sostenere per le operazioni di scavo della tomba, non lo fu sotto il profilo prettamente politico giacché escludeva da ogni informazione non solo la stampa internazionale, ma anche quella locale e, addirittura, lo stesso Governo egiziano. Il Daily Mail, principale antagonista del The Times, nominò suo corrispondente locale Arthur Weigall, egittologo e principale antagonista, a sua volta, di Carter.[46]. La decisione, inoltre, diede ulteriori elementi al partito Nazionalista egiziano che scatenò una campagna non solo contro il Governo in carica, ma anche, e specialmente, contro il colonialismo britannico e straniero più in generale.

Una ulteriore diatriba si scatenò, inoltre, tra Pierre Lascau, successore di Gaston Maspero quale Direttore Generale del Servizio delle Antichità Egizie e lo stesso Carter.[47] e, nel febbraio 1924, contestualmente al sollevamento del coperchio del sarcofago di granito, in occasione di una visita programmata agli scavi da parte delle famiglie degli archeologi in essi coinvolte, il neo eletto Ministro dei Lavori Pubblici del partito Nazionalista, Morcos Bey Hanna, fece bloccare l’accesso alla tomba dalla polizia[48]. Carter, per protesta, chiuse la tomba, abbandonò gli scavi lasciando il coperchio di granito del sarcofago precariamente sospeso a funi, e si recò negli Stati Uniti per un ciclo di conferenze[N 32][49].

In tale quadro di incertezza, e fin dall'immediatezza della scoperta, i corrispondenti locali[N 33][50] delle case editrici dei quotidiani tagliati fuori dalla possibilità di portare a conoscenza i propri lettori di notizie inerenti la scoperta, vennero pressati perché fornissero informazioni e non esitarono a scrivere articoli basati talvolta su indiscrezioni o completamente false. A quest’ultimo tipo di notizie, giacché una tale iscrizione non esiste nella tomba KV62, si deve quella, successivamente alla morte di Lord Carnarvon, del ritrovamento di un testo sulla porta del secondo sacrario, vicino all'immagine di una dea alata, che avrebbe recitato La morte verrà su agili ali per colui che profanerà la tomba del Faraone[N 34][51]. Un altro cronista riportò le parole di un negromante, sedicente archeologo, che avrebbe dichiarato il ritrovamento, in realtà mai avvenuto, di una stele recante il testo: Siano disseccate le mani alzate contro di me[52]. Altri articoli di stampa dello stesso tenore[53] fecero nascere la superstizione della maledizione del faraone che, perciò, archeologicamente, non trova alcun riscontro.

Liste reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Flavio Giuseppe Anni di regno
(Flavio Giuseppe)
Sesto Africano Anni di regno
(Sesto Africano)
Eusebio di Cesarea Anni di regno
(Eusebio di Cesarea)
Altri nomi
Ka-nekhet tut mesut Rathotis 9 Rathos 6 - - Nibhurrereya

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

G5
E1
D44
t G43 t F31 s t G43 Z2
Srxtail2.svg
serekht o nome Horo
G16
nfr O4
p
G43 M40 Z3 s W11
r
V28 D36
N17
N17
N21
N21
nome Nebty
G8
U39 N28
Z2
O34 R4
t p
R8A
nome Horo d'Oro
M23 L2
Hiero Ca1.svg
N5 L1 Z2
nb
Hiero Ca2.svg
praenomen o nome del trono
G39 N5
Hiero Ca1.svg
i mn
n
t G43 t S34
Hiero Ca2.svg
nomen o nome di nascita
Tutankhamon
in geroglifico

Il nomen originale, assimilabile al nostro nome di battesimo, che veniva assegnato alla nascita a differenza degli altri elementi della titolatura che venivano acquisiti al momento di salire al trono, era

Hiero Ca1.svg
i t
n
N5
t G43 t S34 n
Aa1
Hiero Ca2.svg

twt ˁnḫ Jtn - Tutankhaton (Immagine vivente di Aton)


La titolatura completa riferita al dio Amon era perciò così interpretabile:

Nome di Horus (racchiuso nel serekh): Toro possente, colui che è l'immagine di Amon

Le Due Signore (neb-ty): Perfetto nelle leggi, che pacifica le Due Terre

Horus d'Oro: Che indossa le corone e soddisfa gli Dei

Re dell'Alto e Basso Egitto [Prenome racchiuso in cartiglio]: Neb-Kheperu-Ra (Signore delle forme è Ra)

Figlio di Ra [Nome racchiuso in cartiglio]: Tut-Ankh-Amon (Immagine vivente di Amon), Signore nella On del Sud.

Trascrizioni del nome[modifica | modifica wikitesto]

L'Antico egiziano non prevedeva l'uso di vocali. Le trascrizioni moderne, perciò, risentono dell'inserimento -per comodità di pronuncia- di vocali arbitrarie talché, a seconda della lingua moderna, si ottengono differenti interpretazioni degli antichi vocaboli.

Lingue moderne[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutankhamun
  • Tutankhaton
  • Tutankhaten
  • Tutankhimen
  • Tutankhamen
  • Tutankhamon
  • Tutankamen
  • Tutankaton

In altre lingue antiche[modifica | modifica wikitesto]

Nelle Gesta di Shuppiluliumash narrate da suo figlio Mursilis II scritte in caratteri cuneiformi, dell'archivio Hittita di Boğazkale, tav. VII, KBO2003, è forse identificabile con:

  • Bibkhururyaash con verosimile riferimento al prenome Neb-Kheperu-Ra


Influenza nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Re Tut, immaginario supercriminale della serie televisiva Batman, si ispira a Tutankhamon.
  • Tut - Il destino di un faraone (Tut), 2015 (USA - Canada), miniserie televisiva liberamente basata sulla biografia del faraone egizio, regia David Von Ancken. Tutankhamon da adulto è interpretato da Avan Jogia.
  • Tutankhamon è citato numerose volte nella serie Anubis ed è un personaggio fondamentale poiché attorno a leggende e storie che lo riguardano si svolgono le prime due serie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il cartiglio più frequentemente pubblicato e noto, in relazione a Tutankhamon, è in realtà proprio quello relativo al prenome; l’uso di anteporre la parte teofora del nome in posizione onorifica comporta che gli elementi geroglifici di tale cartiglio siano in realtà riportati come Ra-Kheperu-Neb e ciò rammentando che sia Ra che Kheper erano divinità del pantheon egiziano.
  2. ^ considerando nella sequenza anche l’effimero re Smenkhara, immediato successore di Akhenaton, il cui regno sarebbe durato forse meno di un anno.
  3. ^ Il prenome, preceduto dal titolo Nesu-bity, letteralmente Colui che regna sul giunco e sull'ape, con riferimento ai simboli del Basso e dell'Alto Egitto, o Neb-tawy, Signore delle due Terre", veniva imposto, o scelto, all'atto dell'incoronazione (ed è infatti talvolta indicato come Nome di incoronazione). Era trascritto, così come il Sa-Ra, ovvero il nome proprio del re, all'interno di un cartiglio (shenu nell'antica lingua egizia) ed era con tale nome che il re era noto al suo popolo giacché il Sa-Ra, corrispondente impropriamente al nostro "nome di battesimo", era il nome più familiare riservato ad una cerchia ristretta di persone dell'entourage familiare o amicale.
  4. ^ Dall’egiziano ta-hemet-nesu ovvero, semplicemente, moglie del re. Altri studi porterebbero alla traslitterazione come Sa-kha-mu-un, che foneticamente potrebbe ricordare Ankhesenamon.
  5. ^ Nel 1907 in Turchia, nella località di Bogazkhöi (l’antica Hattusha, capitale dell’Impero Hittita), venne rinvenuto l’archivio di tavolette d’argilla di quella nazione. La tav. VII, KBO2003, contiene la storia (e non quindi la lettera) della richiesta al re Hittita, da parte di una non meglio indicata Regina vedova egizia, di un figlio da rendere re dell’Egitto. Il dibattito accademico prosegue ancora oggi se la Regina vedova sia da individuarsi in Nefertiti, alla morte di Akhenaton, o in Ankhesenamon, alla morte di Tutankhamon. Vengono indicati, in tal senso, i nomi in traslitterazione hittita di due re egiziani giacché l’autrice si dichiara figlia di Niphuria e vedova di Bibkhururyaash. Con il primo, Niphuria, per assonanza, sarebbe stato indicato Akhenaton, il cui prenome era Nefer-Kheperu-Ra; il secondo, Bibkhururyaash, sarebbe la trascrizione in cuneiforme del prenome Neb-Kheperu-Ra di Tutankhamon.
  6. ^ Si ritiene che il primo passo verso l'allontanamento dalla religione atoniana sia stato perciò di valenza prettamente politica, con l'abbandono della capitale voluta da Akhenaton ed il ritorno ad una delle capitali più storicamente famose delle Due Terre.
  7. ^ Iput-Weset, ovvero Il più venerato dei luoghi
  8. ^ Gli archeologi della Egyptian Exploration Society, citati da Franco Cimmino (1993), p. 55, ipotizzano una coreggenza tra Akhenaton e Smenkhara di due anni, e che la Coronation Hall, la Sala dell'Incoronazione, del Palazzo nord di Akhetaton, sia stata realizzata proprio in occasione dell'incoronazione di quest'ultimo. Unico indizio di coreggenza è, tuttavia, solo il coperchio di una scatola in legno (Museo del Cairo, Cat. Gen. n. 381) in cui i nomi dei due sovrani sono affiancati e viene citata Merytaton, prima figlia e probabilmente moglie di Smenkhara. Una iscrizione in ieratico dalla tomba del sacerdote Pa-Ra, citata da Alan Gardiner (1913), in A topographical Catalogue of the Private Tomb of Thebes, p. 139, riporta l'indicazione dell' anno 3°, mese 3° della stagione di Akhet di Smenkhara, senza menzionare Akhenaton il che fa supporre che lo stesso Smenkhara regnasse da solo. Un vaso di miele, rinvenuto ad Akhetaton, reca indicazioni che possono essere interpretate come sintomatiche della morte di Smenkhara dopo pochissimo tempo da quella di Akhenaton. In un caso, l'etichetta di un'anfora di vino reca l'indicazione dell'anno 1° di un non meglio precisato re, verosimilmente Tutankhamon, indicando Smenkhara come giustificato, ovvero morto.
  9. ^ Negli anni ’60 del ‘900, un’analisi sierologica prese in esame le mummie di Amenhotep III, della regina Tye, di Tutankhamon e di quella presunta di Smenkhara individuata nella tomba KV55. Si appurò, con tale esame, che Smenkhara e Tutankhamon avevano lo stesso gruppo sanguigno A2 MN, che il gruppo della regina era N e che l’unione con Amenhotep avrebbe procreato figli con il gruppo MN. Ma identico sarebbe stato il gruppo anche se la procreazione fosse avvenuta tra Amenhotep III e la figlia Sitamon.
  10. ^ Sintomatico in tal senso, tuttavia, che in tutti testi riguardanti Kiya, questa non venga mai indicata come “Madre del Re” o “Madre del Dio”, epiteti che le sarebbero spettati se madre dell’erede al trono. Il personaggio "Kiya", verosimilmente in auge, secondo Reeves (1981), tra il 7° e l'11° anno di regno di Akhenaton, scompare inoltre dalle iscrizioni dopo l'anno 11° di regno ed il suo nome, abraso, viene sovrascritto con il nome di Merytaton, figlia maggiore di Akhenaton
  11. ^ Già portatore del flabello alla destra di sua maestà, capo di tutti i cavalli del re, primo degli scribi di sua maestà, padre del Dio, sotto Akhenaton, e poi successore di Tutankhamon.
  12. ^ Successore di Ay.
  13. ^ La politica di Akhenaton aveva, infatti, accentrato nel patrimonio della Corona i possedimenti del dio Amon e, probabilmente, anche quelli di altre divinità, così lasciando il potente clero amoniano in una situazione di scarso potere che necessitava di una sorta di preteso risarcimento che doveva andare ben oltre quello materiale giacché proprio su quel potere si doveva reggere la nuova situazione politico-economico-religiosa del nuovo corso.
  14. ^ Da tappi di giare da alimenti rinvenute ad Akhetaton, si ritiene che la capitale venne abbandonata verso la fine del 3°, o agli inizi del 4° anno di regno
  15. ^ Tutankhamon dalla KV62; Thuya e Yuya dalla KV46
  16. ^ Mummie sottoposte ad analisi e tracciamento del DNA per il King Tutankhamun Family Project: Tutankhamom; Thuya; Yuya; Smenkhara (?) dalla tomba KV55; Amenhotep III, KV35YL e KV35EL (YL = Young Lady; EL = Elder Lady) dalla tomba KV35; Feto 1 (al 5° mese) e Feto 2 (al 7°/9° mese) figlie di Tutankhamon, dalla KV62; KV21A e KV21B, principesse della XVIII dinastia, dalla tomba KV21. Furono inoltre prese in considerazione anche altre cinque mummie dello stesso periodo storico come campioni di controllo genetico e morfologico.
  17. ^ Vennero rilevati dati completi cromosomici su sette mummie, mentre solo dati parziali per i due feti della KV62, nonché per KV21A e KV21B. Da ciò derivò che gli accertamenti inerenti tali corpi non sono da considerarsi certi.
  18. ^ Sviluppo del cranio che vede la prevalenza della lunghezza sulla larghezza.
  19. ^ Sviluppo del cranio che vede la prevalenza della larghezza sulla lunghezza.
  20. ^ Arco basso: con angolo di Rocher 132°/valore standard 126°.
  21. ^ Tutankhamon, Yuya, Thuya e TT32O (una delle mummie facenti parte del campione di controllo)
  22. ^ Tale ritrovamento di plasmodium falciparum è, scientificamente, la prova genetica più antica riscontrata in mummie di datazione certa.
  23. ^ Thuya, moglie di Yuya, risultò essere stata colpita da un solo ceppo virale. L'età per l'epoca avanzata dei due, calcolata intorno ai 50 anni, ha fatto supporre che o la malaria possa essere stata causa di morte, o che la lunga esposizione agli agenti patogeni malarici delle popolazioni egizie, potesse aver creato una sorta di immunizzazione naturale, sia pur parziale. Differente potrebbe essere stata la condizione relativa a Tutankhamon.
  24. ^ Nel 1827 l'egittologo inglese John Gardner Wilkinson numerò le tombe già scoperte da 1 a 22 seguendo l'ordine geografico da nord a sud. Da tale data, ovvero dalla KV23 in poi, il numero corrisponde all'ordine di scoperta; di qui il numero 62 assegnato alla sepoltura del faraone fanciullo.
  25. ^ Secondo la numerazione delle scoperte eseguita da Carter, a partire dal 1915, questa reca il numero 433.
  26. ^ Primo oggetto estratto dalla tomba: 27/12/1922 una scatola in legno dipinta
  27. ^ Furono repertati circa seimila oggetti, oggi tutti al Museo del Cairo. Carter catalogò gli oggetti in 620 gruppi; all'interno di ciascun gruppo gli oggetti recavano lettere alfabetiche, singole o multiple, talvolta affiancate a numeri ad indicare ulteriori sottogruppi. Fa eccezione il gruppo 620 a sua volta suddiviso in sottogruppi numerati da 620:1 a 620:123.
  28. ^ L'apertura dei sarcofagi antropomorfi che contenevano la mummia del re iniziò il 13 ottobre 1925 e la mummia venne visionata, per la prima volta, il 28 ottobre del 1925. La prima autopsia abbe inizio l'11 novembre 1925.
  29. ^ Rispettivamente al 5° e 7/9° mese di gravidanza
  30. ^ Le riprese furono eseguite dalla "Factum Arte", società spagnola che sta procedendo alla realizzazione a Luxor, nei pressi della casa di Carter, di una copia esatta della KV62. Per tale attività sono state eseguite riprese fotografiche in scala 1:1 della Camera Seplocrale, con definizione dell'immagine di 600-800 DPI, nonché scansioni delle superfici decorate ad una risoluzione dai 100 ai 700 micron.
  31. ^ Il contratto reca la data del 9 gennaio 1923.
  32. ^ Prima di partire, Carter affisse nella bacheca del Winter Palace Hotel di Luxor, residenza degli archeologi, un avviso in cui avvertiva che, "a causa delle impossibili restrizioni e scortesie poste in essere dal Dipartimento dei Lavori Pubblici… tutti i miei collaboratori si sono rifiutati per protesta di proseguire nella loro attività scientifica all'interno della tomba". A riprova dei sentimenti nazionalisti che serpeggiavano nel Paese, inoltre, successivamente a tali fatti, ed all'abbandono di Carter, venne assassinato, in un attacco terroristico, Sir Lee Stack (1868-1924), British Sirdar, ovvero Comandante in Capo, delle forze armate britanniche in Egitto; i disordini che ne seguirono, e il divieto imposto dal governo Britannico, avrebbero impedito a Carter di tornare definitivamente. Nel gennaio 1925, caduto intanto il Governo Nazionalista, Carter verrà autorizzato a rientrare in Egitto e a riprendere, con una nuova concessione assegnata a Lady Almina, vedova di Lord Carnarvon, le operazioni di svuotamento della KV62 questa volta, però, con regole imposte dal Governo locale che prevedevano, tra l’altro, la decadenza della esclusiva a suo tempo concessa al “Times”.
  33. ^ Tra i quali si trovava anche Arthur Conan Doyle, il “padre” di Sherlock Holmes notoriamente attratto dall'occultismo.
  34. ^ Autore ne sarebbe stato proprio Arthur Conan Doyle.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rossella Lorenzi, King Tut's Father ID'd in Stone Inscription, Discovery News, 17 dicembre 2008.
  2. ^ Zahi Hawass, et al. Ancestry and pathology in King Tutankhamun's family. JAMA. 2010;303(7):eAppendix p.3.
  3. ^ Tutankhamen, oxfordreference.com. URL consultato il 12 giugno 2016.
  4. ^ Franco Cimmino (1993), Tutankhamon, Rusconi, pp. 52-64.
  5. ^ Peter A. Clayton (2006), Chronicle of the Pharaohs: The Reign-by-Reign Record of the Rulers and Dynasties of Ancient Egypt. Thames & Hudson. pp.128 e sgg. ISBN 0-500-28628-0.
  6. ^ Christine el Mahady (2000), Tutankhamon, Sperling & Kupfer, p. 15.
  7. ^ Walter Federn (1960), Dahamunzu, Johns Hopkins University Baltimora, Journal of Cuneiform Studies v. 14.
  8. ^ Mario Liverani, a cura di, Le lettere di el-Amarna, vol. 1 (1998) Lettere dei piccoli Re; vol. 2 (1999) Lettere dei grandi Re, Paideia.
  9. ^ "Manetho's King List".
  10. ^ Franco Cimmino (1993), p. 75.
  11. ^ Franco Cimmino (1993), p. 75.
  12. ^ Franco Cimmino (1993), p. 75-76.
  13. ^ Franco Cimmino (1993), p. 80.
  14. ^ Franco Cimmino (1993), pp. 56-58
  15. ^ Franco Cimmino (1993), p. 73.
  16. ^ R.C. Connelly et al. (1976), Serological evidence for the parentage of Tutankhamun and Smenkhkhare, JEA n. 62, pp. 184-186.
  17. ^ Nicholas Reeves (1981), A reappraisal of the Tomb 55 in the Valley of the Kings, JEA n. 67, pp. 48-55.
  18. ^ Franco Cimmino (1993), p. 71.
  19. ^ Franco Cimmino (1993), p. 71.
  20. ^ Franco Cimmino (1993), p. 78.
  21. ^ Franco Cimmino (1993), p. 82.
  22. ^ Franco Cimmino (1993), p. 89 e p. 104.
  23. ^ Franco Cimmino (1993), pp. 89-95.
  24. ^ Franco Cimmino (1993), p. 102.
  25. ^ Franco Cimmino (1993), p. 103.
  26. ^ Tutti i dati che seguono, contenuti in questa sottosezione, ove non specificato diversamente, sono stati ricavati da Zahi Hawass, Yehia Z. Gad et al. (2010), Ancestry and Pathology in King Tutankhamun's Family, in JAMA (Journal of the American Medical Association) vol. 303, pp. 638-647.
  27. ^ King Tut’s Family Secrets - National Geographic Magazine, ngm.nationalgeographic.com.
  28. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 641.
  29. ^ Eliot G. Smith (2000 ristampa di testo del 1912), The Royal mummies, Duckworth Publishers p. 117 e p. 40 per l'età attestata su 25 anni circa.
  30. ^ Tutti i dati che seguono, contenuti in questa sottosezione, ove non specificato diversamente, sono stati ricavati da Zahi Hawass, Yehia Z. Gad et al. (2010), Ancestry and Pathology in King Tutankhamun's Family, in JAMA (Journal of the American Medical Association) vol. 303, pp. 638-647.
  31. ^ Zahi Hawass et al. (2010), pp. 642-644.
  32. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 643.
  33. ^ Zahi Hawass et al. (2010), pp. 643-645.
  34. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 645.
  35. ^ Nicholas Reeves (2***), The Complete Tutankhamun, ***,p.
  36. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 645.
  37. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 646.
  38. ^ Zahi Hawass et al. (2010), p. 646.
  39. ^ (EN) Diario di Howard Carter dal 28 ottobre al 30 dicembre 1922, Griffith Institute. URL consultato il 28 febbraio 2010..
  40. ^ (EN) Diario di Arthur Cruttenden Mace dal 27 dicembre 1922 al 13 maggio 1923, Griffith Institute. URL consultato il 28 febbraio 2010..
  41. ^ Nicholas Reeves (2003), pp. 116-119.
  42. ^ Nicholas Reeves (2003), pp. 123-125
  43. ^ (EN) ARTP (Amarna Royal Tombs Project), https://www.academia.edu/14406398/The_Burial_of_Nefertiti_2015_. URL consultato il 05 dicembre 2016. .
  44. ^ Scoperte due stanze segrete nella tomba del faraone Tutankhamon. La Stampa, 17 marzo 2016 [1].
  45. ^ Nicholas Reeves (2003), p. 64.
  46. ^ Nicholas Reeves (2003), p. 64.
  47. ^ Nicholas Reeves (2003), p. 65.
  48. ^ Nicholas Reeves (2003), p. 65.
  49. ^ Nicholas Reeves (2003), pp. 65-66.
  50. ^ Thomas Hoving (1979), p. 217.
  51. ^ Thomas Hoving (1979), p.218.
  52. ^ Thomas Hoving (1979), p.218.
  53. ^ Thomas Hoving (1979), pp.217-221.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Smenkhara 13331323 a.C. Ay
Controllo di autorità VIAF: (EN25882349 · LCCN: (ENn79066005 · ISNI: (EN0000 0000 9993 1817 · GND: (DE118624792 · BNF: (FRcb12008509v (data) · CERL: cnp00570195