Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Akhenaton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo rapper, vedi Akhenaton (rapper).
Akhenaton, Amenofi IV, Amenhotep IV, Naphu(`)rureya, Ikhnaton[1]
Akhenaten statue.jpg
Busto colossale di Akhenaton, con tracce dei colori originari, proveniente dal Grande tempio di Aton ad Amarna (Museo egizio, Il Cairo)
Signore dell'Alto e del Basso Egitto
Stemma
In carica ca. 1351 a.C. - 1334/3 a.C.[2] oppure 1353 a.C. - 1336 a.C.[3]
Predecessore Amenofi III
Successore Neferneferuaton
Nome completo Fino al 5° anno di regno[4]: Neferkheperura-Uaenra Amenofi-Netjerhekauaset

Dal 5° anno di regno: Neferkheperura-Uaenra Akhenaton

Nascita Tebe, ca. 1375 a.C.
Morte Akhetaton, ca. 1334/4 a.C.[5]
Luogo di sepoltura originariamente: Tomba reale di Akhenaton ad Akhetaton
successivamente: KV55, Valle dei Re (dibattuto[6])
Dinastia XVIII dinastia egizia
Padre Amenofi III
Madre Tiy
Consorte Nefertiti
Coniugi Kiya
Merytaton?
Ankhesenpaaton?
una sorella non identificata[7]
principesse straniere[8] (fra cui Tadukhipa[9])
Figli Merytaton, Maketaton, Ankhesenpaaton, Neferneferuaton Tasherit, Neferneferura, Setepenra, Tutankhamon[7]

Incerti: Smenkhara, Merytaton Tasherit, Ankhesenpaaton Tasherit[10]

Religione Religione egizia
Atonismo
« Sei bello e grande [Aton], mentre splendi in alto su ogni paese, e i tuoi raggi abbracciano le terre fino ai limiti da te segnati, perché tu sei il sole e raggiungi i loro confini e le assoggetti al tuo figlio diletto [Akhenaton]. »
(dal Grande inno ad Aton[11])

Akhenaton, talvolta anche Ekhnaton, Ikhnaton[12] e Khuenaton[13][14], ma per i primi 5 anni di regno[4] Amenofi IV o Amenhotep IV (Tebe, 1375 a.C. circa – Akhetaton, 1334-1333 a.C. circa) è stato un faraone egizio della XVIII dinastia. Regnò per 17 anni[15], morendo probabilmente intorno al 1334 a.C.

È celebre per aver abbandonato il tradizionale politeismo egizio a favore di una nuova religione di stampo enoteistico, monolatrico[16] (che mantenne, cioè, la credenza in più divinità pur adorandone una sola[17]) o pseudo-monoteistico[18], introdotta da lui stesso e basata sul culto del solo dio Aton, il disco solare[19]. La sua rivoluzione religiosa, duramente contrastata[20], si rivelò effimera. Pochi anni dopo la sua morte, i suoi monumenti furono occultati o abbattuti, le sue statue furono spezzate o riciclate e il suo nome fu cancellato dalle liste reali[21][22]. Le pratiche religiose tradizionali furono gradualmente restaurate e i sovrani che pochi decenni dopo fondarono una nuova dinastia, senza legami con la XVIII dinastia, screditarono Akhenaton e i suoi immediati successori (Neferneferuaton, Smenkhara, Tutankhamon e Ay), appellando lo stesso Akhenaton "il Nemico di Akhetaton"[23] o "quel Criminale"[24]. A causa di questa damnatio memoriae, Akhenaton fu completamente dimenticato fino alla scoperta, nel XIX secolo, del sito archeologico di Akhetaton (Orizzonte di Aton[25]), la nuova capitale che egli fondò e dedicò al culto di Aton, presso l'attuale Amarna. Gli scavi iniziati dall'archeologo inglese Flinders Petrie nel 1891, e terminati nel 1937, fecero nascere un grande interesse nei confronti di questo enigmatico faraone. Una mummia scoperta nel 1907 da Edward Ayrton nella tomba KV55 della Valle dei Re potrebbe essere la sua[26]: recenti analisi del DNA hanno accertato che l'uomo scoperto nella KV55 era padre di re Tutankhamon[27], ma l'identificazione di tali resti con Akhenaton è assai dibattuta[28][29][30][31][32].

L'interesse moderno nei confronti di Akhenaton e della sua Grande sposa reale Nefertiti deriva in parte dalla sua connessione con Tutankhamon (anche se la madre del giovane faraone non fu Nefertiti, ma una donna sconosciuta che gli egittologi hanno soprannominato The Younger Lady[33]), così come dalla corrente artistica che incentivò e dalle sue idee religiose rivoluzionarie.

Prima parte del regno: Amenofi IV[modifica | modifica wikitesto]

Il futuro Akhenaton fu un figlio minore di Amenofi III e della Grande sposa reale Tiy. Il loro primogenito, il Principe ereditario Thutmose, successore designato di Amenofi III, morì relativamente giovane in circostanze completamente sconosciute[34], nella terza decade del regno del padre[35]: fu così che il principe Amenofi divenne inaspettatamente Principe ereditario[36][37].

Rilievo di Amenofi IV, futuro Akhenaton, nei primissimi anni di regno. Lo stile è ancora quello tradizionale (Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Neues Museum, Berlino)

Dibattito sulla coreggenza[modifica | modifica wikitesto]

Esiste un dibattito riguardo alla possibile successione di Amenofi IV alla morte del padre, contrapposta alla teoria di una coreggenza fra Amenofi III e Amenofi IV (durata anche 12 anni secondo alcuni egittologi)[38]. Studi correnti, fra cui quelli Eric Cline, Nicholas Reeves, Peter Dorman e di altri studiosi, si oppongono decisamente all'ipotesi di una lunga coreggenza fra il padre e il figlio e optano per un breve di periodo di regno condiviso (1 o 2 anni) o per nessuna coreggenza[39]. Altri studi, pubblicati da Donald Redford, William Murnane, Alan Gardiner e, più recentemente, Lawrence Berman, nel 1998, escludono completamente la coreggenza[40]. Non esistono prove definitive di una coreggenza fra Amenofi III e suo figlio Amenofi IV. Una lettera proveniente dagli archivi del palazzo di Amarna, datata all'anno 2 (anziché all'anno 12) del regno di Amenofi IV, da parte del re mitannico Tushratta, contiene espressioni di rammarico per il fatto che Amenofi IV non avrebbe mantenuto le promesse di Amenofi III di inoltrare a Tushratta certe statue d'oro pattuite come dote al momento del matrimonio fra il vecchio faraone e la principessa mitannica Tadukhipa (Lettere di Amarna, EA 27)[41]. Tale corrispondenza implica che, quando vi sia stata una coreggenza fra il padre e il figlio, questa non sarebbe durata più di un anno (siccome la succitata lettera implica l'avvenuta morte di Amenofi III entro l'anno 2 di Akhenaton)[39].

Frammento di un rilievo dal Tempio funerario di Amenofi III, in arenaria, raffigurante un giovane principe, forse Amenofi, futuro Akhenaton (Petrie Museum, Londra)

Sul terzo pilone di Amenofi III al Complesso templare di Karnak, un rilievo (danneggiato per la damnatio memoriae che colpì Akhenaton e gli altri fautori del culto di Aton) mostra Amenofi III e suo figlio, il futuro Akhenaton, su una barca sacra. Il grande faraone starebbe presentando suo figlio ad Amon. L'iscrizione sottostante dice:

« Comandò a suo figlio di apparire, ricco di magnificenza, questo Re che gli diede vita, essendo quello suo figlio. Si unì con la sua bellezza, trasmettendogli i suoi piani per fare le cose che sono benefiche. Ha elevato le meraviglie di colui che lo ha portato al mondo ... [sotto l'immagine danneggiata] Io sono il suo figlio maggiore, che venne al mondo tramite lui [nome cancellato]. Io regno con il suo assenso, mi unisco alla sua forza, prendo possesso del suo potere ... Io sono il figlio che farà il bene per colui che lo ha generato. »
(Complesso templare di Karnak, terzo pilone di Amenofi III[42])
Lamina bronzea con la titolatura reale e il cartiglio di Amenofi IV prima che mutasse il proprio nome in Akhenaton[43] (British Museum, Londra)

Nel febbraio 2014, il Ministero Egiziano delle Antichità ha annunciato quella che è stata definita la prova definitiva che Akhenaton avrebbe condiviso il potere con Amenofi III per almeno otto anni, basandosi su ritrovamenti nella tomba del visir Amenhotep-Huy[44][45]. La tomba in questione è oggetto di studi da parte di un team internazionale guidato dal Instituto de Estudios del Antiguo Egipto de Madrid e dal Dr. Martin Valentin. La prova consiste dei cartigli sia di Amenofi III che di Akhenaton incisi uno accanto all'altro; però ciò potrebbe limitarsi a significare che Amenofi III aveva già designato, prima di morire, il principe Amenofi come suo successore. Non esistono altri oggetti o iscrizioni che nominimo contemporaneamente padre e figlio assegnando a ciascuno i medesimi titoli regali. L'egittologo Peter Dorman ha respinto ogni ipotesi di coreggenza fra i due faraoni, basandosi sui rinvenimenti della tomba di Kheruef[46].

Riproduzione del rilievo raffigurante Amenofi IV e Nefertiti nella tomba di Ramose, a Tebe.

Atti dei primi anni di regno[modifica | modifica wikitesto]

Amenofi IV fu incoronato a Tebe, dove inaugurò una serie di progetti architettonici. Fece decorare l'ingresso meridionale del recinto del Tempio di Amon-Ra con scene di adorazione del dio solare Ra-Horakhty (fusione del dio-sole Ra e Horus). Inoltre decretò la costruzione di un tempio ad Aton nella zona orientale di Karnak; questo Tempio di Amenofi IV fu chiamato Gempaaton ("Aton è stato trovato"). Il Gempaaton cosisteva di una serie di edifici, fra cui un palazzo e una struttura denominata Hwt Benben ("Palazzo della pietra Benben"), dedicato alla regina Nefertiti. Altri templi costruiti per Aton, a Karnak, in quegli anni furono il Rud-menu e il Teni-menu, che potrebbero essere stati costruiti presso il Nono pilone. Nei suoi primissimi anni di regno, Amenofi IV non represse il culto di Amon e il Primo profeta di Amon era ancora ancora attivo durante il 4° anno di regno[36]. Nell'iscrizione che accompagna la sua figura in atto di adorare Amon-Ra, nelle cave di arenaria di Gebel Silsila, il giovane re si definisce, insolitamente:

« Prima profeta di Ra-Horakhti che esulta all'orizzonte nel suo nome la luce solare [in egizio Shu] che è Aton[47] »

Amenofi IV compare con questo nome nelle tombe di alcuni aristocratici di Tebe: Kheruef (TT192), Ramose (TT55) e Parennefer (TT188)[48]. Nella tomba del visir Ramose, Amenofi IV appare sulla parete occidentale secondo gli stilemi dell'arte tradizionale, assiso in trono con Ramose al suo cospetto. Sulla parete opposta, Amenofi IV e Nefertiti compaiono alla finestra delle apparizioni con l'Aton dipinto nella sua forma di disco solare. Nella tomba del nobile Parennefer, Amenofi IV e Nefertiti compaiono in trono, con il disco del sole sulle loro teste[48]. Fra gli ultimi documenti scoperti circa Amenofi IV con questo nome, vi sono le copie di due lettere da parte del funzionario Apy (o Ipy) al faraone: scoperte a Gurob, sono datate al 5° anno di regno di Amenofi IV, 3° mese di Peret, 19° giorno[49].

Cambiamento di nome: da Amenofi IV ad Akhenaton[modifica | modifica wikitesto]

Dopo 5 anni, 8 mesi e 13 giorni di regno, il faraone arrivò nel sito della nuova città di Akhetaton (l'attuale Amarna). Un mese prima, Amenofi IV aveva ufficialmente mutato il proprio nome in Akhenaton[36]. Il re cambiò buona parte dei suoi cinque nomi tradizionali; l'unico che conservò immutato fu il suo praenomen, o nome del trono: Neferkheperura[50].

Amenofi IV Akhenaton
Nome Horo
E1
D40
N29 A28 S9

Kanakht-kai-Shuti

"Forte Toro delle Due Piume"

i t
n
N5
mr

Meriaton

"Forte Toro, Amato da Aton"

Nome Nebty
wr
r
sw t
n
i i m i t
p
Q1 t
Z2

Uer-nesut-em-Ipet-swt

"Grande di Regalità in Karnak"

wr
r
sw i i Aa15
N27
i t
n
N5

Uer-nesut-em-Akhetaton

"Grande di Regalità in Akhetaton"

Nome Horo d'oro
U39 Y1 N28
Z2ss
m O28 W24
O49
M27

Uetjes-khau-em-Iunu-Shemay

"Incoronato nella Eliopoli meridionale" (Tebe)

U39 r
n
V10
n
i t
n
N5

Uetjes-ren-en-Aton

"Esaltatore del Nome di Aton"

Praenomen o nome del trono
ra nfr xpr Z3 ra
wa
n

Neferkheperura-Uaenra

"Belle sono le Manifestazioni di Ra, l'Unico di Ra"

ra nfr xpr Z3 ra
wa
n

Neferkheperura-Uaenra
Nomen o nome di nascita
i mn
n
Htp R8 S38 R19

Amenhotep Netjerhekauaset

"Amenofi (Amenhotep), Dio Signore di Tebe"

i t
n
ra
G25 x
n

Akhenaton

"Utile ad Aton"

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Quando ancora si chiamava Amenofi IV, cioè al principio del proprio regno, Akhenaton sposò Nefertiti. Grazie alle iscrizioni, si ha notizia di sei figlie di Akhenaton e Nefertiti[51]. Recenti analisi del DNA hanno rivelato che Akhenaton prese in moglie anche una delle proprie sorelle biologiche - la cosiddetta Younger Lady - con cui generò il principe Tutankhaton (poi Tutankhamon)[52]. I genitori di Smenkhara, successore di Akhenaton, non sono noti: sono stati ipotizzati Akhenaton e una sposa sconosciuta. Una sposa secondaria di Akhenaton, chiamata Kiya, è parimenti nota grazie alle iscrizioni[53][54]; alcuni hanno ipotizzato che Kiya avrebbe raggiunto una posizione di grande rilevanza alla corte di Akhenaton per avergli generato Smenkhara, Tutankhamon o entrambi.

I figli di Akhenaton (sicuri o ipotizzati), con il probabile anno di nascita, furono[55]:

Neferneferura, a sinistra, e Neferneferuaton Tasherit sulle pareti del Palazzo reale di Amarna.

Le spose di Akhenaton note con certezza:

Ipotesi di relazioni con alcune figlie[modifica | modifica wikitesto]

La Stele 17813 di Berlino, raffigurante un faraone che accarezza affettuosamente Akhenaton. Immagini come questa hanno generato teorie su una relazione tra Akhenaton e Smenkhara (Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Neues Museum, Berlino)

Alcuni hanno pensato che Akhenaton potrebbe essersi unito ad alcune delle sue figlie (soprattutto Merytaton e Ankhesenpaaton) nel tentativo di generare un erede maschio - ma è una teoria molto dibattuta e priva di evidenze archeologiche[58]. Non è chiaro se, imitando Amenofi III[59], Akhenaton abbia elevato almeno una figlia al rango di Grande sposa reale; comunque, ciò non implicherebbe una relazione sessuale: quella di Grande sposa reale era principalmente una posizione onorifica, necessaria per ricoprire una posizione fondamentale a corte e assicurare il culto di alcune dee[60].

  • Merytaton, primogenita di Akhenaton e Nefertiti, è attestata come Grande sposa reale di Smenkhara nella tomba del funzionario Merira II, ad Amarna. Il suo nome compare inoltre accanto a quello di Akhenaton e della misteriosa Neferneferuaton come Grande sposa reale su un cofanetto nella Tomba di Tutankhamon. Lettere inviate ad Akhenaton da parte di sovrani stranieri menzionano Merytaton come Signora della Casa.
  • Maketaton, sua secondogenita. La morte di parto di questa principessa, avvenuta intorno al 13° o 14° anno di regno del padre, è raffigurata su una parete della Tombe reali di Akhetaton[61][62]. Siccome non è giunta notizia di alcun matrimonio di questa principessa, si è fatta strada l'ipotesi che Akhenaton stesso potesse essere il padre del bambino di Maketaton. L'egittologo Aidan Dodson dubita che Maketaton abbia raggiunto la pubertà e sospetta che il bambino presente nella scena possa essere un/a figlio/a sconosciuto/a di Nefertiti[62].
  • Vari monumenti, originariamente eretti per la sposa Kiya, furono riciclati per le principesse Merytaton e Ankhesenpaaton; tali iscrizioni, nella loro seconda versione, menzionano una Merytaton Tasherit (Tasherit è traducibile come "la giovane", o "junior") e una Ankhesenpaaton Tasherit. Alcuni reputano che il padre di queste ipotetiche figlie di Merytaton e Ankhesenpaaton potrebbe essere stato Akhenaton. Altri egittologi sono dell'opinione che, siccome queste nipoti non sono menzionate in nessuna altra fonte, i loro nomi sarebbero stati inventati per riempire lo spazio precedentemente occupato da una anonima figlia di Kiya[63].

Ipotesi di altre relazioni di Akhenaton[modifica | modifica wikitesto]

  • Smenkhara, giovane successore di Akhenaton e/o suo coreggente nell'ultima porzione del suo regno[64]. Anziché un amante[65], Smenkhara è più dffusamente ritenuto un fratellastro o un figlio di Akhenaton. Alcuni hanno ipotizzato che Smenkhara potesse essere un'identità alternativa di Nefertiti o Kiya.
  • Tiy, sua madre. Dodici anni dopo la morte di suo marito Amenofi III, la regina madre e regina vedova Tiy è ancora menzionata come regina e amata del re (cosa, però, usuale per le madri dei faraoni). I pochi sostenitori di questa teoria (soprattutto Immanuel Velikovskij) considerano Akhenaton come il modello del mitico re Edipo di Tebe, in Grecia, e Tiy come modello della sua madre e sposa Giocasta[66].

La rivoluzione religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Amon seguito dalla sua sposa, la dea Mut, su una colonna nella Grande sala ipostila del Grande tempio di Amon, nel Complesso templare di Karnak.

La centralità del culto di Amon[modifica | modifica wikitesto]

Amon, creatore[67], trascendente[68] e creatosi da sé[69] fu un dio di massima importanza per buona parte della storia egizia[70]. Durante l'XI dinastia (2160 a.C. - 1944 a.C.[71]) assurse al ruolo di patrono di Tebe[72], sostituendo Montu[73]. Dopo la ribellione dei prìncipi tebani contro gli hyksos e con il regno di Ahmose I (1539 a.C. - 1514 a.C.[74]), Amon assunse un'importanza nazionale, esplicata dalla sua fusione con il dio-sole Ra nella figura di Amon-Ra. Durante il Nuovo Regno Amon fu di fatto il capo del pantheon egizio. Quando l'esercito del fondatore del Nuovo Regno espulse i sovrani hyksos all'Egitto, la città d'origine del vittorioso faraone, Tebe, divenne la città più importante del Paese, la capitale della nuova dinastia. Così Amon, patrono della nuova capitale, divenne la divinità nazionale. I faraoni della XVIII dinastia, forse la più gloriosa della storia egizia[75][76], attribuirono ogni loro successo alla protezione e all'intervento di Amon e spesero una gran parte della loro ricchezza e dei bottini delle guerre nell'edificazione di templi dedicati ad Amon, cui diedero un prestigio ineguagliato[72]. Il suo ruolo di protettore della regalità comportava un enorme potere per il suo tempio principale, situato a Karnak; questo, che oggi è il sito archeologico più vasto e ricco di tutto l'Egitto[77], nel corso dei secoli ricevette in dono terre e altre proprietà, al punto di diventare quasi uno Stato nello Stato e influenzare anche le scelte sulla successione al trono. Le dimensioni gigantesche di questo Grande Tempio di Amon, la cui sola sala ipostila misura 103 metri di larghezza, con 134 colonne di 24 metri di altezza, esprimono la potenza formidabile del clero di Amon[78], in grado di fare concorrenza all'autorità del faraone.

Il nuovo culto di Aton[modifica | modifica wikitesto]

Sotto Thutmose IV e Amenofi III[modifica | modifica wikitesto]

Blocco calcareo raffigurante Akhenaton e la sua famiglia intenti a venerare l'Aton. Museo egizio, Il Cairo.

Il dio Aton, cioè il disco solare, probabilmente frutto della speculazione teologica dei sacerdoti di Eliopoli, era inteso come manifestazione sensibile del dio Ra-Horakhti (Ra che è Horus dei Due Orizzonti[79]), a sua volta fusione di Horus e del dio-sole Ra[80]. Fece la sua comparsa nel Medio Regno[81] e le fortune del suo culto ebbero inizio durante il regno di Thutmose IV, nonno di Akhenaton, nel primo decennio del XIV secolo a.C.[80] Quando era ancora principe, nel corso di una battuta di caccia nella piana di Giza, il futuro Thutmose IV avrebbe avuto una visione della divinità della Sfinge di Giza, il dio solare Ra-Horemakhet (o Harmakis), come attesta la grande Stele del Sogno eretta fra le zampe della Sfinge stessa, che egli provvide a far restaurare in ossequio a questa esperienza della propria giovinezza[82]. Esiste uno scarabeo, risalente al regno di Thutmose IV, su cui Aton è menzionato come divinità distinta[83] mentre conduce il faraone alla vittoria in battaglia[84]. Seguendo le aspirazioni mistiche del padre, Amenofi III dimostrò una predilezione per questo dio[80]; fu il primo a istituire un colleggio sacerdotale e un tempio ad Aton[84]. Come ha osservato l'egittologa Christine El Mahdy,

« Il regno di Amenofi III era pieno di riferimenti all'atonismo quasi quanto quello di suo figlio Akhenaton. Perfino il palazzo di Malkata, costruito prima che Akhenaton nascesse, portava il titolo di "lo splendore di Aton" [...] »
(Christine El Mahdy[85])
Statuetta di Akhenaton con la corona blu khepres. Museo egizio, Il Cairo.

Stesso nome (o "Aton risplende"[84]) l'aveva anche una imbarcazione che Amenofi III donò alla sua regina Tiy, che alcuni ritengono un'accesa promotrice di questo culto[80]. A differenza delle altre divinità egizie, Aton non veniva rappresentato in forma antropomorfa, ma sempre come un disco solare i cui raggi erano lunghe braccia terminanti con mani, alcune delle quali reggevano l'ankh, simbolo della vita[86]. I princìpi della religione di Aton si possono individuare sulle pareti della Tomba di Akhenaton: Aton era adorato come creatore di tutte le cose e come colui che si prendeva costantemente cura delle proprie creature; i suoi raggi davano vita alla sola famiglia reale, mentre, a sua volta, il popolo riceveva la vita da Akhenaton e Nefertiti in cambio della lealtà ad Aton[87]. La notte era considerata un momento da temere[88] mentre, quando il disco solare, Aton, splendeva in cielo, le azioni umane potevano aspirare al successo o alla perfezione.

Akhetaton[modifica | modifica wikitesto]

Il centro del culto di Aton era la città di Akhetaton (Orizzonte di Aton[25]), fondata come capitale da Akhenaton intorno al suo 5° anno di regno sulla riva orientale del Nilo, 402 chilometri a nord dalla vecchia capitale Tebe (Luxor)[89]. Altre sedi del culto furono Eliopoli (fulcro del culto di Ra) e la stessa Tebe. Per delimitare il perimetro della città fece erigere 15 Stele di confine[90], con le quali dichirò l'appartenza di quel territorio ad Aton. Molto diverso da tutti gli altri templi egizi, il Grande tempio di Aton era, in gran parte, all'aperto per far accedere i raggi del sole. Non erano ammesse rappresentazioni antropomorfe o statue di Aton, sebbene fosse stato occasionalmente raffigurato come uomo dalla testa di falco durante il regno di Amenofi III; comunque, queste furono sostituite con raffigurazioni della famiglia reale intenta ad adorare il disco solare e a ricevere da lui l'ankh (il respiro vitale). I sacerdoti di Aton avevano meno incarichi rispetto al clero tradizionale, in quanto le offerte (frutta, fiori, alimenti) erano limitate e gli oracoli proibiti[91]; inoltre, i templi di Aton non raccoglievano tasse. Siccome non esistevano rappresentazioni specifiche di Aton, il tradizionale rito quotidiano di purifcazione, unzione e vestizione della statua della divinità non veniva praticato ad Akhetaton; in compenso, il disco solare veniva omaggiato con le offerte della famiglia reale, bruciando incenso e cantando inni (come il Grande inno ad Aton[92]) accompagnati da apposite musiche.

Akhenaton, sotto forma di sfinge, mentre adora Aton. Museum August Kestner, Hannover.

Azioni di Akhenaton contro le divinità tradizionali[modifica | modifica wikitesto]

Geroglifici dietro a una statua di Amenofi III. In cima al cartiglio di sinistra e al di sotto di quello di destra si notano due zone depresse, nel punto fu cancellato il nome di Amon ("Amenhotep" e "Amato da Amon-Ra"), reinserito in seguito. British Museum, Londra.

Alcuni recenti dibattiti si sono concentrati sulle modalità e la misura con cui Akhenaton costrinse il suo popolo ad assecondare le riforme religiose[93]. Indubbiamente, col passare del tempo, il faraone continuò a rivedere gli epiteti di Aton e altri termini del linguaggio religioso per escludere sempre più i riferimenti ad altri dei; a un certo punto, ordinò una cancellatura su vasta scala dei nomi delle divinità tradizionali, specialmente quello di Amon[94], anche quando facente parte di nomi propri come quello del padre. La parola "madre", che aveva lo stesso suono del nome della dea Mut, sposa di Amon, fu privato del geroglifico dell'avvoltoio necessario alla sua scrittura, in quanto l'avvoltoio era simbolo di Mut stessa e della dea Nekhbet; il nome del dio Ra-Horakhti fu privato del geroglifico del falco, il che ne rese particolarmente ardua la lettura[95]. Il dio Ra, il sole per eccellenza, non perse la sua presenza continua[95]. Alcuni cortigiani cambiarono i propri nomi per rimuovere ogni riferimenti alle divinità, seguendo l'esempio di Akhenaton, che con questo nome sostituì il proprio nome originale Amenofi (Amenhotep, cioè Amon è contento)[36]. Quest'ultima non fu però, sembra, un'operazione obbligatoria o estesa alla totalità della popolazione, siccome ad Amarna sono stati individuati personaggi con nomi quali Ahmose (che significa Nato da Iah, dio della luna), proprietario della tomba nº3[96], o Thutmose (Nato da Thot), capo-scultore che realizzò numerosi ritratti della famiglia reale, fra cui il celeberrimo busto di Nefertiti[97]. Un numero inaspettato di amuleti in faience scoperti ad Amarna mostra inoltre che gli abitanti di Akhetaton indossavano liberamente talismani degli dei Bes e Tueret, l'Occhio di Horus e altri amuleti delle divinità tradizionali; inoltre, in un nascondiglio di gioielli, nei pressi delle Tombe reali (ora al Museum of Scotland), è stato trovato un anello relativo alla dea Mut, sposa di Amon. Tutte queste evidenze archeologiche dimostrano che, anche se Akhenaton privò i templi delle divinità tradizionali dei loro finanziamenti, le sue politiche furono tolleranti, perlomeno fino a un certo momento, non precisato, verso la fine del suo regno. Tuttavia, i danni arrecati ai monumenti di Amon, il divieto del suo culto e la dispersione del suo clero rasentarono, secondo alcuni studiosi, la persecuzione religiosa[80]. Come ha osservato l'egittologo Franco Cimmino:

« L'Aton era ormai un dio unico, autogenerato, che da solo aveva creato la vita e tutte le cose, e da solo compiva ciò che prima avevano fatto tutti gli altri dei, perché in lui coesistevano "milioni di vite". »
(Franco Cimmino[95])

Al 12° o 13° anno di regno di Akhenaton potrebbe risalire il gesto più drammatico del regno di Akhenaton:

« Akhenaton dimostrò di credere ancora nella magia del nome e dell'immagine, se pensò di annientare il potere del dio dinastico cancellando ovunque quanto potesse ricordarlo: i suoi simboli, le associazioni fonetiche, i segni visibili dei suoi attributi. Si trattò di un fatto clamoroso, perché si svolse su tutto il territorio egiziano e in Nubia [...]. L'azione fu repentina e inattesa, capillare e distruttiva, e venne compiuta in tempi brevissimi [...]; gli scalpellini, guidati da funzionari zelanti e fanatici, agirono ovunque martellando e cancellando iscrizioni e figure sui grandi monumenti e perfino sui piccoli oggetti. L'odio verso Amon si manifestò con violenza inaudita e i segni che componevano il suo nome vennero abrasi anche dove entravano a far parte di parole che non avevano nulla a che fare con il dio tebano. »
(Franco Cimmino[98])

Akhenaton, con il suo monoteismo rivoluzionario, non pone più il sovrano come rappresentazione del dio; il faraone ora è "utile a Dio, che è utile a lui" come testimonia anche una stele commemorativa nel Tempio di Ptah a Karnak dove è scritto: «Dio ha fatto sì che le vittorie della mia maestà fossero più grandi [di quelle] di ogni altro re. La mia Maestà ha ordinato che il Suo altare sia fornito di ogni bene.». L'escatologia che sostituisce quella di Osiride, prevedeva che le anime dei morti, con il sorgere del sole, uscissero fuori sotto le sembianze di uccelli per rivivere tutto il giorno in un mondo parallelo a quello materiale. In alcuni inni ritrovati nella tomba del sacerdote Ay viene manifestato l'universalismo imperiale al quale, secondo alcune interpretazioni, mirava Akhenaton, che si auspicava la diffusione di una religione universale con al centro il dio di tutti gli uomini[99].

Il Grande tempio di Aton ad Akhetaton: Akhenaton, assistito da Nefertiti e dalle figlie, fa offerte ad Aton su un altare all'aria aperta. Disegno di un rilievo nella tomba del funzionario Merira II ad Amarna.

Riforma artistica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Arte amarniana.
Le proporzioni scrupolosamente osservate dall'arte egizia tradizionale.

Alla rivoluzione religiosa si affiancò anche un graduale - ma sempre più marcato - stravolgimento dei canoni artistici tradizionali: tale riforma artistica è denominata "stile di Amarna", e segnò una parentesi molto interessante all'interno della plurimillenaria arte egizia[100]. Si passò dallo stile idealizzato, severo e ieratico dei monumenti a un curioso ed impietoso naturalismo, non esente da lampi di tenerezza (come si nota, per esempio, nella stele che raffigura Nefertiti con le figlie bambine). Prima della riforma di Akhenaton, l'arte egizia si basava su canoni tradizionali[101]; le rappresentazioni in rilievi e pitture murali avevano le seguenti caratteristiche:

  • la scuola tradizionale non si serviva della prospettiva nelle rappresentazioni murali, e le dimensioni dei personaggi esprimevano esclusivamente il grado di importanza dei personaggi raffigurati[101].
  • la figura umana era così elaborata: testa, braccia e gambe di profilo, ma occhi e torace in posizione frontale - il tutto modulato su una "griglia" ideale, le unità della quale erano sempre strettamente osservate per le proporzioni dei volumi[102].
Le proporzioni anticonvenzionali dell'arte amarniana visibili in un rilievo di Akhenaton, Nefertiti e Merytaton. Petrie Museum, Londra.

Con Akhenaton si abbandonò il canone tradizionale della rappresentazione del corpo umano, ispirato a una nuova "griglia" della quale le figure occupano più unità, soprattutto in altezza; questa modifica rimase con i suoi immediati successori[103]. Nelle immagini, in generale, fu impresso un maggiore naturalismo fino a raggiungere conseguenze impietose[104]: abbandonata completamente l'immagine idealizzata, priva di difetti fisici, si procedette nella direzione opposta, sottolineando anche in misura estrema i difetti[105]: la testa esageratamente allungata nella parte posteriore, occhi a mandorla, labbra rigonfie, mandibole prominenti, colli lunghi e stilizzati, ventri sporgenti e cascanti - con sagome talmente arrotondate da rendere difficile l'individuazione del sesso del personaggio[104][106].

Realistica testa di un'anziana di Akhetaton, da alcuni identificata con la regina madre Tiy; dello scultore Thutmose. Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Neues Museum, Berlino.

Quest'ultima caratteristica ha suggerito ad alcuni studiosi del XIX secolo che tali rilievi e sculture rappresentassero i sintomi di una malformazione del sovrano, che gli avrebbero fatto sviluppare un corpo dai tratti femminili, con un bacino ampio e arti sottili - teoria che nel XX secolo si incentrò su una possibile sindrome di Marfan del sovrano (vedi il paragrafo Teorie speculative, sottotitolo Possibili malattie)[107]. Oggi, gli storici e gli archeologi stimano che le immagini deformate del re come mere rappresentazioni artistiche[108], dal momento che non esistono prove sufficienti per determinarne una malattia cronica. Inoltre, tali deformazioni coinvolgono tutte le persone, non solo Akhenaton e i suoi famigliari, e perfino gli oggetti: i nastri posti sul retro della corona assumono una forma allungata e affusolata, proprio come le dita delle mani e dei piedi.

Frammento d'una statuetta di Akhenaton nello stile realistico del suo regno; visibili il ventre sporgente e i fianchi larghi.

Con la scoperta della tomba di Tutankhamon, nel 1922, si è potuto osservare che il cranio della mummia del faraone adolescente è effettivamente allungato (sebbene non drasticamente) come nelle figurazioni di Akhenaton, Nefertiti e delle loro figlie[109]. Di conseguenza, si è anche ipotizzato che questa tipologia di creazioni artistiche riflettesse attributi condivisi da membri della famiglia reale, con l'intento di offrire un'immagine unitaria della regalità[105]. Lo studio del probabile scheletro di Akhenaton ha rivelato un corpo perfettamente sviluppato e dai tratti mascolini: il sovrano fu probabilmente rappresentato con tratti androgini in quanto divinità, associato quindi al mito creatore e, di conseguenza, né uomo né donna egli medesimo[110]. Fra le innovazioni dell'arte amarniana rientrò anche un deciso mutamento dei temi delle opere. Una volta eliminati i temi religiosi tradizionali, dal momento che Aton era un dio astratto, simboleggiato dal semplice disco solare e mai incarnato in figura umana o animale, ebbero una grande diffusione le scene della vita famigliare della coppia reale con le figlie, in pose intime e affettuose[104]. L'iconografia tradizionale del monarca intento a schiacciare e abbattere i proprio nemici furono sostituite da due immagini nell'atto di adorare Aton e presentargli offerte insieme alla famiglia o con la sola Grande sposa reale, in un'atmosfera molto più raccolta. Lo scultore capo Bek lasciò notizia che Akhenaton in persona chiese agli artisti di esprimere la realtà che vedevano[111]; quindi furono raffigurate anche scene prese dalla vita animale, come cane da caccia che rincorre una preda in fuga[99].

Di tutte le implicazioni del regno di Akhenaton, quelle artistiche si rivelarono le più durevoli, sopravvivendo alla sua morte[103]. La sua concezione politica, infatti, morì con lui: dopo i brevissimi regni di Neferneferuaton e Smenkhara, la corte fece ritorno a Tebe con Tutankhamon[112]. Per quanto riguarda le sue idee religiose, anche queste morirono insieme a lui[80]. Solo le riforme artistiche gli sopravvissero per qualche tempo, sebbene attenuate e molto distanti dagli esiti più eccentrici, e tracce di questo stile si possono riconoscere nella produzione artistica sotto Tutankhamon, Ay e Horemheb[103]. Quando, alla morte di quest'ultimo, la XIX dinastia prese il potere, il ritorno all'ortodossa arte tradizionale fu portato a compimento[113].

Politica interna[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una parte degli studiosi Amenofi IV avrebbe regnato come coreggente con il padre per alcuni anni ma questa interpretazione dei dati è contestata, da altri tra cui il Gardiner, sulla base di alcune lettere facenti parte della corrispondenza diplomatica (le lettere di Amarna)[41] ed anche sulla poco credibile situazione che si sarebbe venuta a creare: due sovrani con due capitali diverse[44][45][46].

Rilievo frammentario di Akhenaton in trono, al di sotto di Aton. British Museum, Londra.

Il sovrano scelse come consiglieri sua madre Tiye, la regina Nefertiti ed il sacerdote Ay, marito della sua governante. Nel secondo e nel terzo anno di regno, decise di celebrare un grande giubileo e iniziò la costruzione di almeno otto strutture in muratura a Karnak, dove, inizialmente, Amenofi IV regnò; la struttura più articolata fu il tempio ad Aton detto Gen-pa-Aton ("il Disco del Sole è trovato"), sui cui muri apparivano incise scene della celebrazione del giubileo e raffigurazioni della regina Nefertiti assieme alle figlie nell'atto di effettuare offerte al Sole (la coppia non ha avuto un figlio maschio e sarà la primogenita a prendere il posto della madre); un secondo tempio fu chiamato "Esaltati sono per sempre i monumenti del Disco del Sole" e comprendeva molte raffigurazioni di vita domestica a palazzo; un terzo tempio fu denominato "Robusti sono per sempre i monumenti del Disco del Sole", i cui rilievi descrivevano offerte al Sole, processioni e scene di palazzo con servi[37][114].

Politica estera[modifica | modifica wikitesto]

Durante il regno di Akhenaton, come già durante quello del padre, l'Egitto non seppe contrapporsi all'ascesa degli Ittiti perdendo, quindi, il controllo di una serie di stati vassalli dell'Asia Minore che rappresentavano una fonte di ricchezza per le casse reali[41]. Una parte della corrispondenza diplomatica rinvenuta tra le rovine della nuova capitale (le Lettere di Amarna) è appunto composta da richieste di aiuto di sovrani dell'area palestinese dove bande di nomadi predoni Hapiru esercitavano razzie e disordini[41].

Malgrado le richieste di aiuto provenienti dagli alleati, ad esempio quelle inviate da Tushratta re di Mitanni, almeno da quanto riportato nelle fonti a nostra disposizione, non si hanno notizie di campagne militari nell'area siro-palestinese. Di questa inerzia seppe approfittare Šuppiluliuma I, re ittita che, dopo aver portato sotto il suo controllo il regno di Mitanni, iniziò l'espansione nella zona d'influenza egiziana[115]. Si ha notizia di una campagna militare in Nubia durante il 12º anno di regno, per sedare una rivolta della popolazione Akayta[115].

Epidemia ad Akhetaton[modifica | modifica wikitesto]

Testa di Akhenaton, dello scultore Thutmose. Museo egizio del Cairo.

Durante il periodo amarniano si verificò una grave epidemia, probabilmente di peste bubbonica, poliomielite o un qualche tipo di influenza[116], che si originò in Egitto e dilagò in tutto il Levante mietendo molte vite, tra cui Šuppiluliuma I, re degli Ittiti[117]. Nel caso si trattasse di influenza, la sua origine deriverebbe dalla vicinanza tra esseri umani, determinati uccelli acquatici e suini: la sua diffusione pandemica potrebbe essere stata causata dallo sviluppo dei sistemi di allevamento e dalla prossimità degli animali con i loro escrementi[118]. Alcune delle prime evidenze archeologiche di questo tipo di allevamento sembrano risalire al regno di Akhenaton e la pandemia che in quel periodo colpì tutto il Medio Oriente potrebbe essere il primo caso conosciuto di influenza[116]. Tuttavia, la natura precisa di questa epidemia resta in gran parte sconosciuta; come suo possibile luogo d'origine è stata ipotizzata anche l'Asia con un'influenza scatenatasi fra esseri umani[119]. Una serie di morti all'interno della famiglia reale egizia dovette colpire duramente Akhenaton e, in generale, tutto il regno. Fra le probabili vittime di questa epidemia, in un arco di tempo che va dal 12° al 17° anno di regno, figurano la regina madre Tiy (intorno al 13° anno di regno) e le giovanissime principesse Setepenra e Neferneferura, ma è possibile che ne siano morte anche la Grande sposa reale Nefertiti (dopo il 16° anno di regno[120][121]) e la secondogenita Maketaton (più verosimilmente deceduta di parto intorno al 12° anno di regno[61]). Inoltre, la virulenza di questo morbo può essere stata uno dei fattori che spinsero al completo abbandono di Akhetaton durante il regno di Tutankhamon, e anche il motivo per cui le generazioni successive ritenevano che gli dei tradizionali si fossero rivolti contro Akhenaton.

Zahi Hawass ha ipotizzato che potesse trattarsi di peste nera, in base a segni di questa malattia scoperti nel sito di Amarna. Arielle Kozloff, nel frattempo, ha obiettato che una epidemia di poliomielite potrebbe invece aver portato a una di peste bubbonica. Tuttavia, la sua tesi secondo cui la poliomielite non sarebbe così virulenta come altre malattie è stata rifiutata in quanto ignora l'evidenza che le malattie risultano virulente quanto più restano presenti nella popolazione umana, come è stato osservato per la sifilide e la tubercolosi[122].

Morte, sepoltura e successione[modifica | modifica wikitesto]

Il sarcofago di Akhenaton, ricostruito a partire da frammenti scoperti nella sua tomba originaria ad Amarna (Museo egizio, Il Cairo)

Cronologicamente, l'ultima apparizione nota di Akhenaton e della famiglia reale amarniana è nella tomba del cortigiano Merira II, ed è datata al 2° mese del 12° anno del suo regno[123]. Dopodiché, le fonti diventano oscure e lacunose almeno fino all'ascesa al trono di Tutankhamon (ca. 1323 a.C.). Le circostanze della morte di Akhenaton sono totalmente sconosciute: il lasso di tempo che si estende dalla metà del suo regno a Tutankhamon è uno dei più enigmatici e oscuri fra quelli studiati dall'egittologia[124].

Il sarcofago regale sfregiato, rinvenuto nella tomba KV55, probabilmente appartenente ad Akhenaton (Museo egizio, Il Cairo)

Nel dicembre 2012 è stata annunciata la scoperta di una iscrizione datata esplicitamente al 16° anno di regno di Akhenaton, 3° mese di Akhet, 15° giorno - e che menziona anche la regina Nefertiti, in vita - in una cava di calcare a Deir el-Bersha, a nord di Amarna[120][121][125]. Il testo riferisce di un progetto edilizio ad Akhetaton e permette di accertare che Akhenaton e Nefertiti erano ancora la coppia reale un anno prima della morte del faraone. Alcuni sigilli di anfore sono recano la data del 17° anno del suo regno, che fu sicuramente l'ultimo[126].

La tomba KV55 della Valle dei Re[modifica | modifica wikitesto]

Il teschio della salma scoperta nella tomba KV55 e probabilmente appartenente ad Akhenaton (Museo egizio, Il Cairo; Fotografia di G. Elliot Smith, 1912)
Il sarcofago della tomba KV55.

La sua mummia fu traslata a Tebe dopo che la corte vi si trasferì definitivamente, durante il regno di Tutankhamon; recenti test genetici hanno stabilito che lo scheletro rivenuto da Edward Ayrton nel 1907 nella enigmatica tomba KV55 della Valle dei Re è quello del padre di Tutankhamon e quindi, probabilmente, si tratterebbe dei resti di Akhenaton[127]. La tomba conteneva numerosi oggetti appartenenti all'epoca amarniana, fra cui una maschera funeraria regale deliberatamente distrutta. Anche il sarcofago fu profanato e sfregiato, praticamente distrutto, ma dopo la scoperta è stato restaurato e si trova in esposizione permanente al Museo egizio del Cairo. Il bordo della parte inferiore reca una preghiera ad Aton che fu originariamente intesa per una donna ma successivamente modificata per riferirsi a un uomo - con errori grammaticali che lasciano trasparire il sesso femminile del defunto originario[128]. Lo stile di questo feretro e il linguaggio delle sue iscrizioni sono facilmente riconducibili al regno di Akhenaton. Alcuni studiosi ritengono che il destinatario originario di questo sarcofago fosse proprio Kiya[129] (la ricchezza del reperto, comparabile, nello stile, al secondo dei tre sarcofagi di Tutankhamon, proverebbe l'elevato status di Kiya alla corte di Akhenaton[130]). Un altro fatto decisivo per stabilire che tale sarcofago femminile fu adattato in un secondo momento per Akhenaton sarebbe un ureo in bronzo, recante il nome di Aton nella sua forma definitiva, fissato alla fronte della mummia[131]. Altro indizio per considerare la tomba KV55 come sepoltura definitiva di Akhenaton sarebbe la presenza di quattro mattoni magici, collocati nelle posizioni ritualmente corrette, che recano il cartiglio di Akhenaton; a riguardo, alcuni archeologi, fra cui Alan Gardiner, conclusero che chi curò la sistemazione del sepolcro della KV55 - fedeli seguaci dell'atonismo - credeva sicuramente di seppellire Akhenaton[132].

Il giovane egittologo inglese John Pendlebury, fucilato dalle truppe naziste nel 1941, scoprì i pezzi di un vaso canopico in alabastro raffigurante Akhenaton, probabilmente destinato a contenere gli organi del sovrano stesso; a un esame, risultò che il recipiente non fu mai utilizzato dal momento che erano assenti i residui della sostanza resinosa e nerastra osservati in vasi analoghi[133]. Commentando questo ritrovamento, così come quello dei sarcofagi reali di Amarna in frammenti, Alan Gardiner scrisse:

« È evidente, in tutto questo, l'opera della mano vendicatrice dei tradizionalisti. »
(Alan Gardiner[134])
Ushabti frammentario appartenente al corredo funerario di Akhenaton (Kunsthistorisches Museum, Vienna)

Successione[modifica | modifica wikitesto]

Benché sia comunemente accettato che Akhenaton sia morto nel corso del suo 17° anno di regno, non è chiaro se Smenkhara sia diventato coreggente uno o due anni prima della morte di Akhenaton o se abbia goduto, invece, di un regno indipendente, anche se breve[123]: qualora Smenkhara sia sopravvissuto ad Akhenaton e diventato unico sovrano, il suo regno non deve aver superato la durata di un anno[65]. Successore di quest'ultimo fu Neferneferuaton, un faraone donna che sembra aver governato l'Egitto per due anni e un mese[135]. Costei fu succeduta, probabilmente, da Tutankhaton (poi Tutankhamon), affiancato, a causa della sua tenera età, da un consiglio di reggenza guidato dal visir Ay, cognato di Amenofi III, zio di Akhenaton e, a sua volta, futuro faraone[136]. Tutankhamon è stato a lungo ritenuto fratello minore di Smenkhara e figlio di Akhenaton e, possibilmente, della sposa secondaria Kiya (pochi egittologi hanno inteso Tutankhamon come figlio di Smenkhara[137]). Nel 2010, esami genetici sulle mummie degli ultimi rappresentanti della XVIII dinastia, su Tutankhamon e sull'uomo della tomba KV55 hanno accertato che quest'ultimo fu figlio di Amenofi III e Tiy e padre di Tutankhamon (oltreché fratello della cosiddetta Younger Lady, a sua volta rivelatasi la madre di Tutankhamon): è quindi estremamente probabile che si tratti dei resti di Akhenaton[138]. È stato anche ipotizzato che, dopo la morte di Akhenaton, Nefertiti avrebbe regnato con il nome di Ankheperura Neferneferuaton[139]; altri hanno proposto di identificare questo misterioso personaggio femminile con Merytaton[140]. È possibile che la cosiddetta Stele della Coreggenza (UC 410), rinvenuta in una tomba ad Amarna, estremamente danneggiata, mostri la regina Nefertiti nelle vesti di coreggente, regnante contemporaneamente ad Akhenaton; ma ciò non è affatto sicuro, in quanto i cartigli furono raschiati e riciclati per contenere i nomi di Ankhesenpaaton e Neferneferuaton[123][141]. Nel corso di un simposio del 2011 su Horemheb, al Metropolitan Museum of Art[142], la cronologia generale della tarda XVIII dinastia è stata così illustrata:

Re Anni di regno (appross.)
Akhenaton 17 anni
Ankheperura Neferneferuaton 2+ anni
Ankheperura Smenkhara 1-2 anni
Tutankhaton/Tutankhamon 10 anni
Ay 3 anni
Horemheb 14 anni
Busto di Akhenaton, volutamente distrutto in sfregio al faraone. Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Neues Museum, Berlino.

Caduta dell'atonismo e damnatio memoriae[modifica | modifica wikitesto]

Con la morte di Akhenaton, il culto da lui fondato decadde. Tutankhaton mutò il proprio nome in Tutankhamon (Immagine Vivente di Amon) nel suo 2° o 3° anno di regno (ca. 1330/1329 a.C.) e fece ritorno alla capitale tradizionale Tebe, abbandonando Akhetaton, la quale finì rapidamente in rovina[112] per poi essere sfruttata come cava di materiali da costruzione durante la XIX dinastia. Già i due immediati successori di Tutankhamon, Ay e Horemheb (principale sostenitore della cancellazione di Akhenaton e della sua eresia dalla storia[22][143]), iniziarono a smantellare i templi che Akhenaton aveva fatto edificare, anche quelli a Tebe, impiegandone i materiali per edificare e decorare i templi di loro commissione[144]. A partire dal regno di Horemheb (1319 a.C. - 1292 a.C.), che non aveva legami di parentela con i suoi predecessori, si attuò la completa esclusione di Akhenaton, Neferneferuaton, Smenkhara, Tutankhamon e Ay dalle liste reali e dalle cronache - attribuendosi di conseguenza tutti i loro anni di regno[145], oltre alle iscrizioni e alle statue, così da far apparire che la sua accessione al trono seguisse direttamente il regno di Amenofi III (considerato l'ultimo sovrano non ancora in lotta aperta con il clero di Amon), morto circa trent'anni prima, intorno al 1350 a.C.[145] Akhenaton non figurò in alcun lista di faraoni compilata nelle epoche successive della storia egizia fino alla sua riscoperta nel XIX secolo da parte dell'archeologia.

La Iscrizione di Mes[146], un documento risalente all'epoca ramesside (XIII secolo a.C.) fa riferimento ad Akhenaton appellandolo "il Nemico di Akhetaton"[23]:

« [...] Per quel che mi riguarda, io fui nella città [...] giorno. Io vidi l'Hntp dell'ispettore delle imbarcazioni, Neshi, quando fu recato dai co-eredi. [...] al tempo del Nemico di Akhetaton [...] Akhetaton [dove] il faraone [fu]. »
(Iscrizione di Mes[147])

Teorie speculative[modifica | modifica wikitesto]

Colosso di Akhenaton assimilato al dio Shu, di cui indossa, sulla corona nemes, il tipico copricapo quadripartito[148]. Museo egizio, Il Cairo.

L'interpretazione di Akhenaton come rivoluzionario religioso ha prodotto molte speculazioni, dalle ipotesi degli specialisti fino a teorie marginali o non-accademiche. Benché sia diffusa l'opinione secondo cui Akhenaton sarebbe stato uno dei primi monoteisti della storia[149], è più corretto dire che Akhenaton praticò la monolatria[16][17][18] dal momento che non pare che abbia mai negato l'esistenza di altre divinità all'infuori di Aton. Nella sua concezione religiosa, viceversa, gli dei Shu e Tefnut - e ancor più Ra, il dio del sole fin dai tempi arcaici - conservarono un ruolo particolare[150]: Akhenaton affermò che Shu risiedeva nel disco solare[151], trovando posto nella sua nuova dottrina per questo dio e per la sua compagna Tefnut come aspetti del dio della luce e icone della coppia reale[152]. In alcune statue risalenti all'inizio del loro regno, Akhenaton e la sua Grande sposa reale Nefertiti compaiono nelle vesti di Shu e Tefnut[152]. Apparentemente, Akhenaton era riluttante a venerare divinità diverse da Aton, aspettandosi che il popolo non venerasse Aton bensì il faraone medesimo, unico mediatore tra gli uomini e il dio[25].

Colosso di Akhenaton proveniente dal Tempio di Aton a Karnak. Museo egizio del Cairo.

Akhenaton e il monoteismo giudaico-cristiano-islamico[modifica | modifica wikitesto]

L'idea che Akhenaton potrebbe essere stato un precursore o un pioniere del monoteismo che sfociò nell'Ebraismo è stata presa in considerazione da vari studiosi[153][154][155][156][157]. Uno dei primi a interessarsi all'argomento fu Sigmund Freud, il fondatore della psicoanalisi. Basando le proprie argomentazioni sull'assunto che il Libro dell'Esodo tratterebbe di argomenti storici realmente accaduti, nel suo saggio L'uomo Mosè e la religione monoteistica Freud ipotizzò che Mosè fosse stato un sacerdote di Aton costretto a lasciare l'Egitto con i suoi seguaci dopo la morte di Akhenaton; scrisse inoltre che il Mosè biblico fu in grado di portare a frutto i tentativi di Akhenaton di fondare una supposta religione monoteistica[153]. A seguito di questo libro, il concetto di un Akhenaton propriamente monoteista entrò nell'immaginario comune e nelle ricerche accademiche[158]. Freud riteneva che vi fosse una connessione fra Adonai (il Dio biblico), Aton e il nome siriano del mitologico Adone, in una unità linguistica primordiale - in ciò, seguiva un'idea dell'egittologo Arthur Weigall. L'opinione di Jan Assmann è, invece, che non esisterebbe alcun legame tra le radici dei nomi di Adonai e Aton[154]. Comunque, è comunemente accettata l'individuazione di forti somiglianze tra il Grande inno ad Aton, forse composto da Akhenaton in persona, e il Salmo 104 della Bibbia, benché entrambi seguano una tradizione innologica diffusa nel Vicino Oriente antico prima e dopo Akhenaton.

Donald Redford ha concluso che, mentre Akhenaton si definiva figlio del Disco Solare e agiva come mediatore fra il dio e il mondo, per centinaia di anni prima di lui i faraoni avevano reclamato la stessa funzione e il medesimo ruolo sacerdotale (ogni faraone era supremo sacerdote del Regno): la vicenda di Akhenaton si distinse per l'enfasi posta sul rapporto tra il padre celeste e il figlio regale. Akhenaton si riferì a sé stesso con termini quali "tuo figlio, uscito dai tuoi lombi", "tuo figlio", "l'eterno figlio che è venuto fuori dal Disco Solare" e "tuo unico figlio venuto fuori dal tuo corpo". La relazione tra il padre Aton e il figlio Akhenaton era talmente stretta che si riteneva che solo il faraone conoscesse "il cuore di suo padre" e che, di conseguenza, Aton ascoltasse le preghiere del re. Come supremo sacerdote, profeta, faraone e dio in terra, Akhenaton si pose in un ruolo assolutamente centrale all'interno del nuovo sistema religioso: in quanto unico in grado di conoscere Aton, lui soltanto avrebbe potuto interpretarne il volere riguardo all'umanità[159]. L'egittologo canadese ha poi concluso:

« Prima che la maggior parte delle evidenze archeologiche da Tebe e da Tell el-Amarna fosse disponibile, alcune menti pie hanno talvolta trasformato Akhenaton in un maestro umano del vero Dio, un mentore di Mosè, una figura cristica, un filosofo in anticipo sui tempi. Ma queste creature immaginarie stanno svanendo man mano che la realtà storica emerge gradualmente. Scarsi o nulli indizi supportano la nozione che Akhenaton sarebbe stato il progenitore del monoteismo perfettamente sviluppato che troviamo nella Bibbia. Il monoteismo della Bibbia ebraica e del Nuovo Testamento ebbero uno sviluppo separato - un [monoteismo] che ebbe origine più di mezzo millennio dopo la morte del faraone. »
(Donald Redford[160])
Il curioso colosso asessuato di Akhenaton. Museo egizio, Il Cairo.

Possibili malattie[modifica | modifica wikitesto]

Ipotesi della sindrome di Froelich[modifica | modifica wikitesto]

I numerosi ritratti di Akhenaton con caratteristiche fisiche strane ed eccentriche quali un ventre cascante, grasse cosce su stinchi sottili e un viso assai stretto e allungato - così diverse dalle rappresentazioni tradizionali di faraoni atletici e sempre giovani - hanno portato numerosi egittologi a ipotizzare che Akhenaton soffrisse di un'anomalia genetica. Sono state proposte varie malattie. Osservando il suo collo lungo e l'aspetto effeminato, Cyril Aldred[161], partendo da precedenti posizioni di Grafton Elliot Smith e James Strachey[162], suppose che il faraone soffrisse della sindrome di Froelich (distrofia adiposo-genitale). In seguito, tale disordine è stato escluso in quanto implica la sterilità del soggetto affetto, mentre Akhenaton generò molti figli. Questa prole è continuamente raffigurata in statue e su stele, rilievi, incisioni, iscrizioni e pitture: almeno sei figlie da Nefertiti, oltre a Tutankhamon da una sposa secondaria[163].

Rilievo di Akhenaton nel periodo di massima deformazione del corpo umano, nell'arte amarniana. Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Berlino.

Ipotesi della sindrome di Marfan[modifica | modifica wikitesto]

Burridge ipotizzò che Akhenaton potesse essere affetto dalla sindrome di Marfan[107]. La sindrome di Marfan, a differenza della Froelich, non implica deficienze intellettive né infertilità; è associata a un petto infossato, dita molto lunghe e affusolate (aracnodattilia), eventuali difficoltà cardiache congenite, possibile palatoschisi, cornee incurvate e un cristallino dislocato, con l'esigenza di una forte luce per vedere bene. Le persone affette dalla Marfan tendono a essere più alte della media, con una faccia allungata e un cranio lungo e stretto, costole ipetrofiche, torace a imbuto o sterno sporgente, largo bacino e cosce massicce su esili stinchi[164]. Si tratta di un carattere dominante, con il 50% di possibilità di trasmissione ai figli[164]. Tutti questi sintomi si possono ritenere individuabili nelle antiche rappresentazioni di Akhenaton e dei suoi figli. Recenti scansioni della mummia di Tutankhamon hanno accertato la presenza di palatoschisi (senza però il frequente labbro leporino), oltre a un cranio piuttosto allungato, una curvatura innaturale della colonna vertebrale, fusione delle vertebre superiori - condizione associata alla scoliosi e, tutte queste, condizioni associate alla sindrome di Marfan. D'altro, esami genetici compiuti nel 2010 hanno dato esito negativo per la Marfan[52][165].

Più recentemente è stata proposta una diagnosi di omocistinuria[166]: i sintomi sono inerenti a quelli della Marfan. In quanto malattia recessiva, si addice all'albero genealogico di Akhenaton: i suoi genitori, Amenofi III e la regina Tiy, erano probabilmente in salute, così come il probabile figlio Tutankhamon, che non soffrì dei succitati disordini genetici[52].

Ipotesi degli stilemi artistici[modifica | modifica wikitesto]

Statuetta di Akhenaton recante una stele vuota, in alabastro. Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Neues Museum, Berlino.

L'egittologo e papirologo Dominic Montserrat, nel suo saggio Akhenaten: History, Fantasy and Ancient Egypt, ha scritto:

« Esiste ora un vasto consenso fra gli egittologi che le forme esagerate dei ritratti fisici di Akhenaton [...] non sarebbero da interpretare letteralmente. »
(Dominic Montserrat[167])

Montserrat e altri[108] hanno osservato che le caratteristiche fisiche sarebbero emblematiche di determinati simbolismi religiosi. Dal momento che il dio Aton era chiamato "la madre e il padre dell'umanità intera", Akhenaton sarebbe stato raffigurato con tratti marcatamente androgini in riferimento alla androginia del dio Aton: ciò richiedese "l'unione simbolica di tutti gli attributi del dio creatore nel corpo fisico del re medesimo" che avrebbe "rappresentato in terra le molte funzioni vivificatrici dell'Aton"[168]. Akhenaton definiva sé stesso Unico di Ra e potrebbe essersi servito dell'arte per evidenziare la propria differenza dagli altri essere umani. Una tale distanza dalle classiche rappresentazioni idealizzate è una caratteristica straordinaria del regno di Akhenaton.

Ipotesi di epilessia del lobo temporale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, Hutan Ashrafian, chirurgo dell'Imperial College London, ha pubblicato una ricerca sulla morte prematura di Akhenaton (avvenuta intorno ai 40 anni) e sulle morti precocidi altri faraoni della XVIII dinastia (fra cui Tutankhamon e Thutmose IV, nonno paterno di Tutankhamon). Ashrafian identificò la causa, o concausa, di questi decessi nella epilessia del lobo temporale in via ereditaria, che potrebbe spiegare anche lo strano aspetto di Akhenaton e le sue convinzioni religiose visionarie (oltre alla spiccata spiritualità del nonno Thutmose IV, che sostenne di aver avuto una visione del dio della Sfinge, Harmakis)[169]. Siccome non c'è ancora modo di diagnosticare questa malattia tramite test genetici, quella del Dr. Ashrafian rimane una teoria[170].

La teoria di Velikovskij[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra teoria, infondata, è quella di Immanuel Velikovskij, che ipotizzò una relazione incestuosa tra Akhenaton e sua madre Tiy. Inoltre Velikovskij diede per scontato che il faraone avesse le gambe gonfie. In base a ciò, il sociologo sovietico identificò Akhenaton con Edipo, il cui nome, in greco, significa "dai piedi gonfi", spostando la vicenda dalla Tebe egizia alla Tebe greca. Fra le proprie argomentazioni, Velikovskij, erroneamente, pose il fatto che Akhenaton avrebbe fatto cancellare il nome del proprio padre dai monumenti, azione trasfigurata nel parricidio di Edipo[66]. La teoria di un disprezzo di Akhenaton per il proprio padre Amenofi III: Akhenaton provvide alla mummificazione e al funerale fastoso e tradizionale, prima di avviare la rivoluzione religiosa. In aggiunta, un'autopsia e un esame genetico, nel 2014, ha provato che suo figlio Tutankhamon fu il prodotto di un rapporto tra fratello e sorella, non tra madre e figlio[171][172].

Un sovrano femminile, recante in capo la corona blu dei faraoni, mentre versa affettuosamente da bere ad Akhenaton. Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Altes Museum, Berlino.

Smenkhara[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Smenkhara e Neferneferuaton.

Varie stele danneggiate o prive di iscrizioni rappresentano Akhenaton in compagnia di quello che sembra essere un coreggente, con corona da faraone, in atteggiamenti familiari, se non intimi (talvolta nudo). Siccome è noto che Smenkhara fu un uomo, queste immagini portarono alla teoria che Akhenaton fosse omosessuale[65] - eventualità ritenuta poco probabile e così commentata dall'egittologo italiano Franco Cimmino:

« [...] si è voluto vedere a tutti i costi anche un suo rapporto omosessuale col giovanissimo coreggente, che non va preso in considerazione nemmeno come ipotesi; avanzare teorie romanzesche è fuori del contesto storico e dimostra di non voler tenere conto di elementi tipici della cultura egiziana antica come, quella sorta di realismo trasfigurato dell'arte amarniana che si esprimeva in atteggiamenti affettuosamente intimi [...]. »
(Franco Cimmino[173])

Questa teoria che decadde quando si scoprì che il coreggente fu una donna, quasi certamente moglie di Akhenaton. Negli anni '70, l'egittologo John Harris identificò la figura accanto ad Akhenaton con Nefertiti, argomentando che quest'ultima potrebbe essere stata nominata coreggente dal marito e forse perfino essergli succeduta per breve tempo come sovrano indipendente, dopo aver mutato il proprio nome in Smenkhara[168]. Nicholas Reeves e altri ritengono che Smenkhare e Neferneferuaton (Ankheperura Neferneferuaton), che regnò accanto ad Akhenaton come coreggente per uno o due anni prima della morte di quest'ultimo, sarebbero stati la medesima persona. Su vari monumenti, i due compaiono seduti uno accanto all'altro[174]. Nel 1988, l'egittologo James Peter Allen avanzò la possibilità di distinguere Smenkhara da Neferneferuaton[175], puntualizzando sul fatto che il nome Ankheperura è individuabile in grafie differenti a seconda che fosse riferito a Smenkhara o a Neferneferuaton. Quando inscritto accanto a Neferneferuaton, il praenomen includeva un epiteto riferito ad Akhenaton, per esempio "Desiderato da Uaenra" (Uaenra era il praenomen di Akhenaton). Non esistono attestazioni delle versioni "lunghe" di questo nome (praenomen + epiteto) in presenza del nomen Smenkhara - così come la versione "corta" non è mai stata rinvenuta accanto al nomen Neferneferuaton.

Ankheperura nella versione femminile (93, 94) e in quella maschile (95). 93: Ankheperura desiderata da Neferkheperura (Akhenaton). 94: Ankhteperura desiderata da Uaenra (Akhenaton). 95: Ankheperura desiderato da Uaenra.

Nell'immagine qui accanto, la differenza tra la versione femminile e quella normale è minima: il suono -t, sia nel nome che nell'epiteto (o entrambi, come nel cartiglio nº94), che può risultare di difficile lettura, specialmente su oggetti di dimensioni ridotte. Stando ad Allen, senza tenere conto degli elementi grammaticali femminili, tutti e tre questi nomi potrebbero riferirsi a un re Neferneferuaton, siccome includono epiteti che l'associano ad Akhenaton. In una pubblicazione del 1994[176], Allen ipotizzò che le diverse grafie del nome in questione avrebbero potuto riferirsi a due personalità differenti anziché a una sola:

« Questo indizio, di per sé, non implica un'identificazione di Smen-kha-ra con Nefer-neferu-aton, e l'insistenza sul fatto che due set di nomi dovrebbero appartenere a un singolo individuo non fa che confondere ogni caso. »
(James P. Allen[177])

Tempo dopo, l'egittologo francese Marc Gabolde notò che diversi oggetti dalla Tomba di Tutankhamon, originalmente inscritti per Neferneferuaton e recanti l'epiteto "desiderato da Akhenaton", avevano in origine l'epiteto Akhet-hen-hyes, che significa "Utile al Suo sposo", e che rende necessariamente femminile il personaggio che ne fu insignito. La scoperta di Gabolde fu in seguito confermata da Allen. L'uso degli epiteti (così come la loro assenza) per identificare il re all'interno di un'iscrizione è diventata una pratica comune e citata dagli studiosi nelle loro opere[178] - benché talvolta sia necessario ignorare un'iscrizione o un suo dettaglio per supportare un'ipotesi più grande. Anche se il dibattito su Smenkhara e Neferneferuaton continua, grazie a queste ultime scoperte è possibile fornire nuove interpretazioni delle evidenze archeologiche conosciute.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Nome Horo Flavio Giuseppe Anni di regno
(Flavio Giuseppe)
Sesto Africano Anni di regno
(Sesto Africano)
Eusebio di Cesarea Anni di regno
(Eusebio di Cesarea)
Altri nomi
Ka -nekhet
Qaisuty
Onos 36 Onos 32 Onos 36 Amenofi IV
Amenhotep IV
Akhenaton

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Amenofi IV

G5
E1
D44
X7 A28 S9
Srxtail2.svg
serekht o nome Horo
G16
G36
r
M23 t
n
i i m i p
t
Q1 t
Z2
nome Nebty
G8
U39 M40 N28
Z2
m O28 W24
O49
M27
nome Horo d'Oro
M23 L2
Hiero Ca1.svg
N5 nfr L1 N5
Z2
T21
n
Hiero Ca2.svg
praenomen o nome del trono
G39 N5
Hiero Ca1.svg
i mn
m
R4
t p
Hiero Ca2.svg
nomen o nome di nascita
Amenofi IV
(Amenhotep IV)
in geroglifico

Akhenaton

G5
i t
n
N5
mr
Srxtail2.svg
serekht o nome Horo
G16
G36
r
M23 i i t
Z2
Aa15
N27
i t
n
N5
nome Nebty
G8
U39 r
n
V10 i t
n
N5
nome Horo d'Oro
M23 L2
Hiero Ca1.svg
C2 nfr L1 Z2
N5
T21
n
Hiero Ca2.svg
praenomen o nome del trono
G39 N5
Hiero Ca1.svg
i t
n
N5
G25 Aa1 n
Hiero Ca2.svg
nomen o nome di nascita
Akhenaton
in geroglifico

Akhenaton nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Il faraone Akhenaton è anche stato il protagonista di un fumetto Marvel del 2004 dal titolo La fine dell'Universo Marvel[179]. Nel fumetto, Akhenaton venne rapito da una potentissima razza aliena padrona del Cuore dell'Universo, un potere che permette di fare qualunque cosa. Dopo aver passato millenni ad acquisire potere e capacità, Akhenaton torna sulla Terra per far risorgere il potere dell'Egitto e creare un nuovo imponente Impero. Akhenaton verrà però fermato dai Difensori e da Thanos, che alla fine riuscirà nel suo intento di possedere il Cuore dell'Universo[179].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert William Rogers, Cuneiform parallels to the Old Testament, Eaton & Mains, 1912, p 252.
  2. ^ Jürgen von Beckerath, Chronologie des Pharaonischen Ägypten, Magonza, Philipp von Zabern, 1997, p. 190, ISBN 3-8053-2310-7.
  3. ^ Akhenaten
  4. ^ a b Dodson, Aidan, Amarna Sunset: Nefertiti, Tutankhamun, Ay, Horemheb, and the Egyptian Counter-Reformation. The American University in Cairo Press. 2009. p.170. ISBN 978-977-416-304-3.
  5. ^ Jürgen von Beckerath, Chronologie des Pharaonischen Ägypten, Magonza, Philipp von Zabern, 1997, p. 190, ISBN 3-8053-2310-7.
  6. ^ DNA Shows that KV55 Mummy Probably Not Akhenaten
  7. ^ a b Hawass Z, Gad YZ, Ismail S, Khairat R, Fathalla D, Hasan N, Ahmed A, Elleithy H, Ball M, Gaballah F, Wasef S, Fateen M, Amer H, Gostner P, Selim A, Zink A, Pusch CM (Febbraio 2010). "Ancestry and Pathology in King Tutankhamun's Family". JAMA. 303 (7): 638–47.
  8. ^ a b c Grajetzki, Ancient Egyptian Queens: A Hieroglyphic Dictionary, Golden House Publications, London, 2005, ISBN 978-0-9547218-9-3.
  9. ^ Tyldesley, Joyce. Chronicle of the Queens of Egypt. Thames & Hudson. 2006. p. 124. ISBN 0-500-05145-3.
  10. ^ Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3, pp.148, 154-5.
  11. ^ Alan Gardiner, La civiltà egizia, Einaudi, Milano, 1989. p. 206.
  12. ^ Robert William Rogers, Cuneiform parallels to the Old Testament, Eaton & Mains, 1912. p 252.
  13. ^ K.A Kitchen, On the reliability of the Old Testament, Wm. B. Eerdmans Publishing, 2003. p 486.
  14. ^ Joyce A. Tyldesley, Egypt: how a lost civilization was rediscovered, University of California Press, 2005.
  15. ^ Alan Gardiner, La civiltà egizia, Einaudi, Milano, 1989. p. 212.
  16. ^ a b Brewer, Douglas j.; Emily Teeter. Egypt and the Egyptians. Cambridge University Press, 2007. p. 105. ISBN 978-0-521-85150-3.
  17. ^ a b Dominic Montserrat, Akhenaten: History, Fantasy and Ancient Egypt, Routledge 2000. pp.36ff. ISBN 0-415-18549-1.
  18. ^ a b << Le pretese "tendenze monoteistiche" che si sono volute trovare in seno a varie religioni politeistiche - egizia, babilonese, assira, cinese, greca, ecc. - rappresentano tutt'al più uno pseudo-monoteismo, in quanto si riducono sia alla supremazia di una divinità sulle altre, sia all'assorbimento di varie divinità in una sola, ma sempre in modo che accanto alla divinità suprema ne sussistono altre (inferiori), e con ciò il politeismo non si può certo dire superato. >>http://www.treccani.it/enciclopedia/monoteismo_(Enciclopedia-Italiana)/
  19. ^ Guy Rachet, Dizionario della Civiltà egizia, Gremese Editore, Roma (1994). pp.58-9. ISBN 88-7605-818-4.
  20. ^ Rachet (1994), p.29.
  21. ^ Lise Manniche, Akhenaten Colossi of Karnak (Cairo 6G: American University in Cairo Press, 2000), IX.
  22. ^ a b Porter & Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyph Texts, Reliefs and Parts, vol. 1, parte 2, (Oxford Clarendon Press:1960), pp. 550-551.
  23. ^ a b Alan H. Gardiner, The Inscriptions of Mes, A Contribution to the Study of Egyptian Judicial Procedure, J. C. Hinrichs publishers, 1905.
  24. ^ B.G. Trigger, B.J. Kemp, D. O'Connor, A.B. Lloyd, Storia sociale dell'antico Egitto, Editori Laterza, Bari, 2000. p.237. ISBN 978-8842061199.
  25. ^ a b c David, Rosalie (1998). Handbook to Life in Ancient Egypt. Facts on File. p.125.
  26. ^ G. Elliot Smith, The Royal Mummies, Duckworth Egyptology, 1912 (ristampa 2000), pp. 51-6, ISBN 0-7156-2959-X.
  27. ^ See the KV 55 Mummy & Tutankhamen, su anubis4_2000.tripod.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  28. ^ DNA Shows that KV55 Mummy Probably Not Akhenaten, su www.kv64.info. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  29. ^ (EN) Jo Marchant, Ancient DNA: Curse of the Pharaoh's DNA, in Nature News, vol. 472, nº 7344, 27 aprile 2011, pp. 404–406, DOI:10.1038/472404a. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  30. ^ Royal rumpus over King Tutankhamun’s ancestry, newscientist.com.
  31. ^ (EN) Eline D. Lorenzen, King Tutankhamun’s Family and Demise, in JAMA, vol. 303, nº 24, 23 giugno 2010, DOI:10.1001/jama.2010.818. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  32. ^ Bickerstaffe, D; The Long is dead. How Long Lived the King? in Kmt vol. 22, n°2, Estate 2010.
  33. ^ (EN) Zahi Hawass, Ancestry and Pathology in King Tutankhamun's Family, in JAMA, vol. 303, nº 7, 17 febbraio 2010, DOI:10.1001/jama.2010.121. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  34. ^ Christine El Mahdy, Tutankhamon, Sperling & Kupfer, Milano, 2000. trad. Bruno Amato. pp.123-4. ISBN 88-200-3009-8.
  35. ^ Dodson, Aidan & Hilton, Dyan, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson, 2004. p.157. ISBN 0-500-05128-3.
  36. ^ a b c d Aldred, Cyril, Akhenaten: King of Egypt ,Thames and Hudson, 1991. pp. 259-68. ISBN 0-500-27621-8.
  37. ^ a b Donald B. Redford, pubbl. su "Le Scienze (Scientific American)", num. 126, febbr. 1979, pp. 74-84.
  38. ^ El Mahdy (2000), p.125.
  39. ^ a b Nicholas Reeves, Akhenaten: Egypt's False Prophet, Thames & Hudson, 2000. pp.75-8. ISBN 0-500-05106-2.
  40. ^ Berman, Lawrence. 'Overview of Amenhotep III and His Reign,' and Raymond Johnson, 'Monuments and Monumental Art under Amenhotep III' in 'Amenhotep III: Perspectives on his Reign' 1998, ed: David O'Connor & Eric Cline, University of Michigan Press. p.23.
  41. ^ a b c d Moran, William L. (1992). The Amarna Letters. Baltimore: Johns Hopkins University Press. pp.87-9
  42. ^ El-Mahdy (2000), p.125.
  43. ^ L'iscrizione recita: Il Primo, il Figlio di Ra, suo amato, Amenofi, divino Signore di Tebe.
  44. ^ a b Pharaoh power-sharing unearthed in Egypt. Daily News Egypt, 6 febbraio 2014
  45. ^ a b Proof found of Amenhotep III-Akhenaten co-regency. Thehistoryblog.com
  46. ^ a b Peter Dorman, "The Long Coregency Revisited: Architectural and Iconographic Conundra in the Tomb of Kheruef in "Causing His Name to Live: Studies in Egyptian Epigraphy and History in Memory of William J. Murnane," Brill (2009).
  47. ^ Gardiner (1989), p. 200.
  48. ^ a b Charles F. Nims , The Transition from the Traditional to the New Style of Wall Relief under Amenhotep IV, Journal of Near Eastern Studies, Vol. 32, N°1/2 (gennaio - aprile, 1973), pp. 181-7.
  49. ^ Murnane, William J., Texts from the Amarna Period in Egypt, Society of Biblical Literature, 1995. pp. 50-1. ISBN 1-55540-966-0.
  50. ^ Dodson, Aidan, Amarna Sunset: Nefertiti, Tutankhamun, Ay, Horemheb, and the Egyptian Counter-Reformation. The American University in Cairo Press. 2009. pp.8, 170. ISBN 978-977-416-304-3.
  51. ^ Dodson & Hilton, pp.154-7.
  52. ^ a b c Frail boy-king Tut died from malaria, broken leg - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  53. ^ Reeves, C. Nicholas. New Light on Kiya from Texts in the British Museum, p.100 The Journal of Egyptian Archaeology, Vol. 74 (1988).
  54. ^ Dodson & Hilton, p.155.
  55. ^ The family of Akhenaton, su www.ucl.ac.uk. URL consultato il 20 gennaio 2017.
  56. ^ Tyldesley, Joyce. Chronicle of the Queens of Egypt. Thames & Hudson. 2006. p. 124. ISBN 0-500-05145-3
  57. ^ Lettera di Amarna n°187.
  58. ^ Cimmino, Franco, Akhenaton e Nefertiti. Storia dell'eresia amarniana, Rusconi, Milano, 1995. p.338. ISBN 88-18-70117-7.
  59. ^ O'Connor, David & Cline, Eric. Amenhotep III: Perspectives on His Reign, University of Michigan Press, 1998, p.7.
  60. ^ Robins, G.; Women in Ancient Egypt, Harvard University Press (1993) pp. 21-7.
  61. ^ a b El Mahdy (2000), p.37.
  62. ^ a b Dodson & Hilton, p.148.
  63. ^ Dodson & Hilton, p.154.
  64. ^ El Mahdy (2000), p.102.
  65. ^ a b c El Mahdy (2000), p.37, 102.
  66. ^ a b Velikovskij, Immanuel, Oedipus and Akhnaton: Myth and History, Abacus, London 1982. ISBN 0-349-13566-5.
  67. ^ Rosalie David, Religion and Magic in Ancient Egypt, Penguin Books, 2002, p. 185, ISBN 0-14-026252-0.
  68. ^ David (2002), p. 184.
  69. ^ Michael Brennan Dick, Born in heaven, made on earth: the making of the cult image in the ancient Near East, Eisenbrauns, 1999, p. 184, ISBN 1-57506-024-8.
  70. ^ Rachet (1994), pp. 284-5.
  71. ^ Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003, p. 470, ISBN 88-452-5531-X.
  72. ^ a b Rosalie David, Religion and Magic in Ancient Egypt, Penguin Books, 2002, p. 183, ISBN 0-14-026252-0.
  73. ^ Rachet (1994), p. 208.
  74. ^ Wolfgang Helk, Schwachstellen der Chronologie-Diskussion, in Göttinger Miszellen, Gottinga, 1983, pp. 47–49, ISSN 0344-385X.
  75. ^ Aidan Dodson, Monarchs of the Nile, II ed., The American University in Cairo Press, 2000, p. 91, ISBN 978-977-424-600-5.
  76. ^ Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003. pp. 233-5. ISBN 88-452-5531-X.
  77. ^ Rachet (1994), p. 173.
  78. ^ Rachet (1994), p. 174.
  79. ^ (EN) Gods of Ancient Egypt: Horakhty (Ra-Horakhty), su www.ancientegyptonline.co.uk. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  80. ^ a b c d e f Rachet (1994), pp. 58-9.
  81. ^ Wilkinson, Richard H. (2003). The Complete Gods and Goddesses of Ancient Egypt. Thames & Hudson. pp. 236–240.
  82. ^ El Mahdy (2000), pp. 152-3.
  83. ^ Glenn A. Carnagey, Glenn Carnagey, Keith N. Schoville, Beyond the Jordan: Studies in Honor of W. Harold Mare, Wipf & Stock Pub, 2005, p. 155. ISBN 1597520691.
  84. ^ a b c George Hart, The Routledge Dictionary of Egyptian gods and goddesses, Routledge, 2005. p.38. ISBN 0-415-34495-6.
  85. ^ El Mahdy (2000), p. 154.
  86. ^ Molefi Kete Asante and Ama Mazama, Encyclopedia of African Religion (Thousand Oaks, CA: Sage Publications, 2009).
  87. ^ (EN) Geraldine Pinch, Handbook of Egyptian Mythology, ABC-CLIO, 1° gennaio 2002, ISBN 9781576072424. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  88. ^ Akhenaten and the City of Light. Cornell University Press. 2001. p. 8.
  89. ^ Google Maps, su Google Maps. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  90. ^ Posizione delle Stele di confine, amarnaproject.com.
  91. ^ Aten, su www.historyembalmed.org. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  92. ^ Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol. I, Ananke, p. 156.
  93. ^ Erik Hornung, The Rediscovery of Akhenaten and His Place in Religion, in Journal of the American Research Center in Egypt, vol. 29, 1° gennaio 1992, pp. 43–49, DOI:10.2307/40000483. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  94. ^ Allen, James P (2005). "Akhenaton". In Jones, L. Encyclopedia of Religion. Macmillan Reference USA. pp. 217–221.
  95. ^ a b c Cimmino (1995), p. 318.
  96. ^ (RU) The Tomb of Ahmose (EA3) at Amarna, su www.touregypt.net. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  97. ^ Rita E. Freed, Yvonne J. Markovitz & Sue H. D'Auria, Pharaohs of the Sun: Akhenaten - Nefertiti - Tutankhamen, Museum of Fine Arts, 1999, pp. 123-126.
  98. ^ Cimmino (1995), p. 324.
  99. ^ a b Aldred 1996, pag. 79-82.
  100. ^ Donadoni, Sergio, Arte egizia, Giulio Einaudi Editore, Torino, 1955. pp. 76-84.
  101. ^ a b Robins, Gay, Proportion and Style in Ancient Egyptian Art, University of Texas Press, 1994. ISBN 0292770642.
  102. ^ Guy Rachet, Dizionario della Civiltà egizia, Gremese Editore, Roma (1994). ISBN 88-7605-818-4. pp. 248-9..
  103. ^ a b c Donadoni (1955), pp. 84-5.
  104. ^ a b c (EN) Ancient Egypt Society: Amarna Art, su ancientegyptonline.co.uk. URL consultato il 21 marzo 2017.
  105. ^ a b BBC - History - Ancient History in depth: Akhenaten and the Amarna Period, bbc.co.uk. URL consultato il 21 marzo 2017.
  106. ^ Donadoni (1955), p. 77.
  107. ^ a b Burridge, A., (1995) "Did Akhenaten Suffer From Marfan's Syndrome?" (Akhenaten Temple Project Newsletter n°3, settembre 1995).
  108. ^ a b Reeves (2005), pp.147-52.
  109. ^ (EN) Howard Markel, King Tutankhamun, Modern Medical Science, and the Expanding Boundaries of Historical Inquiry, in JAMA, vol. 303, nº 7, 17 febbraio 2010, DOI:10.1001/jama.2010.153. URL consultato il 21 marzo 2017.
  110. ^ Il padre di Tutankhamon non era un "Quasimodo Egizio", National Geographic. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  111. ^ Toby Wilkinson, Lives of the Ancient Egyptians, Thames & Hudson, Londra 2007. ISBN 978-0-500-05148-1. pp. 203-5.
  112. ^ a b Erik Hornung, Akhenaten and the Religion of Light, trad. Ithaca, New York: Cornell University Press, 2001, ISBN 0-8014-8725-0.
  113. ^ Donadoni (1955), p. 87.
  114. ^ Cimmino (1995), pp. 123-48.
  115. ^ a b Cimmino (2003), p. 165.
  116. ^ a b (EN) Ancient Egypt Pharaohs: Akhenaten (Amenhotep IV), su www.ancientegyptonline.co.uk. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  117. ^ Suppiluliuma I, in Ancient History Encyclopedia. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  118. ^ Scholtissek, C. Naylor, E. (1988). «Fish farming and influenza pandemics». Nature. vol. 331 (6153): p. 215.
  119. ^ Choi, B. y Pak, A. (2001). «Lessons for surveillance in the 21st century: a historical perspective from the past five millennia». Soz Praventivmed. vol. 46 (nº 6): pp. 361-368.
  120. ^ a b Dayr al-Barsha Project featured in new exhibit 'Im Licht von Amarna' at the Ägyptisches Museum und Papyrussammlung in Berlin | Dayr al-Barshā Project, su www.dayralbarsha.com. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  121. ^ a b Van de Perre, Athena. 2014. "The Year 16 graffito of Akhenaten in Dayr Abū Ḥinnis: A contribution to the study of the later years of Nefertiti." Journal of Egyptian History 7: 67-108.
  122. ^ Kozloff, Arielle (2006). «Bubonic Plague in the Reign of Amenhotep III?». KMT. vol 17 (3): pp. 36-46.
  123. ^ a b c The Amarna Succession (PDF), web.archive.org.
  124. ^ Cimmino, Franco, Akhenaton e Nefertiti. Storia dell'eresia amarniana, Rusconi, Milano, 1995. pp.330-9. ISBN 88-18-70117-7.
  125. ^ Athena Van der Perre, "Nofretetes (vorerst) letzte dokumentierte Erwähnung," in: Im Licht von Amarna - 100 Jahre Fund der Nofretete. [Katalog zur Ausstellung Berlin, 07.12.2012 - 13.04.2013]. (07.12.2012 - 13.04.2013) Petersberg, pp.195-7.
  126. ^ Gardiner (1989), p. 212.
  127. ^ Hawass, Zahi et al. "Ancestry and Pathology in King Tutankhamun's Family" p.644.
  128. ^ William J. Murnane. Texts from the Amarna Period in Egypt. cur. E.S. Meltzer. Atlanta: Society of Biblical Literature, 1995. p.243. ISBN 1-55540-966-0.
  129. ^ Cyril Aldred. Akhenaten, King of Egypt. Thames & Hudson, 1991. ISBN 0-500-27621-8. p.205.
  130. ^ Bell, M.R. "An Armchair Excavation of KV 55." JARCE 27 (1990). pp.98-9.
  131. ^ Gardiner (1989), p. 213.
  132. ^ Gardiner (1989), p. 214.
  133. ^ Gardiner (1989), pp. 212-3.
  134. ^ Gardiner (1989), pp. 213.
  135. ^ Erik Hornung, Rolf Krauss and David Warburton (cur.), Handbook of Ancient Egyptian Chronology (Handbook of Oriental Studies), Brill: 2006, pp.207, 493.
  136. ^ El Mahdy (2000), p.119.
  137. ^ National Geographic Magazine - NGM.com, su ngm.nationalgeographic.com. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  138. ^ A Frail King Tut Died From Malaria, Broken Leg - ABC News, web.archive.org, 18 febbraio 2010. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  139. ^ Harris, J.R. Neferneferuaten Rediviva; 1973 in "Acta Orientalia" 35 pp. 5–13. Harris, J.R. Neferneferuaten Regnans; 1973 in Göttinger Miszellen 4 pp. 15–17.
  140. ^ J. Tyldesley, Chronicle of the Queens of Egypt, 2006, Thames & Hudson, pp.136-7. Gabolde, M,; Under a Deep Blue Starry Sky, P. Brand (ed.), in "Causing His Name to Live: Studies in Egyptian Epigraphy and History in Memory of William J. Murnane", (2006) pp.17-21.
  141. ^ Dodson (2009), p.43.
  142. ^ A Symposium on Haremhab: General and King of Egypt, youtube.com.
  143. ^ Horemheb, in Ancient History Encyclopedia. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  144. ^ Toby Wilkinson, The Rise and Fall of Ancient Egypt, Bloomsbury, 2011. ISBN 978-1-4088-1002-6. pp.308-10, 312.
  145. ^ a b Helck, Urkunden IV, 2162 & Van Dijk, JARCE 44, pp.198-9.
  146. ^ Inscription of Mes, su www.reshafim.org.il. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  147. ^ [1]
  148. ^ Dodson & Hilton, p.147.
  149. ^ Da Akhenaton a Mosè, non avrai altro dio, su LaStampa.it. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  150. ^ (EN) Gods of Ancient Egypt: Shu, su www.ancientegyptonline.co.uk. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  151. ^ Hart, George (1986). A Dictionary of Egyptian Gods and Goddesses. London, England: Routledge & Kegan Paul Inc. ISBN 9780415059091. pp.200-1.
  152. ^ a b Pinch, Geraldine (2004). Egyptian Mythology: A Guide to the Gods, Goddesses, and Traditions of Ancient Egypt. Oxford University Press. ISBN 978-0-19-517024-5. pp.195-7.
  153. ^ a b Sigmund Freud, L'uomo Mosè e la religione monoteistica: tre saggi (1934-1938), in Opere, 12 voll, Boringhieri, Torino, 1976-1980. XI.
  154. ^ a b Jan Assmann, Mosè l'egizio. Decifrazione di una traccia di memoria, Adelphi, Milano, 2000.
  155. ^ Gunther Siegmund Stent, Paradoxes of Free Will. American Philosophical Society, DIANE, 2002. pp. 34-8. ISBN 0-87169-926-5.
  156. ^ N. Shupak, The Monotheism of Moses and the Monotheism of Akhenaten. Sevivot, 1995.
  157. ^ William F. Albright, From the Patriarchs to Moses II. Moses out of Egypt. The Biblical Archaeologist, Vol. 36, n°2 (maggio 1973), pp. 48-76.
  158. ^ Edward Chaney, ‘Freudian Egypt’, The London Magazine, aprile/maggio 2006, pp. 62-69. ‘Egypt in England and America: The Cultural Memorials of Religion, Royalty and Revolution’, in Sites of Exchange: European Crossroads and Faultlines, cur. M. Ascari & A. Corrado (Amsterdam, Rodopi, 2006), pp. 39-69.
  159. ^ "The Monotheism of the Heretic Pharaoh: Precursor of Mosiac monotheism or Egyptian anomaly?", Donald B. Redford, Biblical Archaeology Review, maggio/giugno 1987.
  160. ^ "Aspects of Monotheism", Donald B. Redford, Biblical Archeology Review, 1996
  161. ^ Aldred, Cyril, Akhenaton: il faraone del sole, Newton & Compton, Roma, 1996. ISBN 88-8183-282-8.
  162. ^ Strachey, J. (1939). Preliminary Notes Upon the Problem of Akhenaten. Int. J. Psycho-Anal., 20: 33-42.
  163. ^ Dodson & Hilton, pp.144-5.
  164. ^ a b Megaera Lorenz, Pharaoh Akhenaten's Odd Appearance: Genetics or Aesthetics?, su www.heptune.com. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  165. ^ Not Panicking Ltd, h2g2 - Marfan Syndrome - Edited Entry, su h2g2.com. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  166. ^ Cavka M, Kelava T (Mar 2010). "Homocystinuria, a possible solution of the Akhenaten's mystery". Coll Antropol. 34: 255–8.
  167. ^ Montserrat, Dominic (2000). Akhenaten: History, Fantasy and ancient Egypt. Routledge. ISBN 0-415-30186-6.
  168. ^ a b Montserrat (2000).
  169. ^ Familial epilepsy in the pharaohs of ancient Egypt's eighteenth dynasty, epilepsybehavior.com.
  170. ^ Melissa Locker, Did King Tutankhamen Die From Epilepsy?, in Time. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  171. ^ King Tut Revealed: Scientists do Virtual Autopsy of the Famous King and Find Shocking Surprises, in Daily Kos. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  172. ^ Revealed: King Tut had girlish hips, a club foot and buck teeth, in Mail Online. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  173. ^ Cimmino (1995), p.334.
  174. ^ Nicholas Reeves and Richard H. Wilkinson, The Complete Valley of the Kings. Thames & Hudson, 1996.
  175. ^ Allen, James P. , Two Altered Inscriptions of the Late Amarna Period, Journal of the American Research Center in Egypt 25 (1988); pp.117-121.
  176. ^ Allen, James P., Nefertiti and Smenkh-ka-re, Göttinger Miszellen 141, 1994, pp. 7-17..
  177. ^ Allen, James P. (1994). Nefertiti and Smenkh-ka-re. Göttinger Miszellen 141. pp. 7–17.
  178. ^ Allen (1994); Gabolde (1998); Eaton-Krauss & Krauss(2001); Hornung (2006); von Beckerath (1997); Allen (2006); Krauss (2007); Murnane (2001). Comunque, questi autori conservano posizioni anche molto differenti fra di loro sulla successione, la cronologia e l'identità di Neferneferuaton.
  179. ^ a b (EN) Akhenaten - Marvel Universe Wiki: The definitive online source for Marvel super hero bios., su marvel.com. URL consultato il 21 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cyril Aldred, Akhenaton: il faraone del sole, Roma, Newton & Compton, 1996.
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Milano, Bompiani, 2003, ISBN 88-452-5531-X.
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Torino, Einaudi, 1997, ISBN 88-06-13913-4.
  • W.C. Hayes, Egitto: la politica interna da Thutmosis I alla morte di Amenophis III - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1 - Cambridge University 1973 (Il Saggiatore, Milano 1975)
  • René Lachaud, Magia e iniziazione nell'Egitto dei faraoni. L'universo dei simboli e degli dèi. Spazio, tempo, magia e medicina, Edizioni Mediterranee, 1997, ISBN 978-88-272-0479-5.
  • Elio Moschetti, Akhenaton. Storia di un'eresia, Ananke, Torino 2009
  • John A. Wilson, Egitto, "I Propilei", volume I, Monaco di Baviera 1961 (Arnoldo Mondadori, Milano 1967)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Amenofi III 13501333 a.C. Neferneferuaton
Controllo di autorità VIAF: (EN173744907 · LCCN: (ENn80044801 · GND: (DE118502492 · BNF: (FRcb11946297w (data) · CERL: cnp00542308