Bloodborne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bloodborne
videogioco
Bloodborne logo.jpg
PiattaformaPlayStation 4
Data di pubblicazioneGiappone 26 marzo 2015
Flags of Canada and the United States.svg 24 marzo 2015
Flag of Europe.svg 25 marzo 2015
Flag of the United Kingdom.svg 27 marzo 2015
Game of The Year Edition:
Giappone 3 dicembre 2015
Mondo/non specificato 25 novembre 2015
GenereAction RPG
TemaDark fantasy, horror lovecraftiano, steampunk, gotico
SviluppoFromSoftware, SCE Japan Studio
PubblicazioneSony Computer Entertainment
DesignHidetaka Miyazaki (game director)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore in rete
Periferiche di inputDualShock 4
SupportoBlu-ray Disc
Fascia di etàACB: MA · BBFC15 · ESRBM · PEGI: 16 · USK: 16
EspansioniThe Old Hunters

Bloodborne è un videogioco Souls Like dark fantasy sviluppato dalla software house giapponese FromSoftware, con la collaborazione di SCE Japan Studio e pubblicato da Sony Computer Entertainment esclusivamente per PlayStation 4[1]. Diretto da Hidetaka Miyazaki[2], già ideatore di Demon's Souls e di Dark Souls. Precedentemente conosciuto come Project Beast, viene annunciato all'E3 2014 di Los Angeles. La sua pubblicazione è avvenuta a fine marzo 2015 in tutto il mondo.[3][4][5]

Una versione del gioco intitolata Bloodborne: Game of The Year Edition (Bloodborne: The Old Hunters in Giappone) è disponibile in occidente dal 25 novembre 2015 e contiene l'espansione uscita il giorno prima.[6][7]

Acclamato unanimemente dalla stampa internazionale, il gioco è stato promosso a pieni voti dalla critica, raggiungendo in alcuni casi la valutazione massima.[8]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco, in stile gotico, è ambientato in un'antica città chiamata Yharnam, sede della famosa Chiesa della Cura e detentrice del Sangue Curativo, preziosa sostanza in grado di curare ogni male. Questa notte, tra i molti pellegrini che si recano in città, anche il protagonista giungerà a Yharnam in cerca del Sangue Curativo e sottoscrivendo un contratto medico riuscirà ad ottenerlo. Ben presto però, scoprirà di far parte della famosa stirpe dei cacciatori, gli esseri che durante la notte della caccia sono obbligati a ripulire Yharnam delle sue mostruosità infette, in quanto si è dimostrato capace di tenere sotto controllo l'effetto collaterale del sangue curativo: la trasformazione in bestia. In suo aiuto, un'iscrizione: "Cerca il Sanguesmunto per trascendere la caccia". La sua missione sarà quella di scoprire gli oscuri segreti di una città in rovina, in una notte di caccia molto diversa dalle passate. Poco dopo il suo arrivo a Yharnam, il cacciatore entra in un regno spettrale chiamato Sogno del Cacciatore, che agisce sia come un santuario sia come officina, incontrandovi due persone: Gehrman, un uomo anziano su una sedia a rotelle, che fornisce consigli ai cacciatori; la Bambola, un automa che gli fa da assistente e che può incanalare gli echi di sangue del cacciatore per potenziarlo. Gehrman informa il cacciatore che deve dare la caccia ai vari mostri che affliggono Yharnam e fermare la fonte della piaga. Il cacciatore, armatosi con il necessario, si ritrova a Yharnam dove si fa strada tra i cittadini, divenuti pericolosi e squilibrati a causa della malattia e le terribili belve che vagano incontrastate per le strade della città, cominciando a imparare segreti oscuri quali l'origine della malattia. Molto tempo fa, gli abitanti di Yharnam cominciarono ad adorare antichi esseri cosmici e soprannaturali che dimoravano in altri piani di esistenza (ovvero i sogni e gli incubi) noti come "Grandi Esseri", scoperti grazie agli studiosi del Collegio di Byrgenwerth, i quali avevano trovato il loro sangue nelle rovine di un'antica civiltà altamente avanzata, antecedente Yharnam: gli Pthumeriani, razza che era stata in grado di elevare la propria esistenza al pari dei Grandi Esseri. Seguendo il loro esempio in modo da poter raggiungere i piani di esistenza cosmici ed elevare la propria natura a quella dei Grandi Esseri, Laurence e la sua Chiesa iniziarono a fornire il Sangue Curativo per cui Yharnam era famosa; tuttavia il sangue, pur possedendo un effetto positivo rinvigorente, era portatore di un altro effetto collaterale, capace di risvegliare il lato bestiale nascosto nell'animo umano. Durante il viaggio attraverso Yharnam Centrale, il cacciatore colloquia con Gilbert, uno dei pochi superstiti, che gli suggerisce di andare a Cathedral Ward, dove dovrà cercare la Chiesa della Cura per trovare il Sanguesmunto. Il destino è ancora avverso al cacciatore in quanto anche il vicario attuale della Chiesa, Amelia, è afflitta dalla piaga: la donna si trasforma in una ferocissima bestia davanti agli occhi del protagonista, e soltanto dopo una cruenta bossfight l'obiettivo del cacciatore inizia a delinearsi. Attraversando i Boschi Proibiti, infatti, egli si imbatte nell'Università di Byrgenwerth e uccide Rom, un simile del cosmo creato dal rettore Willem. Sconfiggendolo, viene eliminata anche la barriera dimensionale che nascondeva il vero stato delle cose di Yharnam: la città era sotto la presenza della luna rossa, richiamata da una fazione della Chiesa della Cura, la Scuola di Mensis, per avere udienza presso una delle divinità cosmiche. Il cacciatore incontra la coscienza della regina Yharnam (il cui nome fu tramandato alla città), membro degli Pthumeriani intrappolata nell'incubo e madre di Mergo, l'infante di Grande Essere che aveva risposto alla chiamata della Scuola di Mensis. L'obiettivo di qualsiasi Grande Essere era infatti quello di riprodursi e avere una prole ed era stata anticamente scelta proprio Yharnam come madre surrogata, dopo che gli esseri del cosmo vennero a contatto con gli Pthumeriani. Le cose non andarono però come Micolash e gli altri scolari di Mensis avevano pensato, in quanto richiamare Mergo aveva portato alla loro morte cerebrale e allo scatenarsi della piaga delle belve in tutta Yharnam. Progredendo attraverso Yahar'gul, lo sfortunato villaggio vittima suo malgrado del folle rituale messo in atto dalla scuola di Mensis per richiamare gli esseri cosmici, alla fine il cacciatore viene portato in un altro regno spettrale, l'Incubo di Mensis, dove uccide la coscienza di Micolash intrappolata in quel piano di esistenza per incontrare infine la causa di tutto: Mergo e la sua custode, ossia la Balia di Mergo. Solo dopo aver ucciso la balia e lasciando che Mergo muoia per estensione, il cacciatore si ritroverà nel Sogno del Cacciatore, dove Gehrman gli offrirà la libertà dal sogno per tornare nel mondo reale, in quanto la notte della caccia è ormai conclusa avendo ucciso la fonte dell'incubo e quindi anche della piaga delle belve. A questo punto, tre diversi finali saranno possibili a seconda delle azioni del giocatore.

  • Alba finale: se si sceglie di accettare l'offerta di Gehrman costui si alzerà dalla sua sedia e con una grossa falce decapiterà il cacciatore, il quale si risveglia a Yharnam con il sole che sta per sorgere, mentre una campana suona in lontananza, a significare che la notte della caccia è finita, per ora. Nel Sogno del Cacciatore, la Bambola prega in ginocchio davanti a una lapide, presumibilmente quella del cacciatore, dicendoː "Addio, buon cacciatore. Che tu possa trovare la via nel mondo della veglia".
  • Desideri onorati: se si sceglie di rifiutare l'offerta di Gehrman, costui, interpretando le azioni del cacciatore come la conferma di essere stato completamente accecato dalla caccia e dalla sete di sangue, cerca di liberarlo contro la sua volontà dal sogno sfidandolo in combattimento. Dopo che Gehrman viene sconfitto, il Grande Essere che alberga nel Sogno del Cacciatore, denominato "Presenza della luna" (il Sanguesmunto che stavamo cercando dall'inizio del gioco), arriva e abbraccia il cacciatore relegandolo per sempre in quella dimensione. Qualche tempo dopo, la Bambola spinge il cacciatore, ora seduto sulla sedia a rotelle come il suo ex mentore, al laboratorio nel Sogno del Cacciatore. La Bambola diceː "E così, una nuova caccia ricomincia", rivelando che il cacciatore ha preso il posto di Gehrman nel guidare gli altri cacciatori.
  • L'inizio dell'infanzia: durante il gioco, il cacciatore potrà trovare tre Terzi di Cordone Ombelicale. Se li si usa appena prima di rifiutare l'offerta di Gehrman il finale sarà simile a Desideri onorati, ma il cacciatore resisterà alla Presenza della luna e la combatterà in una battaglia finale. Sconfittala, il cacciatore si trasforma in una versione infantile di un Grande Essere, venendo poi preso dalla Bambola che lo accudirà. Anche se non vi è alcuna ulteriore spiegazione, la descrizione del trofeo una volta completato il finale afferma che il cacciatore "eleverà l'umanità nella sua prossima infanzia". Il cacciatore era riuscito dove Micolash, Willem e Laurence avevano fallito: elevarsi al pari di una divinità del cosmo.

The Old Hunters[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver scoperto un oggetto chiamato "Occhio di un cacciatore ebbro di sangue", il cacciatore apprende dell'Incubo del Cacciatore, luogo di un tempo passato in cui risiedono i primi cacciatori intrappolati e assetati di sangue. Nei dintorni di Cathedral Ward il cacciatore, incontrando il cadavere di uno strano cacciatore, viene catturato da un Amygdala che lo condurrà nell'Incubo del Cacciatore. Qui, in un luogo che somiglia a Yharnam, incontra Simon il cacciatore straziato, il quale rivela che l'Incubo serve come prigione eterna per i cacciatori che hanno ceduto alla propria follia e alla malattia, oltreché come posto dedito a nascondere un pericoloso segreto. Il cacciatore si reca alla Cattedrale dell'Incubo, dove incontra e uccide il primo dei vecchi cacciatori al servizio della Chiesa della Cura: Ludwig, il Dannato. Lo scontro è assai feroce e pur di eliminare il nemico, Ludwig recupera un briciolo di umanità e scaglia contro di noi l'arcana potenza della sua Spada della Luna Sacra. Il cacciatore successivamente ha già la possiblità di uccidere anche Laurence, il primo vicario e fondatore della Chiesa della Cura, ormai trasformato in belva infuocata, tuttavia bisogna prima riportarlo in vita con il suo teschio di forma umana, il quale si trova solo nell'Incubo ed è situato nel luogo sotto l'Edificio Ricerche. Il cacciatore in seguito prosegue il suo viaggio attraverso l'Edificio Ricerche stesso, luogo dove dei poveri innocenti venivano sottoposti ai crudeli esperimenti della Chiesa per contattare i piani cosmici. In seguito incontriamo nuovamente Simon, il quale spiega che, per poter svelare il segreto dell'Incubo, bisogna raggiungere la Torre dell'Orologio Astrale e uccidere Lady Maria, un'altra dei vecchi cacciatori e una dei primi studenti di Gehrman, la quale è guardiana di un sinistro segreto. La donna ha lo stesso identico aspetto della Bambola, segno che tra lei e Gehrman, in passato, c'era stato più di un semplice rapporto tra maestro e allieva. Dopo aver combattuto i Fallimenti viventi, ossia i primi esperimenti di ciò che poi porterà al successo con la creazione dell'Emissario celeste, il cacciatore raggiunge la Torre dell'Orologio. Qui si consuma lo scontro fra il cacciatore e Lady Maria (o meglio, la coscienza della donna intrappolata all'interno dell'incubo) durante il quale quest'ultima utilizzerà il suo sangue per potenziare le sue armi fino a renderle infuocate, pur di eliminare l'invasore. Una volta sconfitta, il cacciatore scopre il segreto che la donna stava proteggendo: un villaggio di pescatori nascosto, che è stato portato nell'Incubo con i suoi abitanti trasformati in mostri grotteschi, simili a pesci. Durante l'esplorazione del villaggio, il cacciatore trova Simon ferito mortalmente, il quale prima di morire gli darà una chiave di una cella posta nei sotterranei dell'Edificio Ricerche, il suo arco e lo supplicherà di porre fine all'Incubo. Il cacciatore scopre infine l'origine dell'Incubo: il risultato di una maledizione posta sugli studiosi di Byrgenwerth e sui loro cacciatori che avevano torturato e massacrato gli abitanti del luogo alla ricerca di qualcuno o qualcosa, probabilmente alla ricerca dei famosi "occhi della mente". Il cacciatore verrà continuamente attaccato dall'artefice della morte di Simon, Brador, il folle assassino della Chiesa incaricato nel tenere al sicuro i loro segreti sconvenienti, ma grazie alla chiave datagli da Simon riuscirà a trovare il vero Brador all'interno di una cella e ad ucciderlo, poiché infatti quelli uccisi prima erano soltanto fantasmi evocati da Brador attraverso l'uso della sua campana. Il cacciatore raggiunge una immensa spiaggia dove trova il cadavere di una grande creatura che si rivela come il Grande Essere noto come Kos, creatrice dell'Incubo del Cacciatore, e dunque della maledizione, e colei che è stata ricercata e contattata dagli accoliti di Byrgenwerth attraverso il massacro degli abitanti del villaggio. All'improvviso, dal corpo di Kos esce quello che sembra essere la sua progenie: l'Orfano di Kos. Lo scontro è spietato e senza possibilità di respiro, infatti l'orfano identifica il nostro cacciatore come assassino della madre e quindi si scaglia su di lui con la sua placenta, per ucciderlo. Dopo aver sconfitto la progenie di Kos, il fantasma della creatura comparirà al fianco del Grande Essere e, uccidendolo, esso tornerà agli oceani, ai luoghi che a quel tempo erano molto connessi coi Grandi Esseri, permettendo così al cacciatore di porre fine (in apparenza) alla maledizione dell'Incubo del Cacciatore. Tornando al Sogno del Cacciatore, la Bambola ci informerà del fatto che Gehrman, quella notte, era riuscito a dormire tranquillamente diversamente dalle altre volte, in quanto il suo animo aveva trovato pace dopo la fine dell'Incubo che la sua generazione di cacciatori aveva contribuito a creare.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gameplay, molto simile ai precedenti giochi di FromSoftware Demon's Souls e Dark Souls, è un action RPG esplorativo in terza persona. Tra le novità, sono state riviste le meccaniche di backstab (colpo alle spalle) e di parry e reposte (parata e contrattacco). Quest'ultima, in particolare, vista la mancanza di scudi viene effettuata con l'utilizzo delle armi da fuoco, equipaggiabili solo nella mano sinistra, mentre la destra è destinata a impugnare le armi da mischia. Sono disponibili diversi set di equipaggiamento, tutti nascosti nel mondo di gioco o sbloccabili dopo aver sconfitto determinati nemici. Le anime di Demon's Souls e Dark Souls sono state sostituite dagli echi del sangue, mentre i punti intuizione permetteranno al giocatore di vedere cose aggiuntive, a costo di una maggiore debolezza allo status negativo Follia e il potenziamento di alcuni nemici. Per potenziare il proprio cacciatore si possono usare svariate rune, equipaggiabili quattro alla volta, e gemme con cui è possibile aumentare il danno delle armi (oppure altre caratteristiche, quali la riduzione dell'energia necessaria per usare l'arma oppure aggiungere danni da avvelenamento e altro ancora). Le gemme si dividono in base alla forma, al tipo di effetto prodotto e al livello; solitamente le più potenti sono date in premio casualmente nei Sotterranei dei Calici (Chalice Dungeon), dungeon opzionali non collegati direttamente con la storia principale. Oltre alle armi principali, sono disponibili anche oggetti offensivi come molotov, coltelli e gli attrezzi speciali del cacciatore, che sostituiscono le magie e i miracoli di Demon's Souls e Dark Souls. Per quanto riguarda il sistema di rinascita del personaggio dopo la morte (il gioco viene continuamente salvato in automatico e non esiste game over), i 'falò' di Dark Souls sono stati sostituiti dalle 'lanterne'. Le zone della storia principale, anche se intercollegate tra loro, sono comunque raggiungibili direttamente dalla zona principale chiamata Sogno del Cacciatore, dove (come nel Nexus di Demon's Souls) è possibile aumentare di livello il proprio personaggio, acquistare oggetti di cura o combattimento e potenziare le proprie armi.

Come in altri videogiochi di FromSoftware, è possibile collaborare online con altri giocatori in tutto il mondo evocandoli in determinate zone di gioco o invaderli come cacciatore ostile per ucciderli. Per evocare, farsi evocare o invadere, sono necessari i punti intuizione.

Attributi[modifica | modifica wikitesto]

Alla creazione del personaggio è possibile selezionare la propria "origine", che vede come unica differenza l'una dall'altra un diverso smistamento dei primi punti nei 6 attributi disponibili. Il livello minimo da cui è possibile partire è il 4, unicamente scegliendo l'origine "Spreco d'ossigeno".

I parametri sono:

  • Vitalità: influenza i punti vita e la difesa.
  • Resistenza: influenza l'energia, che consente di effettuare attacchi, rotolamenti e schivate. Oltre a ciò questo attributo influisce pure sulla difesa e sulla resistenza all'avvelenamento.
  • Forza: influenza la potenza d'attacco di quasi tutte le armi da mischia e la possibilità di poterle utilizzare, nonché la difesa fisica.
  • Abilità: influenza la potenza d'attacco di determinate armi da mischia (e la possibilità di poterle utilizzare), nonché molti aspetti della difesa (difesa fisica, resistenza ad avvelenamento lento e rapido).
  • Tinta del sangue: influenza la potenza d'attacco delle armi da fuoco, di alcune armi da mischia e la possibilità di poterle utilizzare. Rafforza anche la difesa.
  • Arcano: influenza la potenza d'attacco di alcune armi da mischia o da fuoco e la possibilità di poterle utilizzare, oltreché rafforzare gli strumenti speciali del cacciatore, il fattore Scoperta e la difesa.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Cacciatore: Il protagonista del gioco è un pellegrino in visita presso Yharnam per curare la sua malattia, che si ritrova bloccato nel luogo ad affrontare l'epidemia e le avversità da essa scaturitesi. Il sesso, l'aspetto, la classe e le sue origini vengono scelte dal giocatore.
  • Gehrman: Un anziano uomo paraplegico, che appare spesso nel Sogno del cacciatore.
  • Automa: Una bambola portata in vita grazie a un incantesimo presente nel Sogno del Cacciatore. Il suo scopo è quello di aiutare il Cacciatore durante la sua avventura. In italiano è doppiata da Jolanda Granato.
  • Iosefka: Una dottoressa dall'aria bizzarra che dirige la clinica di Yharnam dove viene prodotta la sostanza curativa, nella quale il cacciatore si fa curare all'inizio del gioco. Verrà in seguito, all'insaputa del giocatore, trasformata da un impostore che prenderà il suo posto, il quale ci darà il compito di radunare più sopravvissuti possibili. In italiano è doppiata da Francesca Perilli, mentre Jolanda Granato presta la voce all'Impostore.
  • Gilbert: Un abitante superstite di Yharnam, che il Cacciatore incontra durante la sua disavventura. La malattia lo trasformerà nelle fasi più avanzate del gioco. In italiano è doppiato da Gabriele Calindri
  • Padre Gascoigne: Un ex sacerdote della chiesa di Yharnam che cerca di combattere le creature che infestano la città. Poco tempo dopo si scopre che Gascoigne è stato anche lui infettato dalla malattia, che lo ha trasformato in un licantropo, e cercherà di uccidere il cacciatore. In italiano è doppiato da Lorenzo Scattorin
  • Eileen il corvo: Una donna misteriosa che indossa una maschera da medico della peste e una tenuta che richiama i corvi. Aiuterà talvolta il Cacciatore durante la sua disavventura, specialmente nel duello contro Henryk. È una cacciatrice di cacciatori, il cui compito è trovare e uccidere tutti i cacciatori corrotti dal sangue e dalla malattia. In italiano è doppiata da Elisabetta Cesone.
  • Abitante della Cappella di Oedon: Essere gobbo e ripugnante guardiano della Cappella di Oedon. Al contrario del suo aspetto, ha un animo buono, tanto che chiederà al cacciatore di inviare alla cappella dei sopravvissuti. In italiano è doppiato da Federico Viola.
  • Alfred: Cacciatore della Chiesa della Cura, trovabile la prima volta davanti ad un altare vicino ad una piccola chiesa per arrivare ad Old Yharnam. Potrà aiutarci nello scontro con la Belva assetata di sangue. Lui è un carnefice, con il compito di trovare e uccidere la regina dei Vilesangue Annalise. In italiano è doppiato da Daniele Ornatelli.
  • Djura: Cacciatore membro dell'ordine dei Powder Keg, gli eretici dell'officina. La prima volta che lo si incontra si dimostrerà subito ostile, sparando a distanza usando un gatling appostato sulla cima di una chiesa. Nutre un forte odio verso la caccia in generale, visto che reputa gli infetti ancora persone, che andrebbero protette con ogni mezzo necessario. In italiano è doppiato da Riccardo Rovatti.
  • Arianna: Prostituta di Yharnam, può essere salvata e mandata o alla clinica di Iosefka o alla cappella di Oedon. Nella cappella può fare dono al giocatore del suo sangue speciale, che ha la capacità di ripristinare punti vita e aumentare la velocità di rigenerazione dell'energia. Durante il periodo della luna rossa concepirà un bambino mostruoso, dal quale si può ottenere un "Terzo Cordone Ombelicale" per sbloccare i vari finali del gioco. In italiano è doppiata da Lorella De Luca.
  • Adella: Sacerdotessa della chiesa della cura, si trova rinchiusa nel carcere dell'ipogeo e si fiderà del giocatore solo se è vestito come un membro della sua stessa chiesa (in caso contrario sarà spaventata a morte). Può essere salvata come Arianna e similmente se mandata alla cappella, donerà il suo sangue che ha l'effetto di rigenerare gradualmente la salute per un periodo di tempo limitato. Durante la fase della luna rossa impazzisce. In italiano è doppiata da Chiara Francese.
  • Il Mendicante: Uomo bendato e coperto di sangue trovabile nei Boschi Proibiti, intento a frugare tra dei cadaveri. Può essere mandato o alla clinica di Iosefka o alla cappella di Oedon, dove ucciderà un sopravvissuto ogni volta che il cacciatore sconfiggerà un boss, dando poi al cacciatore una Pastiglia del sangue di belva per ogni personaggio ucciso. Se attaccato, si trasformerà in una Belva ripugnante. In italiano è doppiato da Claudio Ridolfo.
  • Patches il Ragno: Ragno con la testa di uomo e servo di Amygdala. Tenderà al giocatore una trappola nella Frontiera dell'Incubo, spingendolo in una pozza velenosa con l'inganno. Dopo questo evento sarà possibile parlagli nuovamente in una stanza dell'Aula Magna dell'Incubo, dove si potrà decidere se risparmiarlo o meno. Se lo si lascia in vita, donerà al giocatore una runa. In italiano è doppiato da Paolo Sesana.
  • Annalise, Regina dei Vilesangue: Conosciuta anche come "la regina non morta", è il leader e unico membro rimasto dei Vilesangue di Cainhurst. Si trova in una stanza segreta sul tetto del castello, dietro il trono del Martire Logarius, accessibile utilizzando la Corona delle Illusioni (oggetto ottenibile sconfiggendo il boss). Parlandole è possibile entrare nel suo patto e uccidere altri cacciatori per ottenere Residui di sangue da donarle. Se uccisa, può essere resuscitata portando la sua carne all'Altare della Disperazione dopo lo scontro con Ebrietas. In italiano è doppiata da Alessandra Felletti.
  • Willem: Rettore di Byrgenwerth, trovabile sulla sporgenza che conduce al Lago della Luna, dove avviene lo scontro con Rom. A differenza degli altri personaggi, non proferirà parola, limitandosi ad indicare l'ingresso del lago con il suo bastone. Parlargli dona 2 punti Intuizione, mentre uccidendolo si potrà ottenere una runa. In italiano è doppiato da Gianni Quillico.
  • Valtr, maestro della Lega: Leader della Lega, un gruppo di cacciatori uniti per fermare l'impurità della caccia. Si trova nei boschi proibiti all'interno del grande mulino vicino alla prima lanterna. Parlargli apre la possibilità di entrare nel suo patto, il che porterà a diversi vantaggi come poter evocare lui e altri cacciatori della lega all'interno del gioco. Nella fattispecie, Valtr potrà essere evocato per gli scontri contro Laurence e Ludwig e in entrambe le situazioni dimostrerà uno stile di combattimento molto aggressivo. Avanzando nella sua quest si possono ottenere diverse ricompense. È doppiato da Claudio Moneta.

Boss[modifica | modifica wikitesto]

Saranno presenti diversi boss nello svolgersi della storia principale del gioco, e in più ne saranno presenti molti altri nei Sotterranei dei Calici.

Boss della storia[modifica | modifica wikitesto]

Un cacciatore affronta il Chierico belva
  • Chierico belva: generalmente il primo boss che si incontra, è tuttavia un boss opzionale. Si tratta di una creatura enorme con grandi palchi di corna, un corpo esponente ossa e il braccio sinistro più grande e villoso. Questo essere, dotato di un'impressionante forza fisica, prende il nome da una diceria secondo la quale i membri del clero di Yharnam si trasformano in questo tipo di mostri una volta infettati dalla malattia.
  • Padre Gascoigne: il primo boss obbligatorio del gioco. È un cacciatore sanguinario e molto violento, armato di un archibugio da cacciatore e di un'ascia da cacciatore, nel cui utilizzo sembra avere grande maestria. La malattia che lo infetta lo porta inoltre a trasformarsi in un licantropo molto più potente e veloce di quelli che s'incontrano normalmente. In italiano è doppiato da Lorenzo Scattorin.
  • Belva assetata di sangue: creatura quadrupede dall'aspetto scheletrico ed emaciato. È molto agile ed è in grado di secernere veleno dal proprio corpo. Questo mostro è noto per la sua sete di sangue, che lo porta, invece di divorare la carne delle sue vittime, a succhiare tutto il loro sangue. Si dice che questa creatura fosse una persona sulla quale vennero eseguiti alcuni rituali dai membri del clero di Yharnam al fine di conoscere meglio i Grandi Esseri e gli effetti della guarigione del sangue.
  • Vicario Amelia: sacerdotessa presente nella Grande Cattedrale vicino al Cathedral Ward, si trasformerà in un enorme bestia simile a un gigantesco licantropo albino cornuto, molto simile al Chierico belva. Combatterà principalmente usando i suoi artigli e i suoi colpi possenti, ma dopo aver perso buona parte della vita, comincerà a usare una magia in grado di curarla. In italiano quando è ancora in forma umana, la si potrà sentire sussurrare una preghiera, doppiata da Alessandra Felletti.
  • Belva oscura Paarl: enorme creatura situata davanti al cancello che permette di accedere a Old Yharnam passando da Yahar'gul, il villaggio invisibile. Questa belva è completamente scarnificata e può emettere costantemente scariche elettriche, attaccando con artigliate o con un'onda d'urto se ci si avvicina troppo. Se colpita violentemente, la belva casca a terra e smette per qualche secondo di emettere elettricità, diventando più vulnerabile. Una volta che avrà perso buona parte della vita, potrà lanciare delle scariche elettriche a distanza con le sue artigliate. Si tratta di un esperimento degli abitanti di Yahar'gul nel tentativo di creare un Grande Essere.
  • La strega di Hemwick: coppia di streghe che risiedono nel cimitero di Hemwick dal quale eseguono vari rituali, con l'hobby di collezionare i bulbi oculari dei cittadini di Yharnam da mettere sui loro vestiti. Inizialmente ne sarà presente solamente una, ma una volta sconfitta apparirà anche l'altra, capace, dopo un breve lasso di tempo, di ripristinare una piccola quantità di vita della prima. Tutte e due le streghe combattono evocando alte ombre nere armate di falce denominate "I pazzi" o lanciando incantesimi.
  • Martire Logarius: Logarius una volta era il capo di un noto gruppo di carnefici, una forza della Chiesa della Cura con l'obiettivo di sradicare completamente i Vilesangue di Cainhurst per il loro uso del sangue considerato empio. Ad un certo punto Logarius scoprì il segreto celato nel castello di Cainhurst: la regina Annalise, leader di questa stirpe, non poteva essere uccisa in quanto immortale dopo aver ingerito un quantitativo enorme di sangue. Logarius decise di diventare il carceriere di Annalise, indossando la corona delle illusioni e sedendosi sul trono in cima al castello, pronto a impedire che ciò che aveva trovato potesse essere scoperto per l'eternità. Lotta con una falce e una spada. Inizialmente usa solo la magia, ma una volta portato al 70% dei punti vita inizierà a lottare anche fisicamente. Sotto il 40% usa sia attacchi fisici sia magici ad area.
  • Amygdala: uno dei "Grandi Esseri", è dotato di sette braccia in totale (quattro a destra e tre a sinistra) e una testa simile a quella di una piovra dotata di innumerevoli occhi. Possiede sia attacchi a distanza (magici) che corpo a corpo. I punti più vulnerabili sono le mani (che pendono a livello del terreno) e la testa che può essere colpita da armi da fuoco o corpo a corpo quando il mostro si abbassa. Arrivati ad un certo punto dello scontro, Amygdala si strapperà due delle sue braccia usandole come armi ed allungando il raggio dei suoi attacchi e la ferocia in battaglia.
  • Ombra di Yharnam: tre esseri ammantati di nero che attaccano insieme, servitori della regina Yharnam infettati dai parassiti serpenti che infestano i Boschi proibiti. Sono tre bersagli distinti e agiscono in maniera indipendente: il primo è armato con una mazza simile al Tonitrus e può lanciare palle di fuoco, il secondo con una katana simile alla Chikage e un candelabro con cui può generare un soffio di fuoco, mentre il terzo è armato solo di katana ma è il più aggressivo dei tre. Una volta persi parte dei punti ferita dai loro cappucci emergono diversi serpenti e acquisiscono alcuni nuovi attacchi: le palle di fuoco del primo causeranno un ridotto danno ad area, il secondo infiammerà la katana causando danni da fuoco mentre il terzo diverrà più veloce. Quando ne rimarrà solo uno, o la loro salute è molto bassa, evocheranno spesso dei serpenti giganti. Nell'Incubo di Mensis si possono rincontrare come nemici generici. Sono i probabili responsabili dell'invasione dei serpenti nella zona inferiore dei boschi proibiti. Si reincontreranno all'attico di Mergo come nemici normali.
  • Rom, il ragno ottuso: in realtà più simile ad un grosso scarafaggio, dal corpo grosso con delle piccole zampe, inizialmente non attacca ma si limita a evocare una decina di grossi ragni a sua difesa. La testa del boss (come quella dei seguaci) è molto resistente, incentivando quindi ad attaccare alle spalle o ai fianchi. Ogni 25% di punti vita persi si teletrasporta, evoca altri ragni e acquisisce nuovi attacchi magici a distanza. Dopo il secondo teletrasporto acquisisce alcuni attacchi corpo a corpo, che usa solo per difendersi. In passato Rom era una studiosa di Byrgenwerth quando a un certo punto ottenne il suo aspetto mostruoso per gentile concessione di Kos, diventando la guardiana della barriera che impedisce ai cittadini di Yharnam di vedere i veri orrori intorno a loro.
  • Il Rinato: boss del villaggio invisibile di Yahar'gul affrontabile durante la luna rossa, si narra che sia il risultato finale degli esperimenti a Yahar'gul cercando di elevare l'umanità allo stato dei Grandi Esseri. È un ammasso di corpi fusi insieme, con quattro "gambe", un lungo corpo centrale che striscia per terra (dotato di altre braccia più piccole) e sulla parte frontale un busto umanoide. Dispone di molti attacchi fisici e alcuni magici ma è piuttosto lento. Oltre al boss il giocatore dovrà evitare gli attacchi magici di sei streghe situate al piano superiore del campo di battaglia, ma le streghe possono essere raggiunte e uccise. Le "gambe" del boss possono essere ferite (colpendole ripetutamente) facendolo cadere.
  • Micolash, signore dell'incubo: un ex studente dell'accademia di Mensis (secondo alcune teorie, ne era il professore), morto assieme ai suoi seguaci nella realtà ma sopravvissuto e impazzito a livello coscienziale nell'incubo. Sprovvisto di armi, combatte solo con la magia o a mani nude. La battaglia si svolge in un piccolo labirinto abitato da marionette comandate dal boss (possono essere abbattute ma risorgono periodicamente). Il boss va inseguito e raggiunto. Portato al 50% dei punti vita scompare. A questo punto bisogna ritrovarlo e inseguirlo nuovamente. Una volta raggiunto sarà possibile ucciderlo ma avrà a disposizione un nuovo attacco magico a raggio. In italiano è doppiato da Daniele Demma.
  • Emissario celeste: scontro molto particolare, situato in Cathedral Ward superiore. È il tentativo da parte della Chiesa della Cura di ricreare un simile del cosmo. All'inizio vi saranno diverse creature celesti (identiche a quelle dei Boschi proibiti) le quali attaccheranno il caccitore a vista. I celesti possono rinascere all'infinito durante la battaglia. Uno dei celesti è il boss, nonché il vero Emissario celeste. All'inizio sarà identico ai suoi cloni, ma giunto a metà vita s'ingrandirà assumendo dimensioni gigantesche, ma in compenso camminerà molto più piano dei suoi cloni. Una volta portato ad un quarto di vita, l'Emissario potrà potenziarsi ulteriormente, tirando fuori dei tentacoli azzurri dal cranio e dunque potrà lanciare magie al giocatore.
  • Ebrietas, figlia del cosmo: boss opzionale presente nel piano inferiore della Grande Cattedrale, accessibile solo rompendo la finestra nell'arena dell'Emissario celeste, trovabile a Cathedral Ward superiore. È un Grande Essere lasciato indietro dagli altri suoi simili nel piano di esistenza più infimo, quello degli esseri umani. Divenuto oggetto di culto per la Chiesa della Cura e fonte del loro sangue curativo. Questo essere informe può attaccare fisicamente con i suoi tentacoli o dalla distanza, lanciandosi contro il giocatore. Una volta che avrà perso buona parte della vita, comincerà ad attaccare con magie e creando uno scudo trasparente intorno al corpo, danneggiando il giocatore al suo avvicinarsi.
  • Balia di Mergo: boss situato alla fine dell'Incubo di Mensis, è l'ultimo boss obbligatorio del gioco. Attacca utilizzando delle lame e ad un certo punto della battaglia farà comparire della nebbia oscura in tutta la zona del combattimento, nella quale potrà evocare una sua copia che attaccherà il giocatore per poi scomparire. Dopo aver sconfitto il boss si otterrà un "Terzo Cordone Ombelicale" e si potrà oltrepassare il cancello nel Sogno del cacciatore per sbloccare i vari finali del gioco.
  • Gehrman, il primo cacciatore: boss finale del gioco. Potrà essere combattuto solamente se alla fine del gioco, dopo avergli parlato oltre il cancello del Sogno del Cacciatore, si rifiuta la sua proposta di tornare nel mondo reale. È in assoluto il primo uomo di Yharnam ad aver cacciato le belve derivanti dal sangue curativo prima che Ludwig creasse la sua schiera di cacciatori della Chiesa. Gehrman combatte con una falce a due mani, la cui lama può essere brandita anche a una sola mano (Lama della Sepoltura) insieme a un archibugio da cacciatore. Uccidendolo si sbloccherà il secondo finale disponibile nel gioco. In italiano è doppiato da Gianni Quillico.
  • Presenza della luna: principale antagonista e vero boss finale del gioco, disponibile solo utilizzando tre "Terzi Cordoni Ombelicali" prima dello scontro con Gehrman nel Sogno del Cacciatore. La Presenza della luna è uno dei Grandi Esseri che venne contattato da Gehrman nel cercare di fermare la Piaga della bestia a Yharnamː quest'entità creò il Sogno del Cacciatore e vi legò Gehrman. La Presenza ricorre sia ad attacchi fisici che magici tra cui un'esplosione in grado di azzerare tutta la barra della vita del giocatore (i punti vita potranno essere recuperati facilmente attaccando il boss durante la pausa che avverrà dopo l'attacco). Uccidendolo si sbloccherà il finale segreto del gioco.

Boss dei sotterranei[modifica | modifica wikitesto]

  • Gigante non morto: questo enorme boss con la pelle smembrata attaccherà principalmente il giocatore con le sue gigantesche lame al posto delle braccia. Molto resistente agli attacchi fisici, il suo punto debole è una protuberanza presente su una della gambe. Sono presenti diverse versioni alternative del boss, ad esempio potrebbe essere in grado di sparare dalla distanza con un cannone oppure, al posto di due lame, può avere una lama ed una grossa mazza o sulla schiena può avere delle catene che, girandosi rapidamente, usa come fruste.
  • Guardiani spietati & Capitano dei guardiani: tre energumeni dotati di armi e lanterne. Due brandiscono delle grosse mannaie, il cui compito è proteggere dagli assalti del giocatore il terzo, nonché il più pericoloso, armato con un fucile che spara a intervalli regolari. Se ci si avvicina troppo a quest'ultimo, anche lui inizierà ad attaccare fisicamente con una mannaia.
  • Custode degli Antichi Signori (canino): enorme belva infuocata dalle sembianze simili a un cane. Potrà attaccare da lontano con uno scatto in avanti, colpire con artigliate infuocate o emettere lava dalla bocca. Se colpito violentemente alle zampe, cadrà in terra per qualche secondo.
  • Cinghiale mangiauomini: un enorme maiale simile alla versione comune trovabile a Yharnam. Ha gli stessi attacchi della versione comune, ma con più punti vita.
  • Anima posseduta: una creatura dalle sembianze demoniache, eretta su due zampe e di altezza poco più alta di un essere umano. Può colpire con degli attacchi corpo a corpo o lanciare palle di fuoco dalla distanza. Se ferita in modo eccessivo, entrerà in uno stato di furia.
  • Anziano Pthumeriano: umanoide di alta statura armato di un bastone infuocato. Può teletrasportarsi o saltare per schivare gli attacchi e colpire con affondi fisici usando la punta del bastone infuocato. Può anche colpire a distanza trasformando la punta del bastone in una balestra che spara frecce di fuoco. Quando sarà sul punto di morire, si potenzierà aumentando il danno degli attacchi e usando anche dei colpi esplosivi.
  • Belva assetata di sangue (ver. calice): identica alla Belva che si trova nella Chiesa del Buon Calice, però nell'arena saranno presenti fin dall'inizio dello scontro pozze di veleno che renderanno il tutto più difficile.
  • Discendente Pthumeriano: uno dei pochi membri sopravvissuti della nobiltà Pthumeriana, l'antica civiltà che costruì i labirinti. È un umanoide abbastanza grosso, che indossa un lungo mantello. Viene spesso combattuto in un lungo corridoio, ha attacchi fisici potenti e può colpire molto velocemente, anche saltando ed effettuando cariche. La sua arma è una piccola falce, che può lanciare alla stregua di un boomerang. Una volta arrivato a metà vita, trasformerà la falce in una coppia di armi, diventando doppiamente più pericoloso.
  • Custode degli Antichi Signori (umanoide): una dei guardiani a cui i Grandi Esseri hanno concesso l'immortalità per proteggerli, questa piromante potrà attaccare con una spada o con le sue magie di fuoco. Può lanciare delle vampate di fuoco anche con la spada e, alla necessità, può direttamente rendere di fuoco la lama dell'arma.
  • Rom, il ragno ottuso (ver. calice): A differenza degli altri Grandi Esseri presenti nei Calici, qui lo scontro risulterà molto più facile della versione storia. La testa di Rom sarà fragile quanto il corpo, permettendo al giocatore di colpirla in maniera ripetitiva, provocando ingenti danni. Inoltre, nell'arena saranno presenti diverse colonne, dunque il giocatore può pararsi molto facilmente dalle meteoriti create da Rom.
  • Succhiacervelli: Identico alla versione comune trovabile a Yharnam. Si tratta di una piccola creatura capace di assorbire i Punti Intuizione del giocatore con una presa. Usa gli stessi attacchi della versione comune, ma è dotato di una vitalità maggiore.
  • Emissario celeste (ver. calice): Questa battaglia è molto differente dalla versione che si incontra nella storia. La creatura non potrà evocare cloni di se stessa, bensì sarà già gigante appena cominciato lo scontro. Giunto a metà vita può potenziarsi e lanciare incantesimi da sopra la testa.
  • Belva massacratrice: Un enorme mostro simile a un gigantesco licantropo, possiede una vasta gamma di attacchi fisici per lo più lenti ma alcuni piuttosto veloci. Può essere stordito colpendolo alla testa e le lunghe braccia possono essere ferite. Oltre alla versione normale, nei sotterranei più profondi e difficili si può trovare la sua variante più pericolosa, sprovvista di testa ma dal cui collo, persi metà dei punti vita, spunta un lungo parassita vermiforme.
  • Belva argentea di Loran: Boss che può camminare sia a quattro sia a due zampe. Non molto grossa, è una belva dal pelo grigio con in mano una torcia. Attacca ricorrendo alla agilità e cercando di dare fuoco al cacciatore, oltre a utilizzare vari attacchi fisici.
  • Ebrietas, figlia del cosmo (ver. calice): Identica alla versione normale del gioco, ma con punti vita decisamente più abbondanti e in grado di fare molto più danno al giocatore.
  • Amygdala (ver. calice): Molto simile alla versione classica, ma con più punti vita e in possesso di attacchi più potenti.
  • Belva ripugnante: Un licantropo molto massiccio, possiede diversi attacchi fisici ed è in grado di generare piccoli turbini con i pugni. Attacca molto velocemente. Nella modalità storia è possibile incontrarlo attaccando il "mendicante", sebbene la belva sia più debole rispetto a quella dei Calici.
  • Belva oscura di Loran: Belva molto simile per le sembianze e per gli attacchi alla Belva oscura Paarl, ma è significativamente più forte e con il pelo più scuro. Userà gli stessi attacchi dell'altra versione, avendo anche le stesse debolezze, come la perdita della carica elettrica quando colpita violentemente.
  • Folle dimenticato & Scorta del folle: Il Folle dimenticato è un umanoide armato della Lama sacra di Ludwig e del Fucile di Ludwig, non troppo resistente ma capace di danneggiare pesantemente il giocatore con i suoi attacchi veloci e arcani. Giunto a metà vita, scenderà in campo la Scorta del folle, armato con il Kirkhammer e un lanciafiamme. Quest'ultimo attacca più lentamente del compagno. Entrambi sono ex membri della Chiesa della Cura che hanno perso la loro sanità mentale una volta addentratisi nei labirinti.
  • Yharnam, Regina Pthumeriana: una donna incinta, vestita da sposa e sporca di sangue. Pare sia la madre di Mergo e si incontra due volte durante la modalità storia, ma non costituirà un pericolo in quanto non è un nemico per il giocatore. Nel suo sotterraneo invece sarà l'avversaria finale, possedendo diversi attacchi magici basati sul sangue, impugnando un lungo coltello (che potenzia allungandolo con una lama di sangue) e periodicamente crea due copie di se stessa per farsi assistere in battaglia (le copie sono estremamente fragili, qualunque colpo le infrange). È l'unico boss dei Sotterranei del Calice da cui si può ottenere un trofeo.

Boss del DLC[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludwig il Dannato: il primo cacciatore della Chiesa, nonché il primo boss affrontabile nel DLC. È possibile trovarlo dopo il fiume di sangue, una volta superata la zona sorvegliata da due Boia dell'Incubo. Venne usato dalla Chiesa della Cura per alcuni esperimenti i quali lo trasformarono in una bestia grottesca e deforme che a malapena manteneva parte della sanità mentale. Inizialmente infatti, il boss si comporta come un cavallo impazzito, attaccando e caricando in maniera confusa e imprevedibile, sia con attacchi fisici che con un raggio in grado di colpire a distanza. Una volta giunto a metà vita impugnerà la Spada della Luna Sacra, diventando molto più forte e ottenendo potenti attacchi a distanza (per l'appunto, cambiando il suo nome in Ludwig, la Lama Sacra). Una volta sconfitto, parlando con la sua testa, è possibile ottenere la sua arma. In italiano è doppiato da Marco Balbi.
  • Laurence, il primo vicario: boss opzionale affrontabile nella Cattedrale dell'Incubo, fu il fondatore della Chiesa della Cura credendo che le proprietà curative del sangue fossero di natura divina; quando però il sangue venne infettato anche lui si trasformò in una delle bestie di Yharnam. La prima volta che lo si incontra sarà inanimato e per ridargli vita bisognerà trovare il suo teschio nell'Edificio Ricerche. Riportato il teschio alla Grande Cattedrale, Laurence si attiverà. Nella sua prima fase si comporta in modo simile al Chierico Belva, con la differenza che Laurence aggiungerà danni da fuoco a suoi attacchi (essendo un Chierico Belva infuocato). Portato al 70% della vitalità, utilizzerà nuove mosse personali e inedite per un Chierico Belva, aumentando molto la sua aggressività. Una volta persa metà vita inizierà la terza fase dello scontro, dove Laurence perderà gli arti inferiori, crollando a terra, ma ottenendo l'abilità di sputare magma davanti a sé e dietro di sé. Nel complesso è il boss dotato della vitalità più alta in ogni ciclo di partite.
  • Fallimenti viventi: i primi tentativi della Chiesa della Cura di creare un Emissario Celeste. Si tratta di una serie di "Emissari" senza testa che compariranno continuamente durante il corso del combattimento, molto lenti e con attacchi fisici prevedibili, ma dotati di magie pericolose. Infatti essi nel bel mezzo del combattimento si fermeranno e alzeranno le braccia al cielo per poter scagliare una pioggia di meteore magiche.
  • Lady Maria della Torre dell'orologio astrale: boss della Torre dell'orologio astrale, zona accessibile con la chiave ottenuta dai Fallimenti viventi. Fu una cittadina di Cainhurst ma divenne allieva di Gherman, con il quale instaurò un legame molto particolare tanto che il primo cacciatore alla sua morte arrivò persino a creare una bambola identica a lei (l'automa del sogno del cacciatore). La sua coscienza protegge il segreto che è alla base dell'incubo del cacciatore, ossia il villaggio dei pescatori massacrati dagli studiosi e dai cacciatori di Byrgenwerth, di cui lei faceva parte. Per il terribile rimorso che provó nel compiere quegli atti crudeli, abbandonò la sua amata arma, il Rakuyo, all'interno di un pozzo del villaggio dei pescatori trucidati. A prima vista, questa cacciatrice sembrerà una dei tanti cacciatori nemici incontrabili durante il gioco, ma quando sarà giunta a metà vita potenzierà i suoi attacchi con il sangue, aumentandone il raggio e rendendoli più potenti. Verso la fine del combattimento, li potenzierà ulteriormente usando il fuoco. In italiano è doppiata da Jolanda Granato.
  • Orfano di Kos: boss finale del DLC. Il figlio del Grande Essere Kos, morta per mano degli accoliti di Byrgenwerth, venuto alla luce dalla carcassa della madre. All'inizio, si limiterà ad attaccare fisicamente con la sua arma, la placenta distaccatasi dal corpo di Kos, ma una volta portato al 70% dei punti vita inizierà anche ad attaccare dalla distanza usando magie. Una volta giunto a metà vita invece, diventerà più grande, più aggressivo e una volta sconfitto, bisognerà colpire l'essere da cui è scaturito per porre definitivamente fine all'Incubo.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista del gioco ha accesso nel corso della partita a un discreto arsenale di armi che, sebbene in quantità minore rispetto ai precedenti titoli FromSoftware, spiccano per personalità e tattiche effettuabili. Il cacciatore può equipaggiare due armi per il combattimento ravvicinato nella mano destra, mentre nella mano sinistra si potranno equipaggiare due armi adatte per lo scontro a distanza. Interessante caratteristica delle armi da mischia è che ognuna possiede due forme diverse, le quali sono intercambiabili anche nel bel mezzo dello scontro (nel gioco tali strumenti vengono difatti nominati armi trucco). Si può cambiare aspetto anche durante una combinazione di attacchi e le differenti forme permettono di mettere in atto diverse strategie utili a vincere ogni scontro. Le armi da fuoco invece non hanno una seconda forma e non infliggono grossi danni in generale, ma possono finire i nemici moribondi in sicurezza e, soprattutto, servono per sbilanciare l'avversario, permettendo così al cacciatore di effettuare un attacco viscerale. Sparare con un'arma da fuoco consuma un numero più o meno elevato di proiettili di mercurio.

Esistono inoltre una serie di oggetti aggiuntivi denominati Strumenti del Cacciatore che forniscono una serie di abilità assimilabili alla magia, utili in qualsiasi situazione; il loro utilizzo consuma una certa quantità di proiettili di mercurio.

Armi da mischia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mannaia dentata: Una delle armi da mischia che può essere scelta all'inizio del gioco nel Sogno del Cacciatore e, tra le tre che possono essere prese, è quella più bilanciata. Cambiando forma l'elsa della mannaia si estende, garantendo attacchi con un raggio maggiore, ma leggermente più lenti.
  • Ascia da cacciatore : Una delle armi da mischia che può essere scelta all'inizio del gioco nel Sogno del Cacciatore, spicca in quanto a forza tra le tre disponibili. Consiste in una mannaia che, quando cambia forma, estende il manico dell'arma, permettendo un'impugnatura a due mani. Ciò non consente di sparare, ma l'impatto e il danno inflitti dall'arma sono senz'altro maggiori. Viene adoperata anche da Gascoigne.
  • Bastone filettato: Una delle armi da mischia che può essere scelta all'inizio del gioco nel Sogno del Cacciatore. Più leggera rispetto alle altre due, permette di colpire rapidamente l'avversario. Se modificata, estrude una frusta di lame dal raggio d'azione notevole, ideale per gestire gruppi di nemici (sebbene la frequenza di attacco rallenti un po').
  • Sega lancia: Un'arma molto simile alla mannaia dentata, si differenzia da quest'ultima quando si cambia la sua forma, assumendo l'aspetto di una lancia, ottima per combattimenti in luoghi stretti anche se la frequenza degli attacchi diminuisce.
  • Kirkhammer: Arma molto usata dai cacciatori della Chiesa della Cura, forse l'esempio di maggiore rilevanza in quanto a modifica dell'arma, poiché presenta due modalità d'attacco totalmente diverse. La forma originale consiste in una spada leggera e facile da brandire, mentre se si modifica, la spada si incastra nell'enorme testa di martello, garantendo così colpi potenti e dirompenti (e senz'altro lenti). L'impugnatura è a una mano per la spada e a due mani per il martello. Nel complesso è un'arma utile in qualsiasi situazione.
  • Lama sacra di Ludwig: Altra arma molto usata dai cacciatori della Chiesa della Cura, è una spada simile alla precedente. Quando si cambia la forma, come per il Kirkammer, la spada s'incastra in un'arma secondaria, in questo caso il fodero, che in realtà è uno spadone a due mani. Similmente al Kirkhammer è un'arma molto bilanciata, adatta per ogni situazione. Rispetto al Kirkhammer, la lama sacra di Ludwig possiede un migliore avanzamento nei bonus che riceve dagli attributi Abilità e Forza (o Arcano se si applicano gemme che mutano il tipo di danno dell'arma), raggiungendo quindi picchi di potenza superiori (difatti è l'arma con cui si può effettuare il maggior quantitativo di danni per singolo colpo).
  • Fucile Lancia: Lunga lancia indicata per gli affondi, modificandola si può brandirla con due mani e allo stesso tempo utilizzare il fucile innestato in essa, risolvendo il problema della perdita dell'arma da fuoco durante il passaggio a un'arma a due mani. Ispirata dalla Reiterpallasch, è stata creata dagli eretici dell'officina Powder Keg.
  • Perforatore: Altra arma creata dai Powder Keg, consiste in un guanto meccanizzato con una lama nella punta. Si possono effettuare attacchi di taglio oppure cambiando forma, dei rapidi affondi leggeri oppure un lento e potentissimo affondo esplosivo, che cambia la modalità dell'arma nella precedente. È l'arma preferita dal cacciatore Djura.
  • Tonitrus: Arma molto particolare, consiste in una mazza con una palla d'acciaio liscia. Cambiare la modalità dell'arma non effettua modifiche fisiche, ma carica l'arma di energia elettrica, risolvendo il problema dell'uso della carta da fulmine. Realizzata da Archibald della Chiesa della Cura, il suo maggiore punto debole è la scarsa robustezza.
  • Reiterpallasch: Stocco appartenente ai cavalieri di Cainhurst. Sferra rapidi affondi, mentre modificando l'arma si può effettuare attacchi di taglio e si può usare la pistola innestata sulla lama. A differenza del fucile lancia è più leggero, quindi colpisce un po' più velocemente e con meno forza, ma lascia libera la mano sinistra.
  • Chikage: Katana appartenuta alle guardie reali di Cainhurst, membri del corpo di Annalise, regina dei Vilesangue. È una lama in grado di effettuare rapidi attacchi. Modificandola si applicherà del sangue su di essa, inserendo l'arma nel fodero e cambiandone le proprietà, rendendola un'arma a due mani e che fa riferimento per la sua forza alla tinta di sangue del giocatore. Applicare il sangue sulla lama è una mossa rischiosa, dato che finché l'arma è intinta di sangue eroderà i punti vita del cacciatore.
  • Ruota di Logarius: Arma usata dai Carnefici e di conseguenza da Alfred. L'arma da mischia più pesante, consiste in una coppia di vere e proprie ruote collegate con le quali si attacca il nemico. Modificandola si può far girare una delle ruote e potenziando così l'arma col potere creato dalla collera dei vilesangue uccisi con essa, rendendola molto più potente, ma consumando la vita del cacciatore man mano che si adopera in modo più intenso tale potere.
  • Lama della pietà: Una spada corta che, se modificata, si trasforma in una coppia di daghe. Una delle armi più veloci del gioco, è usata da Elieen il corvo. È fatta di siderite, un metallo che si dice abbia origini celeste, quindi in grado di infliggere danni di tipo arcano (ciò però impedisce di applicare potenziamenti momentanei su di essa). Man mano che viene adoperata la combo dell'arma a due mani, la velocità di attacco aumenterà, lasciando difficilmente scampo ai nemici.
  • Artiglio della belva: Curiosa arma realizzata usando gli artigli di una belva oscura. Con essa si posso usare attacchi di taglio e modificandola si muta la mano sinistra in una mano bestiale. La modifica applica sul cacciatore gli effetti della trasformazione temporanea, che dura fino a quando entrambi gli artigli sono equipaggiati. Inoltre il vero potere dell'arma viene mostrato quando il cacciatore equipaggia la runa di Caryll "Abbraccio della bestia". Ciò cambierà quasi totalmente il moveset, a cui si aggiungeranno nuovi interessanti attacchi.
  • Lama della sepoltura: La capostipite di tutte le armi trucco, dalla quale sono state ispirate tutte le armi successive. Consiste in una scimitarra che, se modificata, diventa una enorme falce adatta per gestire folle di nemici. Come per la lama della pietà, quest'arma è composta di siderite. Impugnata da Gehrman, con ogni probabilità è stata la sua prima creata.

Armi da mischia del DLC: "The Old Hunters"[modifica | modifica wikitesto]

  • Saif del cacciatore di belve: Arma molto simile alla mannaia dentata, della quale è considerata il prototipo: al posto della lama seghettata, presenta una lama ricurva e affilata. Al contrario della mannaia dentata, il Saif si presenta inizialmente con la lama già estroflessa, mentre modificarla chiude la lama sul manico permettendo rapidi colpi.
  • Affetta-belve: Grosso incrocio tra una mazza e un machete, è un'arma usata dai vecchi cacciatori. Consente di colpire con forza i nemici e, applicando la modifica, si trasforma l'arma in una frusta tagliente, capace di colpire i nemici a medio raggio. Simile al bastone filettato, ma con raggio d'azione più ampio e una maggiore potenza di attacco. Insieme al bastone filettato, sono le uniche due armi che, una volta trasformate, diventano delle fruste.
  • Piccone della chiesa: Spada larga creata dalla Chiesa della Cura. Modificandolo si trasforma in un lungo piccone. In entrambi i casi l'arma è caratterizzata dalla sua capacità di sferrare colpi violenti.
  • Martello esplosivo: L'unica arma contenente l'elemento fuoco. Consiste in un enorme martello che in forma mutata accende la piccola fornace sulla testa, permettendo così di aggiungere danno infuocato al colpo seguente. Arma creata dai Powder Keg, esattamente come il Tonitrus è l'arma da mischia con la robustezza più bassa.
  • Sega a girandola: Altra arma creata dai Powder Keg. Consiste in una mazza alla quale (modificandola) è possibile attaccare una doppia sega circolare. Quando viene adoperata in questo stato, le lame circolari in punta fanno a pezzi l'avversario. È usata da Valtr il mangiabestie, nonché leader della Lega.
  • Spada della luna sacra: Spadone mistico appartenuto a Ludwig, la lama sacra, e usata da egli stesso mentre lo si combatte. È una claymore che, una volta modificata, si trasforma in una lama magica capace di sferrare fasci di energia a medio raggio o esplosioni energetiche a corto raggio (consumando proiettili di mercurio nel processo). È un'arma che appare sempre nei videogiochi prodotti dalla FromSoftware.
  • Braccio di Amygdala: Inquietante arma, che consiste in un braccio staccato da un piccolo Amygdala. Nella forma base è una mazza che permette di colpire i nemici con forza, ma modificandola è come se l'arma prendesse vita, estrudendo una frusta con un'unghia annessa che dilania i nemici.
  • Arco affilato di Simon: Singolare arma appartenuta a Simon, uno dei primi cacciatori della Chiesa della Cura. Consiste in una spada ondulata che, se modificata, si trasforma in un arco permettendo così, con una sola arma, di combattere a corto e lungo raggio.
  • Flebotomo: Arma alquanto particolare nonché pericolosa, nella sua forma base è una mazza di modeste dimensioni. Modificandolo viene rivelata la sua vera forma: un'enorme mazza chiodata a due mani potenziata dal sangue del cacciatore. Per trasformarla, il cacciatore deve sacrificare il 20% della sua barra vitale. Oltre a questo, tramite un certo attacco, può infliggere lo status follia all'utilizzatore e ai nemici vicini. Brandita precedentemente da Brador, il folle assassino della Chiesa, nonché l'assassino di Simon.
  • Rakuyo: Arma usata da Lady Maria della torre dell'orologio astrale. Consiste in arma composta da una spada e una daga, unite entrambe sulla punta dei rispettivi foderi. Modificando l'arma, le due lame si separano, permettendo così di colpire i nemici con particolare destrezza. Sebbene sia un'arma appartenente alla stirpe dei Cainhurst, non è una lama di sangue, cosa che Lady Maria apprezza molto.
  • Parassita di Kos: Arma ottenibile dopo aver ucciso l'Orfano di Kos. Strano parassita che a prima vista sembrerebbe un'arma inutile, ma se adoperato da un Legnoluna (ossia un cacciatore con la runa Asclepiade equipaggiata), rilascia il suo vero potere, che consiste nel far estrudere tentacoli al portatore per attaccare o per scatenare esplosioni magiche. La potenza di quest'arma dipende unicamente dall'attributo Arcano.

Armi da fuoco[modifica | modifica wikitesto]

  • Pistola da cacciatore: Una delle due armi da fuoco che si può scegliere all'inizio dell'avventura nel Sogno del cacciatore. Spara un unico proiettile preciso contro il nemico. Consuma un proiettile di mercurio imbevuto del sangue di colui che ne fa uso.
  • Archibugio da cacciatore: Una delle due armi da fuoco armi che si può scegliere all'inizio dell'avventura nel Sogno del cacciatore. Spara un fiore di proiettili su un'area più ampia della pistola, rendendo più facile colpire l'avversario ma infliggendo un danno minore. Consuma un proiettile di mercurio imbevuto del sangue di colui che ne fa uso.
  • Torcia: Una torcia che può essere usata per attaccare i nemici o illuminare ambienti bui. Non consuma proiettili.
  • Torcia da cacciatore: Un modello più potente della torcia comune, più adatta per la caccia. Non consuma proiettili.
  • Pistola a ripetizione: Una pistola che permette di sparare due proiettili alla volta, infliggendo un discreto quantitativo di danni per un'arma da fuoco. Utilizzata dai cacciatori della Chiesa della Cura, usa due proiettili per volta.
  • Fucile di Ludwig: Archibugio caratterizzato da un raggio d'azione più lungo, ma da tempi di ricarica elevati. Consuma un proiettile e veniva utilizzato da Ludwig, il primo cacciatore della Chiesa della Cura.
  • Evelyn: Pistola preferita dai cavalieri di Cainhurst, possiede una canna molto lunga. È l'arma migliore per un cacciatore dalla tinta di sangue elevata. Consuma un proiettile.
  • Lanciafiamme: Un lanciafiamme impugnabile con una mano sola, attacca il nemico con un fascio costante di fiamme. Consuma continuamente proiettili mentre si usa.
  • Rosmarinus: In tutto e per tutto simile al lanciafiamme, tranne per il fatto che rilascia un fascio di vapore che infligge danni di tipo arcano. Creato dal Coro, la casta più elevata della Chiesa della Cura. Si può udire una canzone adoperandolo. Consuma costantemente proiettili mentre si usa.
  • Scudo di legno: Uno scudo con il quale si possono parare gli attacchi fisici leggeri.
  • Cannone: Una devastante arma da fuoco, la più pesante arma da impugnare in assoluto. Spara un enorme proiettile dirompente che infligge danni estremi, per un'arma da fuoco. Creata come prototipo dai Powder keg, consuma dodici proiettili alla volta (dieci sino alla patch 1.03).

Armi da fuoco del DLC: "The Old Hunters"[modifica | modifica wikitesto]

  • Fucile perforante: Arma creata nell'officina di Oto, precorritrice dei Powder Keg. Un fucile che spara colpi perforanti, con una velocità di sparo lenta.
  • Mitragliatrice: Versione portatile del mitragliatore Gatling usato da Djura nei pressi di Old Yharnam. Rilascia uno sbarramento di proiettili continuo, fino a quando si hanno proiettili di mercurio disponibili.
  • Pugno di Gratia: Tirapugni utilizzato in passato da Gratia, una cacciatrice incapace di usare armi da fuoco. Grazie ad esso si possono effettuare montanti in grado di stordire il nemico.
  • Cannone della chiesa: Molto simile al cannone dei Powder Keg, ha un raggio d'azione minore, ma una maggiore impatto esplosivo.
  • Scudo del lago: Scudo mistico rinvenuto nell'Edificio ricerche, è efficace sui colpi di natura non fisica.

Strumenti da cacciatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Augure di Ebrietas: Dalla mano destra viene emesso un fascio di tentacoli di fronte all'utilizzatore, che può causare stordimento o atterramento. Consuma un proiettile.
  • Dono del Messaggero: Trasforma il possessore in un messaggero, permettendo di passare inosservato. Consuma un proiettile. Ottima per imboscate.
  • Occhio del Cielo nero: Spara un proiettile arcano dall'occhio, che prosegue in linea retta verso il bersaglio. Consuma un proiettile.
  • Miscela Maledetta: Scaglia un granata contro i nemici e li maledice istantaneamente. Consuma due proiettili.
  • Il ruggito della belva: Consente di emettere un potente urlo, che respinge nemici e oggetti in un raggio di 360 gradi. Consuma due proiettili.
  • Guscio di spettro vuoto: Potenzia l'arma impugnata, infliggendo danni di tipo arcano. Consuma tre proiettili.
  • Guanti del carnefice: Evocano una serie di spiriti che attaccano il nemico. Ha una mira automatica, ma il suo raggio d'azione non è elevato. Consumano tre proiettili.
  • Fischietto dei Madaras : Evoca un enorme e affamato serpente, che emerge dal terreno e inghiottisce il bersaglio (tuttavia può risultare pericoloso anche per l'utilizzatore, se non si sposta in tempo dall'area in cui fuoriesce la testa del serpente). È l'unico strumento del cacciatore che fa appello alla tinta di sangue invece dell'attributo arcano. Consuma quattro proiettili.
  • Osso di vecchio cacciatore: Velocizza enormemente le schivate e gli spostamenti per un determinato periodo di tempo. Consuma quattro proiettili.
  • Piccolo Tonitrus: Emette una scarica di fulmini in linea retta di fronte all'utilizzatore. Consuma sei proiettili.
  • Campana del Coro: Guarisce l'utilizzatore e rimuove gli effetti negativi. Consuma sette proiettili.
  • Una chiamata dall'aldilà: Crea una sfera arcana, che si frammenta in numerosi missili energetici e colpisce in un raggio di 360 gradi. Consuma sette proiettili. È estremamente potente nonché una delle armi più letali adoperate dal Coro. È utilizzata da Micolash.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del gioco è stata realizzata con un'orchestra di 65 strumenti e 32 voci, ed è stata composta dai musicisti Ryan Amon, Tsukasa Saitoh, Michael Wandmacher, Yuka Kitamura, Cris Velasco e Nobuyoshi Suzuki. L'intera colonna sonora è stata registrata presso gli AIR Studios di Londra durante l'estate 2014[9].

È stata pubblicata sia in formato fisico che digitale il 21 aprile 2015 dalla Sumthing Else Music Works[9]. La versione iTunes è l'unica a contenere anche le tracce Terror, Amygdala, Of the Pthumerian Line e Lullaby for Mergo[10].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Omen – 2:07 (Ryan Amon)
  2. The Night Unfurls – 2:05 (Ryan Amon)
  3. Hunter's Dream – 3:34 (Ryan Amon)
  4. The Hunter – 3:25 (Ryan Amon)
  5. Cleric Beast – 3:04 (Tsukasa Saitoh)
  6. Blood-starved Beast – 4:41 (Tsukasa Saitoh)
  7. Terror – 3:51 (Cris Velasco)
  8. Watchers – 3:12 (Yuka Kitamura)
  9. Hail the Nightmare – 2:56 (Ryan Amon)
  10. Darkbeast – 4:56 (Tsukasa Saitoh)
  11. The Witch of Hemwick – 3:41 (Michael Wandmacher)
  12. Amygdala – 3:29 (Cris Velasco)
  13. Rom, The Vacuous Spider – 3:32 (Yuka Kitamura)
  1. Moonlit Melody – 3:29 (Ryan Amon)
  2. The One Reborn – 3:33 (Nobuyoshi Suzuki)
  3. Micolash, Nightmare Host – 3:42 (Michael Wandmacher)
  4. Of the Pthumerian Line – 3:44 (Michael Wandmacher)
  5. Queen of the Vilebloods – 3:52 (Ryan Amon)
  6. Soothing Hymn – 2:04 (Ryan Amon)
  7. Celestial Emissary – 2:55 (Ryan Amon)
  8. Ebrietas, Daughter of the Cosmos – 3:57 (Yuka Kitamura)
  9. Lullaby for Mergo – 3:49 (Ryan Amon)
  10. The First Hunter – 5:11 (Tsukasa Saitoh)
  11. Moon Presence – 2:44 (Ryan Amon)
  12. Bloodborne – 2:37 (Ryan Amon)

Contenuti aggiuntivi[modifica | modifica wikitesto]

Al Tokyo Game Show 2015 è stato annunciata l'espansione The Old Hunters, uscita il 24 novembre 2015 in tutto il mondo.[11] Una versione del gioco contenente l'espansione è stata commercializzata dal 25 novembre dello stesso anno in occidente e dal 3 dicembre in Giappone.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]