Beach waterpolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La beach waterpolo è uno sport di squadra, variante della pallanuoto, ideato nel 1995 da Gualtiero Parisio, ingegnere napoletano ed ex pallanuotista del Circolo Canottieri Napoli.[1]

Regole[modifica | modifica wikitesto]

Le regole dello sport sono molto simili a quelle della pallanuoto se non per piccole differenze. Le dimensioni del campo da gioco sono ridotte a 15 x 11,50 metri. I set non vengono più disputati a tempo, come nella pallanuoto, ma a punti, come nel tennis (solitamente si vince il set a sei punti).[2]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Asian Beach Games[modifica | modifica wikitesto]

La beach waterpolo è stata inserita nel 2008 nel programma degli Asian Beach Games, nell'anno della prima edizione dei giochi. La prima edizione è stata vinta dalla Nazionale di pallanuoto maschile del Kazakistan, che si è imposta sulle altre tre squadre partecipanti. Inoltre anche le porte sono diverse da quelle della pallanuoto, avendo una loro dimensione specifica: 2,50 x 0,80 metri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quando Gualtiero Parisio inventò «Pallanuoto d'amare». URL consultato il 13-7-2010.
  2. ^ (ITEN) Cosa è la Beach Waterpolo. URL consultato il 13-7-2010.
pallanuoto Portale Pallanuoto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallanuoto