Calcio a 8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calcio a 8
Componenti di una squadra8
Contatto
GenereMisto
Indoor/outdoorIndoor e outdoor
OlimpicoNo

Il calcio a 8 (detto anche «calciotto») è una variante del gioco del calcio, praticata a livello amatoriale, di cui riprende - in linea di massima - le regole.[1]

Il regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito, vengono riassunte le principali regole[2]:

  1. Il campo, dalla forma rettangolare, può avere lunghezza massima di 64 metri e larghezza di 40: sono consentite anche misure differenti, purché non superino di oltre il 10 % gli standard di riferimento. Il cerchio di centrocampo ha raggio di 6 metri, con il diametro del punto centrale di 20 cm.[2] Anche le altre misure variano leggermente rispetto al calcio a 11.[2]
  2. Ogni squadra schiera in campo 8 calciatori: il numero minimo per proseguire l'incontro è di 5 per squadra.[2]
  3. Le sostituzioni, illimitate, possono avvenire solamente con il pallone non in gioco.[2]
  4. Non esiste il fuorigioco.[2]
  5. Per quanto attiene a gol e falli, sono seguite le disposizioni del calcio a 11.[2]
  6. La gara si compone di 2 tempi, ciascuno dalla durata di 25', con un intervallo massimo di 5'. In caso di parità, ove previsto, l'incontro prosegue con i rigori.[2]

Tattiche e modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Essendo composta da 8 elementi (1 portiere e 7 giocatori di movimento), una squadra chiaramente non può adottare schemi prettamente calcistici, sebbene l'equilibrio che si cerca di assumere è similare a quello calcistico, con difesa e centrocampo più nutriti dell'attacco. Generalmente, un modulo abbastanza accorto è il 3-3-1, con 3 difensori, 3 centrocampisti e una punta unica, supportata dai centrocampisti (che possono giocare larghi o stretti, così come i difensori, a seconda della tattica che si è scelta).

Una variante al 3-3-1 è il 2-4-1 (2 difensori centrali, centrocampo a rombo o in linea e una punta), utile quando la manovra si svolge prevalentemente nella metà campo avversaria. È sicuramente un modulo più spregiudicato (si rischia di subire troppo sulle fasce), tuttavia permette un maggior numero di soluzioni offensive a differenza del 3-3-1 che presuppone un gioco prevalentemente di contropiede.

L'evoluzione tattica ha portato un 3-1-2-1 (un centrale e due terzini in difesa, un mediano/incontrista davanti alla difesa e due ali veloci che servono la punta, lo schema consente veloci inserimenti da parte dei terzini e del mediano, con arretramento asincrono delle due ali; l'equilibrio tra fase difensiva ed offensiva è derivante dal movimento dei 2 laterali di difesa insieme al mediano-incontrista, questa tattica consente veloci ripartenze e compattezza difensiva già a centrocampo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Sorrentino, Alla fiera del "calciotto" in campo D'Amico e Nela, in la Repubblica, 15 novembre 1998, p. 11.
  2. ^ a b c d e f g h Regolamento del calcio a 8[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio