Camogie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camogie
Camogie.jpg
Partita di camogie giovanile giocata a Croke Park, Dublino.
Federazione Camogie Association
Inventato 1904, Irlanda
Numero di società 536
Componenti di una squadra 15
Contatto
Genere femminile
Indoor/outdoor outdoor
Campo di gioco rettangolare

Il camogie (gael. camógaíocht) è uno sport di squadra giocato su un campo rettangolare con bastone e palla. Praticato esclusivamente da donne, ciascuna squadra è formata da 15 giocatrici;[1] questo sport è simile all'hurling, riservato agli uomini.

Il gioco[modifica | modifica sorgente]

Le giocatrici di camogie usano un “camán”, una lunga racchetta di frassino, a base larga, con cui viene colpita la palla. Usano questo bastone per tirare la palla verso la porta avversaria o per passarla a una compagna della stessa squadra. Si può prendere la palla e correre con essa non oltre cinque passi prima di tirarla.

Si segna in una porta a forma di “H”, posta all'estremità della squadra avversaria. Un gol realizzato sotto la barra dell'H equivale a tre punti, mentre al di sopra della barra vale un punto.[1]

Le partite di camogie si giocano su un campo lungo da 130 m a 145 m e largo da 80 m a 90 m (un po' più grande di un campo di calcio).[1]

Diffusione[modifica | modifica sorgente]

Le origini ufficiali del camogie risalgono al 17 luglio 1904, quando venne giocata la prima partita tra Craobh a'Cheithnigh e Cúchulainn.[2] Attualmente questo sport viene giocato da oltre 100.000 ragazze, iscritte in 536 club, soprattutto in Irlanda, ma anche in Europa, Nord America, Asia e Australasia.[3][4]

Il campionato annuale irlandese di camogie, al quale partecipano squadre delle 32 provincie irlandesi e alcune estere, viene seguito da oltre 35.000 spettatori e trasmesso dalla TV nazionale dell'Irlanda.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Camogie Playing Rules, The Camogie Association. URL consultato il 12 agosto 2011.
  2. ^ (EN) History of Camogie, The Camogie Association. URL consultato il 12 agosto 2011.
  3. ^ Mary Moran, A Game of Our Own: The History of Camogie, Dublino, Cumann Camógaíochta, 2011, p. 460.
  4. ^ John Arlott, Oxford Companion to Sports and Games, Londra, Flamingo, 1977, p. 1024.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Eoghan Corry, Illustrated History of the GAA, Dublino, Gill & MacMillan, 2005, ISBN 0717141047.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]