Antiemorragici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Gli agente antiemorragici sono sostanze che promuovono l'emostasi (arrestano il sanguinamento).[1] Esso può anche essere conosciuto come agente emostatico.[2]

Un emostatico (in inglese: stiptic) è un tipo specifico di agente antiemorragico che lavora formando tessuto per sigillare i vasi sanguigni danneggiati. Le matite emostatiche contengono "astringenti".[3]

Gli agenti antiemorragici utilizzati in medicina hanno diversi meccanismi d'azione:

Usi medici[modifica | modifica wikitesto]

Gli agenti emostatici sono usati durante le procedure chirurgiche per ottenere l'emostasi e sono classificati come "emostatici, sigillanti e adesivi". Esse variano in base al loro meccanismo d'azione, la composizione, la facilità di applicazione, l'adesione al tessuto, l'immunogenicità e i costi. Questi agenti consentono una rapida emostasi, una migliore visualizzazione della zona chirurgica, tempi operativi più brevi, sono diminuite le necessità di trasfusioni, è diminuito il tempo di guarigione delle ferite e il miglioramento complessivo del tempo di recupero del paziente.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antiemorràgico, su treccani.it. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  2. ^ Emostatico, su treccani.it. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  3. ^ Astringente, su treccani.it. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  4. ^ Krishna S Vyas e Sibu P Saha, Comparison of hemostatic agents used in vascular surgery, in Expert Opinion on Biological Therapy, vol. 13, nº 12, 22 ottobre 2013, pp. 1663–1672, DOI:10.1517/14712598.2013.848193, PMC 4390172, PMID 24144261.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina