Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Angelica (Gunslinger Girl)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelica
Nome orig. アンジェリカ (Anjerika)
Lingua orig. Giapponese
Autore Yu Aida
Editore MediaWorks
1ª app. in Dengeki Daioh
Editori it.
Voci orig.
  • Hitomi Terakado (prima serie)
  • Kana Hanazawa (seconda serie)
Voce italiana Lucrezia Marricchi
Specie cyborg
Sesso Femmina
Etnia italiana

Angelica (アンジェリカ Anjerika?) è un personaggio della serie manga e anime Gunslinger Girl, creato da Yu Aida.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Passato[modifica | modifica wikitesto]

Angelica all'età di 10 anni è stata investita, mentre andava a fare la spesa insieme al suo cane Pelo, dal suo stesso padre, finito in bancarotta, per ottenere i soldi dell'assicurazione stipulata sulla bambina.[1]

Come "marionetta"[modifica | modifica wikitesto]

Ricoverata in ospedale con gravi ferite, è stata curata dall'Ente Pubblico per il Benessere Sociale, che l'ha utilizzata come cavia per sperimentare i corpi artificiali, quindi le ha ricostruito il corpo applicandole degli arti artificiali e l'ha sottoposta a "condizionamento", fatto che le ha cancellato tutti i ricordi passati. Angelica è divenuta così la capostipite delle "marionette" di prima generazione ed è stata affidata a Marco, che è divenuto suo "fratello".

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

Angelica è stata la prima bambina sottoposta a "condizionamento", quindi soffre di frequenti perdite di memoria e, in certi momenti, sembra molto debole.

Negli ultimi tempi la bambina ricorda improvvisamente cose passate, e ha delle allucinazioni in cui le appare il suo cane Pelo.

Durante un attacco kamikaze organizzato dai terroristi, in cui un camion della spazzatura pieno di esplosivi si schianta contro un edificio governativo, Angelica salva la vita a Marco, facendo scudo con il suo corpo. Marco riporta ferite alla testa e all'occhio, mentre Angelica versa in condizioni più gravi ed è costretta a rimanere in ospedale. Il problema principale però non sono le ferite al corpo artificiale, bensì i danni cerebrali dovuti al ripetuto "condizionamento". Dopo aver rivisto Pelo, Angelica si spegne serenamente all'età di 11 anni, per morte cerebrale.[2]

Rapporto con il "fratello"[modifica | modifica wikitesto]

I rapporti tra Angelica e Marco sono stati altalenanti: inizialmente Marco, commosso e scioccato dal passato della bambina, si è preso molta cura di essa. Le ha cambiato il nome, da Angelina ad Angelica, poiché la bambina le ricordava un angelo.[3] Inoltre ha inventato per lei una fiaba intitolata Il principe del regno della pasta, che le ha raccontato ogni qualvolta che la bambina doveva subire delle iniezioni.

A questo iniziale idillio è però seguito un periodo di freddezza e di allontanamento. Marco, protestando per il ripetuto "condizionamento" subito dalla bambina, l'ha infatti abbandonata e trattata con freddezza per un periodo.

L'anime mostra alcune differenze rispetto al manga, per quanto concerne il rapporto tra Angelica e Marco. Ad esempio, è presente un intero episodio che racconta di come Angelica si sia slogata una caviglia durante un'esercitazione. Ricoverata in ospedale, la bambina chiede di partecipare a una pericolosa missione, che prevede il salvataggio di Claes, rapita dai terroristi dopo essersi finta la figlia di un senatore. Durante la missione, Angelica decide di andare da sola nella stanza in cui è nascosta Claes, e viene ferita. Claes, aggredendo l'uomo che ha sparato ad Angelica, le salva la vita. Successivamente, in ospedale, Angelica scoppia a piangere e sostiene che preferisce morire, piuttosto che continuare a essere trattata con indifferenza da Marco. Claes ha uno scatto d'ira e la colpisce con uno schiaffo. Henrietta convince Marco a visitare Angelica in ospedale, mentre le altre bambina si recano a osservare le stelle cadenti. Vedendo Marco, Angelica sorride e gli chiede di raccontarle la fiaba intitolata Il principe del regno della pasta.[4]

Dopo l'attentato in cui Angelica gli ha salvato la vita, Marco si riavvicina ad Angelica e la va a trovare quotidianamente in ospedale. Angelica gli chiede di poter vedere il suo vecchio cane Pelo e Marco, insieme a Giuseppe, si reca in provincia di Matera per recuperare il cane, affidato a dei parenti della bambina. Una volta portato Pelo davanti ad Angelica, questa inizia a piangere. Marco si scusa con lei, e la bambina inizia a raccontargli una fiaba: Il principe del regno della pasta, quindi muore tra le lacrime di Marco e dei suoi colleghi.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Angelica utilizza un fucile d'assalto Steyr AUG e una pistola Beretta Serie 81. Altre armi da lei utilizzate sono una Steyr TMP e una Steyr M-1A.

Missioni[modifica | modifica wikitesto]

Angelica partecipa all'azione che sventa il rapimento della vedova del responsabile del ponte sullo Stretto di Messina, organizzato dai terroristi del Movimento delle Cinque Repubbliche. Partecipa inoltre all'irruzione nella villa in cui sono nascosti i terroristi Cristiano e Pinocchio. L'ultima missione è quella che risulta fatale per la sua vita: Angelica salva infatti Marco da un'esplosione ma riporta gravi ferite e muore per morte cerebrale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Gunslinger Girl", manga edizione italiana numero 2 pag 140-142
  2. ^ "Gunslinger Girl", manga edizione italiana numero 9 pag 24-120
  3. ^ "Gunslinger Girl", manga edizione italiana numero 2 pag 150
  4. ^ "Gunslinger Girl", episodio 12 e episodio 13 della prima stagione.