Andrea Veggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Veggio
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 agosto 1923 a Manerba del Garda
Ordinato presbitero29 giugno 1947 dal vescovo Girolamo Cardinale
Nominato vescovo1º agosto 1983 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo8 settembre 1983 dal vescovo Giuseppe Amari
Deceduto6 giugno 2020 (96 anni) a Negrar di Valpolicella
 

Andrea Veggio (Manerba del Garda, 28 agosto 1923Negrar di Valpolicella, 6 giugno 2020) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Manerba del Garda, in provincia di Brescia e diocesi di Verona, il 28 agosto 1923.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Compì gli studi per il sacerdozio nel seminario vescovile di Verona.

Il 29 giugno 1947 fu ordinato presbitero per la diocesi di Verona dal vescovo Girolamo Cardinale.

Dopo l'ordinazione fu destinato alla parrocchia di Dossobuono come curato. Nel 1950 venne inviato come assistente del collegio vescovile, ma l'anno successivo fu chiamato in seminario come vicerettore fino al 1954, anno in cui venne nominato direttore spirituale del seminario di Roverè. Mantenne l'incarico fino al 1956, quando tornò a fare il vicerettore nel seminario maggiore.

Nel 1959 fu nominato dal vescovo Giuseppe Carraro arciprete-abate di Isola della Scala, dove restò fino al 1964. Nel frattempo, nel 1962, fu nominato anche canonico onorario del capitolo della cattedrale. Dal 1964 al 1972 fu rettore del seminario vescovile e degli istituti diocesani di formazione ecclesiastica.

Nel 1972 venne nominato pro-vicario generale della diocesi di Verona, per poi divenirne vicario generale nel 1976.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto 1983 papa Giovanni Paolo II lo nominò vescovo ausiliare di Verona e vescovo titolare di Velia. L'8 settembre successivo ricevette l'ordinazione episcopale, nella cattedrale di Santa Maria Matricolare in Verona, dal vescovo Giuseppe Amari, coconsacranti l'arcivescovo Andrea Pangrazio e il vescovo Maffeo Giovanni Ducoli.

Dal 18 settembre 1997 al 3 ottobre 1998, tra l'episcopato di Attilio Nicora e quello di Flavio Roberto Carraro, ricoprì l'incarico di amministratore apostolico della diocesi di Verona.

L'8 settembre 2001 papa Giovanni Paolo II accolse la sua rinuncia all'ufficio di vescovo ausiliare, presentata per raggiunti limiti di età[1] e si trasferì alla casa del clero di Verona.

Morì il 6 giugno 2020 presso la Casa del clero di Negrar.[2] Alla celebrazione esequiale, presieduta il 9 giugno dal vescovo di Verona Giuseppe Zenti, presero parte anche il vescovo di Concordia-Pordenone Giuseppe Pellegrini, veronese, insieme all'emerito Ovidio Poletto, l'arcivescovo di Trento Lauro Tisi, il vescovo di Bolzano-Bressanone Ivo Muser e l'arcivescovo Rino Passigato, anche lui veronese, già nunzio apostolico in Portogallo.[3] Il suo corpo è sepolto presso la Cripta dei Vescovi della cattedrale di Verona.[4]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia dell'Ausiliare di Verona (Italia), su press.vatican.va. URL consultato l'8 giugno 2020.
  2. ^ La scomparsa di mons. Andrea Veggio, già vescovo ausiliare, su Verona Fedele. URL consultato l'8 giugno 2020.
  3. ^ Anche l'arcivescovo Lauro a Verona per l'ultimo saluto al vescovo ausiliare Veggio, su diocesitn.it. URL consultato il 10 giugno 2020.
  4. ^ Diocesi di Verona - s.e. mons. Andrea Veggio è salito alla casa del Padre, su www.diocesiverona.it. URL consultato il 10 giugno 2020 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2020).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David M. Cheney, Andrea Veggio, in Catholic Hierarchy. Modifica su Wikidata
  • Andrea Veggio, su chiesacattolica.it, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 18 novembre 2021.
Predecessore Vescovo titolare di Velia Successore BishopCoA PioM.svg
Antonio Mazza 1º agosto 1983 – 6 giugno 2020 sede vacante