Alluvione di Genova del 9 e 10 ottobre 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alluvione di Genova
Stato Italia Italia
Luogo Liguria
Data 9 - 10 ottobre 2014
Tipo Alluvione
Morti 1
Motivazione Pioggia torrenziale

L'alluvione di Genova del 9 e 10 ottobre 2014 si è verificata a seguito di forti precipitazioni, che causarono circa 395 mm in 24 ore[1]. Nel comune Genova sono esondati i torrenti Bisagno, Sturla, Fereggiano, Noce, e Torbella , nella provincia di Genova lo Scrivia, lo Stura, l'Entella e il rio Carpi[2]. L'evento atmosferico ha interessato molte delle zone più popolose di Genova, tra cui i quartieri della media e bassa val Bisagno di Molassana, Staglieno, Marassi, Quezzi, San Fruttuoso, e moltissime zone del centro est cittadino tra cui la Stazione di Genova Brignole, la zona di Borgo Incrociati, il quartiere della Foce e molti punti del centro storico. Furono fortemente colpiti anche quartieri nel levante cittadino, tra cui Nervi, Apparizione e Sturla; oltre che alcuni quartieri a ponente, come Bolzaneto, Rivarolo, Sampierdarena, Cornigliano, Sestri Ponente, Multedo, Pegli e Voltri. In totale nella provincia di Genova sono stati quarantatré i comuni colpiti, tra cui Montoggio, Rossiglione, Masone, Campo Ligure, Bogliasco.

Cronologia degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

9 ottobre[modifica | modifica wikitesto]

Nel pomeriggio del 9 ottobre a Chiavari il torrente Entella esonda alla foce, in un'area di sicurezza senza danni. Alle ore 21 a Montoggio, comune in provincia di Genova, il rio Carpi e lo Scrivia, i danni sono ingenti. A causa degli allagamenti manca la corrente elettrica, l'acqua raggiunge il primo piano delle case, trascina alcune auto con persone bloccate all'interno dalla pressione dell'acqua esterna e tre persone vengono tratte in salvo[3]. Nel comune di Genova nella mattinata si verificano precipitazioni intense. Nel pomeriggio le precipitazioni si fermano, per poi riprendere a tarda sera e poi con intensità la notte. Alle ore 23.30 circa esonda il torrente Bisagno. L'acqua invade le strade e trascina auto parcheggiate. Sino alle tre di notte, a causa degli allagamenti, parte della città rimane senza corrente. In alcune zone l'interruzione si prolunga per uno-due giorni. Anche il rio Fereggiano, che determinò l'alluvione del 2011, esonda e allaga la zona di via Fereggiano e di corso Sardegna. Le acque del torrente Bisagno arrivano sino all'altezza di un metro e ottanta e trascinano molte auto incastrandole nei pressi dei tunnel pedonali e stradali accanto alla stazione Brignole.

10 ottobre[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo la mezzanotte il torrente Sturla esonda allagando numerose strade e trascinando auto in sosta[4]. E verso le 00.30 la zona di Brignole è interamente allagata, come nell'alluvione 2011 e nelle varie precedenti, l'acqua invade anche la seconda parte verso valle di via XX Settembre. Poco dopo alle ore 00.45, i vigili del fuoco recuperano il corpo di un uomo, morto annegato, nel tunnel allagato tra via Canevari e la stazione Brignole[5] che verrà identificato due ore dopo. Alle ore 01.00 circa i vigili del fuoco traggono in salvo una persona, intrappolata in auto, pochi metri fuori dal tunnel tra via Canevari e la stazione Brignole, incastrata tra le altre trascinate dal Bisagno. L'autostrada A12 viene chiusa tra Bivio A12/A7 Milano-Genova e Genova Nervi per l'allagamento di Corso Europa in direzione Genova alle ore 02.00.

11 ottobre[modifica | modifica wikitesto]

Nelle prime ore dell'11 ottobre un nubifragio colpisce il ponente di Genova in particolar modo Cornigliano, Coronata, Sestri Ponente, Multedo, Pegli, Voltri, con allagamenti. A Cornigliano il Polcevera, a Pegli il Varenna e a Voltri il Leira superano i livelli di guardia. Anche l'entroterra di Genova viene colpito da piogge intense tra Campo Ligure, dove esonda il torrente Ponzema affluente dello Stura[6], Masone e Rossiglione. Verso le ore 03.00 circa un ulteriore nubifragio, con forti raffiche di vento si abbatte sul centro di Genova, in particolare nei quartieri del medio levante e nella val Bisagno. Piogge intense e violente a volte con grandine. Si teme una nuova esondazione del Bisagno e del Ferreggiano, che tuttavia permangono nei limiti. Alle ore 03.30 a Rivarolo esonda il Torbella. Alle ore 04.00 circa a San Fruttuoso, esonda nuovamente il rio Noce[7]. Il temporale, col passare delle ore, colpisce sempre più il levante. Prima a quello genovese: Foce, Sturla, Nervi e poi quello ligure, il Golfo Paradiso, il Golfo del Tigullio e il loro entroterra[8]. Alle ore 12.00 la Protezione Civile dichiara lo stato di "allerta 2" (livello massimo) sino alle ore 24 di lunedì 13 ottobre 2014 per tutte le provincie liguri esclusa quella di Imperia[9].

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Il letto del torrente

L'esondazione del torrente Bisagno ha causato una vittima: un uomo di 57 anni, trovato annegato dai Vigili del Fuoco nel tunnel tra via Canevari e la stazione Brignole alle ore 01.06 del 10 ottobre[10][11]. Il Comune di Genova ha proclamato il lutto cittadino per il 16 ottobre 2014, giornata in cui si sono svolti i funerali dell'uomo.

I danni calcolati secondo le stime, per ora, ammontano a 250 milioni di euro. Nella stima, 25 soltanto per la città di Genova. Gli altri comuni alluvionati sono stati quarantatré, in provincia di Genova. Quattro i comuni in provincia di La Spezia. Montoggio è il comune più colpito dopo Genova. Le risorse per le imprese alluvionate ammontano a 40 milioni[12].

Con lo stabilizzarsi delle condizioni meteo, nei luoghi dell'alluvione, la città ha visto il manifestarsi di una forte reazione di spotanea solidarietà sociale con la partecipazione della popolazione, tra cui numerosi i giovani e i ragazzi[13][14][15], che hanno preso parte a soccorrere e aiutare i colpiti e riportarla alla normalità. Nei giorni successivi molti volontari, indicati storicamente dai mass media come "angeli del fango", in cui vi erano persone di ogni età, cittadini genovesi, danneggiati dell'alluvione, immigrati, persone arrivate da altre parti d'Italia[16][17], uomini della protezione civile, vigili del fuoco e i dipendenti comunali, hanno ripulito le strade e la maggior parte delle strutture colpite.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Forti precipitazioni[modifica | modifica wikitesto]

La causa scatenante dell'evento è nelle forti precipitazioni, 395 mm in 24 ore[1], verificatesi in un'area ristretta tra il 9 ottobre e il 10 ottobre e in diverse zone di Genova e provincia, causando la conseguente esondazione del torrente Bisagno e degli altri corsi d'acqua coinvolti. Un evento meteorologico di ampie proporzioni, aggravato dal forte temporale auto rigenerante[18]. L'incontro-scontro dei due flussi, quello di aria calda, con quello di aria fredda è la causa del V-shape thunderstorm , così detto, nella lingua inglese, per la sua forma a V e detto anche autorigenerante. Dall'esame dei dati dei venti, i sudoccidentali a quote superiori ai 700 hPa[1] e i meridionali a 850 hPa[1] nei bassi strati (925 e 1000 hPa)[1], si può comprendere come dall'incontro tra le correnti fredde settentrionali del vento di Tramontana dalla pianura padana e quelle caldo umide meridionali del vento di Scirocco dal Tirreno, sia venuto a verificarsi un microfronte stazionario[1] In pratica uno stallo dovuto al flusso d'aria dovuto al moto convettivo delle correnti. Le correnti rimanevano bloccate, sulla zona.Conseguenza era che le precipitazioni temporalesche così si auto alimentavano e ricadevano sulla stessa zona[1].

Urbanizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Veduta aere della zona della Foce

A partire dalla seconda metà degli anni 1920, il territorio, ove prima era una minore presenza di edifici, è stato interessato dall'espandersi della città. Sì è verificata anche una tombinatura di rivi sopra cui sono stati anche costruiti edifici e strutture. L'espandersi della città e l'intervento della copertura del Bisagno degli anni trenta, hanno costituito un fattore di incremento della criticità[19].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g analisi evento 9-13 ottobre 2014, www2.arpa.piemonte.it. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  2. ^ ilsecoloxix.it, Esondati Sturla, Scrivia, Bisagno e Fereggiano, ilsecoloxix.it. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  3. ^ genova24.it, Montoggio, esonda torrente: auto travolte, salvate tre persone. Scuole chiuse , genova24.it. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  4. ^ Tgcom24, Alluvione a Genova, esondano i torrenti: un morto a Brignole, auto travolte dalle acque, tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  5. ^ ilsecoloxix.it, Alluvione a Genova: una vittima in via Canevari, ilsecoloxix.it. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  6. ^ genovatoday.it, Alluvione Genova Campo Ligure: esondato Ponzema, genovatoday.it. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  7. ^ genovatoday.it, Alluvione Genova: non c'è tregua, violento temporale sul ponente, genovatoday.it. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  8. ^ ilsecoloxix.it, Levante, viabilità in crisi e chiusura delle scuole , ilsecoloxix.it. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  9. ^ genovatoday.it, Allerta 2 prolungata fino alle 24 di lunedì, genovatoday.it. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  10. ^ Ancora una vittima: infermiere muore travolto dalla piena del Bisagno, in ilsecoloxix.it, 10 ottobre 2014.
  11. ^ Stefano Origone, Donatella Alfonso, Giuseppe Filetto, Genova, la nuova alluvione, una vittima a Borgo Incrociati, scuole e strade chiuse, in Repubblica.it Genova, 10 ottobre 2014. URL consultato il 10 ottobre 2014.
  12. ^ Alluvione, chiesto lo stato di emergenza, su regione.liguria.it, Giornale della Giunta, 17 ottobre 2014. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  13. ^ Donatella Alfonso, Stefano Origone, Bruno Persano, Ava Zunino, Alluvione a Genova, è ancora allerta. Rabbia e barricate, gli 'angeli del fango' lavorano tra 300 milioni di danni, in La Repubblica, 11 ottobre 2014.
  14. ^ Beppe Severgnini, Quando l'impegno da fiducia: Genova, il grande esempio di tanti ragazzi, in Corriere della Sera, 13 ottobre 2014.
  15. ^ Emanuele Rossi, I ragazzi di Genova, il riscatto nel fango, in Il Secolo XIX, 15 ottobre 2014.
  16. ^ Genova contro la polemica razzista: "Molti immigrati fra gli angeli del fango, in tgcom24, 13 ottobre 2014.
  17. ^ Genova, nelle strade tornano gli angeli del fango: centinaia di volontari in azione, in rainews, 13 ottobre 2014.
  18. ^ Raoul de Forcade, Ancora una volta Genova va sott'acqua, in Il Sole 24 Ore, 11 ottobre 2014. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  19. ^ L'alluvione di Genova possibili cause e considerazioni

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piano di Bacino del Torrente Bisagno 4 dicembre 2001, Provincia di Genova, cartogis.provincia.genova.it, 4 dicembre 2001. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  • Ing.Paolo Tizzoni, Relazione sul torrente Bisagno (PDF), sinistraeuropeagenova.files.wordpress.com, 8 novembre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  • Jacopo Gilnberto, Bisagno, un torrente che inganna, in Il sole 24 ore, 11 ottobre 2014.
  • Paolo Virtuani, Bisagno, la ribellione del fiume «condannato all’oblio» Renzo Rosso, docente di ingegneria idraulica: «L’intero sistema idraulico di Genova sta andando in tilt. Il progetto del canale scolmatore è inadeguato», in Corriere della Sera, 10 ottobre 2014.
  • Renzo Rosso, Bisagno. Il fiume nascosto, Marsilio, 2014, ISBN 978-88-317-1790-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]