Alessandro Mendini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Mendini (2008)
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1979
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1981
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014
Premio European Prize for Architecture 2014

Alessandro Mendini (Milano, 16 agosto 1931Milano, 18 febbraio 2019[1]) è stato un architetto, designer e artista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Mendini, laureatosi in Architettura al Politecnico di Milano nel 1959, dalla fine degli anni settanta fu tra i rinnovatori del design italiano, sia come intellettuale teorico sia come membro autorevole del gruppo Alchimia. Lavorò quindi per numerose aziende quali Alessi[2] (creando tra l'altro il cavatappi Alessandro M), Venini[3], Bisazza[4], Cartier[5], Hermès, Vacheron Constantin, Supreme NYC, Swatch[6], Swarovski, ecc.

Molto conosciuti sono anche i suoi mobili, tra i quali la collezione Museum Market del 1993 e la poltrona Proust, esposta in diverse collezioni permanenti quali la Triennale Design Museum e il Museo delle arti di Catanzaro[7][8].

Alessandro Mendini ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui il premio del design industriale italiano Compasso d'Oro nel 1979; nel 1981 insieme allo studio Alchimia e nel 2014 per il lavoro della sua vita[9][10][11]. Diresse molte riviste di architettura tra le quali Domus, Casabella e Modo da lui stesso fondata.

Nell'anno 1989 fondò insieme al fratello Francesco l'Atelier Mendini[12].

Svolse più volte il ruolo di consulente per l'urbanistica di alcune amministrazioni locali in Corea del Sud e in Italia assieme a Franco Summa[13].

Il suo lavoro fu oggetto di esposizioni museali[14], citate in articoli e saggi. Per il valore della sua opera venne nominato Chevalier des Arts et des Lettres in Francia. Ricevette l'onorificenza dell'Architectural League di New York, la laurea honoris causa al Politecnico di Milano e l'European Prize for Architecture Awards nel 2014[15].

Collaborò con l'azienda Samsung allo scopo di creare alcune watchfaces per il loro smartwatch di punta: il Gear S2.


"Anche se non hai mai sentito parlare di Alessandro Mendini, sei stato comunque influenzato dal suo lavoro. Le nostre vite sarebbero diverse senza di lui".

- Alice Rawsthorn - Direttore, London Design Museum.


"Alessandro Mendini è uno dei rari, iconici architetti nella storia dell'arte e dell'architettura, profondamente influenzato da Leonardo Da Vinci, Palladio, Alberti e Ledoux. Il suo pensiero filosofico è più che originale. Mendini ha spinto il pensiero oltre i perimetri dell'inventiva, cercando incessantemente, senza compromessi, l'idea di Design più essenziale. E i risultati si concentrano sul più visionario e grande progettista dei nostri tempi. In un'epoca in cui le idee architettoniche sono copiate e riprodotte in tutto il mondo con una velocità "virale", Mendini e le sue opere rimangono singolari, profetiche e originali con l'impronta unica di un geniale architetto ".

- Christian Narkiewicz-Laine - Presidente del Museo del Chicago Athenaeum.


Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Groninger museum 1989

Progettò e realizzò numerosissimi edifici pubblici sia in Italia che in vari paesi del mondo; delle sue opere si ricordano tra le altre:

Design industriale[modifica | modifica wikitesto]

RAMUN amuleto 2010
Alessandro Mendini Poltrona di Proust Studio Alchimia 1979 Musée des arts décoratifs Paris.jpg
Proust Chair 1978

Realizzò famosi arredi nel settore del design industriale, tra i quali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Mendini, Museo di Omegna, in Area, n. 45, luglio-agosto 1999, pp. 126-129 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  • L'antropologia dell'oggetto, Intervista di Damiano Gullì, Flash Art Italia, n. 282, Aprile 2010[1]
  • (ENIT) Marco Meneguzzo e Andrea La Porta, Lo sguardo espanso. Cinema d'artista italiano 1912-2012, a cura di Bruno Di Marino, Milano, Silvana Editoriale, 2012, ISBN 978-88-366-2546-8.
  • Alessandro Mendini, Scritti di domenica, Postmedia Books, Milano 2016
  • Autori Vari, Mendini Atelier. Alfabeti visivi, polifonie, utopie. Lezioni di Architettura e Design, vol.15, Corriere della Sera, Milano 2016


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore di Casabella Successore
Gian Antonio Bernasconi 1970-1976 Bruno Alfieri
Predecessore Direttore di Domus Successore
Gio Ponti e Cesare Casati luglio 1979 - dicembre 1984 Lisa Licitra Ponti I
Flavio Albanese aprile 2010 - marzo 2011 Joseph Grima II
Controllo di autoritàVIAF (EN113540568 · ISNI (EN0000 0000 8181 4428 · SBN IT\ICCU\CFIV\110030 · LCCN (ENn82015997 · GND (DE119037882 · BNF (FRcb125675656 (data) · ULAN (EN500013850 · NDL (ENJA00471522 · WorldCat Identities (ENlccn-n82015997