76º Reggimento fanteria "Napoli"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
76º Reggimento fanteria "Napoli"
Stemma araldico del 76º Reggimento fanteria "Napoli"
Stemma araldico del 76º Reggimento fanteria "Napoli"
Descrizione generale
Attiva1859 - 1943
1958 - 1986
NazioneRegno di Sardegna Regno di Sardegna
Italia Italia
Italia Italia
ServizioFlag of the Kingdom of Sardinia (1848-1851).svg Armata Sarda
Flag of Italy (1860).svg Regio esercito
Coat of arms of the Esercito Italiano (1991-2014).svg Esercito Italiano
TipoFanteria
DimensioneReggimento
Motto"Con l'ardire la gloria"
Battaglie/guerreGuerra italo-turca
prima guerra mondiale
seconda guerra mondiale
DecorazioniCroce di cavaliere dell'Ordine Militare d'Italia

Medaglia d'argento al valor militare Medaglia d'argento al valor militare Medaglia di bronzo al valor militare

Medaglia d'argento al valore dell'esercito Medaglia d'argento al valor civile Medaglia d'argento di benemerenza
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 76º Reggimento fanteria "Napoli" è stata un'unità dell'esercito italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Trae origini dal 6º Reggimento Granatieri costituito a Firenze il 16 aprile 1861 che insieme al 4º Reggimento della Brigata "Granatieri di Lombardia" serve a costituire la Brigata "Granatieri di Napoli".

Con l'attuazione della legge 11 marzo 1926 sull'ordinamento dell'esercito, il Reggimento viene sciolto. Viene ricostituito nel febbraio 1935 e un mese dopo assume il nome di 146º Reggimento e viene sciolto nuovamente il 26 dicembre 1936. Viene nuovamente ricostituito il 20 maggio 1937 come 76º Reggimento Fanteria "Napoli" ed assegnato alla XXVIII Brigata di Fanteria. Il 15 aprile 1939 con la denominazione di 76º Reggimento Fanteria "Napoli" ed entra a far parte della Divisione di Fanteria "Napoli" (54a) assieme al 75º Reggimento Fanteria e al 54º Reggimento Artiglieria per d. f.

Guerra 1940-43

1940 - Il 10 giugno 1940 il reggimento ha in organico: comando e compagnia comando, tre battaglioni fucilieri, compagnia mortai da 81, batteria armi di accompagnamento da 65/17.

1942/43 - Si trova dislocato in Sicilia e qui viene sciolto nel luglio 1943, per eventi bellici, dopo aver opposto strenua resistenza nel corso dello sbarco delle unità alleate.

Nella prima guerra mondiale (1915-1918)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: II Corpo d'armata italiano in Francia.

Nella seconda guerra mondiale (1939-1945)[modifica | modifica wikitesto]

Con l'attuazione della legge 11 marzo 1926 sull'ordinamento dell'esercito, il Reggimento viene sciolto. Viene ricostituito nel febbraio 1935 e un mese dopo assume il nome di 146º Reggimento e viene sciolto nuovamente il 26 dicembre 1936. Viene nuovamente ricostituito il 20 maggio 1937 come 76º Reggimento fanteria "Napoli" ed assegnato alla XXVIII Brigata di Fanteria. Il 15 aprile 1939 con la denominazione di 76º Reggimento fanteria "Napoli" ed entra a far parte della 54ª Divisione fanteria "Napoli" assieme al 75º Reggimento fanteria e al 54º Reggimento artiglieria per d. f.

1940 - Il 10 giugno 1940 il reggimento ha in organico: comando e compagnia comando, tre battaglioni fucilieri, compagnia mortai da 81, batteria armi di accompagnamento da 65/17.

1942/43 - Si trova dislocato in Sicilia e qui viene sciolto nel luglio 1943, per eventi bellici, dopo aver opposto strenua resistenza nel corso dello sbarco delle unità alleate.

Il sottotenente Mario Ferrari e il plotone sminatori del II Battaglione, 76 Reggimento fanteria "Napoli", Divisione meccanizzata "Mantova"- I due soldati rispettivamente a destra e a sinistra del sott. Ferrari hanno in mano una "tellermine" tedesca

Perse le capacità operative e ridotto a poche centinaia di uomini, intorno al 10 agosto il reggimento, con i resti della Divisione, raggiunge la Calabria dove lo coglie l'armistizio.

Superato lo sbandamento, dal 30 ottobre del 1943 entra nei ranghi della Divisione "Mantova" (104^), assumendone il nome.

Tempi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Assegnato al Gruppo di combattimento "Mantova" seguì le sorti della grande unità e restò inserito nella stessa Divisione fino al 31 ottobre 1975, dopodiché a seguito della ristrutturazione si sciolse per costituire il 76º Battaglione meccanizzato "Napoli" a Cividale Del Friuli(UD) per la Brigata meccanizzata "Isonzo". Il 6 agosto del 1992 fu nuovamente elevato a livello reggimento. Il 76º Reggimento fanteria meccanizzata "Napoli" partecipò con onore alle operazioni di ordine pubblico.

L'unità fu impegnata nel 1992 in Sardegna nella operazione Forza Paris e nella operazione Vespri Siciliani (dal maggio 1993 all'8 luglio 1998) per ordine pubblico nelle province di Enna, Caltanissetta e Agrigento. Partecipò alla operazione Testuggine con pattugliamenti con compiti di pubblica sicurezza alla frontiera italo-slovena (dal 16 agosto 1993 al 28 febbraio 1995). Il 31 luglio del 1997 si sciolse.

Verità o leggende[modifica | modifica wikitesto]

Venne denominato l'Inferno Bianco, in quanto girava voce che, in epoca remota, fosse stata trafugata la Bandiera di Guerra e pertanto la caserma era divenuta punitiva. Come in tutti i reparti di fanteria, l'addestramento prevedeva esercitazioni di assalto squadra-plotone, complesso minore (compagnia accompagnata da squadra mortai e supporto aereo) e gruppo tattico. Di fatto i militari di leva, che arrivavano in scaglioni trimestrali, venivano addestrati duramente, con esercitazioni continue, anche durante la notte, e negli anni '90 erano destinati ad operazioni di ordine pubblico in tutto il territorio nazionale, è altresì importante sapere che lo scaglione del mese di novembre (11°), gli scaglioni erano : 3° (marzo), 7° (luglio), 11° (novembre); veniva chiamato lo scaglione del freddo, proprio perché l'addestramento avanzato per esso, cominciava esattamente in inverno, con temperature notturne anche di oltre -20 gradi. Per questo motivo l'undicesimo era considerato lo scaglione che più soffriva la durezza dell'addestramento. L'ultimo scaglione del freddo è stato 11° del 1996.

Fregio dell'Arma di Fanteria dell'Esercito Italiano (usato per la Fanteria di Linea)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 76º Reggimento fanteria "Napoli" è decorato delle seguenti onorificenze:

Decorazioni alla bandiera di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Croce di cavaliere dell'Ordine Militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Croce di cavaliere dell'Ordine Militare d'Italia
«Conferita con R.D. il 5 giugno 1920

Nei duri cimenti della guerra, nella tormentata trincea o nell'aspra battaglia,conobbe ogni limite di sacrificio e di ardimento; audace e tenace , domò infaticabilmente i luoghi e le fortune, consacrando con sangue fecondo la romana virtù dei figli d'Italia.»
— Guerra 1915-18[1][2]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Combattendo con grande valore conquistò trincee e tolse al nemico prigionieri, armi e munizioni, milgrado incessanti e violenti contrattacchi (Monfalcone 14 - 30 giugno 1916). Il I battaglione con vigoroso slancio, conquistando un forte trinceramento, preparò la vittoriosa avanzata della brigata sulla fronte di S. Grado (1º novembre 1916)»
— Bollettino Ufficiale, del 5 gennaio 1917
Medaglia d'argento al valore dell'esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valore dell'esercito
Medaglia d'argento al Valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al Valor civile
immagine del nastrino non ancora presente Medaglia d'Argento di Benemerenza

Decorati[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Scudo : troncato d'oro e di rosso. In cuore uno scudetto partito: nel primo d'argento a due rami fogliati di verde, posti in cerchio (Reims), al capo d'azzurro seminato di fiordalisi d'oro; nel secondo d'azzurro al bastione d'oro murato di nero, aperto del campo e munito di due torri laterali cimate: quella di destra da una banderuola di rosso, quella di sinistra da un leone d'oro (Acireale).

Corona turrita

Ornamenti esteriori: lista bifida: d'oro, svolazzante, collocata sotto la punta dello scudo, incurvata con la concavità rivolta verso l'alto, riportante il motto: "CON L'ARDIRE LA GLORIA".

onorificenza: accollata alla punta dello scudo con l'insegna dell'Ordine Militare d'Italia pendente al centro del nastro con i colori della stessa.

nastri rappresentativi delle ricompense al Valore:

Insegne e simboli del 76º Reggimento fanteria "Napoli"[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Reggimento indossava il fregio della fanteria (composto da due fucili incrociati sormontati da una bomba con una fiamma dritta).Al centro nel tondino è riportato il numero "76".
  • Le mostrine del reggimento erano rettangolari di colore bianco con una striscia nel senso longitudinale di color cremsi. Alla base della mostrina si trova la stella argentata a 5 punte bordata di nero, simbolo delle forze armate italiane.

Prima compagnia: sparviero

Seconda compagnia: grifone

Terza compagnia: condor

Quarta compagnia aquile (mortai pesanti o armi di sostegno)

Compagnia Comando (CCSR) : Falchi

Motto del Reggimento[modifica | modifica wikitesto]

"Con l'ardire la gloria"

Canzone del Reggimento[modifica | modifica wikitesto]

"se non ci conoscete guardateci su viso noi siamo i fucileri del comando d'assalto, bombe a man e carezze sul pugnal, bombe a man e carezze sul pugnal Se non ci conoscete guardateci sul viso, noi veniamo dall'inferno bianco e andiamo in paradiso, bombe a man e carezze sul pugnal, bombe a man e carezze sul pugnal il parà e il fuciliere giocavano scopone e vinse il fuciliere con l'asso di bastone, bombe a man e carezze sul pugnal, bombe a man e carezze sul pugnal il fuciliere è pericolo di morte bombe a man e carezze ecc..." Questo stornello in realtà appartiene alla tradizione dei Reparti d'Assalto (Arditi) della I Guerra Mondiale, poi tramandato ai paracadutisti.

Festa del Reggimento[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate al Reggimento[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Viglione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'ordine militare venne assegnato a quasi tutte le unità di fanteria che parteciparono alla prima guerra mondiale.
  2. ^ Scheda dal sito del Quirinale - visto 18 ottobre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]