Ángel Bossio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ángel Bossio
AngelBossio-2.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 178 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Carriera
Giovanili
1920 Banfield
1922 Talleres (RdE)
1923 Progresista
Squadre di club1
1924-1932 Talleres (RdE) [1]
1932-1936 River Plate 106 (-?)
1937-1938 Talleres (RdE) 80 (-?)[1]
Nazionale
1927-1935 Argentina Argentina 21 (-?)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Amsterdam 1928
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Argento Uruguay 1930
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Perù 1927
Oro Argentina 1929
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ángel Bossio (Banfield, 5 maggio 1905Banfield, 31 agosto 1978) è stato un calciatore argentino, di ruolo portiere.

Fu soprannominato La maravilla elástica per la sua agilità e i suoi riflessi.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bossio cominciò a giocare a calcio a quindici anni, nel 1920, col Banfield. Nel 1922 andò al Talleres e anni dopo al Progresista.[2]

Nel 1924 tornò al Talleres, dove ebbe la sua consacrazione.[2][3] Con la squadra nel 1935 ottenne la promozione in Primera División e nel 1930 raggiunse il 5º posto in classifica.[4]

Andò al River Plate nel 1932, dove in 3 anni giocò 106 partite e vinse un campionato, lo stesso anno in cui arrivò alla squadra[2]. Chiuse la sua carriera ritornando al Talleres, dove giocò un anno per poi ritirarsi, complice un vecchio infortunio al ginocchio sinistro.[2]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Bossio giocò con la Nazionale argentina per 5 anni, dal 1927 al 1935, in cui giocò in totale 21 incontri.[3] Vinse con la nazionale la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Amsterdam, il secondo posto al Campionato mondiale del 1930 in Uruguay e vinse la Copa América due volte, nel 1927 e nel 1929.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Totale dei due periodi con la maglia del club
  2. ^ a b c d e (ES) Recordando a "La Maravilla Elástica": 31 años del fallecimiento de Ángel Bosio, talleresdeescalada.blogspot.it, 31 agosto 2009. URL consultato il 28 marzo 2012.
  3. ^ a b c (ES) Ángel Bossio, "La maravilla elástica", en Ayacucho (1929), historiadelfutbolayacuchense.blogspot.it, 2 marzo 2011. URL consultato il 28 marzo 2012.
  4. ^ (ES) Aniversario: Talleres de Remedios de Escalada. Un club centenario, Clarín, 2 febbraio 2006. URL consultato il 28 marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]