Alberto Cuello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Cuello
Alberto Cuello (River) - El Gráfico 675.jpg
Nazionalità Argentina Argentina
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1941
Carriera
Squadre di club1
1928-1931Tigre97 (3)
1932-1941River Plate195 (0)
Nazionale
1929-1937 Argentina Argentina 6 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alberto Cuello (Tucumán, 23 settembre 1908 – ...) è stato un calciatore argentino, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come difensore centrale sinistro.[1] Era anche dotato di buona abilità nel tirare i calci di punizione.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Tucumán,[3] Cuello esordì a vent'anni nel Tigre, società di Victoria. Con il club rosso-blu si mise in evidenza sin dalla giovane età, giacché fu convocato in Nazionale nel 1929, e prese parte al Concurso Estímulo 1929 e alla Primera División del 1930. Partecipò anche alla prima edizione del campionato professionistico con il Tigre, confermandosi come titolare del club; delle 34 gare del torneo Cuello ne disputò 26, e segnò in due occasioni: contro il Talleres, con un calcio di punizione, e contro il River Plate, nuovamente su punizione dal limite dell'area.[2] In seguito al termine del campionato fu ceduto dal Tigre al River Plate, insieme al compagno di squadra Bernabé Ferreyra. Cuello divenne titolare anche al River Plate, giocando spesso come difensore destro, affiancato da svariati compagni: Juan Carlos Iribarren, Roberto Basílico, Teófilo Juárez, Luis Vassini e Ricardo Vaghi.[4] Il 19 novembre 1933 fu autore del primo autogol in un Superclásico, la partita tra River e Boca Juniors.[5] Fu anche partecipe dei due titoli vinti consecutivamente nel 1936 e 1937, sotto la guida del tecnico ungherese Imre Hirschl. Nel 1941 integrò la formazione del River che fu, in seguito, soprannominata La Máquina. In quell'anno vinse il suo ultimo titolo nazionale e si ritirò dall'attività.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cuello arrivò in Nazionale nel 1929: in quell'anno fu convocato per il Campeonato Sudamericano in qualità di difensore di riserva.[6] In quella competizione, difatti, non debuttò mai.[6] Il suo esordio in Nazionale avvenne invece il 25 maggio 1930, nell'incontro con l'Uruguay valido per la Copa Newton, tenutosi all'Estadio Gasómetro di Buenos Aires.[7] Giocò poi tre amichevoli – tutte con l'Uruguay – nel biennio 1933-1934, due di esse a Montevideo e una ad Avellaneda.[7] Nel 1936 partecipò alla Copa Héctor Gómez.[7] Nel 1937 fu nuovamente chiamato a partecipare a un Campeonato Sudamericano; selezionato dal commissario tecnico Seoane, Cuello fu ancora inserito tra le riserve.[8] Debuttò il 9 gennaio contro il Paraguay, sostituendo al 53º minuto il compagno di squadra Iribarren.[8]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
25/05/1930 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Uruguay Uruguay Copa Newton 0
14/12/1933 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole 0
18/07/1934 Montevideo Uruguay Uruguay 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole 0
15/08/1934 Avellaneda Argentina Argentina 1 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole 0
20/11/1936 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 2 Argentina Argentina Copa Héctor Gómez 0
09/01/1937 Buenos Aires Argentina Argentina 6 – 1 Paraguay Paraguay Campeonato Sudamericano de Football 0 Entra al 53º
Totale Presenze 6 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 1932, 1936, 1937, 1941

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Argentina 1929, Argentina 1937

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Nahuel Trasmonte, A llorar en Alvear, in Olé, 19 novembre 2011. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  2. ^ a b (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy, Liga Argentina de Football - 1ª División - 1931 (PDF), estadisticasfutbolargentino.com. URL consultato il 15 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  3. ^ (ES) Antecedentes de jugadores de TIgre en la Selección (PDF), in Tigre Manía, maggio 2011. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  4. ^ (EN) Pablo Ciullini, Superclásicos - Boca Juniors vs River Plate - Professional Era, RSSSF. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  5. ^ (ES) El primero en hacer un gol en contra, El Periódico Austral, 16 maggio 2011. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  6. ^ a b (EN) Southamerican Championship 1929, RSSSF. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  7. ^ a b c (EN) Alberto Cuello, 11v11.com. URL consultato il 15 dicembre 2011.
  8. ^ a b (EN) Southamerican Championship 1937, RSSSF. URL consultato il 4 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy; Sergio Lodise, Fútbol argentino: Crónicas y Estadísticas Asociación Amateurs Argentina de Football Primera División - 1928, estadisticasfutbolargentino.com, p. 121.
  • (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy; Sergio Lodise, Fútbol argentino: Crónicas y Estadísticas Asociación Amateurs Argentina de Football Primera División - 1929, estadisticasfutbolargentino.com, p. 78.
  • (ES) Luis Colussi; Carlos Guris; Víctor Kurhy; Sergio Lodise, Fútbol argentino: Crónicas y Estadísticas Asociación Amateurs Argentina de Football Primera División - 1930, estadisticasfutbolargentino.com, p. 121.
  • (ES) Diego Estévez; Sergio Lodise, 105. Historia de un siglo rojo y blanco, Ediciones Continente, ISBN 978-950-754-198-8.
  • (ES) Hugo Martínez de León, El Superclásico. Boca-River: Historia y secretos de una pasión, LibrosEnRed, 2005, pp. 256, ISBN 1-59754-076-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]