Xantina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xantina
Struttura della xantina
Struttura 3D della xantina
Nome IUPAC
3,7-diidropurina-2,6-dione
Nomi alternativi
1H-purina-2,6-dione
2,6-diidrossipurina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C5H4N4O2
Massa molecolare (u) 152,11
Aspetto solido bianco
Numero CAS [69-89-6]
PubChem 1188
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,637
Solubilità in acqua 69 mg/L (16 °C)
Temperatura di fusione 300 °C (573,15 K)
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 500 (topo, intraperitoneale) [1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 317 - 319
Consigli P 280 - 305+351+338 [2]

La xantina (3,7-diidropurina-2,6-dione) è una base purinica. In natura esiste come derivato metilato sui vari atomi di azoto, costituendo un gruppo di alcaloidi chiamati metilxantine. Esempi di questi sono le xantine contenute nel caffè (caffeina) e nel tè (teofillina), come anche alcune sostanze impiegate in farmacologia come broncodilatatori: ad esempio la stessa teofillina e l'etofillina.

Metabolismo[modifica | modifica wikitesto]

La xantina può derivare:

A sua volta la xantina, assieme all'ipoxantina ed alla guanina può essere salvata da enzimi chiamati fosforibosil-trasferasi (es. la HGPRT) ed essere processata (come xantosina monofosfato o XMP) per risintetizzare le basi puriniche. - è molto importante in quanto inibisce le fosfodiesterasi e così aumenta localmente la concentrazione di cAMP(mediatore intracellulare di adrenalina)e cGMP, ciò va a potenziare l'attività delle lipasi, quindi è favorita la mobilizzazione di lipidi di deposito, [attività lipo-litica]. Le xantine più importanti sono la caffeina( nella camelia sinensis e coffea arabica), tebromina e teofillina( nella camelia sinensis, cacao amaro).

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

Persone con rare disfunzioni genetiche possono avere una carenza di xantina ossidasi e non possono convertire la xantina in acido urico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Xanthine
  2. ^ Sigma Aldrich; rev. del 26.10.2012
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia