Volo Avianca 52

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Volo Avianca 52
Boeing 707 della Avianca simile a quello coinvolto nell'incidente
Boeing 707 della Avianca simile a quello coinvolto nell'incidente
Tipo di evento Incidente
Data 25 gennaio 1990
Tipo Esaurimento del carburante
Luogo Cove Neck (Long Island - New York)
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Coordinate 40°52′48″N 73°29′43″W / 40.88°N 73.495278°W40.88; -73.495278Coordinate: 40°52′48″N 73°29′43″W / 40.88°N 73.495278°W40.88; -73.495278
Tipo di aeromobile Boeing 707-321B
Operatore Avianca
Numero di registrazione HK 2016 (ex N423PA)
Partenza Aeroporto Internazionale El Dorado Bogotà, Colombia
Scalo intermedio Aeroporto Internazionale José María Córdova Medellin, Colombia
Destinazione Aeroporto John Fitzgerald Kennedy International New York, Stati Uniti
Passeggeri 149
Equipaggio 9
Vittime 73
Feriti 85
Sopravvissuti 85
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America

[senza fonte]

voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il Volo Avianca 52 era un volo internazionale operato dalla compagnia aerea colombiana Avianca tra Bogotà a New York. Il 25 gennaio 1990 un Boeing 707 operante questo volo si schiantò nella località di Cove Neck, a Long Island, vicino a New York, provocando la morte di 73 persone e il ferimento di 85.

Dinamica dell'incidente[modifica | modifica sorgente]

La sera del 25 gennaio 1990 il tempo atmosferico attorno all'aeroporto John Fitzgerald Kennedy di New York era pessimo: nebbia, pioggia, windshear e molto vento. I cieli circostanti la struttura aeroportuale erano inoltre saturi di traffico aereo in partenza e in arrivo. In questa situazione il volo 52 dell'Avianca, proveniente da Bogotà, che sarebbe dovuto atterrare a New York alle ore 20.50, si trovava bloccato in volo, con poco carburante ancora a disposizione.

I piloti contattarono la torre di controllo chiedendo il permesso atterrare, specificando di avere poca autonomia di carburante e chiedendo priorità, senza bensì lanciare alcun mayday o segnalazione di allarme. Tuttavia i controllori aerei newyorkesi, intenti a gestire il più velocemente possibile tutti gli aerei in transito, non capirono del tutto le richieste del velivolo Avianca, cui risposero di circuitare sul percorso di attesa. A complicare il tutto vi era il fatto che il comandante dell'aereo non capiva l'inglese (il copilota si occupava delle comunicazioni radio e gliele traduceva in spagnolo): anche questo finì per influire negativamente sulla comprensione reciproca dei messaggi torre - cabina.

La situazione d'attesa si protrasse per ben 20 minuti, durante i quali l'aereo seguitò a volare circolarmente sopra l'aeroporto, con le riserve di carburante sempre più agli sgoccioli.

Preoccupati, i piloti provarono a chiedere di atterrare all'aeroporto di Boston, ottenendo però una risposta negativa: anche laggiù la situazione era similmente congestionata. Pertanto decisero di optare per quello ritenuto il male minore, cioè attendere il permesso di atterrare a New York JFK.

Finalmente, alle ore 21:10, i controllori di volo dell'aeroporto JFK concessero all'Avianca il permesso di atterrare, e i piloti iniziarono le manovre d'avvicinamento. L'aereo si diresse verso la pista, ma il forte vento in coda e le raffiche di windshear lo spinsero troppo a sinistra, facendogli mancare la striscia d'asfalto. I piloti allora virarono all'indietro, si allontanarono e provarono di nuovo l'avvicinamento. Nel corso di questa manovra il Boeing 707 finì del tutto il carburante, i motori si spensero uno ad uno e il velivolo precipitò immediatamente, schiantandosi in un bosco nella località di Cove Neck, mancando di poco un'abitazione isolata. Nell'impatto morirono 73 passeggeri.

Fortunatamente, non essendoci più carburante nei serbatoi, il velivolo non si incendiò, sicché 85 persone si salvarono, prontamente soccorse dagli abitanti della casa vicina e dai sanitari inviati dall'aeroporto.

Il volo Avianca 52 nei media[modifica | modifica sorgente]

L'incidente del volo 52 della Avianca è stato analizzato nell'episodio Ritardo fatale della seconda stagione del documentario Indagini ad alta quota trasmesso da National Geographic Channel.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]