Cinque Terre (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Vino DOC Cinque Terre)
Cinque Terre
Dettagli
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Resa (uva/ettaro) 9,0 t
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
10,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
11,0%
Estratto secco
netto minimo
15,0 g/l
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
30/11/11  
Gazzetta Ufficiale del nº 295 del 20 dicembre 2011
Vitigni con cui è consentito produrlo
MiPAAF - Disciplinari di produzione vini[1]

Il Cinque Terre è un vino DOC la cui produzione è consentita in alcuni comuni della provincia della Spezia[1]. È regolamentato dalla denominazione Cinque Terre DOC.

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Vedi: Cinque Terre DOC

Vitigni con cui è consentito produrlo[modifica | modifica wikitesto]

  • Bosco minimo 60%
  • Albarola fino al 20%
  • Vermentino fino al 20%
  • riferimento disciplinare 1973 tutte le successive modifiche non si sono potute apportare causa mancato accordo associazioni di categoria nel 2012

Tecniche di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Densità minima 6 250 ceppi/ha)
È vietata ogni pratica di forzatura, ma consentita l'irrigazione di soccorso
Tutte le operazioni di vinificazione debbono essere effettuate nella zona prevista per la DOC [1]

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: giallo paglierino più o meno intenso, vivo;
  • profumo: intenso, netto, fine, persistente;
  • sapore: secco, gradevole, sapido, caratteristico;
  • acidità totale minima: 5,0 g/l.

Informazioni sulla zona geografica[modifica | modifica wikitesto]

Vedi: Cinque Terre DOC

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Vedi: Cinque Terre DOC

Precedentemente all'attuale disciplinare questa DOC era stata:

  • Approvata con D.P.R. 29.05.1973 G.U. 217 - 23.08.1973
  • Modificata con DM 14.10.1989 G.U. 255 - 31.10.1989
  • Modificata con DM 06.09.1999 G.U. 219 - 17.09.1999
  • Modificata con DM 07.03.2000 G.U. 76 - 31.03.2000
  • Modificata con DM 12.10.2007 G.U. 246 - 22.10.2007
  • Modificata con DM 22.04.2008 G.U. 117 - 20.05.2008
  • Modificata con DM 20.10.2009 G.U. 252 - 29.10.2009

Il precedente disciplinare del 1973 prevedeva:

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Va servito fresco tra 13 e 16 °C. Va bene con gli antipasti:

Ottimo se abbinato a Primi piatti di pasta semplice o ripiena:

Secondi piatti a base di pesce e altri piatti della cucina ligure:

Per strada

Accompagna la cucina di mare dall'antipasto al secondo, acciughe sotto sale, acciughe ripiene impanate e fritte, torte salate, focacce liguri, pasta con crostacei, risotto alla marinara, pesce nobile di mare al forno (rombo, spigola, orata, san pietro).

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia stagione volume
ettolitri
La Spezia (1990/91) 2800,82
La Spezia (1991/92) 3944,18
La Spezia (1992/93) 2798,75
La Spezia (1993/94) 3879,26
La Spezia (1994/95) 3212,27
La Spezia (1995/96) 1649,07
La Spezia (1996/97) 2025,72

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c [1] Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Disciplinari di produzione vini
  2. ^ Disciplinare di produzione

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]