Panino imbottito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panino
Un panino imbottito
Un panino imbottito
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Diffusione nel mondo
Dettagli
Categoria piatto unico
Ingredienti principali pane e salumi, formaggi, insalata, etc.
 

Un panino imbottito è una forma di pane di piccola pezzatura tagliata in orizzontale e riempita con vari companatici, solitamente salumi, formaggi, insalata, etc.

Nel gergo giovanile degli anni settanta-ottanta il venditore di panini imbottiti era definito paninaro, termine poi passato a definire i membri di una determinata sottocultura originatasi a Milano nei primi anni ottanta.

Nel gergo giornalistico, con il termine "panino", per analogia geometrica col panino imbottito, si intende un servizio di argomento politico in cui le opinioni di una parte politica sono schiacciate fra un'apertura e un commento finale, entrambe della parte politica opposta; nella sua formulazione originaria (attribuita a Clemente Mimun) le opinioni espresse da membri dell'opposizione sono precedute da quella ufficiale del governo e seguite da interviste a politici della maggioranza, che può quindi avere la prima e l'ultima parola sulla questione[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Ultima parola sempre alla Cdl". Così Mimun inventò il panino, la Repubblica, 15 settembre 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina